Binaghi (auto)celebra gli Internazionali. Sì, però...

Editoriali del Direttore

Binaghi (auto)celebra gli Internazionali. Sì, però…

Al Foro tutto bene: grandi Internazionali d’Italia, in attesa del tetto e dei giovani in top 50. Punti deboli? Il settore tecnico. E quella risposta su Panatta

Pubblicato

il

Come ogni anno vado a raccontarvi per filo e per segno quanto è stato detto nella conferenza stampa di fine Internazionali d’Italia, insieme a una ricca serie di grafici qui irriproducibili ma testimonianze di progressi in vari settori dell’evento – fatturati, biglietteria, audience di Supertennis che avrebbe superato Eurosport (chissà se Eurosport si preoccuperà di replicare o meno, certo quando fa vedere il curling forse…). Ovviamente sono stati discorsi tutti celebrativi ed entusiasti, e anche un tantino prolissi. Chi non avesse la pazienza di sorbirsi tutta questa pappardella, ma fosse interessato eventualmente a leggere la mia domanda e la risposte del Presidente federale Angelo Binaghi, potrà scorrere fino in fondo quest’articolo e troverà quello che cerca.

Ecco a seguire i passaggi più importanti degli interventi di Binaghi, del Segretario Generale del CONI Carlo Mornati e del leggendario Nicola Pietrangeli:

 

Angelo Binaghi, presidente FIT: “Per noi gente di tennis gli Internazionali servono per scandire la vita di tutti i giorni, ci ricordano che è passato felicemente un altro anno. Sono orgoglioso di questa edizione. Da un punto di vista tecnico due grandi finali, nel maschile il campione uscente, miglior esponente della Next Gen, contro il campione dei campioni, che più di ogni altro ha vinto a Roma; nel femminile, anche in questo caso la detentrice, contro la n.1 al mondo”.

“Il torneo per noi si divide in due parti: nella prima facciamo i tifosi, con tanti italiani in campo. Nella seconda ci godiamo uno degli spettacoli più belli al mondo. Entrambe quest’anno sono andate molto bene. Nella prima abbiamo avuto lampi da Sonego, Cecchinato, Baldi che confermano ciò che diciamo da anni, che il settore giovanile maschile è in ottima salute, e che si è prolungata grazie alle prestazioni di Fognini. Nel torneo femminile, per la FIT ci sono lavori in corso. Abbiamo la necessità di trovare al più presto un numero consistente di giocatrici che possa darci quelle prospettive che una grande federazione come la nostra deve poter avere in tutti i due settori nel tennis agonistico di alto livello. Abbiamo avuto forti emozioni da Robertina Vinci, che ci ha gratificato nello scegliere il Foro Italico per terminare una carriera staordinaria. Tra poco sarà al nostro fianco nella FIT per aiutarci ad accelerare il processo di crescita dei nostri migliori talenti del settore femminile”.

Abbiamo recuperato Giorgi, credo sia una buonissima notizia per gli appassionati. Con Errani crea una squadra competitiva nel World Group di Fed Cup, che può essere anche un’ottima incubatrice per coloro che verranno”.

“Le condizioni meteo, ma soprattutto le previsioni eccessivamente negative delle previsioni del tempo, hanno impedito di superare ancora una volta il record di biglietti venduti e i 12 milioni di euro di incasso. (sono stati 11.629011 per 203.758 spettatori Nota di UBS) Chi viene rischiando due giorni di pioggia per il ground è un eroe, bisognerebbe dargli una medaglia. Si tratta di una flessione del 3%. In compenso invece il torneo ha realizzato un incasso più del doppio del record per una partita del nostro campionato di calcio. Battuti invece tutti i record di fatturato e di utile, che ci consente di migliorare ciò che io chiamo il ranking del CONI. La percentuale di autofinanziamento del torneo è ben superiore al 90%“.

LE ALTRE VOCI

Carlo Mornati, Segretario Generale del CONI: “Edizione fantastica. La predisposizione del Foro Italico è prevalentemente tennistica, quasi tutte le altre federazioni ce lo invidiano. Tuttavia questo è un sito vincolato, anche in modo stringente, quindi c’è sempre la sovraintendenza da coinvolgere. L’anno prossimo avremo la nuova Next Gen Arena, una struttura sempre temporanea a cui forse daremo un nome e uno scopo diverso. In ogni caso il torneo è di alto livello internazionale ma è pur sempre in Italia, e noi abbiamo fame di successi di tennisti italiani”.

Pietrangeli: “Io sarei la parte più romantica delle cose… Nessuno dei presenti è entrato su questi campi prima di me. Nel 1952, Carlo Della Vida mi disse di venire a fare il giudice di linea per Italia-Egitto di Coppa Davis: i senatori erano cattivi, nel senso che era dura per un ragazzino pensare di poter sbagliare. Non ho sbagliato. L’anno dopo sono entrato da giocatore e ho perso contro un signore che a me sembrava molto anziano, avrà avuto in realtà trent’anni… Da lì in poi questo torneo l’ho sempre visto crescere. E non perché porta il mio nome, quel campo, ma più bello non c’è”.

“L’unica cosa che mi dà fastidio è che ogni anno è passato un anno. Io non lì conto più, come le vecchie signore. A Parigi portavano i quattro moschettieri non dico in barella, ma quasi. Ecco, io quello vorrei evitare. Borotra ha sempre detto: voglio morire sul campo da tennis. Ci ha provato un sacco di volte. Chi è stato al Roland Garros sa che c’è una piazza dedicata ai quattro moschettieri… ma io il campo già ce l’ho. Sono a posto”.

Angelo Binaghi, Nicola Pietrangeli, David Haggerty – Italia-Francia, Coppa Davis 2018 (foto Roberto Dell’Olivo)

LE DOMANDE: PIAZZA DEL POPOLO E L’UPGRADE DEL TORNEO

Al termine degli interventi dei tre oratori, c’è stato uno spazio per le domande ai giornalisti, rivolte quasi tutte esclusivamente al Presidente Binaghi. Ecco le sue risposte:

“Già da due anni un intero settore della Next Gen Arena era aperta ai biglietti ground e dava priorità d’ingresso ai tesserati FIT. Dobbiamo promuoverla di più”.

Roberta Vinci… Ragionavo in questi giorni: non riesco a ricordarmi un episodio della sua carriera, dal punto di vista sportivo e comportamentale, che non sia stato del tutto perfetto. Giocatrice straordinaria, grande persona, siamo stati molto fortunati ad essere compagni di questo viaggio straordinario che Roberta, Sara, Francesca, Flavia hanno fatto fare al tennis italiano. Irripetibile. Credo che in questi casi si debba dire chapeau a una carriera del genere. Ho parlato con lei il giorno dopo il suo ultimo incontro. Robertina si è meritata un periodo di vacanza credo abbastanza lungo, e ho riscontrato ancora una volta quanta passione avesse. Sapevamo che questa scelta stava arrivando, noi della FIT, ed era un’occasione da non perdere. Avevamo pensato a molti scenari: comunica molto bene, è spigliata, intelligente, ha molto appeal e pensavamo potesse essere il volto di Supertennis. Invece ha scelto la via più scomoda, vuole continuare a vivere di tennis giocato e praticato, non più del suo ma di quello delle migliori ragazze. Ha scelto di lavorare nel nostro settore tecnico. Si è presa un periodo di pausa e di studio, deve capire lei e dobbiamo capire noi come può operare in quel settore e cosa comporta. Uno dei suoi primi maestri, Michelangelo Dell’Edera, si impegnerà anche lui nel nostro settore tecnico. Siamo felicissimi che avvenga, e credo che avvenga nel momento giusto”.

“C’è un ottimo incremento nell’ultimo biennio di prenotazioni dall’esterno ma sono ancora molto, molto basse rispetto a quello che noi vogliamo che sia, rispetto al valore internazionale dell’evento. Nella nuova riorganizzazione che abbiamo presentato ci sarà una sessione dedicata all’incoming, non solo per Internazionali e Next Gen ma anche per i centri estivi FIT”.

“Federer… Certo, venisse Federer… Se fosse venuto cosa avremmo potuto fare? Alzare ancora il prezzo dei biglietti? Un grande campione. Certo, sarebbe stato un torneo ancora migliore, ma credo che gli Internazionali il problema Federer – che speriamo ci sia ancora nel tennis mondiale, anche se non sappiamo per quanto – i tornei di grande tradizione, come Wimbledon ma come anche il nostro, siano più forti anche del più grande campione di tutti i tempi”.

“Le sfide tra i giovani sono potenzialmente migliori anche del Nadal vs Djokovic visto ieri”.

Sono testardo: il tennis andrà a Piazza del Popolo. Qualcuno se ne farà una ragione. Nell’antichità Piazza del Popolo era utilizzata proprio per manifestazioni sportive, quindi non sarebbe la prima volta né nulla di inusuale, la restituiremmo a una delle sue destinazioni storiche”.

Per due volte pensavamo di aver raggiunto l’upgrade del torneo, a una categoria intermedia tra i Masters 1000 e gli Slam, e per due volte non è accaduto. Ma ogni anno le probabilità sono maggiori perché il successo di ogni edizione si somma a quello della precedente”.

Tetto del Centrale? Riguarda un asse immobiliare che in concessione alla CONI Servizi, noi c’entriamo poco. Il Presidente del CONI Giovanni Malagò è oltremodo sensibile, anche perché sarebbe un regalo a tanti altri sport, come pallacanestro e pallavolo. Ho grande fiducia”.

LA MIA DOMANDA E… PANATTA

Infine la risposta alla mia domanda, che naturalmente non sentirete mai echeggiare su Supertennis: nel momento stesso in cui la parola è stata data ai giornalisti, la diretta della conferenza stampa è stata immediatamente sospesa. Tanto quelle gradevoli e gradite si potevano montare dopo… A Roma fissano astutamente la conferenza stampa a mezzogiorno. Il presidente e gli altri parlano fino a poco prima dell’una, orario d’inizio della finale femminile, e quando si potrebbero porre domande non preconfezionate ecco che inevitabilmente la diretta va sul match.

Prologo alla mia domanda, ultima tra tutte, erano stati i miei sentiti complimenti ai miglioramenti apportati, da Coni Servizi e dal team federale, alla struttura del Foro Italico. E i complimenti anche ai progressi pian piano compiuti da Supertennis in 10 anni (non ho fatto cenno né al break even economico che non c’è mai stato neppure da vicino ed era stato assicurato nell’arco dei tre anni, né alle spese notevolissime e forse esagerate che comporta).

Avevo aggiunto però che riguardo alla situazione tecnica, senza tenniste all’orizzonte all’altezza delle precedenti e con il Centro Tecnico Federale di Tirrenia che in 14 anni non ha tirato fuori un solo top 100 (e figurarsi se un top 10, un top 20 o un top 30 o 50) mi sarei aspettato un minimo di autocritica al riguardo. Qualcosa sarà stato forse sbagliato, oppure no? Concludevo infine ricordando che ero a Fiuggi nel 2000, quando l’attuale presidente si candidò per la prima volta dicendo che al massimo lo avrebbe fatto per due mandati quadriennali e che volevo – e vorrei ancora – sapere se intenderà candidarsi per la sesta volta allo scadere del suo corrente mandato.

La risposta è stata: “Rino Tommasi era molto abile a produrre numeri. Io con i numeri vado d’accordo, li seguo. Premesso che siamo l’Italia, con tutti i limiti che ciò comporta, arrivare dodicesimi nel medagliere delle Olimpiadi Invernali o ottavi nei mondiali di nuoto in casa sono stati considerati ottimi risultati. Il livello del tennis in Italia è ampiamente superiore a quello della media di tutti gli altri sport in Italia”.

Ma soprattutto:

Ripresentarmi per un altro mandato? Ragioniamo giorno per giorno. Io non rappresento me stesso ma un gruppo di dirigenti. Pensavo in questi giorni: accidenti, quanto siamo stati bravi. Agli Internazionali abbiamo avuto grandi partner, ma se quando siamo arrivati, quando avevamo quarant’anni, non avessimo avuto il coraggio di cacciare un tuo amico, che come la Corte d’Appello di Milano ha stabilito ha percepito una somma di danaro illecito, gli Internazionali di tennis sarebbero molto diversi”.

Adriano Panatta e Paolo Bertolucci, Campionati Internazionali BNL d’Italia 2016 – Foro Italico – Roma (foto di Monique Filippella)

Quel mio amico, come avete già capito, è Adriano Panatta, che con questo intervento la Federazione ha perlomeno smesso di ignorare (strano che non sia stato chiamato “l’amico di Malagò”, no?). Negli ultimi anni ha fatto spesso finta che non esistesse neppure, escludendolo dalla “walk of fame” del Foro Italico e dalla promozione del torneo in favore di atleti che, con tutto il rispetto, non hanno rappresentato ciò che Adriano ha rappresentato per lo sport in Italia e per l’Italia nello sport. Tale risposta è stata inoltre ripresa poi in un intervento che mi è stato assai riferito essere stato assai duro da parte del Direttore della Comunicazione Piero Valesio. Vorrei sentire il nastro integrale. Se le cose stessero come ho saputo, Valesio avrebbe fatto meglio a risparmiarselo. Ma da dipendente FIT ha voluto essere più realista del re, tradendo un tantino – a mio avviso – tutta una carriera vissuta da giornalista indipendente per Tuttosport.

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

Cielo grigio, exploit azzurri. Sonego sul n.12 ATP, Cecchinato grande rimonta

L’ATP forgia il fisico dei giornalisti. Djokovic “prima” puntuale. Se Fognini battesse Simon avremmo per la prima volta 3 italiani in ottavi dal ’78

Pubblicato

il

Lorenzo Sonego - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Grazie all’ATP, che si preoccupa giustamente di preservare la condizione dei giocatori sempre a pezzi a fine stagione, a Montecarlo anche i giornalisti sono obbligati a fare un bel po’ di ginnastica, su e giù per le scalinate del Country Club. Dalla sala stampa alla sala conferenze ci sono un centinaio di scalini da fare – sono 98, li ha contati ansimando e soffiando come un mantice Chiara Gheza – e ogni giorno ci sono almeno 7 o 8 interviste da seguire… anche perché con le tv che mostrano tutto e di più dei match, sono i cosiddetti “parlati dagli spogliatoi” che consentono di dare ai lettori l’unico servizio che altrimenti non avrebbero con la stessa puntualità e precisione di chi li registra.

Via WhatsApp l’ATP segnala ai giornalisti gli orari delle interviste di ciascun giocatore. Il telefono trilla di continuo. Un incubo. Chi non ha il telefonino oggi è morto, può cambiare mestiere. E poi è tutto un correre. Anche se poi naturalmente c’è sempre chi arriva in ritardo. Parlo dei giocatori, ovviamente. Ma se per caso è il giornalista a essere in ritardo, anche perché oltre a farsi tutti quegli scalini c’è anche da fendere un brulichio di spettatori (e noi non abbiamo la scorta che proteggeva i tennisti ai quali si è voluto risparmiare una salita in ascensore ogni giorno o due perché sarebbe stata una sofferenza insopportabile…ma non dovrebbero essere loro i campioni giovani e aitanti anche nel fisico?), potete stare tranquilli che quella volta il giocatore sarà stato puntualissimo.

 

Avete presente quando ci si lamenta dei treni sempre in ritardo e quella maledetta volta che in ritardo è il passeggero ecco che il treno arriva e parte al minuto spaccato? È successo con Djokovic, famoso ritardatario cronico: conferenza stampa alle 19. Stavolta alle 19 e 2 minuti aveva già cominciato a parlare. Chi si è attardato di un minuto per seguire Wawrinka che sul centrale, il Ranier III, serviva per il 6-0 5-4 (dopo un avvio che lo aveva visto condurre 6-0 2-0!), beh… mal gliene incolse.

Djokovic aveva esordito – senza di me per i primi due minuti – parlando della strana partita vinta soffrendo con Kohlschreiber vendicando Indian Wells: “Patire quattro break consecutivi… non mi ricordo che mi sia successo spesso!”. E aggiunto – ma i dettagli li troverete nell’articolo di Ilvio Vidovich – “Essere stato in campo per 2 ore e 36 minuti mi avrà fatto comunque bene, dopo tutto questo tempo senza tennis agonistico sulla terra rossa”.

Poi invece ho ascoltato tutta una conferenza stampa che pareva l’intervista al presidente dei giocatori ATP, più che al tennista Djokovic. In estrema sintesi ha detto che “Non funziona proprio questa struttura dirigenziale con un board di sette persone, con tre giocatori a rappresentare i giocatori e tre direttori a rappresentare i tornei che sono costantemente di pareri opposti. Così il settimo, che è il presidente, deve continuamente cercare compromessi per non esprimere un voto altrimenti sempre decisivo. Non sarà facile ma va cambiata qualcosa”.

Ciò detto, mentre è stata una giornata da dimenticare per Tsonga, 34 anni mercoledì e ritiratosi con Fritz, e per Cilic che aveva raggiunto i quarti in 3 degli ultimi 4 anni nel Principato, invece si è trattata di una giornata memorabile per i tennisti italiani. Ne abbiamo due in ottavi, come 5 anni fa, ma qui c’è ancora Fognini che potrebbe diventare il terzo…e non è mai successo. Nel ’78 ne arrivarono cinque, ma all’epoca il torneo era di 32 giocatori e gli ottavi erano solo il secondo turno. Comunque onore al merito: i cinque erano Bertolucci, Zugarelli, Barazzutti, Ocleppo e Panatta.

Non erano attesi i nostri due eroi agli ottavi, se si pensa che Sonego è n.96 e Khachanov n.12, e che Cecchinato – sebbene n.16 vs lo svizzero n.36 – era però sotto 6-0 2-0 con Wawrinka qui campione nel 2014. E lo svizzero ha servito sul 5-4 nel secondo. E poi ci si sorprende quando qualcuno dice che il tennis è lo sport del diavolo! Non avevo mai fatto una simile rimonta!” ha detto Ceck.

Sonego è una piacevolissima conferma. Reduce dai quarti a Marrakech, dove aveva perso da Tsonga, era arrivato qua a giocare le quali e temeva di essere stanco. Invece le ha superate e ora si trova negli ottavi. Il suo miglior risultato era stato battere Djere n.32 ATP, ora ha battuto il n.12. È maturato tardi, ma ora sta riguadagnando tempo. Per la prima volta dopo anni di giocatori privi di servizio ne abbiamo finalmente uno che invece ce l’ha. Lorenzo batte benissimo. Non bastano i 191 cm d’altezza. Batte bene perché ha una tecnica sopraffina ma anche perché ha la freddezza necessaria per servire bene quando serve.

È miglioratissimo di rovescio – che era il suo punto debole – e infatti nel precedente duello con Khachanov il russo lo aveva martellato lì, e poi è molto intelligente tatticamente. Se così non fosse non avrebbe, al di là dei 5 aces che sono punti ottenuti gratis e senza fatica (non è mai successo ai vari Volandri, Furlan, Fabbiano, Fognini, Lorenzi…), fatto 15 attacchi tutti coronati da successo, non avrebbe fatto correre un giocatore pesante di grande stazza e che preferirebbe camminare, non lo avrebbe massacrato di palle corte giocate con grande scelta di tempo e intelligenza.

Aveva battuto un giocatore ben più esperto come Seppi senza concedere una palla break (7-6 6-4). Ha concesso il bis con l’identico punteggio contro il russo Khachanov,  testa di serie n.8. Khachanov è un anno più giovane di Sonego e lo scorso anno a novembre – lo dico per chi non lo ricordasse – aveva vinto il suo primo Masters 1000 a Parigi Bercy.

Battuto Seppi Lorenzo era raggiante per aver centrato l’obiettivo del tabellone principale al Roland Garros. Battuto Khachanov con un ottavo di finale alle viste non impossibile – Fucsovics n.37 o Norris n.56, giocano questo mercoledì – Lorenzo ha ormai più di un piede anche nel tabellone di Wimbledon. Dove con quel servizio che si ritrova, e quel dritto a uscire che gli ha procurato un sacco di punti, potrebbe anche fare una bella strada se il sorteggio lo aiuterà un poco. Intanto sa che lunedì, nel peggiore dei casi si sarà arrampicato fra i top 80. Non male.

Su Cecchinato sotto 6-0 e 2-0 non avrei scommesso un euro alla roulette di Montecarlo. Anche perché la puntata minima al Casinò è cinque euro. Invece è negli ottavi anche lui. In modo quasi altrettanto incredibile di come lunedì Fognini era riuscito a rimontare il russo Rublev da 6-4 4-1 e 5 palle break per il 5-1. Anche nel 2014 avemmo due italiani negli ottavi, ma lì poi Seppi perse contro Nadal, Fognini contro Tsonga. Questa volta potremmo addirittura sognare tre italiani negli ottavi se a Fognini riuscisse l’impresa tutt’altro che impossibile di superare Gilles Simon che ha battuto il giovane australiano Popyrin 7-5 6-1 ma non è un vero specialista della terra rossa, pur essendo giocatore completo.

L’ultimo azzurro nei quarti qui fu Fognini, nel 2013. Fabio raggiunse poi le semifinali dove fu sconfitto da Djokovic. Dei match di Djokovic con Kohlscreiber, di Cecchinato con Wawrinka, di Sonego con Khachanov, avrete letto le esaurienti cronache, corredate da interviste, di Vidovich (che si è esibito anche in domande in serbo con Nole), di Chiara Gheza, di Laura Guidobaldi.

Mentre il mio collega belga Yves Simon – non è parente di Gilles – seguiva entusiasta la folle cavalcata del suo connazionale Victor Campenaerts che batteva il record dell’ora, 55,0429 km, detronizzando l’inglese Bradley Wiggins che si era fermato – si fa per dire – a 54,526 km, ma non con una bici che costasse 15.000 euro. A ognuno le sue soddisfazioni. Mentre scrivo non so ancora se il torinista Lorenzo Sonego ne avrà avuta un’altra, dopo aver detto in conferenza stampa nell’immediata vigilia del match di Champions fra Juve e Aiax: “Io tiferò per l’Ajax!”.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Tris italiano a Montecarlo. La pazza rimonta di Fognini, ma Cecchinato e Wawrinka giocheranno?

Meteo incerto al mattino. Sonego centra l’obiettivo Roland Garros ma ha Khachanov. Fognini potrebbe avere ancora…culo. Attesa per Djokovic che deve riscattare Indian Wells con Kohlschreiber

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Montecarlo 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Tre modi più diversi per vincere i tennisti italiani non potevano proprio trovare. Chi ha fatto meno fatica di tutti è stato certamente Cecchinato. Quattro game e Dzumhur se ne è andato via dal campo, preda di dolori addominali. Contro Stan Wawrinka non sarà la stessa cosa. Ma sarà un bel test per il nostro che aveva battuto proprio Dzumhur, un giocatore che evidentemente gli porta bene, perché da lì nacque la sua ascesa fino al memorabile Roland Garros coronato dalla prima semifinale azzurra in uno Slam in 40 anni.

Wawrinka, per chi non lo ricordasse, ha vinto questo torneo battendo un certo Federer in finale (2014)) e qui ha dato due set a zero, 75 63, al francese Pouille che non è uno che si batta da solo, soprattutto con tutto il pubblico che lo incoraggiava.

 

Un italiano doveva vincere per forza nel derby Sonego-Seppi e per il torinese aver vinto senza concedere mai neppure una pallabreak è un bel viatico, oltre che il passaporto all’obiettivo dichiarato di quest’inizio stagione: l’ingresso assicurato nel tabellone del Roland Garros. Un bel colpo per lui. Per Seppi onestamente un successo sarebbe stato meno importante. Gli americani avrebbero chiamato Sonego un “late bloomer”, perché a 23 anni e spiccioli non può essere considerato un “next Generation”, ma come ha detto lui “L’importante è arrivare, come e prima o poi non conta”. La carriera di Paolo Lorenzi lo certifica.

Lorenzo Sonego – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Manco a dirlo il match che ha fatto divertire di più il pubblico, anche quello dei palati fini come il grande coach ed ex capitano di Coppa Davis francese Jean Paul Loth (poi diventato telecronista) nonché Francis Truchi che giocò in Davis contro l’Italia per il Principato prima di diventare qui direttore del torneo tanti anni fa, è stato quello vinto in modo rocambolesco da Fognini.

Lo ha vinto contro un giocatore imprevedibile e pazzerello quanto lui. Non ho potuto seguire le quote oscillanti delle scommesse, ma mi chiedo quale potesse essere la quota di Fognini sul 6-4 e 4-1 per Rublev, n.90 del mondo ma con un best ranking di 31 dopo aver raggiunto i quarti giovanissimo due anni fa all’US Open. Soprattutto quando Rublev ha conquistato ben cinque palle-game per il 5-1 nel secondo. Fognini che aveva anche chiesto un MTO per un problema al gomito (“Ce l’ho da Indian Wells, da un mesetto… ma non mi pare un malanno importante anche se non so da dove mi provenga esattamente il dolore, mi pare sia l’osso ma non so spiegarlo al fisio”) deve fare i conti soprattutto con la solita caviglia, e forse pure con la non meno solita testa. Quest’ultima nella seconda parte del match non era certo la stessa usata nella prima.

Nihil novi sub sole. Quando si è messo a giocare bene, contro il russo che dava in isterismi come ha sempre fatto, Fabio ha dato spettacolo. La gente si è divertita un mondo.

Ma non chiedetemi di fare previsioni riguardo al suo prossimo match contro il vincente di Simon-Popyrin. Godrà di un giorno di riposo in più e non è poco, soprattutto se dovesse essere il più vecchietto Simon il suo avversario. “Ci vuole un po’ di culo” ha detto Fabio in campo e poi anche in conferenza stampa. Forse non è finito.

Sono andato alla sua conferenza stampa, anche per evitare che possa dire – come ha fatto in Australia – che io vado alle sue conferenze solo quando perde. Non è naturalmente vero, ma in un giorno di partite e di conferenze ce ne sono talmente tante che non si può andare a tutte. Anche Francesca Schiavone ci mise un bel po’ a capirlo. Non è che non si va per fare un dispetto. Dipende dagli orari, dalle radio che ti chiamano, da tante cose. È poi vero che quando un giocatore perde parte… e allora si fa uno sforzo maggiore per sentirlo perché si sa che non se ne avrà più occasione fino al prossimo torneo (che magari non è dietro l’angolo). Nel caso di Fognini poi, e qui chiudo l’inciso, c’è anche il fatto che andare ad ascoltarlo senza domandargli nulla per evitare tensioni inutili o eventuali risposte strafottenti non ha troppo senso. Almeno fino a quando possono andare altri collaboratori di Ubitennis che potranno sempre riferirmi. La giornata di domani prevede anche il doppio Fognini-Berrettini contro Fucsovics-Pella, due giocatori che hanno passato il primo turno in singolare.

Le interviste degli italiani le avete, quindi è inutile che qui ripeta quel che hanno detto. Ma mi piace molto l’atteggiamento di Sonego, ragazzo serio come pochi. Per nulla presuntuoso e spocchioso. Un bell’esempio.

Per il resto del torneo, avrete visto le interviste di Djokovic e Nadal, commentate fra le righe da Valerio Vignoli e dal sottoscritto, avrete notato che c’è qualche traduzione in più del solito, e che sono apparsi in sezione video le interviste dei top-players. Un discreto progresso direi. Spero che lo apprezziate.

Grandi sorprese questo lunedì non ci sono state. Hanno perso solo tre teste di serie di retroguardia, la n.12 Basilashvili da Fucsovics, la n.15 Shapovalov da Struff, la n.17 Edmund da Schwartzman. In campo sono scese sette teste di serie, le altre hanno vinto. Non mi paiono grosse sorprese – Edmund n.23 che gioca con Schwartzman n.24 non può mai essere considerato vero favorito sulla terra rossa –  anche se può dispiacere aver perso per strada un sicuro talento come Shapovalov – che brutto compleanno per il canadese perché il ragazzino ha un tennis che piace, anche se talvolta dà la sensazione di essere più fumo che arrosto. Struff piace molto meno, ma è il classico tedesco solido che non molla. Negli ultimi due anni Struff è sempre arrivato al terzo turno qui. Sono sicuro che, a parti invertite, Struff non avrebbe perso il terzo set 6-1.

Denis Shapovalov

Curiosi gli scherzi del tabellone (come già sottolineato nei giorni scorsi). Novak Djokovic, n.1 del mondo e vittorioso nel primo Slam dell’anno (in Australia), ma poi battuto malamente a Indian Wells affronta proprio oggi quel Kohlschreiber che l’aveva battuto. Mentre Nadal domani troverà Bautista Agut, 31 anni compiuti domenica e n.9 nella race.

Le previsioni meteo non sono incoraggianti per il mattino. Fino alle 13 è prevista pioggia. Vedremo. Per noi il match più importante (QUI il programma completo) è certamente Cecchinato-Wawrinka, oltre che Sonego-Khachanov che è un bel test per il torinese. Il problema è che Ceck-Stan è programmato per quarto sul centrale e se dovesse piovere al mattino potrebbe non essere disputato, a meno che si finisca con i riflettori (per i quali credo ci voglia l’accordo dei giocatori).

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Rafa Nadal: “Mio zio Toni mi ha chiesto scusa. Quando si parla troppo…”

Dal suo ginocchio, a Roger Federer (“Con il talento che ha…”) e alla resurrezione di Tiger Woods. “Nessuna frustrazione per gli infortuni. Non posso che considerarmi fortunato”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Dopo che ieri Novak Djokovic aveva detto (qui il link all’intervista di Nole) che battere Rafa al Roland Garros è una delle sfide più grandi che puoi vincere in questo sport. Sarebbe il match dell’anno per me. Un po’ come battere Roger a Wimbledon. Mi è riuscito ed è una sensazione speciale. Perché loro sono stati così dominanti su queste superfici…”, invece Rafa Nadal, undici volte campione nel Principato, non mi ha dato la stessa soddisfazione quando gli ho chiesto dove e contro chi avrebbe voluto sognare il match della vita: “Io non sono uno che sogna molto… (e mi verrebbe da dire, beh peccato Rafa, è così bello sognare!). Vivo giorno per giorno, capisco la tua domanda, ma il mio sogno è continuare a giocare a tennis e cercare di divertirmi a competere quotidianamente. Non penso a battere Djokovic all’US Open o battere Federer a Wimbledon di nuovo. Ora il mio sogno è quello… di essere competitivo per mercoledì e giocare bene qui”.

Lo scorso anno Rafa ha perso un solo match sulla terra rossa, ma – come dice lui – l’ultimo anno e mezzo è stato duro per me. Ho vissuto troppi stop per poter dire come mi sento sulla terra rossa: non sono riuscito a giocare tre settimane di fila senza avere dei problemi! Quindi è normale che quando succedono queste cose anche l’aspetto mentale sale e scende su e giù. È un lavoro quotidiano, piccoli progressi dopo ogni allenamento, mi sono fermato dopo Indian Wells e dopo ho potuto ricominciare solo piano piano. Già il primo turno qui sarà duro (contro Bautista Agut)”.

 

Rafa ha ricominciato a giocare solo due settimane fa ed è arrivato qui venerdì. Un po’ di cautela è più che comprensibile. “È lo stesso problema che hai avuto al ginocchio negli States?”. E lui sorridendo: “Un centimetro più a sinistra, uno più a destra…”. Ma non vuole sentirsi dire che è una vittima, non vuole sentir parlare di frustrazione… La vita e il tennis mi hanno dato tanto, non mi pare sia il caso di lamentarsi, no? Ogni volta che ho giocato ero nella posizione di chi poteva vincere il torneo…certo d’altra parte è anche dura avere un problema dopo l’altro. Fa parte della mia carriera, anche se talvolta può essere difficile da accettare. Parlarne non serve. Occorre semmai restare forti mentalmente, mantenere la passione di sempre, perché se non ci riesci sei nei guai. Ma ogni volta che ho ripreso sono stato sempre molto competitivo. Cominciare bene la stagione sulla terra rossa è ovviamente molto importante per me”.

A proposito di ritorni e resurrezioni, come non chiedere a Rafa del suo idolo Tiger Woods (che andò a vedere giocare alle Bahamas), di nuovo re ad Augusta, undici anni dopo il suo ultimo Slam? Stupefacente! Sono un grande fan, forse è il mio campione prediletto, come ho detto centinaia di volte. Da sempre. Non potrei essere più felice per la sua vittoria. Se pensi a tutto quel che ha patito, il duro lavoro… e poi vincere proprio ad Augusta, forse il suo Slam preferito!”.

Ma come gli chiedono se il ritorno di Tiger sia per lui una fonte d’ispirazione, Rafa risponde un po’ come alla mia domanda sul sogno del match della vita. Non sogna e non si ispira! “Per essere onesto non ho mai avuto bisogno di ispirazione. Sono sempre riuscito a riprendermi e non c’è niente di nuovo per me, no? Sono tornato più volte di quando avrei amato di voler tornare… ma Tiger certo è un buon esempio di passione per lo sport. Disciplina… in termini di duro lavoro. E amore per il gioco”. È stata una brevissima pausa quella che ha fatto Rafa prima di aggiungere in termini di duro lavoro. Chissà se ha riflettuto in un nano secondo che Tiger è stato disciplinato sul campo quanto indisciplinato fuori del campo. “Però quella celebrazione con la sua famiglia dopo la vittoria… non la dimenticherò”.

Rafa Nadal e Carlos Moya – Montecarlo 2019 (foto Roberto Dell’Olivo)

Sulle previsioni per la stagione sul rosso Rafa non si sbilancia: “Non si può predire il futuro, spero che sarò fra i favoriti. C’è una nuova generazione che sta arrivando: Auger-Aliassime, Shapovalov, Tsitsipas giocano bene e a loro piace molto anche giocare sulla terra rossa. Naturalmente Thiem è uno dei candidati per tutto, soprattutto dopo aver vinto Indian Wells. E Roger anche è sempre un candidato. Vediamo se saprà adattare il suo gioco di nuovo alla terra rossa dopo questo tempo lontano… ma non credo che sarà un grosso problema per via del talento che ha. Aspettiamo qualche settimana e ne sapremo di più su tutto”.

Poi un collega gli ricorda una frase eccessivamente drammatica scappata dalle labbra di Toni Nadal: “Rafa non è un giocatore di tennis, è un atleta infortunato che gioca a tennis!”.Chiaro che a Rafa quella dichiarazione non poteva essere piaciuta. È o non è il n.2 del mondo? Ma la sua risposta è stata tranchant. Ha esordito dicendo: Mi ha chiesto scusa! Mi ha detto che era dispiaciuto. Lo voleva dire in modo positivo, per sottolineare che avevo avuto troppi infortuni e dire che nonostante quelli stavo facendo bene. Ma sapete… Toni ha conferenze ogni settimana. Così quando parli molto si fanno degli errori. È normale. Io faccio errori, tutti li fanno. E lui ha sbagliato. È venuto da me e ha detto che gli dispiaceva d’essere stato un po’ troppo drammatico. Naturalmente ho più problemi che i miei avversari, ma sono stato capace di gestirli durante tutta la mia vita.

Rivedremo Rafa contro Bautista Agut, uno dei pochi spagnoli che gioca meglio sul duro che sulla terra rossa. Ma chi oggi si trova ad affrontare Rafa ha forse minor timor reverenziale di un tempo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement