Wawrinka conferma: "Non sono al 100%, ma giocherò"

Interviste

Wawrinka conferma: “Non sono al 100%, ma giocherò”

Stan scenderà in campo per l’Australian Open. “Una decisione last minute. La strada è lunga ma il ginocchio reagisce bene. Norman? Ha lasciato nel momento sbagliato”

Pubblicato

il

Ritorni. I grandi ritorni hanno salvato un 2017 tennistico altrimenti piuttosto sfortunato e i ritorni si spera che colorino e scuotano il 2018 appena inaugurato. I segnali però non sono dei più incoraggianti. Murray ha scelto di sottoporsi ad un intervento chirurgico per far tacere la propria anca malandata; Djokovic ha timidamente rimesso piede in campo per qualche esibizione, ma il gomito fa male e non si può chiedergli la luna; lo stesso Nadal è ancora alle prese con il ginocchio che infiniti dolori gli ha addotto nel corso della carriera; Raonic appare tremendamente involuto e Nishikori è ancora ai box. C’è un altro nome però nella lista dei lungodegenti che preoccupa gli appassionati e che merita di essere rammentato: quello di Stan Wawrinka. Anche il campione di Losanna ha dovuto affrontare un infortunio rognoso al ginocchio ed è atterrato in Australia ancora pieno di dubbi sulla sua effettiva partecipazione al primo Slam dell’anno. Nella sua conferenza stampa pre-torneo però le incertezze sono state dissipate: Stan scenderà in campo.

La prima domanda posta dai giornalisti è tanto ovvia quanto fondamentale: “Bentornato Stan, come stai?“. Sono qui, quindi mi sento bene” ha risposto il tre volte campione Slam. “È stata molto dura rientrare a giocare, ma mi sento meglio e sto lentamente arrivando al punto che mi sono prefissato“. Da queste parole traspare la consapevolezza di dover affrontare un percorso lungo per ritornare al top. La stessa serenità con cui parla della difficile decisione di prendere il volo per Melbourne, pur non avendo la certezza di poter competere. “È stata una decisione dell’ultimo minuto quella di venire qui, ma penso che sia stata la scelta corretta dopo molti mesi passati a casa. Sono molto contento di questa settimana e per me è stato importante essere messo nuovamente sotto pressione, allenarmi di più e contro i migliori del circuito. So di non essere al livello che desidero e che la strada sarà lunga, ma sono felice di come sta reagendo il ginocchio“. Riguardo alle sue possibilità di andare avanti nel torneo, Stan risponde con pragmatico realismo, perché sa che già la semplice partecipazione è una grande vittoria e che tutto quello che raccoglierà sul plexicushion australiano andrà a costituire il primo di una lunga serie di passi verso la condizione di un tempo. “Devo ancora lavorare molto sul mio fisico e sul mio tennis per essere al massimo. So che devo prendermi il mio tempo e sono preparato mentalmente per questo“.

Dal presente al passato, il pensiero corre al periodo di stop forzato e sulle difficoltà psicologiche che lo hanno portato anche a pensare addirittura al ritiro. “Ero preoccupatissimo, perché ho passato otto settimane con le stampelle e la riabilitazione è iniziata semplicemente camminando. È sempre complicato quando sei ad alto livello e ti infortuni. Puoi essere veramente provato mentalmente e sentirti solo”. A complicare ulteriormente la situazione è stato l’addio di Magnus Norman, uno dei principali artefici del successo di Stan The Man. Forse per la prima volta dopo la separazione, dal muro del politically correct filtra la tristezza e il dolore per una scelta evidentemente non condivisa e sfortunata nelle tempistiche. “Era un periodo difficilissimo ed è stata dura sentire che lui voleva smettere proprio in quel momento. Quando sei in difficoltà vuoi che quelli che ti conoscono meglio, ti stiano vicini e si stringano attorno a te. Per me Magnus era un coach, ma anche un amico e forse anche più vicino di un amico. È stata dura sapere che non sarebbe ripartito con me, ma ero più triste che arrabbiato. Gli sarò per sempre grato per il lavoro fatto insieme, ma certamente non è stato il momento migliore per dire basta“. Sulla ricerca di un nuovo allenatore Wawrinka è evasivo. Sa che le priorità per il momento sono altre. “Per ora sto lavorando con Yannick (Fattebert, ndr) che è con me già da 4/5 anni. Mi sto guardando intorno e sto pensando, ma ho troppe cose per la testa al momento. Devo concentrarmi sul ginocchio e sugli allenamenti“.

 

Insomma voglia di rimettersi in gioco e consapevolezza del duro lavoro che lo attende sembrano essere i punti cardine da cui ripartire. La speranza è di vedere ancora Stan sui palcoscenici più importanti, con l’indice alla tempia, a lottare per i trofei che contano davvero. E se non sarà così basterà il poter ammirare ancora quel rovescio fatato e lo sguardo perso nel vuoto dell’ennesimo avversario lasciato di sasso.

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Nadal: “Io gioco per essere felice. Non esistono solo gli Slam”

Rafa dopo la finale dello US Open e il suo 19esimo trionfo Slam: “Non posso perdere energie per inseguire il numero 1”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

da New York, il nostro inviato

Felice, ma anche riflessivo, dopo la finale Rafa Nadal evita il più possibile i discorsi sulla “gara Slam” e sulla corsa al numero 1 ATP.

“Emozioni forti… Le ultime tre ore del match sono state tanto intense, mentalmente e fisicamente. Daniil ha il merito di aver fatto diventare memorabile questa serata, è un campione, avrà altre occasioni. Queste partite in finali Slam sono più speciali, se poi diventano così drammatiche diventano storiche, o almeno saranno parte della mia storia. Lui ha 23 anni, gioca in modo impressionante, ha un gran futuro davanti, vincerà Slam, è difficile fare previsioni, ma la sua carriera promette molto molto bene.

 

Mentre guardavo il filmato sullo schermo pensavo: ‘Beh, stiamo diventando vecchi, e io sono ancora qui dopo tutto quello che ho passato’. Per me è speciale, mi sono tornati alla mente tanti momenti ed è stato difficile nascondere le emozioni.

Quando ti trovi in situazioni negative, l’esperienza ti aiuta a vedere le possibilità di farcela comunque. I miei pensieri, all’inizio del quinto, erano di tenere il servizio, sapevo che se ci fossi riuscito avrei avuto le mie possibilità. Non penso a cosa farò tra 4 anni, all’età di Roger, penso nel breve periodo, nella vita può capitare di tutto, bisogna godersi i momenti. Ho adattato il mio gioco ai miei problemi e ai miei obiettivi, come l’utilizzo del serve&volley.

Essere ancora competitivo, lottare per il numero uno? Non lotto per quello, voglio solo essere competitivo nel modo che voglio io. Alla mia età non posso perdere tempo o energie per inseguire il numero 1 ATP, io voglio poter giocare il più a lungo possibile. Dovessi arrivarci, fantastico, ma non è il mio obiettivo.

Se avessi perso, mah… ero sotto palla break nel quinto, ma di solito non penso a cosa avrei detto se avessi perso. Lui era in una situazione diversa quando l’ha pensato, sotto due set. Ho giocato un buon game per andare 3-2, ma alla fine le cose si sono complicate di nuovo.

19 Slam, la gara tra noi tre… io non la vedo così, certo che mi piacerebbe essere quello che ha vinto di più, ma non mi alleno e non gioco per questo. Lo faccio perché amo questo sport, non esistono solo gli Slam, io gioco per essere felice. Poi certo se la cosa crea interesse nei tifosi, va bene, e mi sento onorato di essere parte di questa battaglia. Ho ottenuto tanto nella mia carriera, dovessi arrivare sopra gli altri non sarei ne più né meno felice che se non ci riuscissi”.

Rafa Nadal – US Open 2019 (photo Jennifer Pottheiser/USTA)

Continua a leggere

Interviste

Medvedev: “I Fab 3 sono troppo forti, è dura anche vincere un set con loro”

Le parole di Daniil dopo la finale dello US Open persa al quinto contro Nadal: “La migliore atmosfera della mia vita. Rafa era una belva”

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

da New York, il nostro inviato

Soddisfatto anche dopo la sconfitta, Daniil Medvedev racconta la sua prima finale Slam.

“Certo che mi ricorderò questa serata, fantastica partita, fantastica estate. Come Rafa si ricorda la sua prima finale, anche se lui l’ha vinta! Sotto due set e break, pensavo: ‘Tra 20 minuti devo fare un discorso, che dirò?’. Sono sicuro che tutti noi giovani stiamo lottando per far avvenire il cambio generazionale, ma questi sono forti, non posso dire altro, sono troppo forti, è dura anche vincere un set con loro. Se mi avessero detto 15 giorni fa che avrei incontrato Djokovic e Federer e che poi sarei arrivato in finale addirittura al quinto set con Nadal non ci avrei creduto, mi sarei accontentato dei quarti di finale.

 

Mia moglie mi dice sempre di non essere troppo critico con me stesso, per esempio stasera non sono soddisfatto di aver perso, ma devo essere contento del mio torneo, di queste ultime settimane. I primi due set stavo lì, ma Rafa era una belva, trovava soluzioni a tutto quello che facevo. Quei tre sono incredibili anche tatticamente. Poi non so nemmeno io come, ma sono riuscito a rientrare nella partita. Io cerco di essere me stesso, spero di essere riuscito a farmi capire dal pubblico. Quando ho recuperato il break nel terzo ho sentito che volevano ancora tennis, mi tifavano come matti, e ho lottato anche per loro.

Nel tennis, il cosiddetto ‘atteggiamento russo’, l’indolenza, a volte ti porta a non impegnarti. Io non sono così, voglio lottare su ogni palla, per poter dire di aver fatto tutto quello che potevo. Stare là fuori stasera è stato un piacere, sentire il mio nome gridato oltre a quello di Rafa, la migliore atmosfera della mia vita. A rete ci siamo fatti le congratulazioni a vicenda, i complimenti. Penso che tra loro tre sia una bella gara, bella anche da vedere.

Nel tennis certo che puoi avere paura, puoi perdere fiducia. Questa estate non ne ho avuta, né stasera, era Rafa che aveva tanto da perdere. Ho giocato a tennis per 17 anni ormai, ero pronto per un momento come questo. Era solo questione di due tennisti che combattevano uno contro l’altro, lui è stato il migliore, e basta.

Quando avrò 33 anni mi vedo ancora a competere, lo spero, sì. Ma come ha detto Rafa lui ha cambiato il suo gioco, chissà se ne sarò capace. Sto lavorando tantissimo sul fisico, il mio allenatore mi uccide per essere pronto a questi tornei. Mangio la pasta, certo, e anche la pizza. So che gli italiani potrebbero fischiarmi per questo, ma mi piace la pizza con l’ananas!”.

Continua a leggere

Interviste

Bianca Andreescu: “Mi sono solo detta di mettere quella dannata palla in campo”

La campionessa dello US Open è raggiante: “Sognavo una finale Slam con Serena da tutta la vita”

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

da New York, il nostro inviato

Sorride da un orecchio all’altro, e ci mancherebbe, la trionfatrice dello US Open 2019. Applausi della sala stampa per lei, e perfino momenti di commozione. Tutta l’ammirazione del mondo per Serena Williams nelle parole di Bianca, e tutta la felicità del mondo nei suoi occhi.

Sul 5-5 ho avuto dubbi, mi ricordavo le sue capacità di rimonta, stava giocando meglio, il tifo la aiutava. C’era un frastuono incredibile, non sentivo nemmeno i miei stessi pensieri, ma è quello che fa di questo torneo una cosa speciale. Certo, quando lei ha rimontato, da campionessa qual è, la cosa è stata difficile, ho dovuto essere brava, fare il mio gioco, e ha funzionato.

 

Prima del match avevo tanti pensieri, più di qualsiasi volta precedente. Ho cercato di respirare, tenere sotto controllo i nervi, non è stato facile per nulla. Il primo game, credo lei abbia fatto un doppio fallo, è stato buono per me! Non ricordo esattamente la finale dell’anno scorso con Naomi, non l’ho guardata, solo degli highlights. Ero a casa, seduta, infortunata all’epoca! A entrambe, me e Serena, piace tenere brevi i punti, spingendo con aggressività a partire dal servizio.

Bianca Andreescu – US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Me lo ero immaginato di giocare una finale contro Serena Williams un giorno, ragazzi, per tutta la vita, è un momento che ho sognato da quando ho vinto l’Orange Bowl (ha un momento di commozione). Lo visualizzavo ogni singolo giorno, che sia avvenuto davvero è pazzesco. No, sto bene, continuiamo, devo fare l’antidoping dopo, meglio stare qui in conferenza! (risate). Era un mio obiettivo ispirare le persone, specialmente gli atleti canadesi. Spero che questi miei risultati ci riescano, tanti atleti del mio paese mi hanno ispirato e aperto la strada, ora tocca a me.

Un anno fa mi deprimevo e mi venivano spesso pensieri negativi, rompevo racchette, anche in allenamento, ma ho visto che non funzionava comportarmi così. Ho chiesto aiuto e consiglio ad altre persone, e ho imparato ad avere una visione positiva anche nelle difficoltà. Ho fatto meditazione questa mattina, l’ho fatto per tutto il torneo, cerco di immaginare e visualizzare situazioni che potrebbero capitare nei match, e immagino come potrei risolverle. A questo livello tutte sanno giocare bene a tennis, la cosa che separa le campionesse dalle altre è l’attitudine mentale. Nella vita non avrai mai solo fasi positive, devi sempre continuare a lottare per i tuoi sogni, insistere, e credere che ci potranno essere momenti migliori in seguito, questo ti può far superare le difficoltà.

Essere famosa e riconosciuta? (ride) Beh immagino che sia bello, non ci ho mai pensato, i miei sogni fin da piccola erano vincere Slam e diventare numero 1, non la fama. Ma certo, non mi lamento se mi riconoscono, questa stagione è stata una corsa incredibile.

Durante il cambio campo sul 6-5, mi sono solo detta di mettere quella dannata palla in campo, e di respirare con calma. Volevo vincere il primo punto del game per farle vedere che c’ero. L’ho vinto? Manco me lo ricordo… Non sono l’unica che ha avuto Serena come ispirazione e riferimento, non solo sul campo, anche per quello che fa al di fuori. È carinissima, un cuore d’oro, è venuta a parlarmi negli spogliatoi e mi ha detto cose belle. Spero di riuscire a essere come lei un giorno.

Non ho mai avuto tanti soldi in vita mia! (tre milioni e 850.000 dollari, n.d.r.). Ma evidentemente l’immaginazione, tutte quelle meditazioni e visualizzazioni hanno funzionato per me! Sono solo tanto felice di non aver mai rinunciato ai miei sogni. Quando vado in campo cerco di mostrare i lati migliori del mio carattere, se Serena, Roger, Steve Nash (ex giocatore canadese in NBA, n.d.r.) possono farlo, posso forse farlo anch’io.

Crescere in Canada con genitori immigrati non è stato affatto difficile, è un paese meraviglioso, multiculturale, per questo amo il mio paese così tanto. Non potrò mai ringraziare abbastanza Tennis Canada, da quando avevo 10 anni sono con loro, il programma della federazione mi ha aiutato così tanto, non sarei di certo qui senza di loro”.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement