WTA Istanbul: Errani toglie un set a Wozniacki poi si arrende

Italiani

WTA Istanbul: Errani toglie un set a Wozniacki poi si arrende

Sara manda in confusione la numero 1 del seeding nel primo set, poi cede con onore al terzo. Si ritira Bondarenko, avanti anche Sakkari e Rus

Pubblicato

il

Prima che il WTA di Istanbul aprisse le danze, si congetturava su quale avversaria potesse mettere i bastoni tra le ruote a Caroline Wozniacki. In pochi, dopo il weekend nero di Genova, avrebbero puntato su Sarita Errani, considerando sia il suo stato di forma, sia il livello della sua avversaria. Invece la nostra è scesa in campo con la giusta convinzione e ha destabilizzato la numero due del ranking mondiale per ampi frangenti dell’incontro. Wozniacki l’ha comunque spuntata al terzo set, dopo due ore e 27 minuti di gioco e andrà a giocare venerdì il suo quarto di finale numero quattro della stagione contro Pauline Parmentier, ma Errani esce dal campo con pochi rimpianti e la consapevolezza che sulla terra battuta può giocarsela a viso aperto, anche con le top 10.

LA CRONACA – La numero uno del seeding è nel pallone per tutti i settanta minuti di durata del primo parziale. I colpi esasperatamente arrotati di Sara non le permettono di entrare in partita come vorrebbe e nei primi giochi va spesso fuori giri e fuori tempo, soprattutto dal lato del rovescio, che le darà problemi fino al termine del set. Errani è invece a suo agio, negli scambi prolungati con traiettorie più alte della media lei ci sguazza. Infatti in un tempo relativamente breve, si ritrova a servire per il set sul 5-2, ma il colpo di coda di Wozniacki, che sembra prendere le misure al suo gioco, le mette una discreta pressione addosso. Gli errori della romagnola si concentrano tutti in questa fase e Caro pareggia i conti, 5-5. La danese però non sfrutta il momento positivo e, ancora in gran confusione mentale, può solo guardare la risposta vincente di Sara, che si prende un altro break al termine di un game fiume e poco dopo anche il primo set. Strameritato.

Se il rovescio è stato ballerino per tutto il noioso set d’apertura, Wozniacki vuole subito mettere le cose in chiaro nel primo punto del secondo set, piazzando un vincente bimane all’incrocio delle righe. E’ il preludio al quarto d’ora straripante della numero uno del tabellone, che si invola sul quattro a zero impattando benissimo con entrambi i colpi. Sarita però, sotto di due break, non molla, sfruttando le poche occasioni che la sua avversaria le concede per gestire a modo suo il palleggio. Ma non basta: Wozniacki fa leva su qualche buon servizio per chiudere in suo favore un secondo set più gradevole del primo, 6-3. Il parziale decisivo si apre sulla falsariga di quello precedente. Errani sembra non essere la stessa del primo set anche dal punto di vista fisico, nonostante il livello di Caroline si sia palesemente elevato. L’azzurra subisce un break in apertura ed è di nuovo costretta a rincorrere. La partita però ora si lascia guardare, con palle corte, discese a rete e scambi più avvincenti. La danese trova nel sesto gioco un altro break, ma la grinta di Sara viene fuori, come nel secondo set e si rifà sotto lavorando bene con il dritto. La numero due del mondo spegne però subito le speranze della giocatrice italiana, mantenendo la giusta concentrazione per chiudere il discorso alla seconda chance, con un altro 6-3.

 

GLI ALTRI INCONTRI – È stata eliminata la finalista dell’edizione 2016, la montenegrina Danka Kovinic, sconfitta 6-0 al terzo set da Aranxta Rus. Per la qualificata olandese, ora il livello di difficoltà aumenta, poiché nei quarti di finale la attende Maria Sakkari, che arriva da un’agile vittoria sulla serba Krunic, colta nel primo incontro sul campo centrale. Polona Hercog sarà invece la prossima avversaria della numero due del tabellone Svetlana Kuznetsova. In chiusura di giornata, la fidanzata di Stan Wawrinka, Donna Vekic, ha spazzato via la fidanzata di Nick Kyrgios, Ajla Tomljanovic, e sfiderà nei quarti la settima forza del seeding Irina-Camelia Begu.

Risultati:

[1] C.Wozniacki b. S. Errani 5-7 6-3 6-3
Sakkari b. A. Krunic 6-3 6-1
[Q] A. Rus b. [Q] D. Kovinic 2-6 6-2 6-0
P. Hercog b. K. Bondarenko 6-2 1-1 rit.
D. Vekic b. A. Tomljanovic 6-1 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti

evidenza

ATP: Caruso e Sonego K.O a San Pietroburgo e Metz

Niente da fare per i due azzurri sconfitti come da pronostico rispettivamente da Casper Ruud e Lucas Pouille

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - US Open 2019 (foto Jo Vinci)

ATP San Pietroburgo: Caruso si arrende a Ruud

Partita sulla carta molto aperta quella tra Casper Ruud e Salvatore Caruso, l’unico precedente tra i due nel risale al Challenger di Noumea del 2018, vinto dal tennista norvegese. Entrambi sono giocatori più a loro agio sulla terra battuta e i ritmi della partita lo dimostrano. Ogni scambio è lungo e duro e nessuno sembra voler mollare la presa. Il primo a cadere è purtroppo il giocatore di Avola, che subisce un break a 15 nel sesto game. In risposta alza il livello ma non basta, serve appena il 51% di prime e viene brekkato nuovamente da Ruud, che chiude comodamente a zero la battuta per vincere il set.

Nel secondo set il copione non cambia, grandi mazzate da fondo ma Ruud dimostra sempre di avere qualcosa in più che gli permette di chiudere il punto a suo favore. Ruud si porta a 10 punti di fila vinti brekkando Caruso ad inizio set. La partita sembra praticamente finita, ma il tennista italiano approfitta di un calo di prime di Ruud e pareggia i conti sul 2-2 del quarto game. Ma come prima, nel momento decisivo Ruud è migliore, si procura tre palle break nel nono game e converte la terza ai vantaggi. In un game fotocopia di quello del primo, Ruud chiude su una stecca di dritto a rete di Caruso e vola ai quarti dove affronterà un redivivo Borna Coric, che ha battuto Fucsovics con 6-7 7-5 3-0 (ritiro). Matteo Berrettini rimane quindi l’unico italiano in gioco in Russia, e per la verità l’unico dell’intera settimana al maschile.

Il tabellone completo

 

ATP Metz: finisce l’avventura di Sonego

Scontro inedito quello degli ottavi di finale tra Lorenzo Sonego e Lucas Pouille. Nonostante la differenza di ranking, che vede Sonego numero 51 e Pouille numero 26, la partita è molto aperta anche per i bookmaker, che danno leggermente favorito Pouille. Il tennista torinese ha sconfitto in due set al turno precedente Otte e sembra poter essere una minaccia per Pouille, che in questa stagione ha poco più del 50% di vittorie e dopo la semifinale all’Australian Open è sostanzialmente scomparso.

Il primo set ha ben poco da dire per Lorenzo Sonego, schiacciato da un Lucas Pouille molto aggressivo e da un atteggiamento troppo passivo negli scambi. Sul servizio Pouille è sostanzialmente intoccabile, 100% di punti vinti con la seconda e 71% con la prima. Lorenzo ha un sussulto ad inizio secondo set dove tiene la battuta a zero per interrompere la striscia di 5 game di fila di Pouille. Sonego sembra aver riguadagnato vigore ed ora la partita è molto più equilibrata, con Pouille che però resta intoccabile al servizio, merito soprattutto di un servizio in kick a cui Sonego non riesce a rispondere. Tutti i buoni propositi, e le buone percentuali al servizio tenute finora svaniscono però nel settimo game, dove Sonego si porta sopra 40-15 ma prende tre punti di fila che regalano break point al tennista francese. Sonego stecca un dritto d’attacco mandandolo sugli spalti e Pouille ringrazia, è 4-3.

I due game successivi scorrono senza particolari problemi. Quando Pouille serve per il match Sonego sembra aver preso l’iniziativa negli scambi ma ormai è tardi: due dritti larghi mandano Pouille a due match point. Il primo lo annulla Sonego con un dritto, il secondo lo annulla Pouille stesso mandando lungo un dritto comodo. Sonego si procura un break point con una bellissima risposta di dritto, ma è subito annullato da Pouille con un ottimo servizio. Sonego salva in corner il terzo match point – il suo dritto sembra aver finalmente carburato – e si procura il secondo break point, salvato facilmente. Ma è troppo tardi: un servizio in kick vincente e un appoggio a rete valgono i quarti per il tennista francese, dove troverà Krajinovic. Rammarico per Sonego, entrato in partita troppo tardi e non in grado di mettere dubbi nella testa di Pouille, estremamente solido.

Il torneo, rimasto ora senza italiani, non ha ancora trovato un padrone. La Francia ha perso Simon (sconfitto da Bedene dopo un primo set molto lottato) ma è sicura di avere un semifinalista – chi prevarrà tra Paire e Barrere, con il primo favorito – e ha buone probabilità di piazzarne (almeno) uno nella parte bassa del tabellone, dove oltre a Pouille-Krajinovic il vincitore di Herbert-Tsonga sfiderà uno tra Maden e Basilashvili. Stupisce Carreno Busta, che domina in 73 minuti il favorito n.1 David Goffin e mira a prenderne il posto a tutti gli effetti. Provando a imbucarsi nella festa francese.

Il tabellone completo

Giorgio Di Maio

Continua a leggere

evidenza

Berrettini surclassa Carballes Baena a San Pietroburgo: ad oggi andrebbe alle ATP Finals

Esordio sul velluto del romano nel torneo russo, scavalca Nishikori e raggiunge l’ottava piazza nella classifica ‘Race’

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Il cammino è ancora lungo e accidentato, ma in questo momento Matteo Berrettini è l’ottavo giocatore della ATP Race to London, l’ultimo posto disponibile per giocare le ATP Finals di Londra. E chi l’avrebbe mai detto prima della stagione su erba. Gli ottavi di finale a Wimbledon e la semifinale giocata a Flushing Meadows hanno lanciato il ragazzo italiano nell’élite del tennis mondiale.

Sulla scia del grande risultato ottenuto agli US Open, Berrettini ha giocato un ottimo match al debutto nell’ATP 250 di San Pietroburgo, dominando Roberto Carballes Baena in 56 minuti. Supera così Kei Nishikori nella classifica ‘Race’, ma vietato fermarsi ad ammirare risultati provvisori. Sono troppi i i tornei ancora da disputare da qui a novembre, ma già centrando un buon risultato a San Pietroburgo Berrettini metterebbe in cascina punti importantissimo. In caso di vittoria sarebbero 250, utili per raggiungere il best ranking e diventare numero uno d’Italia, agganciando Fognini al’undicesimo posto.

LA CRONACA – È perfetta l’uscita dai blocchi di Matteo, che alternando palla corta e dritto anomalo si ritrova in vantaggio 3-0. I colpi di Carballes non incidono abbastanza e alla prima occasione utile l’azzurro affonda il colpo con precisione e potenza (con un dritto vincente ha toccato i 153 km/h), senza pensarci due volte. Arriva anche un secondo break e Berrettini in 27 minuti chiude un primo set impeccabile, perdendo solo due punti al servizio.

 

Il numero 77 ATP riesce a stare in partita in apertura di primo set, ma sull’1-1 gioca il peggior game della sua partita e con tre non forzati si consegna all’italiano. ‘Berretto’ supera egregiamente anche il primo momento di difficoltà al servizio (0-30) e con un secondo break si immette sul rettilineo del traguardo. Con un netto 6-1 6-2 accede ai quarti di finale nel torneo in cui difende anche il titolo in doppio assieme a Simone Bolelli. Partirà favorito anche nel prossimo incontro con il qualificato bielorusso Gerasimov con vista su una probabile semifinale contro un idolo di casa: lo scintillante Medvedev (passato in due set sul connazionale Donskoy) delle ultime settimane o il rinato Rublev, che però deve ancora vincere il suo ottavo di finale contro Berankis. In favore di Berrettini sembra intervenire anche l’eliminazione dell’altro russo Karen Khachanov, favorito per raggiungere la finale nella parte bassa del tabellone. Khachanov è stato sconfitto in due set da Joao Sousa, che ora battaglierà con Kukushkin, Coric e Ruud per un posto in finale.

Il tabellone completo

Continua a leggere

evidenza

Camila Giorgi asfalta Stephens a Osaka: ai quarti c’è Mertens

Prestazione solidissima in risposta dell’azzurra, che lascia all’ex campionessa dello US Open appena tre game. Da migliorare comunque la resa della prima di servizio: appena il 38%. Fuori Bertens e Vekic, Muchova avanza a Seoul

Pubblicato

il

Camila Giorgi - Osaka 2019 (foto via Twitter, @torayppo)

Camila Giorgi arriva in carrozza ai quarti di finale del Japan Open per il secondo anno consecutivo, lasciando appena tre game alla versione più opaca di Sloane Stephens (numero tre del seeding, in piena crisi di risultati). Il 6-0 6-3 matura in poco più di un’ora, dando vita senza alcun affanno al terzo successo nei cinque scontri diretti. Che l’ex campionessa dello US Open soffra particolarmente gli strappi di inizio gioco dell’azzurra è ormai evidente, ma impressiona un dato: il dominio di Giorgi non ha risentito di 11 doppi falli e del modesto 38% di prime in campo, a cui comunque ha fatto da contraltare un ottimo 80% di conversione con la prima di servizio.

Al contrario, Camila è stata efficacissima in risposta: Stephens ha avuto la peggio in più della metà (54%) dei punti giocati sulla seconda. Su queste basi, il match ha preso subito un indirizzo chiaro: i primi otto game sono finiti tutti nelle mani della numero uno italiana. Che poi ha dovuto solo gestire, conquistando il suo terzo quarto di finale (sfida inedita con Elise Mertens) negli ultimi sei tornei disputati. “Sono stata in grado di mostrare con continuità il mio gioco d’attacco – ha commentato al sito ufficiale WTA -, ho commesso qualche errore, ma questo è da sempre il mio modo di mettere pressione all’avversaria“.

In totale i vincenti (23) superano nelle statistiche ufficiali gli errori non forzati (21). Al netto dei numeri, la numero 54 del mondo ha avuto anche la freddezza di stoppare sul nascere ogni piano di rimonta di Stephens, annullandole tre palle break sul 4-2 nel secondo set. Il servizio perso sul 5-2 è risultato poi ininfluente. Quella contro Mertens, almeno nelle considerazioni della vigilia, sarà tutt’altra partita per la differenza di stili. Camila però, al solito, dà l’idea – almeno nelle dichiarazioni ufficiali – di non preoccuparsi troppo di chi troverà dall’altra parte della rete. “Tutte le partite sono differenti una dall’altra. Io ho solo bisogno di concentrarmi su me stessa e sul mio gioco, non vedo l’ora di tornare in campo“.

Sloane Stephens non è l’unica favorita del seeding a salutare Osaka agli ottavi di finale. Nella giornata di giovedì sono state infatti eliminate anche Donna Vekic e Kiki Bertens, rispettivamente settima e seconda testa di serie. L’olandese si è arresa in due set alla russa Anastasia Pavlyuchenkova, mentre la croata è stata sconfitta dalla wild card giapponese Misaki Doi, che conferma il suo ottimo momento di forma dopo la finale raggiunta la scorsa settimana a Hiroshima.

Risultati:

Y. Putintseva b. [Q] V. Flink 6-1 6-1
C. Giorgi b. [3] S. Stephens 6-0 6-3
[WC] M. Doi b. [7] D. Vekic 7-6(5) 6-3
A. Pavlyuchenkova b. [2] K. Bertens 6-1 7-5

 

SEOUL – Tabellone che si allinea ai quarti di finale anche nell’International di Seoul dopo i tre incontri disputati nella giornata di giovedì. Prosegue la corsa di Karolina Muchova: la 23enne ceca ha lasciato appena cinque giochi alla qualificata ungherese Timea Babos, conquistando così il suo terzo quarto di finale negli ultimi quattro tornei giocati. Ottima la resa del servizio (82% di punti vinti con la prima e una sola palla break concessa in tutto il match) e dei colpi da fondo (22 vincenti a fronte di 15 errori gratuiti). Al prossimo turno troverà un’altra qualificata, Priscilla Hon, uscita vincente dal derby australiano contro la quinta favorita del seeding Ajla Tomljanovic.

Risultati:

P. Badosa b. [Q] P. Tig 6-4 6-2
[3] K. Muchova b. [Q] T. Babos 6-2 6-3
[Q] P. Hon b. [5] A. Tomljanovic 6-3 5-7 6-1

I tabelloni aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement