Perché certi circoli sono più "sportivi" di altri? Al CT Firenze dopo Federer e Hingis...

Focus

Perché certi circoli sono più “sportivi” di altri? Al CT Firenze dopo Federer e Hingis…

Tennisti di 55 Nazioni volevano iscriversi al “giovanile” di Pasqua. Accettati solo 24 Paesi. A ottobre un challenger da 64.000 euro alle Cascine? Più racchette e meno carte

Pubblicato

il

FIRENZE – Non tutti i circoli sono uguali, non tutti i tornei sono uguali. E non è un caso. Più giù capirete cosa voglio dire quando dico che c’è dirigente e dirigente… Quale torneo è stato vinto da numeri uno del mondo quali Roger Federer, Jennifer Capriati, Martina Hingis, Amelie Mauresmo, Dinara Safina, Simona Halep e in doppio da Andy Murray, Sara Errani, Roberta Vinci? È un torneo che ho visto nascere. Quando si disputò la prima edizione, 43 anni fa, infatti mio padre era presidente del Circolo Tennis Firenze. Lui come qui chi scrive eravamo entusiasti di quell’iniziativa. Io avevo 26 anni e non avevo ancora intuito che il tennis avrebbe continuato ad essere gran parte della mia vita, sebbene il mio primo articolo per il quotidiano stampato a Firenze dal 1848, La Nazione, fosse uscito già nell’ottobre 1972, in occasione delle finali del circuito professionistico WCT che si disputarono a Roma. E quindi il sogno di fare il giornalista fosse già avviato.

Ricordo che arbitrai anche diverse partite, su quello stesso campo centrale (che è sempre stato curiosamente contrassegnato dal n.3, mentre quello davanti alla palazzina, la Club House, è sempre rimasto il n.4), dove avevo fatto di tutto: dal raccattapalle ai grandi australiani e americani campioni di Slam (Rose, Cooper, Patty, Larsen) più i vari Davidson, Drobny, Ayala, Morea, Nielsen, al “segnapunti” sul tabellone manuale per gli incontri di Davis con India, Russia e Sud Africa nel ’59 e nel ’60 (Krishnan, Kumar, Lejus, Likhatchev, Forbes, Segal), all’arbitro per i match di Roche e Newcombe nel ’65 quando di lì a poco avrebbero vinto il primo dei loro 7 Wimbledon. Fino a che – approfittando dell’essere giocatore di casa – ebbi perfino il privilegio di giocare qualche edizione del torneo cui partecipavano campioni come Osuna, Pietrangeli, Merlo, Franulovic (in doppio con Beppino Bonardi io e con Boro Jovanovic lui arrivammo a condurre 4-1 al terzo!), Davidson (mi dette una gran stesa!), Alexander, Panatta, Tiriac, e altri grandi. Fra le donne c’erano campionesse plurime di Wimbledon, Althea Gibson, Maria Ester Bueno, Maureen Connolly che nel ’53 vinse Firenze e realizzò il Grande Slam, prima tennista della storia (ma io scorrazzavo per i prati del club e non me la ricordo: avevo 3 anni e mezzo). Con Bueno ho invece anche giocato e vinto un set in allenamento. Aveva vinto Wimbledon 3 volte!

A parte questi miei amarcord personali, potrei aggiungere mille aneddoti del torneo giovanile. Mi è rimasto impresso quello di una ragazzina italiana, poi diventata giornalista di Telemontecarlo, Flavia Filippi, che aveva vinto il premio per la miglior giovane nel torneo (coppa e 100.000 lire di rimborso… che allora era un bel rimborso) finché si scoprì che aveva fatto più strada di lei una ragazzina straniera. Flavia scoppiò a piangere quando glielo dissero… Andò a finire che il premio… imprevisto, glielo diede mio padre di tasca sua. Per il resto ho conservato nel mio album le foto con due tredicenni, Jennifer Capriati e Martina Hingis che vinsero il torneo con cinque anni di anticipo anagrafico su altre partecipanti! Mi manca – ahimè – invece quella con Roger Federer non ancora diciassettenne perché nel giorno della sua finale del ’98, ero a Montecarlo e se non sbaglio commentavo in tv per Tele + con Rino Tommasi e Gianni Clerici. Mi sarei… fatto giustizia a Neuchatel meno di un anno dopo, facendomi una foto con un Federer biondo ossigenato – e con sua mamma Lynette disgustata! – quando Roger batté Sanguinetti in 4 set subito dopo che Rosset aveva sconfitto in 3 Pozzi e fece vedere fin dall’esordio di che panni si vestiva.

 

Il torneo di Firenze si gioca sempre nella settimana di Pasqua. Questa collocazione, cui mai ha voluto rinunciare, gli è costata qualcosa in termini di grado ITF: i tornei giovanili di Firenze e Prato (ai primi di maggio) sono di grado inferiore rispetto a quello di Santa Croce sull’Arno, ma tutti hanno superato i 40 anni organizzativi. Un motivo di vanto per il tennis toscano. Tutti i migliori tennisti italiani, soprattutto nel periodo in cui il presidente FIT era il fiorentino Paolo Galgani, hanno giocato questo torneo. Filippo Volandri, nel ’98, ebbe la sfortuna di incappare proprio nell’anno di Federer e di perdere da lui in finale. Tre anni fa Berrettini ha vinto il doppio. Quest’anno sarà comunque presente tutta la nazionale under 16. Quindi forse i giovani più interessanti da vedere in prospettiva. Fra gli altri quel ragazzino Nardi che un anno fa vidi a Londra durante le finali ATP, quando erano stati riuniti i migliori under 14 del mondo. Lui era già un costolone allora. Sono proprio curioso di rivederlo. Come sono curioso di vedere più i ragazzi classe 2003 e 2002 che quelli all’ultimo anno da junior, cioè classe 2000, sebbene oggi sappiamo che non è necessario essere forti a 18 anni per esserlo poi a 24.

Qualcuno si chiederà perché un circolo come il Tennis Firenze sia riuscito per tutti questi anni a mantenere la barra dritta sull’attività organizzativa e agonistica. È certo una conseguenza della tradizione, di una capacità organizzativa collaudata negli anni, di una mentalità. Ma credo anche che non sia un caso che ai vertici dirigenziali del CT Firenze ci siano sempre stati tennisti di un certo livello, più che professionisti di altri settori incapaci di tenere una racchetta in mano. A Firenze era stata fondata, dal marchese Piero Antinori (della celebre dinastia dei vinattieri) nel 1910, la Federazione Italiana tennis. Antinori era stato presidente fino al 1934. Il presidente Fred Dalgas, tale dal 1935 al 1946 e poi dal ‘52 al ’73 era stato un seconda categoria. Con Fred Dalgas andai io nel 1967 al CONI, reggendo il gonfalone del CT Firenze, a ricevere la massima onorificenza sportiva del CONI, la stella d’oro al merito sportivo. Fui scelto, credo, perché avevo vinto i campionati italiani di terza categoria di doppio a Como insieme al catanese Agostino Serra per aver battuto 6-3 al quinto set i “pariolini” Adriano Panatta e Stefano Matteoli (che erano i favoriti).

A Fred Dalgas successe  mio padre, anche lui campione italiano a squadre di seconda categoria con il circolo. Dopo – mentre l’altro socio Paolo Galgani diventava presidente della Federtennis – a mio padre (scomparso nel ’78 a 60 anni) sarebbe succeduto nel ’78 Eugenio Migone, altro ottimo seconda categoria, nonché capitano di Coppa Davis (in alternanza sulla panchina azzurra ad un altro consigliere del CT Firenze Vanni Canepele, campione d’Italia assoluto nel ’39 e  nel ’49). E a Migone dopo più di un decennio  Carlo Pennisi, poi  Alessandro Dalgas – altri due ex seconda categoria che hanno giocato centinaia di tornei e decine di campionati a squadra – quindi Sandro Quagliotti. Oggi il presidente  lo è un altro ex seconda categoria, Giorgio Giovannardi. Tutta questa storia – per molti di voi magari un po’ pallosa – l’ho fatta per sottolineare che il CT Firenze – che ha ospitato un torneo internazionale Grand Prix e ATP dal 1974 al 1994 (ho avuto il privilegio e l’onore di dirigere per diversi anni, quando i vincitori erano Bertolucci Gomez, Clerc, Ramirez, Panatta e fra i partecipanti riuscii a far venire Arthur Ashe, Harold Solomon e altri) – non ha per caso una mentalità prettamente sportiva, sia in senso organizzativo sia in senso agonistico. Quando i dirigenti, il presidente come gran parte dei consiglieri, sono stati buoni giocatori… è difficile che si dimentichino il tennis giocato per favorire il gioco delle carte.

Sono le tradizioni organizzative che stimolano la crescita e la cura dei tornei. E sono per solito i dirigenti che sono stati ex giocatori i più inclini a dare una svolta veramente sportiva, agonistica e organizzativa dello sport giocato ai club...Mentre laddove molti dirigenti sono diventati tali più per l’ambizione di ricoprire un ruolo di prestigio cittadino,  piuttosto che non per una smisurata passione per il gioco del tennis, seppure magari professionisti di chiara fama nell’esercizio della loro professione, avvocati, notai, architetti…beh, è successo spesso che non abbiano dimostrato la stessa inclinazione a favorire lo sviluppo del tennis.  Quando invece il tennis dovrebbe sempre essere prevalente rispetto a chi gioca a carte, a conchino, la peppa, o il bridge.  D’altra parte è la stessa  FIT a dare il cattivo esempio. Essa ha infatti astutamente e obbligatoriamente tesserato i soci di tutti i circoli, equiparando i tennisti ai non tennisti, con lo scoperto obiettivo di farsi dare più contributi dal CONI sventolando un numero sempre maggiore di tesserati a …riprova della crescita del movimento tennistico. Questa è l’Italia dei furbetti.  La sfacciataggine FIT – ma anche di altre federazioni – peggiorerà ancora quando verranno tesserati – con il solito medesimo scopo – anche gli studenti delle elementari che rientreranno nel progetto d’ingresso di alcuni sport nella scuola. Non saranno veri tennisti, ma chissenefrega. Verranno tesserati, evviva, E il tennis diventerà – truffaldinamente – il terzo sport italiano. Se solo il nuoto si decidesse a tesserare tutti coloro che fanno il bagno al mare – in fondo è gente che nuota no? – avrebbe fatto Bingo! 

 Tornando a dirigenti che non hanno il tennis nel loro DNA è evidente che saranno più inclini a tagliare le spese sportive e tenderanno a non imbarcarsi in avventure sportivo-agonistico per le quali ci vuole passione, entusiasmo, manageriale imprenditorialità e anche la disponibilità ad assumersi qualche rischio.

Per fortuna almeno i tre club  toscani succitati che ospitano i tornei giovanili di livello internazionale possono vantare tradizioni e dirigenti con una passione genuina per lo sport della racchetta. E va detto anche che i fiorentini, i toscani in genere, hanno dimostrato una particolare passione per il tennis. Per assistere a questo torneo giovanile delle Cascine c’è sempre tantissima gente, tanti appassionati desiderosi di scoprirsi talent-scout. Di vedere giovani prospect che avanzano, che rispettano le loro previsioni. I giorni delle finali, a Pasquetta, ma anche i precedenti fanno registrare il tutto esaurito. Vero che non si paga il biglietto, ma anche per il vecchio torneo internazionale dove invece lo si pagava io ricordo che certe volte 4.500 posti in tribuna non bastavano, come quando Nastase batté Panatta 6-4 al quinto nel ’73. Vabbè, per ora la pianto qui. Ma avrò modo di tornare su tanti aneddoti che spero vi interessino. Ma intanto la notizia che, se l’ATP non privilegerà un torneo spagnolo (hanno meno Challenger di noi) nella prima settimana di settembre, il CT Firenze ospiterà un torneo challenger da 64.000 euro (più ospitalità) con l’organizzazione affidata alla Makers di Carlo Alagna (che già organizza il torneo dell’Harbour Club a Milano e ha promosso una quarantina di eventi), dimostra che a Firenze la fame di tennis è tanta e continuerà a essere alimentata.


IL COMUNICATO UFFICIALE DEL CT FIRENZE

La 43esima edizione del torneo internazionale giovanile under 18, Trofeo CR Firenze, organizzata dal Club delle Cascine, stata presentata alla stampa nella club house del circolo fiorentino. Si comincerà a giocare mercoledì 28 marzo e la conclusione è stata fissata, come da consuetudine, il 2 aprile che coincide con il lunedì di Pasqua. Un antipasto interessante è dato dai tabelloni di qualificazione programmati nei giorni 26-27 marzo. La novità più importante scaturita dalla conferenza stampa e l’adeguamento del tabellone maschile, fino allo scorso anno aperto a 48 partecipanti, al tabellone femminile che prevede 32 giocatrici.  Rimanendo nell’ambito tennistico internazionale un’altra novità, anche se riveste ancora un carattere di ufficiosità, è l’intenzione del club fiorentino di riportare a Firenze il tennis professionistico dando vita ad un challenger nel prossimo mese di ottobre. La notizia viene data dal Presidente Giorgio Giovannardi che afferma che il club è pronto con tutte le coperture economiche necessarie e si aspetta solamente il nulla osta da parte della federazione internazionale che dovrebbe, condizionale obbligatorio, dare il via tra un paio di settimane.

Alla presentazione del “Città di Firenze” hanno partecipato, oltre al padrone di casa Giorgio Giovannardi, l’Assessore allo sport Andrea Vannucci, il Consigliere Nazionale FIT Guido Turi, il presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti e l’Amministratore Delegato della Belardinelli Roberto Pellegrini. Il padrone di casa Giorgio Giovannardi ha aperto i lavori con un doveroso saluto agli intervenuti ed ai rappresentanti della stampa presenti in grande numero. “Un ringraziamento va a tutte le componenti che concorrono ad organizzare una manifestazione che tiene vivo l’interesse degli appassionati di questo sport da ben 43 edizioni. Naturalmente un grazie particolare alla Banca CR Firenze che, da anni, è nostro interlocutore privilegiato. Mi fa piacere vedere la presenza di tanti rappresentanti dei media che è un segnale d’apprezzamento per il nostro lavoro”. La città di Firenze è orgogliosa di questo evento giunto all’edizione n. 43afferma l’Assessore Andrea Vannucci. Si tratta di un appuntamento fisso che richiede un impegno particolare ed un’organizzazione perfetta tutta tesa a rendere la settimana di Pasqua una settimana di tennis spettacolare per i tantissimi appassionati che affollano sempre le tribune del circolo”.

“L’attività giovanile è molto importante per la nostra regione – afferma Guido Turi – e la Toscana con il trittico di tornei giovanili internazionali la rende straordinaria. Abbiamo tre tornei, Firenze, Prato e Santa Croce che hanno costruito la storia del tennis giovanile e hanno lanciato tutti i più grandi campioni di questo sport. Una tradizione che prosegue e che spero possa accompagnarsi a quella professionista data l’intenzione del Circolo del Tennis di aprire  ad un torneo Challenger”. Il Presidente della Federtennis Toscana Luigi Brunetti afferma che “il torneo internazionale di Firenze rappresenta un fiore all’occhiello per la toscana tennistica. Firenze, Prato e Santa Croce annualmente ci presentano i futuri prospetti del tennis professionistico e, come spesso accade, sono delle rampe di lancio per una carriera di notevole spessore”. “È sempre un piacere assistere a manifestazioni giovanili – dice Roberto Pellegrini. E il “Città di Firenze”, vuoi per la caratteristica di svolgersi sempre nella settimana di Pasqua, risulta sempre tra i tornei più apprezzati. A Tirrenia seguo tantissimi tra ragazzi e ragazze ed è un motivo in più per apprezzarne i circoli che compiono sforzi enormi per organizzare eventi del genere”.

Quindi il direttore del torneo e del circolo Flavio Benvenuti si è soffermato sul fattore tecnico del torneo che si presenta di ottimo livello. Favoriti dei tabelloni maschile e femminile del torneo “Città di Firenze – Trofeo Banca CR Firenze” sono l’azzurrino Lorenzo Musetti che, lo scorso anno, ha lasciato una buonissima impressione e la danese Clara Tauson ritenuta l’erede di una certa Carolina Wozniacki. Molte e interessanti le presenze di atleti ancora sedicenni nei due tabelloni, il che rende l’edizione numero 43 del “Città di Firenze” ancora più interessante. Di seguito le wild card per il torneo principale assegnate da club organizzatore: al maschile entrano nel main draw  Niccolò Marianelli ed Edoardo Graziani.  Per il settore tecnico la scelta è caduta su Giacomo D’Ambrosi mentre rimane da assegnare un’altra wild card. Per il settore femminile sono state privilegiate due allieve del settore giovanile del club: Matilde Gori (2000) ed Anna Paradisi (2003). Il settore tecnico ha scelto Alice Amendola (2001) e Cristina Elena Tiglea (2001).

Per il torneo di qualificazione maschile le wild card del club sono state assegnate a Francesco Maestrelli, Alessio Gelli e Stefanacci Guglielmo. Al femminile la scelta è caduta invece su Eleonora Parducci (2001), Bianca Caselli (2003) e Diletta Cherubini (2002). Il settore tecnico federale ha concesso le wild card a Giovanni Peruffo (2001), Andrea Fiorentini (2001) e Francesco Passaro (2001) mentre al femminile le prescelte sono Alessia Tagleinte (2001), Jennifer Ruggeri (2003) e Giulia Carbonaro (2000). Si comincia lunedì 26 marzo con i tornei di qualificazioni che saranno chiusi martedì 27, mentre da mercoledì 28 fino al 2 aprile (lunedì di Pasqua) si gioca per i tornei principali. Sono 32 gli ammessi al tabellone maschile e 32 a quello femminile. 16 coppie di doppio maschile e 16 di doppio femminile completeranno il programma. Il torneo potrà essere seguito via internet sul sito del club: www.ctfirenze.it e sui siti della Federtennis Toscana e Ubitennis. Per l’intera durata del torneo l’ingresso è gratuito.

Continua a leggere
Commenti

Coppa Davis

Coppa Davis, semifinale: Croazia-Serbia, un ‘derby’ per conquistare la finale (ore 16)

Djokovic nettamente favorito contro Cilic, ma se si arrivasse sull’1-1 il doppio croato potrebbe fare la differenza. Decisivo il primo singolare? Chi schiereranno i due capitani? Gojo o Serdarusic? Lajovic, Krajinovic o Kecmanovic?

Pubblicato

il

Marin Cilic - Coppa Davis 2021 (Photo by Jose Manuel Alvarez / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

A Madrid (ore 16, diretta Supertennis) va in scena la prima semifinale della Coppa Davis edizione 2020/2021 (visto che l’anno scorso causa Covid non si giocarono le Finals). Di fronte Croazia e Serbia, in una sorta di derby della ex Jugoslavia intriso di tanti significati, soprattutto politici.

Da una parte il numero 1 del mondo Novak Djokovic, con al suo fianco un buon doppista, Nicola Cacic (nr.36 della specialità) e tre buoni singolaristi: Dusan Lajovic (nr. 33 ATP), Filip Krajinovic (nr. 42) e Miomir Kecmanovic (nr. 69), oltretutto schierati tutti e 3 da capitan Troicki nelle tre sfide sini qui giocate dalla Serbia. Dall’altra parte invece la Croazia ha in Marin Cilic il suo leader, due singolaristi di mediocre valore (sulla carta) quali Nino Serdarusic e Borna Gojo (una delle sorprese di queste Finals) posizionati ben oltre la posizione nr.200 del ranking, e poi la migliore coppia di doppio possibile, i numeri 1 del mondo Nikola Mektic e Mate Pavic.

È chiaro che se dovessimo ragionare sulla base dei valori assoluti e tenendo conto dei precedenti tra i tennisti che scenderanno in campo, la Serbia la dovrebbe chiudere dopo i due singolari. Perché uno dei tre singolaristi serbi dovrebbe facilmente avere la meglio su Gojo o Serdarusic e perché Djokovic ha battuto 17 volte su 19 Cilic e non si vede perché non dovrebbe farlo a Madrid dove oltretutto il numero 1 croato non è che abbia convinto più di tanto, portato al terzo set da De Minaur nella sfida con l’Australia e battuto poi dal giovane ungherese Piros e dal nostro Jannik Sinner.

 

Ma non ci stancheremo mai di dirlo, la Davis (al di là del format) è sempre la Davis e i valori della classifica non contano niente. Basti pensare a ciò che ha fatto Borna Gojo, sfrontato quanto mai una volta in campo, che non solo ha battuto l’australiano Alexei Popyrin, ma si è poi ripetuto contro il nostro Lorenzo Sonego, che giocava in casa e quindi aveva anche il tifo dalla sua. È abbastanza scontato che laddove nel primo singolare (quello tra i numero 2) avesse la meglio la Croazia la sfida assumerebbe tutt’altra storia, perché, come detto, con Metkic/Pavic in campo i croati diventerebbero favoriti per la conquista della finale.

La Croazia ha vinto due volte la Coppa Davis, nel 2005 battendo in finale in trasferta la Slovacchia (eroi di quell’impresa un quasi perfetto Ljubicic che perse solo l’ultimo singolare della finale in quell’edizione, e Mario Ancic, con Goran Ivanisevic convocato per la storia proprio nella finale da Niki Pilic) e nel 2018 battendo la Francia anche in quell’occasione a domicilio (Marin Cilic sugli scudi). La Croazia ha invece perso in casa la finale del 2016, quando Juan Martin del Potro e Federico Delbonis rimontarono dall’1-2 nell’ultima giornata battendo rispettivamente proprio Marin Cilic e il redivivo (per la Davis croata) Ivo Karlovic che però si sciolse come neve al sole sul 2-2.

La Serbia invece va alla ricerca della terza finale della sua storia. La prima coincise con l’unica vittoria serba quando nel 2010 Djokovic e Troicki rimontarono in un ambiente caldissimo la Francia a Belgrado che era avanti 2-1 dopo il doppio. I serbi vinsero gli ultimi due singolari senza perdere nemmeno un set. Fu invece un’amara sconfitta quella del 2013, quando contro la Repubblica Ceca di Stepanek e Berdych sul punteggio di 1-1 il capitano serbo Bogdan Obradovic preferì tenere a riposo Novak Djokovic per schierare Bozoljiac e Zimonjic andando incontro a una sconfitta netta contro la coppia ceca Stepanek/Berdyck. E chiaramente il risultato del doppio pesò sulla sfida perché nell’ultimo singolare Radek Stepanek umiliò letteralmente Dusan Lajovic per il 3-2 finale. Famosa in quell’occasione la battuta di Tomaz Berdych nella conferenza stampa post-doppio, “i serbi hanno tenuto la Ferrari nel garage” riferendosi alla mancata presenza di Nole nel doppio.

Tra Croazia e Serbia i precedenti sono due e sono stati vinti entrambi dalla Serbia. Il primo nel 2010 fu giocato a Spalato, valevole per i quarti di finale e vinto dalla Serbia 4-1. Si giocò sul veloce in un ambiente infuocato. Nel primo singolare, tra Ljubicic al passo d’addio e Novak Djokovic, nei primi scambi successe di tutto e ci pensò proprio il tennista croato a placare gli animi prendendo il microfono dal giudice di sedia ed invitando il pubblico a non disturbare oltremodo il gioco. Nole vinse nettamente ma alla fine i due tennisti si scambiarono la maglietta compiendo un gesto davvero ammirevole. Cilic siglò l’1-1 battendo Troicki, ma la vittoria del doppio serbo composto da Zimonjic e Tipsarevic spianò la strada ai serbi che con Djokovic il giorno dopo chiusero subito la pratica.

Nel 2015 invece si giocò a Kraljievo ed era il primo turno della manifestazione. La vittoria serba fu netta (5-0) anche perché Cilic era assente e il solo Borna Coric potè ben poco, sconfitto in 5 set da Viktor Troicki che rimontò da uno svantaggio di due set a zero e sancì praticamente la sconfitta croata vista la vittoria di Djokovic su Amer Delic nel primo singolare.

La Croazia è arrivata a questa semifinale da imbattuta nonostante i colpi a vuoto di Marin Cilic, forte come detto di un doppio di assoluto valore. La Serbia invece è risultata una delle migliori seconde, dopo essere stata sconfitta dalla Germania nel girone eliminatorio e aver sofferto non poco contro il Kazakistan nei quarti, dove Djokovic e Cacic l’hanno spuntata solo al terzo set nel doppio decisivo sull’1-1.

I due numeri 1 si sono affrontati come detto ben 19 volte con Nole in vantaggio nei precedenti 17-2. Cilic ha battuto Nole due volte di seguito, a Parigi-Bercy nel 2016 e sull’erba del Queen’s nel 2018. Non si affrontano dal 2019. Gojo e Serdarusic non hanno mai incontrato Lajovic, Kecmanovic o Krajinovic. Quindi l’effetto sorpresa croato potrebbe manifestarsi tranquillamente. In stagione Gojo e Serdarusic non hanno alcun risultato di rilievo nel circuito mentre tra i 3 potenziali numeri 2 serbi il migliore è stato Krajinovic che ha fatto finale ad Amburgo e semifinale a Sofia. Inutile parlare dei successi di Pavic e Mektic che oltre a vincere 8 titoli nell’anno si sono anche laureati campioni olimpici a Tokyo. Per Cacic dall’altra parte solo un titolo, vinto a Buenos Aires in coppia con il bosniaco Tomislav Brkic con il quale fa coppia fissa nel circuito. Inoltre insieme hanno anche perso 4 finali nel corso del 2021.

A conti fatti la Serbia è favorita ma il margine d’errore è minimo, perché fallire la vittoria nel singolare tra i numeri 2 equivarrebbe a giocarsi tutto nel doppio e farlo contro Mektic e Pavic sarà impresa davvero improba (noi ne sappiamo qualcosa).

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, Rublev e Medvedev non brillano, ma portano la Russia in semifinale contro la Germania

Rublev, a un passo da vincere in due set, spegne la luce e si fa trascinare al terzo. Medvedev fa il minimo indispensabile e sigla il 2-0 definitivo

Pubblicato

il

Daniil Medvedev - Finale Coppa Davis Madrid 2021 (Photo by Manuel Queimadelos / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

Russia b. Svezia 2-0

Sarà la RTF ad affrontare la Germania in semifinale. Né Andrey Rublev, né Daniil Medvedev hanno offerto prestazioni brillanti, ma le loro versioni pur appannate sono state sufficienti per regolare le velleità dei due fratelli Ymer, Elias e Mikael, ed eliminare la Svezia di capitan Robin Soderling.

A. Rublev b. E. Ymer 6-2 5-7 7-6(3)

 

Balbettando, senza brillare affatto, ma Andrey Rublev porta il primo punto alla Russia sconfiggendo Elias Ymer in tre set. Il russo si è fatto trascinare al parziale decisivo dopo essere stato a due punti dal vincere in meno di un’ora. Rublev è apparso discontinuo e nervoso per tutta la partita, ma ha avuto il pregio di gestire bene il tiebreak decisivo, limitando gli errori e giocando in sostanza come imporrebbe il suo ranking e il suo status di giocatore affermato. Dato il suo rendimento altalenante delle ultime settimane e in particolare in queste Davis Cup Finals non è improbabile che in un’eventuale semifinale Tarpishchev decida di schierare Aslan Karatsev al suo posto.

IL MATCH – Nel primo set, dopo aver fronteggiato una palla break nel quarto game, Rublev cambia marcia e Ymer non riesce a stargli dietro. Il parziale si chiude con un netto 6-2 dopo appena ventisei minuti. Nel secondo set si intravedono subito alcuni segnali negativi da parte del russo, che si mette nei guai da solo e si trova a fronteggiare tre palle break di fila. Rublev le annulla tutte con grande freddezza e ottiene a sua volta una palla dell’1-1, ma poi vanifica tutto con un attacco sbagliato (seguito una volée timida) e poi completa la frittata con due drittacci sbagliati. Ymer non ha il tempo di tirare un sospiro di sollievo che subito il suo avversario piazza un parziale di otto punti a uno, ristabilendo subito la parità. Rublev va a fiammate ma queste sembrano bastare perché Ymer non pare in grado di reggere il ritmo del russo da fondo e cede il turno di battuta. Al momento di servire per il match sul 5-4 però Rublev commette due errori gravi col dritto e concede una palla break, che Ymer si prende con grande coraggio al termine di uno scambio condotto alla perfezione. Lo svedese tiene a zero il servizio e poi accoglie benevolmente gli ulteriori gratuiti del russo che lo traghettano verso un insperato terzo set. Rublev lascia sfogare tutta la propria frustrazione e tira una violenta pallata verso il tabellone luminoso a fondocampo danneggiandolo (rimarrà un rettangolino verde appena sotto il nome dello sponsor Rakuten).

Andrey Rublev – Finale Coppa Davis Madrid 2021 (Photo by Mateo Villalba / Quality Sport Images / Kosmos Tennis)

Nel parziale decisivo, Rublev gioca in maniera ancora più confusa e oscillante, mentre Ymer sembra carico e galvanizzato dall’inaspettato ribaltamento di fronte. Tuttavia i valori tecnici in campo sono nettamente su livelli diversi e quando il russo riesce a non farsi prendere dalla frenesia, Ymer fa fatica. Sul 3-3, Rublev ottiene tre palle break di fila, ma Ymer risale a suon di vincenti (si segnalano in particolare due pregevolissime soluzioni col rovescio lungolinea). Lo svedese annulla con un ace anche una quarta chance, figlia di un gran rovescio di Rublev, e sale 4-3. Il russo si procura altre tre chance sul 4-4, ma anche queste scivolano via una dopo l’altra. Si approda dunque al tiebreak, nel quale però il numero cinque del mondo riesce a mettere in ordine i frammenti sparsi del proprio gioco. Il primo minibreak arriva già nel terzo punto al termine di uno scambio durissimo, il secondo sul 5-3 su un rovescio largo di poco di Ymer. Stavolta Rublev non trema e chiude al primo match point, consegnando a Medvedev la chance di mettere in cassaforte la vittoria del tie.

D. Medvedev b. M. Ymer 6-4 6-4

Daniil Medvedev si prende il punto decisivo e garantisce alla RTF il passaggio alle semifinali, superando in due set Mikael Ymer. Il russo ha servito male (ben nove doppi falli, più degli ace che sono stati otto) e in generale ha gigioneggiato un po’ troppo, forse tradito dalla consapevolezza di avere un discreto margine tecnico e d’esperienza sull’avversario. Tuttavia a differenza di Rublev è riuscito a evitare le insidie del terzo set, archiviando la pratica con un doppio 6-4 in settantacinque minuti di gioco.

IL MATCH – L’incontro inizia come ci si poteva aspettare con Medvedev a controllare lo scambio e Ymer a inseguire. Il russo manca una palla break nel primo game, ma realizza lo strappo nel terzo, salendo 3-1. Forse conscio della propria superiorità, Medvedev comincia a avventurarsi a rete, spesso senza avere grandi carte in mano, e mette l’avversario nelle migliori condizioni per il passante. Ymer ne approfitta per centrare il controbreak e rientrare in partita. Il russo continua a essere tutt’altro che impeccabile, ma ci pensa Ymer ad aiutarlo a uscire dal torpore, regalandogli di fatto il break prima sbagliando un dritto da metà campo e poi steccandone un secondo nel palleggio. Medvedev prova a complicarsi la vita nuovamente con due doppi falli, ma alla fine tiene il servizio e incamera il primo set.

In avvio di secondo parziale, un Medvedev molto più sciolto si procura abbastanza rapidamente due break di vantaggio, involandosi sul 3-0. Qui il russo ha un altro passaggio a vuoto, cedendo otto punti di fila e restituendo uno dei due break senza che Ymer abbia dovuto fare un granché. A Medvedev però basta premere leggermente sull’acceleratore per ricreare un ampio solco tra sé e l’avversario, che contribuisce non poco con un paio di disastri sotto rete. Sopra 5-2, il russo commette altri due doppi falli (il numero otto e nove della sua partita) e si mastica la palla con la volée, ritrovandosi sotto 0-40 e permettendo nuovamente a Ymer di dimezzare lo svantaggio. Daniil non la prende bene e come il collega Rublev se la prende con le apparecchiature, distruggendo un microfono con una racchettata. Il russo lascia di fatto scorrere via il successivo turno di risposta per concentrarsi sul secondo tentativo di servire per il match: stavolta tutto fila via liscio e la Russia può festeggiare l’approdo in semifinale.

Continua a leggere

Area test

La prova della Lotto Raptor Hyperpulse 100

Recensione e test in campo della scarpa Lotto Raptor Hyperpulse 100: stabilità e leggerezza con l’innovativa suola Vibram®

Pubblicato

il

Da oltre 45 anni Lotto Sport risponde alle esigenze di atleti professionisti e amatori per offrire loro il meglio in termini di stile e funzionalità. Per questo la collezione Performance autunno inverno 2021 vede il ritorno di Raptor nella sua naturale evoluzione: la Raptor Hyperpulse 100. La nuova scarpa da uomo rispetta il passato per proiettarsi verso il futuro. Alle caratteristiche che l’hanno resa celebre – supporto e stabilità – si aggiungono leggerezza e confort fin dalla prima calzata.
Tante le innovazioni, a partire dalla tomaia in mesh ultra sottile in poliestere a doppio strato, che garantisce leggerezza e traspirabilità, alla trama in Kurim degli inserti posizionati nella parte alta della scarpa. Questi inserti rinforzano l’area dell’avampiede e, grazie al taglio aereodinamico consentono di fendere l’aria con meno attrito. Lo stesso materiale avvolge la punta della scarpa, l’area soggetta a maggior sfregamento con il terreno. L’altezza del tacco si assesta a circa 2,8 centimetri, è massiva ma, come vedremo in seguito, assicura un’ammortizzazione eccellente garantita dal sistema Hyperpulse. Questa innovativa tecnologia, realizzata in una combinazione di ETPU ed EVA, presenta uno speciale design lamellare che assorbe l’impatto e restituisce energia. A questo sistema di ammortizzazione, si aggiunge la soletta estraibile spessa 8 millimetri, circa il doppio delle solette delle scarpe concorrenti, e realizzata in materiale Ortholite per un ulteriore confort. L’intersuola garantisce maggiore leggerezza e, grazie alla sua struttura specifica, stabilità media e laterale. La tecnologia BFC, realizzata in materiale TPU e posizionata nell’area centrale del piede, determina un controllo perfetto in torsione e maggiore stabilità. Infine, va menzionata la suola della scarpa studiata da Vibram® in collaborazione con Lotto Sport, e realizzata in una speciale mescola, differenziata per superfici in terra e cemento, la quale assicura trazione e resistenza elevate.

TEST IN CAMPO

La scarpa non si calza con estrema facilità, ma, una volta indossata ed effettuato i primi movimenti in campo, sentirete subito una sensazione di naturale protezione. L’allacciatura è molto robusta e trattiene saldamente la linguetta. Si percepisce subito la stabilità, soprattutto nei movimenti laterali,
molto esplosivi. La scarpa pesa circa 360 grammi (in taglia 42) e quindi risulta abbastanza leggera; si sente quando si flette l’avampiede per la ricerca della massima velocità in avanti. Il pregio più grande della scarpa è però l’ammortizzazione, l’azione della soletta che, grazie al sistema Hyperpulse, assicura un buon assorbimento dell’impatto e ottimo confort quando il piede tocca terra, soprattutto sul cemento ma anche sulla terra battuta. L’abbiamo testata su entrambe le superfici e, nonostante la scarpa avesse la suola per cemento, il grip è risultato ottimo anche sulla terra battuta. Riservandoci di verificare col passare del tempo l’efficacia del lavoro sviluppato da Vibram® in termini di durabilità e resistenza, ci limitiamo a dire che la suola è molto robusta e che il grip sul terreno è eccellente. Dopo diverse ore di gioco emerge che la Raptor Hyperpulse 100 si può adattare benissimo a diversi tipi di giocatori: il peso contenuto piacerà ai tennisti che cercano velocità e reattività, mentre la robustezza della costruzione incontrerà le esigenze di coloro che necessitano stabilità e controllo.

Scopri di più su Raptor Hyperpulse 100

 

CONCLUSIONI

La Raptor Hyperpulse 100 è un modello che potrà soddisfare un’ampia gamma di giocatori, un ottimo compromesso per chi cerca in una scarpa velocità, reattività ma anche robustezza. Le competitor di questo prodotto sono tutte di fascia alta: Solecourt Boost di Adidas, Vapor di Nike e Eclipsion di Yonex. La Raptor è una scarpa solida, all-round, un altro ottimo prodotto che dimostra l’eccellenza italiana nella progettazione delle calzature tecniche e sportive.

Scopri di più su Raptor Hyperpulse 100

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement