Indian Wells: Williams al potere, sarà derby al terzo turno

Entrambe vincono in due set. Serena ancora arrugginita, ma la grinta è quella di sempre. Venus no problem, sarà affare di famiglia. Bene Wozniacki

Indian Wells: Williams al potere, sarà derby al terzo turno

S. Williams b. [29] K. Bertens 7-6(5) 7-5 (Chiara Nardi)

Serena Williams supera in due set una buonissima Kiki Bertens. La condizione della statunitense non è ancora delle migliori, ma con grinta è riuscita a domare l’avversaria in un match molto complicato. Serena si è esibita in numerose discese a rete, con ottimi risultati, mentre il servizio è stato molto altalenante. Le difficoltà di un rientro dopo oltre un anno di pausa si iniziano a vedere nel terzo game, quando con molti errori la statunitense regala il servizio all’olandese, che poi sale 3-1. Il rovescio di Bertens però si blocca e, dopo essere stata a un punto dal 4-1, rimette nel match Serena. Kiki non si scompone e sale 5-3, senza mostrare timore reverenziale. L’orgoglio della campionessa arriva in soccorso di Williams, che alza nettamente il livello del suo gioco e sorpassa l’avversaria. Il set si conclude al tie-break, vinto da Williams per sette punti a cinque al terzo set point, grazie ad una brutta risposta di Bertens. Nel secondo parziale l’olandese non sfrutta due palle per il 2-0 ed è lei la prima a cedere il servizio sbagliando molto; Serena però non ha ancora l’istinto killer dei giorni migliori, e il set torna in equilibrio. Che dura però poco: Kiki serve bene, ma nei momenti chiave si disunisce e Serena ne approfitta per salire 5-4. L’olandese, ormai deresponsabilizzata, trova delle ottime risposte, controbrekkando la ex n. 1 del mondo. Due doppi falli di Bertens danno una mano a Serena, che torna nuovamente a servire per il match. Williams si procura un match point, ma, complice forse un po’ di tensione, commette un doppio fallo; Bertens non riesce a guadagnarsi una palla per andare al tie-break e con un rovescio in rete e un dritto finito fuori consegna l’incontro nelle mani della campionessa statunitense. Ora per lei ci sarà l’atteso match contro sua sorella Venus. L’ultimo incrocio, lo ricordiamo tutti, la finale dell’Australian Open 2017.

 

[8] V. Williams b. S. Cirstea 6-3 6-4 (Chiara Gheza)

Sul campo centrale di Indian Wells la numero 8 del mondo e del tabellone, Venus Williams, sconfigge Sorana Cirstea. La rumena, ora numero 35 della classifica WTA, non aveva concluso al meglio la stagione 2017, anno che l’aveva però vista volare dalla posizione 81 alla 37 del seeding. Solamente nel 2010 le due giocatrici si erano incontrate: sotto il sole di Miami, allora come oggi, ad avere la meglio era stata Venus. Nel deserto californiano cade qualche goccia di pioggia, ma la partita inizia senza alcun ritardo. Nel primo set è Venus a imporre il ritmo di gioco, disegnando il campo con colpi eleganti che mandano fuori giri Cirstea. La classe di Venus e le sue discese a rete strappano gli applausi di un pubblico con il quale le Williams in passato hanno avuto più di un problema. In 34 minuti di gioco la tennista statunitense si aggiudica il parziale per sei a tre, approfittando di una giornata negativa di Sorana al servizio. Cirstea non perde la testa e in apertura di secondo set riesce finalmente a imporre il suo gioco fatto di colpi potenti. Venus resiste però al ritorno della rumena; attende con pazienza il calo fisiologico dell’avversaria per riprendere in mano le redini dell’incontro. L’ennesimo errore di Sorana regala a Venus la possibilità di servire per la vittoria. Williams mette in scena  però un terribile turno in battuta. Cirstea non ne approfitta e con ben 4 errori, interrotti solamente da un ace, consegna set, incontro e passaggio turno a Venus Williams. Nel prossimo match Venus incontrerà Serena per la 29ma volta in carriera in match ufficiali, si intende. La minore delle sorella Williams è in vantaggio negli scontri diretti per 17 vittorie a 11.

[2] C. Wozniacki b. L. Arruabarrena-V 6-4 6-1 (Diego Serra)

Vince facile Caroline Wozniacki in due set contro Lara Arruabarrena, numero 80 del mondo. Primo incontro tra le due giocatrici in WTA. Tanto il divario tecnico tra le due giocatrici, troppa la difficoltà della spagnola ad adattarsi al veloce di Indian Wells. C’è stata partita solo nei primi 6 game del primo set, dove Arruabarrena ha ben difeso il servizio e pareva poter reggere l’urto della numero 2 del mondo. Difficile però portare a casa qualcosa da una partita dove la spagnola ha centrato una sola palla break, nel terzo game del primo set, quando appunto pareva un match in equilibrio. Spettacolare il quinto game del primo set quando Arrubarrena si è difesa da 5 palle break con successo, ha corso tanto, ha ributtato oltre la rete tutti i tentativi di una Wozniacki sorniona che sapeva però che difficilmente Lara avrebbe potuto reggere quel ritmo. La vincitrice degli Australian Open ha messo quindi a segno un break nel primo set e due nel secondo quando la partita è scemata definitivamente. Sta bene Caroline e si vede, la ‘polemica’ sul medical time australiano non pare davvero averla nemmeno un po’ innervosita, Halep è avvertita. Ora nei sedicesimi troverà Aliaksandra Sasnovich.

GLI ALTRI INCONTRI (A.S.)

Ieri era stata la giornata delle giovani alla ribalta, con le vittorie ‘pesanti’ di Anisimova, Sabalenka, Vondrousova, Dolehide e Osaka (la meno giovane, vent’anni!). Oggi si potrebbe dire che la ribalta appartiene alle wild card: Danielle Collins e Sofya Zhuk, rispettivamente vincitrice e finalista della prima tappa dell’Oracle Challenger Series, hanno sconfitto le teste di serie Madison Keys (15) e Magdalena Rybarikova (18). Collins, 24enne nata in Florida, si è aggiudicata un derby vibrante soprattutto nel secondo set: Keys ha fatto gara di testa, ormai persuasa di poter rimettere la gara nei canoni previsti, ma al momento di servire per il set ha subito il break, si è fatta trascinare al jeu decisif che Collins ha dominato. Sofya Zhuk, biondissima 18enne di Mosca, ha invece battuto in tre Rybarikova nonostante la sua slovacca sia stata in grado, nel terzo set, di mettere a segno un numero incredibile: ha annullato ben undici match point in un solo game, sul 5-4, riuscendo poi a strappare il servizio che sembrava preludio di vittoria. Invece Zhuk non ha sentito affatto la giovane età, si è immediatamente ripresa il break a zero e ha chiuso con autorità per 7-5: eccone un’altra che promette bene, e la WTA si lecca i baffi.

Sul fronte ‘favorite’, poco da dire sulle vittorie di Elina Svitolina e Caroline Garcia che dovranno certamente attendere le prossime sfide contro, rispettivamente, Suarez Navarro e Gavrilova per vedersi maggiormente impegnate. La spagnola è l’unica delle quattro ad aver sofferto più del dovuto lasciando un set all’insidiosa taiwanese Hsieh. Soddisfacente anche il bilancio russo: del tutto preventivabile la sconfitta di Vikhlyantseva contro Julia Goerges, dodicesima favorita del seeding, mentre vengono accolte con favore le affermazioni di Vesnina e Kasatkina. La prima, finalista in carica, è entrata in campo con un set di ritardo ma poi ha dominato le resistenze della piccola Cici Bellis, da cui forse ci si attendeva qualcosa in più. Kasatkina invece non ha sofferto praticamente mai contro la ceca Siniakova, che ha anche abbandonato il campo con un game di anticipo sul 5-2 del secondo set. Per entrambe però l’asticella si alzerà al prossimo turno, sebbene per conoscere i nomi delle avversarie debbano attendere Daria il completamento della sfida tra Azarenka e Stephens (rinviata per pioggia), ed Elena quello tra Makarova e Kerber (match interrotto sul punteggio di 6-3 in favore della russa). Chiusura per l’ultima delle quattro teste di serie cadute: è Anett Kontaveit, battuta piuttosto nettamente da Aljaksandra Sasnovič, bielorussa a cui la pur in formissima Wozniacki dovrà dedicare la giusta attenzione.

Risultati:

[8] V. Williams b. S. Cirstea 6-3 6-4
S. Williams b. [29] K. Bertens 7-6(5) 7-5
[21] A. Sevastova b. M. Puig 6-2 2-6 6-1
[12] J. Goerges b. N. Vikhlyantseva 6-4 6-1
[WC] D. Collins b. [15] M. Keys 6-3 7-6(1)
[WC] S. Zhuk b. [18] M. Rybarikova 6-3 2-6 7-5
[27] C. Suarez Navarro b. S-W. Hsieh 6-4 2-6 6-3
[4] E. Svitolina b. M. Barthel 6-4 6-3
[7] C. Garcia b. J. Brady 6-4 6-4
[26] D. Gavrilova b. Y. Wickmayer 7-6(3) 6-2
[24] E. Vesnina b. C. Bellis 2-6 6-1 6-1
[20] D. Kasatkina b. K. Siniakova 6-2 5-2 RIT.
A. Sasnovich b. [28] A. Kontaveit 6-2 6-4
[2] C. Wozniacki b. L. Arruabarrena 6-4 6-1

[10] A. Kerber vs E. Makarova 3-6 sospesa
[13] S. Stephens vs V. Azarenka rinviata

Il tabellone femminile completo

Il podcast dei nostri inviati Vanni e Luca

CATEGORIE
TAG
Condividi