Città di Firenze: Musetti non delude, è in finale [VIDEO ESCLUSIVO]

Flash

Città di Firenze: Musetti non delude, è in finale [VIDEO ESCLUSIVO]

Lunedì si chiude la 43esima edizione del Città di Firenze. Finale femminile tra Tauson e Molinaro. In quella maschile Musetti sfida Zima e risponde alle domande del Direttore

Pubblicato

il

Con la domenica di Pasqua si entra nelle fasi decisive della 43esima edizione del torneo under 18 “Città di Firenze”, Trofeo Banca Cr Firenze. È la giornata, infatti, dedicata allo sviluppo delle semifinali maschili e femminili che daranno il pass per la finale del giorno dopo. La splendida giornata di sole stuzzicata comunque da un vento fastidioso ha riportato sulle tribune del mitico campo numero 3 il pubblico delle grandi occasioni, gran parte del quale ha rinunciato al tradizionale pasto pasquale pur di non perdere alcuna battuta tennistica. E hanno avuto ragione perché sia le semifinali femminile che quelle maschili hanno reso spettacolare la giornata di tutto tennis. Ma, vediamo cosa è successo in campo.

Prima semifinale femminile: a contendersi la finale sono scese in campo la grande favorita del torneo, la danese Clara Tauson (2002) e la slovena Ziva Falkner, stesso anno di nascita della danese, probabilmente la vera sorpresa del torneo femminile e autentica killer delle atlete azzurre. Ha eliminato, infatti, la toscana Giulia Peoni, numero tre del seeding, e la napoletana Federica Sacco. È stato un gran bel match con tre set lottati dove solamente una maggiore forza tennistica della danese ha fatto la differenza. Alla fine ad andare in finale con merito è stata Tauson, già vincitrice del torneo di doppio, che era arrivata alle Cascine con la chiara intenzione di apporre il proprio sigillo al torneo. Se il match è risultato ampiamente godibile grande merito va dato anche a Falkner, che non ha mollato di un centimetro ed ha bellamente contrastato l’avversaria. 6-4 2-6 6-2 lo score per Tauson.

Prima semifinale maschile: in campo il numero set del seeding, l’estone Daniil Glinka (2000) opposto alla sorpresa del torneo, il tedesco Leopold Zima (2000) che, il giorno prima, aveva eliminato lo svizzero Wenger, secondo favorito. È stata la partita più facile. Il tennista tedesco ha subito imposto un grande ritmo cui non ha saputo rispondere l’estone. Score di 6-3 6-0 a favore di Zima.

Seconda semifinale femminile: probabilmente la più lottata delle quattro partite di oggi. In campo la seconda favorita del torneo, la lussemburghese Eleonora Molinaro (2000) e la numero quattro, la russa Daria Frayman. Grossa bagarre nei primi due set (il primo 6-4 per Molinaro, il secondo 6-4 per Frayman), mentre la terza partita ha suggerito parecchie emozioni. Infatti Molinaro era partita benissimo aggiudicandosi i primi 4 games e intravedeva la finale, ma una bravissima Frayman metteva tutto in discussione con una rimonta quasi impossibile. Sul punteggio di 4 pari possibilità della russa di portarsi in vantaggio ma la maggiore esperienza della lussemburghese ha tappato il buco andando a vincere 6-4. Molinaro, dunque, in finale con lo score di 6-4 4-6 6-4.

Seconda semifinale maschile. E qui c’era tanto da giocare. In campo il carrarino Lorenzo Musetti (2002), seguito dal coach personale il maestro Tartarini, opposto allo svizzero Henry Von Der Shulemburg (2000) in quella che doveva essere una rivincita dell’anno prima quando ai quarti di finale ebbe la meglio il tennista svizzero che, provenendo dalle qualificazioni, arrivò addirittura in finale. Questa edizione vede Lorenzo Musetti nel ruolo di grande favorito per la vittoria finale a testimonianza del percorso positivo compiuto da quel match. Il campo ha poi dimostrato che lo svizzero è rimasto lo stesso giocatore della scorsa edizione, il toscano è invece salito di molto. Ed è arrivata la finale per Musetti che ha vinto con autorità il primo ed il terzo set, mollando mentalmente nel secondo quando ha avuto la meglio Von Der Schulemburg. 6-2 3-6 6-1 lo score per l’azzurro.

L’intervista esclusiva del Direttore a Lorenzo Musetti

Lunedì giornata finale con inizio alle ore 14 (finale femminile) e a seguire la finale maschile. Premiazione sul campo ad ogni fine partita. Ingresso gratuito.

Ufficio stampa CT Firenze

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement