Fed Cup, play-off: Australia, Romania e Bielorussia in A

Fed Cup

Fed Cup, play-off: Australia, Romania e Bielorussia in A

Halep dispone agevolmente di Schnyder per il 3-0 contro la Svizzera. Barty e Gavrilova riportano l’Australia nel World Group. La Bielorussia la spunta 3-2 contro la Slovacchia. Un Canada martoriato dagli infortuni batte l’Ucraina e rimane in World Group II

Pubblicato

il

FED CUP, World Group Play-off

ROMANIA-SVIZZERA 3-0 (Stefano Tarantino)

S. Halep b. P. Schnyder 6-2 6-1

 

Heinz Gunthardt prova a mischiare le carte e schiera a sorpresa la 39enne veterana Patty Schnyder contro la nr.1 rumena Simona Halep. Un giusto premio per la volontà di tornare sui campi da parte della veterana svizzera ma la mossa del capitano elvetico non porta i frutti sperati. Halep dispone a suo piacimento di Schnyder chiudendo velocemente il match con il punteggio di 6-2 6-1 e portando la Romania nel World Group della Fed Cup dopo un’assenza di 2 anni.


BIELORUSSIA-SLOVACCHIA 3-2 (Stefano Tarantino)

A. Sabalenka b. A. Schmiedlova 6-3 6-4

Arina Sabalenka porta avanti la Bielorussia nella sfida play-off di Minsk contro la Slovacchia battendo in due set Anna-Karolina Schmiedlova che ha sostituito Jana Cepelova scesa in campo nella prima giornata. La nr.1 bielorussa è partita a spron battuto con le sue accelerazioni e dopo aver annullato una palla break nel game d’apertura si è issata abbastanza velocemente sul 4-0. Reazione della Schmiedlova che ha recuperato uno dei due break di svantaggio, ma la Sabalenka ha chiuso poi agevolmente il parziale con il punteggio di 6-3 senza più concedere palle break. Secondo set più combattuto nella fase iniziale, Sabalenka prova a scappare con un break ma  Schmiedlova torna in partita sul 2-2. La tennista di casa centra subito un altro break e nel sesto game annulla una pericolosa palla del controbreak. La sfida nella sostanza si chiude lì, Sabalenka mantiene agevolmente il vantaggio e chiudendo 6-4 porta sul 2-1 le vice-campionesse in carica.

V. Kuzmova b. A. Sasnovich 6-1 7-6(3)

Ci pensa Viktoria Kuzmova a rimettere in parità la sfida tra Bielorussia e Slovacchia e sarà quindi il doppio a Minsk a decidere le sorti dello spareggio play-off tra le due nazionali. Cosa che non può sicuramente far piacere alle padrone di casa che proprio al doppio finale hanno perso sia la finale l’anno scorso che il primo turno quest’anno contro le Germania. Kuzmova parte alla grande, breakka subito Sasnovich che accusa il colpo e va in crisi trovandosi in men che non si dica sotto 5-0. La tennista di casa evita il cappotto, tiene la battuta nel sesto gioco ma poi capitola 6-1. Nel secondo set Sasnovich prova a reagire, le accelerazioni della Kuzmova non fanno più così male, il match segue ora i turni di servizio. È Kuzmova a dover annullare una palla break sul 2-3, poi tutto regolare fino al 5-4 Sasnovich. Nel finale di set si concentrano le emozioni. Kuzmova si salva ai vantaggi nel decimo gioco, Sasnovich annulla una pericolosissima palla break nel game successivo, ancora la slovacca ai vantaggi tiene la battuta sul 5-6 e porta il set al tie break. Qui Kuzmova opera lo strappo decisivo dal 2-2 salendo 5-2 e chiudendo poi 7-3. A Minsk quindi si va sul 2-2, come detto deciderà il doppio.

V. Lapko/L. Morazava b. V. Kuzmova/A.K. Schmiedlova 6-3 6-4

Pone fine alla maledizione del doppio la Bielorussia. Tatiana Poutchek rinuncia alle due singolariste e schiera Marozava e Lapko (che hanno una classifica decente nella specialità. La sua scelta paga perché la coppia bielorussa supera in due set Schmiedlova e Kuzmova e permette alle padrone di casa di rimanere nel World Group l’anno prossimo dopo la finale dell’anno scorso. Dicevamo doppio bielorusso finalmente vincente dopo quelli persi nell’atto conclusivo del 2017 contro gli Usa e quello di quest’anno al 1° turno contro la Germania. Parte meglio la coppia slovacca che manca due palle break in apertura, poi gradualmente vengono fuori le due bielorusse che mostrano maggiore attitudine alla specialità. La coppia di casa centra il break nel quinto game e mantiene il vantaggio agevolmente aggiudicandosi il parziale 6-3. Si riparte con le slovacche che provano a scuotersi. La partenza è ancora una volta migliore rispetto alle avversarie, ci sono tre break consecutivi in apertura, poi Kuzmova e Schmiedlova allungano sino al 4-2. Qui però la coppia ospite si ferma, manca una palla del 5-3, subisce il controbreak e nel decimo gioco complice una gran risposta della Lapko cede di nuovo la battuta e si consegna alle bielorusse che possono finalmente festeggiare.


AUSTRALIA-OLANDA 3-1 (Corrado Boscolo)

A. Barty b. L. Kerkhove 6-4 6-3

Dopo la prima giornata finita in parità, è il momento della verità per Olanda e Australia. Nel primo incontro dell’ultima giornata sono le due numero uno a scendere in campo. Barty, dopo la prova maiuscola di ieri, è chiamata a portare definitivamente la partita verso Canberra; Kerkhove invece vuole continuare a sorprendere, mettendo in difficoltà nuovamente la formazione australe, dopo la giornata di gloria vissuta ieri. Partita equilibrata nel primo set, entrambe tengono bene da fondo. Impressionante come questa competizione possa aumentare o atterrire i valori in campo: l’olandese tutto pare, meno la 210 del ranking. La prima occasione per rompere l’equilibrio la ha Barty sul 4-3, ma il rovescio della 22enne decolla verso i teloni. Barty più tesa oggi, e con un avversaria pronta a vendere cara la pelle. Le seconde palle break sul 4-5 sono però decisive per indirizzare il primo set, come le variazioni di rovescio usate da Barty: 6-4 Australia. Secondo set che parte con l’olandese che si procura le prime palle per strappare il servizio, annullate. L’australiana attiva il boost in risposta e strappa lei invece il servizio: subito 2-0. Kerkhove pare meno solida e confidente, il set perso pesa sul morale; a darle una mano ci pensa Barty, che con un doppio fallo consegna il contro break a zero. È sempre la padrona di casa a menare le danze, e sempre il rovescio in back un erogatore di punti: altro break e 5-2 Australia, con Barty che annulla 3 palle break consecutive. L’ultimo break sancisce il 6-3 finale. Australia sul 2-1.

D. Gavrilova b. Q. Lemoine 6-3 6-2

Cambio di formazione per le padrone di casa. Daria Gavrilova prende il posto di Sam Stosur, dopo la prova poco brillante offerta ieri. Sarà quindi compito della 24enne naturalizzata portare il possibile punto del successo. Lemoine ha l’occasione per riscattarsi dopo la sconfitta patita ieri. Subito il break in apertura per Daria, che si porta 3-0. Il capitano Haarhuis non aveva altre scelte, vista le varie indisponibilità di Bertens, Hogenkamp e Rus. Di fatto Lemoine parte meglio pagato lo scotto del debutto, giocando bene: conduce partita pari anche sfruttando gli errori dell’australiana. Al servizio entrambe concedono molto e Gavrilova in particolare scialacqua diversi punti facili in palleggio. Il break decisivo arriva poco dopo ai vantaggi, permettendo all’australiana di vincere il primo set 6-3. Gavrilova sfrutta appieno la scarsa vena della prima palla avversaria, solo al 38%, mitigando così i non pochi errori in manovra. Secondo set che parte più equilibrato: tante palle break, ma quella giusta la mette in tasca Gavrilova per il 3-2 e servizio. World Group a soli tre giochi per la formazione aussie. Lemoine però non ci sta, e nel game più bello e combattuto del match dà del gran filo da torcere all’australiana, senza però riuscire a concretizzare il controbreak. Gavrilova così ne approfitta, strappando il servizio da 40-15 e chiudendo match e sfida per 6-2. Australia che torna così nel World Group per il 2019.


CANADA-UCRAINA 3-2 (da Montreal, Vanni Gibertini)

Nonostante gli infortuni a raffica che l’hanno costretta a schierare la doppista Gabrowski nell’ultimo singolare, il Canada è riuscito a conquistare una vittoria che le consente di rimanere un altro anno nel World Group II. Una vittoria costruita sui due singolari conquistata da una rediviva Bouchard e sigillata all’ultimo set del doppio decisivo con la 17enne Andreescu migliore in campo a fianco della Top 10 Gabrowski. “Sono veramente orgoglioso delle mie ragazze – ha detto uno sfinito Sylvain Bruneau alla fine del weekend – hanno dato tutto quello che avevano, nonostante le avversità e gli infortuni, e mi ritengo privilegiato di avere un team come questo. Sabato sera nel nostro albergo sembrava di stare in un ospedale, con Francoise infortunata, Bianca in recupero dai crampi e Genie che si è fatta fare una risonanza magnetica alla mano. Ciononostante, le ragazze hanno continuato a giocare con tutte le loro forze ed hanno conquistato questa importante vittoria”.

E. Bouchard b. L. Tsurenko 4-6 6-2 7-6(5)

Con una vittoriosa battaglia di 2 ore e 39 minuti Eugenie Bouchard ha completato il suo personale “2 su 2” nei singolari di questo spareggio di Fed Cup battendo Lesia Tsurenko (n.41 WTA) in un match tiratissimo chiuso solamente 7-5 al tie break del terzo set. Davanti al pubblico di casa stipato nelle tribunette indoor dell’IGA Stadium, Bouchard ha rimontato un set di svantaggio all’avversaria mettendo in mostra il suo solito gioco di aggressione a tutto campo corredato da una prima di servizio decisamente rafforzata ed un migliorato gioco di volo, frutto di tutti i doppi giocati negli ultimi 12 mesi. Era stata Tsurenko ad andare avanti per prima nel set d’apertura, conquistando un break di vantaggio al quinto game grazie ad un doppio fallo di Bouchard. La sua tattica volta a muovere la canadese per impedirle di menare i suoi fendenti da fondo non ha però impedito ad Eugenie di caricare la risposta sulla sul game del 3-4 conquistando quattro punti consecutivi dal 40-15 ed impattando il punteggio sul 4-4. L’entusiasmo dei 1500 locali in tribuna però veniva subito smorzato da un immediato nuovo break dell’ucraina, che in 46 minuti incamerava il primo parziale.

Bouchard non si scomponeva, con un parziale di 8-1 si portava subito avanti 2-0 nel secondo parziale, ed anche quando subito dopo mancava due palle del 3-0 sul 40-15 e si faceva riagganciare sul 2-2, continuava a tessere la sua trama con le traiettorie incrociate sul diritto di Tsurenko, molto poco a suo agio nel giocare il lungolinea nel campo aperto, anche per non esporsi al mortifero rovescio incrociato della canadese. Dopo un secondo set incamerato in maniera relativamente agevole da Genie, iniziava un set decisivo al cardiopalma: sul 2-2 Bouchard cedeva il servizio all’ottava palla break in un game da 22 punti, salvo poi recuperarlo immediatamente il game successivo. Sul 4-4 forse l’occasione più ghiotta per Tsurenko, che sul 30-40 metteva in corridoio una volée di diritto a campo aperto, iniziando poi il game successivo ad accusare i problemi muscolari che l’avrebbero quasi immobilizzata nel tie-break. Giocando quasi da ferma e con un servizio da quarta categoria l’ucraina riusciva a trascinarsi al 6-6 sfruttando gli errori gratuiti di Bouchard, troppo precipitosa nell’aggredire le risposte. “A quel punto l’unica cosa che potevo fare era mettere in campo il servizio e forzare al massimo i colpi di rimbalzo – ha detto Tsurenko dopo il match – Volevo evitare che Genie potesse trovare un angolo negli scambi, perché sapevo non ci sarei mai arrivata. Sul 5-5 nel tie-break invece lei è riuscita a trovare un angolo con il diritto, e quello ha fatto la differenza”.

Una volta saputo che non avrebbe dovuto scendere in campo per il doppio, Bouchard si è presentata ai giornalisti per ribadire la sua intenzione di tornare la giocatrice che è stata tra le prime cinque del mondo: “Questo weekend sono venuta qui con un obiettivo, quello di vincere i miei due punti, e ci sono riuscita. Sono molto contenta del tennis che ho espresso ed ho fiducia nel nostro team che spero riuscirà a chiudere questo incontro”.

K. Bondarenko b. G. Dabrowski 3-6 6-2 6-1

Dopo l’infortunio occorso a Francoise Abanda sabato mattina a pochi minuti dall’ingresso in campo ed i terribili crampi che hanno costretto al ritiro la sua sostituta Bianca Andreescu nel match d’esordio del weekend contro Tsurenko, il capitano canadese Sylvain Brueau è stato costretto a mandare in campo per l’ultimo singolare l’ormai doppista pura Gabriela Dabrowski, n.10 della specialità ma classificata al n.364 delle classifiche di singolare. Con grande opportunismo la giocatrice biancorossa ha approfittato del nervosismo della sua avversaria Bondarenko per guadagnare un break al secondo game e mantenerlo fino alla fine del primo parziale portando il Canada ad un set dal sogno. Il risveglio tuttavia è arrivato da lì a poco: abituata a coprire solo metà del campo, Gabrowski ha ben presto mostrato limiti molto evidenti negli spostamenti laterali sugli scambi, prestando il fianco agli affondi in lungolinea dell’ucraina, che lentamente ma inesorabilmente ha preso il controllo delle operazioni all’inizio del secondo set per non lasciarlo più.

B. Andreescu/G. Dabrowski b. K. Bondarenko/O. Savchuk 6-3 4-6 6-3

Alla fine di questo weekend da incubo, il capitano canadese Bruneau non può far altro che buttare in campo in doppio le uniche giocatrici rimaste: con Abanda fuori uso e Bouchard che aveva appena terminato un match di 2 ore e 39 minuti, è toccato ad Andreescu e Dabrowski a portare a casa il punto decisivo per le padrone di casa. Un punto strappato con 1 ora e 56 minuti di gioco non sempre entusiasmante, infarcito di tanti errori marchiani e pallonetti da terza categoria, ma ciò che importava era la vittoria e le ragazze biancorosse alla fine si sono dimostrate più solide, guidate da una Andreescu che ha dettato legge da fondocampo, facendosi perdonare le ingenuità a rete tipiche dei suoi 17 anni ed assistita da una Dabrowski per larghi tratti sottotono ma che sul finale ha saputo far valere la sua classifica per chiudere il match. Prova da dimenticare per Katerina Bondarenko, che dopo aver conquistato il punto del 2-2 si è imballata in una serie di doppi falli (sette) che l’hanno resa il punto debole della coppia ucraina.

Dopo un primo set conquistato in maniera piuttosto brillante dalle canadesi in 33 minuti, il duo biancorosso ha mancato tre chance per andare subito avanti di un break nel secondo parziale per poi trovarsi in un baleno sotto 1-4. Il gioco veniva indirizzato quasi tutto su Andreescu, costretta agli straordinari negli scambi sulla diagonale destra, anche se gli interventi di Dabrowski raramente erano decisivi. Risalite fino al 4-4 grazie a tre giochi molto combattuti conquistati ai vantaggi, le canadesi ricevevano in regalo uno 0-30 su servizio di Bondarenko che però riusciva a togliersi d’impiccio ed a sfruttare un turno di battuta sotto tono di Andreescu per pareggiare il matchLa svolta del match sul 2-2 del terzo set, quando Andreescu iniziava a rispondere violentemente sulla donna a rete ai servizi in slice esterno da destra, ricavando diversi punti diretti ma soprattutto togliendosi dallo stillicidio dei palleggi incrociati di diritto sui quali Dabrowski rimaneva esclusa dal gioco. Un parziale di 12 punti a 2 mandava il Canada a servire per il match sul 5-2 quando Dabrowski si faceva prendere dal braccino mettendo a metà rete due diritti tremebondi sui primi due match point. Ma era solo questione di aspettare un game, per l’ennesimo turno di servizio catastrofico di Bondarenko che  dava il via alle celebrazioni.

Continua a leggere
Commenti

Fed Cup

BJK Cup, play-off: Canada, Ucraina, Lettonia e Gran Bretagna sul 2-0

Equilibrio tra Argentina e Kazakistan così come tra Olanda e Cina e tra Polonia e Brasile. Oggi si concludono le sfide

Pubblicato

il

Jelena Ostapenko - Billie Jean King Cup 2021 (via Twitter, @BJKCup)

Oltre alla sfida di Cluj tra Romania e Italia sono in corso altre sette sfide valide per i play-off della Billie Jean King Cup, le cui vincenti saranno ammesse alle qualificazioni per le Finals 2022. Dopo la prima giornata tutto abbastanza facile per la Gran Bretagna contro il Messico e per l’Ucraina contro il Giappone.

Al National Tennis Center di Londra Katie Boulter e Heather Watson faticano solo nel primo set dei loro rispettivi incontri chiudendo poi in scioltezza i loro match. La prima regola con il punteggio di 7-5 6-0 la messicana Zacarias, la seconda con un similare 7-5 6-1 completa il 2-0 britannico contro la Olmos. A Chornomorsk, sulla terra rossa, vita facile per le ucraine contro il Giappone orfano di Naomi Osaka. Elina Svitolina lascia 5 giochi a Chihiro Muramatsu (6-3 6-2), Marta Kostyuk uno in più a Yuki Naito (6-3 6-3).

Sul 2-0 anche il Canada in Serbia e la Lettonia contro l’India. Sul veloce di Kraljevo Fernandez supera Olga Danilovic dopo tre combattuti set (7-5 4-6 6-4) e a seguire Rebecca Marino supera 6-4 7-6(8) Nina Stojanovic. Nordamericane ad un passo dai Qualifiers 2022. Qualche problemino per la Lettonia contro l’India anche se alla fine della prima giornata si è come da pronostico sul 2-0 per le padrone di casa a Jurmala. Jelena Ostapenko impiega infatti 2 ore e 25 minuti per superare in tre set la quasi sconosciuta Raina (nr. 147 WTA) con il punteggio di 6-2 5-7 7-5. Passata la paura Sevastova dà il 2-0 alla Lettonia superando in tranquillità Tandi (6-4 6-0).

Equilibrio invece nelle altre 3 sfide. Parità dopo la prima giornata tra Polonia e Brasile a Bytom. Magdalena French aveva dato l’1-0 alle padrone di casa superando Meligeni Rodrigues 6-4 6-3 ma nel secondo singolare Laura Pigossi ha ristabilito la parità superando in tre set Urszula Radwanska (7-6 (9) 3-6 6-2). A ‘s-Hertogenbosch sembrava una passeggiata di salute per l’Olanda contro la Cina. Ma dopo la facile vittoria di Kiki Bertens contro Xinyu Wang (6-2 6-0) ci pensava l’altra Wang Xiyu a rovesciare il pronostico contro Arantxa Rus e portare in parità le asiatiche (6-1 3-6 6-2).

 

Infine 1-1 anche sulla terra rossa di Cordoba tra Argentina e Kazakistan. Yulia Putinsteva rimonta la tenace Nadia Podoroska battuta 2-6 6-4 6-0 ma la sorpresa arriva dal secondo singolare, dove Maria Luise Carle (nr. 415 WTA) supera al terzo Elena Rybakina (6-4 3-6 6-0)

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup: Romania-Italia 0-2. Cocciaretto e Trevisan non tradiscono

Vittoria al cardiopalma per Martina, che salva due match point a Buzarnescu. Tutto facile per Cocciaretto contro Bara

Pubblicato

il

Inizia nel migliore dei modi per la nazionale azzurra la sfida di play-off contro la Romania nella Billie Jean King Cup (ex Fed Cup). Nel cemento indoor della Sala Polivalenta di Cluj le italiane guidate da Tathiana Garbin (senza la numero 1 Camila Giorgi, positiva al coronavirus) hanno vinto i primi due match di singolare, andando a riposo sul 2-0. La Romania non sta certamente schierando la sua formazione migliore: mancano infatti le prime cinque giocatrici della nazione, ovvero Simona Halep, Patricia Maria Tig, Sorana Cirstea, Irina Camelia Begu e Ana Bogdan. Non per questo il risultato che potrebbe acquisire l’Italia vincendo il tie (la qualificazione ai preliminari del tabellone di BJK Cup 2022) avrebbe meno valore.

La prima sfida è tutta nel segno di Elisabetta Cocciaretto. Scesa in campo da numero 2, ha battuto nettamente Irina Bara, n.132 WTA, in un’ora e mezza di partita con il punteggio di 6-1 6-4, recuperando da uno svantaggio di 0-3 nel secondo parziale dopo aver dominato il primo. Per Elisabetta è la quarta vittoria con i colori della nazionale azzurra: le prime tre sono state preziosissime (e anche più nette rispetto a quella su Bara). Le ha messe a segno lo scorso anno in Estonia e hanno permesso alle nostre ragazze di giocare questo match di play-off.

Il secondo match invece è stato un autentico dramma, durato oltre tre ore. Martina Trevisan ha superato Mihaela Buzarnescu (n.137 WTA) al tie-break del terzo set (7 punti a 5), finendo il match in lacrime. Una vittoria che ha il freddo valore del 2-0 per la squadra, ma ha un significato inestimabile per lei. Anzi, probabilmente ce lo spiegano quelle lacrime alla stretta di mano e l’abbraccio con Tathiana. Martina infatti aveva vinto un solo match in questo 2021, quello nel primo turno di qualificazione a Dubai contro Rodionova. La striscia di sconfitte stava per allungarsi oggi, perché nel terzo set (durato la bellezza di 103 minuti) è stata a un passo dalla sconfitta.

Prima si sono rifilate un 6-2 per parte. Poi è iniziata una sfilza di break, che ha portato la rumena a servire per il match sul 5-4. Martina è stata tenace e nonostante non si stesse esprimendo al meglio (complici alcuni fastidi fisici) è riuscita a salvare due match point consecutivi (40-15) e anche a non lasciarsi condizionare dal disappunto per aver perso il servizio sul 5-5 con numerose chance di tornare avanti nel punteggio. Ha recuperato ancora una volta il break e non si è distratta nel lungo Medical Time Out di Buzarnescu che ha preceduto il tie-break. Qui si è portata avanti 5-3 per poi chiudere il match alla prima occasione.

Sabato si continua con gli altri due singolari: salvo imprevisti, Cocciaretto incrocerà proprio Buzarnescu, mentre a Trevisan toccherà Bara.

Continua a leggere

Fed Cup

Billie Jean King Cup, i playoff: Cocciaretto-Bara il primo incontro

A Cluj, l’Italia affronta la Romania priva di Halep; Trevisan-Buzarnescu il secondo match. In campo anche Ostapenko, Svitolina e Bertens per le rispettive nazionali

Pubblicato

il

Elisabetta Cocciaretto - Guadalajara 2021 (Foto Facebook Abierto Zapopan 2021)

La squadra azzurra di Billie Jean King Cup torna in campo nella giornata di oggi contro la Romania, a oltre un anno di distanza dal successo sulla Croazia a Tallinn che è valso l’accesso ai playoff, inizialmente previsti per il 17 e 18 aprile del 2020 prima di essere rinviati al 2021. Il gruppo a disposizione di Tathiana Garbin include Elisabetta Cocciaretto, Martina Trevisan, Giulia Gatto-Monticone, Jasmine Paolini e Bianca Turati, alla sua prima convocazione. Gli incontri saranno visibili su Supertennis dalle 14:30 di oggi e dalle 13 di domani.

Il tie si svolgerà presso la Sala Polivalenta di Cluj (cemento indoor), e vedrà l’Italia opposta ad una formazione decisamente rimaneggiata, visto che saranno assenti le cinque migliori giocatrici rumene (Halep, Tig, Cirstea, Begu e Bogdan). Le selezioni di Monica Niculescu hanno quindi incluso… sé stessa (N.173 in singolare e 55 in doppio), oltre a Irina Maria Bara (N.132 in singolare e 124 in doppio), Mihaela Buzarnescu (137 in singolare e 114 in doppio) e Elena Gabriela Ruse (168 in ambo le specialità).

Il primo incontro di oggi, a partire dalle 14:30 italiane, sarà Bara-Cocciaretto, a cui farà seguito Buzarnescu-Trevisan. Domani, invece, si inizierà alle 13 con Bara-Trevisan, poi Buzarnescu-Cocciaretto e infine il doppio Niculescu/Ruse vs Gatto-Monticone/Paolini.

 

Questi gli altri incontri di playoff:

REGNO UNITO-MESSICO

  • Sede: National Tennis Centre, Londra
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 15 italiane):

  • K. Boulter vs M. Zacarias
  • H. Watson vs G. Olmos

Incontri di sabato (a partire dalle 12:30 italiane):

  • H. Watson vs M. Zacarias
  • K. Boulter vs G. Olmos
  • H. Dart/H. Watson vs F. Contreras Gomez/G. Olmos

SERBIA-CANADA

  • Sede: Sport Hall Ibar, Kraljevo
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • O. Danilovic vs L.A. Fernandez
  • N. Stojanovic vs R. Marino

Incontri di sabato (a partire dalle 11 italiane):

  • N. Stojanovic vs L.A. Fernandez
  • O. Danilovic vs R. Marino
  • O. Danilovic/A. Krunic vs S. Fichman/C. Zhao

LETTONIA-INDIA

  • Sede: National Tennis Centre Lielupe, Jurmala
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 17 italiane):

  • J. Ostapenko vs A. Raina
  • A. Sevastova vs K.K. Thandi

Incontri di sabato (a partire dalle 15 italiane):

  • A. Sevastova vs A. Raina
  • J. Ostapenko vs K.K. Thandi
  • D. Marcinkevica/D. Vismane vs S. Mirza/A. Raina

UCRAINA-GIAPPONE

  • Sede: Elite Tennis Club, Chornomorsk
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs C. Muramatsu
  • M. Kostyuk vs Y. Naito

Incontri di sabato (a partire dalle 10 italiane):

  • E. Svitolina vs Y. Naito
  • M. Kostyuk vs C. Muramatsu
  • L. Kichenok/N. Kichenok vs S. Akita/H. Sato

ARGENTINA-KAZAKISTAN

  • Sede: Córdoba Lawn Tennis Club, Córdoba
  • Superficie: terra outdoor

Incontri di oggi (a partire dalle 16 italiane):

  • N. Podoroska vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle vs E. Rybakina

Incontri di sabato (a partire dalle 15:30 italiane):

  • N. Podoroska vs E. Rybakina
  • M.L. Carle vs Y. Putintseva
  • M.L. Carle/N. Podoroska vs A. Danilina/Y. Shvedova

OLANDA-CINA

  • Sede: Maaspoort Sports & Events, s-Hertogenbosch
  • Superficie: terra indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xiyu Wang
  • A. Rus vs Xinyu Wang

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • K. Bertens vs Xinyu Wang
  • A. Rus vs Xiyu Wang
  • L. Pattinama Kerkhove/D. Schuurs vs S. Zhang/S. Zheng

POLONIA-BRASILE

  • Sede: Hala Na Skarpie, Bytom
  • Superficie: cemento indoor

Incontri di oggi (a partire dalle 14 italiane):

  • M. Frech vs C.M.R. Alves
  • U. Radwanska vs L. Pigossi

Incontri di sabato (a partire dalle 13 italiane):

  • M. Frech vs L. Pigossi
  • U. Radwanska vs C.M.R. Alves
  • W. Falkowska/P. Kania Chodun vs G. Ce/L. Stefani

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement