Ultimi pensieri dal Foro

Racconti

Ultimi pensieri dal Foro

Vecchio e moderno si incontrano a Roma. Attraverso gli occhi di chi ha visto, o immaginato il cambiamento

Pubblicato

il

Una volta era quasi tutta campagna. Quantomeno abbastanza. Fino al 1931. Il Foro Italico fu inaugurato nel 1932 col nome di Foro Mussolini e pian piano completato nel dopoguerra. Nel 1935 vi si disputarono gli Internazionali d’Italia maschili di tennis per la prima volta. Le cinque edizioni prima di allora a Milano. Nel 1969 divenne un torneo professionistico. Queste le tappe fondamentali. Con alterne vicende e un paio di spostamenti di location, quali i femminili a Perugia, e una edizione nel 1961 a Torino per festeggiare l’Unità d’Italia, Foro Italico ed Internazionali di Italia di Tennis non si son mai lasciati come le coppie longeve dello spettacolo.

Il Foro Italico ha anche vissuto i fasti della Davis. Per anni è stato il tempio di Adriano Panatta. Il Campo Centrale meriterebbe avere il suo nome, ma l’Italia è sempre alla ricerca di eroi per accorgersi e rispettare quelli che ha. Porta un nome importante invece il Pietrangeli, già Stadio della Pallacorda. Si dice sia lo stadio del tennis più fascinoso del mondo, grazie a quello stile che affonda le radici nella storia antica e in una recente che ai suoi fasti si richiama. Seduti tra marmi di stile antico a pochi metri dai giocatori, spicca il contrasto con la navicella spaziale che sembra essere il nuovo Centrale. Distano pochi metri, a separarli fast foods di ogni specie. Un grosso Centro Commerciale dove si comprano trigliceridi. Dal Centrale vien fuori una musica tunz tunz. La storia di qua, il club vacanze di là. Volumi da rave. Il cambio campo. Lecito immaginare il pubblico impegnato a far trenini con i giocatori che urlano “su le mani” tra gavettoni e racchettoni. Il tributo alla modernità fa sempre tanto rumore.

Gente ovunque, file ovunque. Si sta come sui ponti di Venezia al sabato pomeriggio in primavera. Telefono alla mano si fotografa qualsiasi cosa. Dall’appassionato/giocatore di club dei tempi che furono dell’evento di nicchia, all’evento “social”, dove l’esserci e mostrarlo è più importante che capire perché si è e dove. Selfie ergo sum. C’è anche il tennis. Ovviamente tanto. Sold out il Centrale, eppure le cose migliori nei primi turni sono altrove. Curiosare tra i numerosi campi di allenamento per esempio, la vera novità delle ultime edizioni. I segreti della tecnica dei campioni a portata di mano. Pochi metri tra la quarta categoria e il cielo.

 

C’è calca davanti agli schermi vicino alla Next Gen Arena. Next Gen, il logo di una categoria “fake” per un evento inutilmente simpatico. Dallo schermo mandano le immagini del match di un italiano. Si tifa come in un derby. Il Centrale stracolmo. Musica, cori, urla. L’inferno, ma nessuno gli da questo nome. L’italiano vince. Ancora più in alto i c(u)ori. Musica impazzita. Germania 2006 è ancora tra noi. Nel 1987 si ebbe il coraggio di lamentarsi per il volume della musica degli U2 nella tappa romana del tour di “The Joshua Tree”. Il terremoto del Flaminio scrissero. Questo del Centrale ha connotazioni artistiche molto meno nobili, ma per una nazione fondata sul pallone, che un italiano vinca è ottimo motivo per crearne di nuovi.

Direzione campi secondari. Spalti non propriamente pieni. Grugniti, gemiti e pallate. Match femminile. Gesti in sequenza. Seriali. Su due campi adiacenti, qualche anno fa, si allenavano contemporaneamente le Loro Maestà Roger Federer e Serena Williams. Dallo stesso lato colpi in sincrono si sovrappongono. Medesima direzione. Serena tirava forse anche più forte, ma la palla di RF arrivava dall’altro lato molto prima. I segreti dell’anticipo e dell’importanza del prendere il tempo all’avversario. Zenone che gioca a tennis con Achille e la tartaruga e tutti insieme ridisegnano il paradosso. Su quel campo, un ventennio prima, c’era gente che ammirava le acrobazie di Noah e il rito del suo togliersi la maglia. Sorrisi di giubilo del pubblico femminile. Su uno dei nuovi campo di allenamento c’è Deliciano Lopez. Altro prototipo di bellezza, con in più le sue volée mancine e rovescio monomano. Bouchard, Ivanovic, Sharapova, Pennetta, Kournikova, Sabatini, Evert. Borg, Vilas, Noah,WIlander, Rafter, Moya, Lopez. Lo sport adora abbinare alla forza la bellezza. Gli eroi son tutti giovani e belli.

Il Foro ha sempre dispensato amore. Vilas, Gerulaitis, Noah, Sabatini, Agassi, Kurten, Martinez, Nadal, Federer, Sharapova. Manco a dirlo Panatta. A far sognare dopo di lui, Zugarelli in finale contro Gerulaitis, Errani contro Serena ed un Volandri che batte Federer e poi basta, mai quel “poi”, una vita intera. In mezzo tanti amori da un giorno per chi è stato eroe per un giorno. Un solo set vinto da un italiano, è sufficiente per parlare di un nuovo Top 10. Il canale televisivo tematico del tennis italiano lo certificherà usando il garbo e il fascino sbarazzino di una conduttrice di cui è semplice innamorarsi. Al cuor non si comanda e si da ragione.

Verso sera. Una volta il regno del Villaggio dell’ospitalità. Uomini della politica e dello spettacolo, dello sport e rampolli di famiglie che più famiglie non si può “in selvaggia parata”. TV tra i tavoli. Interviste. L’evento mondano del maggio romano. La “bella vita” di Fellini, una “grande bellezza” di Sorrentino. Il Marchese del Grillo è stato visto andar via da poco. Qui ora comanda Instagram. Il Foro Italico è cambiato e con esso i suoi abitanti, i suoi attori protagonisti. È cambiato l’immaginario e con esso gli odori, i colori. È cambiato il modo di vivere il tennis, di vestirlo, giocarlo. Si è adeguato allo spirito del mondo che viene, che sempre dura poco per poi passare e divenire sempre qualcos’altro. Ciclicamente.

Dal garbato “Panatta alla battuta” all’“incredibile! Ma cosa ha fatto?” urlato ad ogni 15 dall’indemoniato telecronista dal canale tematico TV del tennis italiano, anche le voci, i toni e lo stile dei commentatori, son cambiati. Per colpire di rovescio non basta più una mano ed esultare in faccia all’avversario anche al suo errore, fa molto fighter. Chi non ha tic gioca male. Si allenano anche quelli. Il pugnetto ad ogni 15 lo insegnano nelle scuole tennis così come il gesto per ordinare al raccattapalle di porgergli l’asciugamano. Igiene e rispetto, c’eravamo tanto amati. Son cambiati i suoni. Grugnire è obbligatorio, specie per i giocatori nati sul rosso che ne hanno più tempo. Si insegna in diverse lingue il verbo “andare” nella prima persona plurale. Urlato esortativo.

Fine giornata. Domani si chiama l’amico e lo si costringe a fare da sparring essendo certi di esser diventati tennisti migliori. I bambini giocheranno facendosi addosso la telecronaca, interpretando i propri idoli. I giornalisti han mandato già in stampa il pezzo e lo spettatore turista si avvia in qualche ristorante del centro tra una colonna antica ed uno stazionamento taxi. Ci si avvia verso l’uscita. Il frastuono tra i viali del Foro continua ad essere notevole. Chissà perché il moderno si annuncia sempre attraverso tanto rumore.

Continua a leggere
Commenti

Italiani

Quando Panatta ‘bullizzò’ Solomon: “E tu con quel fisico lì penseresti di battermi?”

L’Equipe rievoca il doppio miracolo di Panatta a Roma e Parigi nel 1976, con la frase di Adriano che turba l’americano davanti allo specchio poco prima della finale. “Gli 11 match point salvati contro Wawrwick? Mai pensato di perdere!”. Un giornalista piangerà in tribuna

Pubblicato

il

Adriano Panatta con il trofeo del Roland Garros 1976

In questi giorni in cui avrebbe dovuto svolgersi il Roland Garros, il giornale francese L’Equipe non ha mancato di rievocare lo storico trionfo del 1976 di Adriano Panatta. L’eccellente articolo di Vincent Cognet ripercorre l’exploit dell’unico tennista azzurro (tra gli uomini) ad aver conquistato uno Slam in singolare nell’Era Open. Prima di alzare al cielo il trofeo di Roma – peraltro proprio in questo giorno, era il 30 maggio 1976 – e del Roland Garros, Adriano vive in entrambi i tornei un percorso da brividi; si trova sull’orlo del baratro più e più volte, si salva in extremis per poi sbaragliare tutti al traguardo. Insomma, un vero e proprio festival di match point salvati all’ultimo respiro e all’ultimo tuffo, diventato leggenda.

Cognet ricorda dapprima l’incredibile rimonta di Max Decugis che all’Exposition Universelle di Bruxelles nel 1910 batte il neozelandese Tony Wilding 3-6 0-6 7-5 6-0 6-0 dopo essere stato in svantaggio per 6-3 6-0 5-0. “La polvere del tempo ha ricoperto quell’episodio incredibile, ma anche quel che accade in 10 settimane della primavera 1976 a Adriano Panatta non è da meno“. Al torneo di Nizza, l’italiano salva otto match point al primo turno contro il giapponese Jun Kuki (5-7 6-4 9-7). Un segno premonitore? Certamente un assaggio di quelli che avrebbe salvato quasi due mesi dopo, a Roma, ancora al primo turno, opposto all’australiano Kim Warwick (3-6 6-4 7-6). In svantaggio 2-5 al terzo set, Adriano salva la bellezza di undici match point per poi conquistare il torneo sconfiggendo in finale Guillermo Vilas.

Due settimane dopo, il tennista romano ottiene il sigillo più prestigioso in carriera, la vittoria al Roland Garros. Ancora una volta, il primo turno è da brividi. L’avversario, il cecoslovacco Pavel Hutka, ha il matchpoint per mandare a casa Panatta, ma questi sembra avere una bacchetta magica al posto della racchetta ed estrae dalle corde un salvataggio a dir poco miracoloso: “Francamente, non credo ci sia una ragione che possa spiegare tutto questo” ammette Adriano a L’Equipe, “non c’è un segreto per salvare 11 match point. Ci vuole fortuna. È un po’ il destino.. “.

 

All’epoca – ricorda Vincent Cognet – i giocatori non beneficiavano di una settimana di recupero tra il torneo di Roma e il Roland Garros. E Panatta non aveva davvero troppi punti in comune con l’ascetico Ivan Lendl. Non era davvero famoso per il suo rigore in fatto di alimentazione e stile di vita. Di sicuro non si era certo negato la gioia di festeggiare degnamente la vittoria romana”.

QUEGLI INCREDIBILI 11 MATCHPOINT, 10 SUL SERVIZIO DI WARWICK!

La cosa più incredibile – scrive ancora il collega francese riportando le parole del direttore Scanagatta (che lui definisce ‘la memoria vivente del giornalismo italiano’) – è che Adriano ha salvato dieci match point sul servizio di Warwick! Le prime due sul 5-2 40-15. Gli è riuscito tutto alla perfezione, tra cui una favolosa volée alta di rovescio, con la schiena rivolta alla rete, sulla nona palla del match. Soltanto una volta ha approfittato di una risposta sbagliata. Per il resto, è andato sempre lui a cercarsi i punti. Vi lascio immaginare l’atmosfera sul Centrale del Foro Italico. Ma la cosa più straordinaria è accaduta in conferenza stampa durante la quale Adriano ci ha confidato di non aver mai pensato di poter perdere quel match!.

Di solito giocavo meglio al Roland Garros che a Roma“, spiega Panatta a Cognet, “in Italia c’erano troppe aspettative. Ma, dopo aver battuto Warwick, credo di essermi sbloccato. Ho cominciato a giocare con una grande serenità. Rilassato, giocavo molto bene e tutto mi sembrava facile“.

Ma le emozioni non erano finite. A Roma, nell’incontro di quarti di finale contro Solomon, a causa dei precedenti numerosi errori arbitrali a favore dell’azzurro commessi dai giudici di linea – coloro che Gianni Clerici all’epoca aveva asserito essere “affetti da miopia patriottica” – è Panatta a suggerire di arbitrarsi da soli in caso di palle incerte. E sulle prime cinque chiamate discutibili proprio Panatta rende il punto in quattro occasioni all’americano. Solomon, indietro 4-0 nel terzo, conquista cinque giochi di fila e serve quindi per il match sul 5-4.

Il direttore Scanagatta – questo è sempre quanto scrive Vincent Cognet – ricorda che, sullo 0-15, “Panatta gioca un lob che viene giudicato buono. Salomon pensa sia fuori ma la chiamata ‘out’ non arriva. Colpisce allora la palla come può ma il suo dritto finisce fuori. Il giudice di linea e quello di sedia sono convinti che la palla di Panatta sia buona. Dopo il match ho chiesto a una trentina di spettatori che ritenevo neutrali cosa ne pensassero e molti di loro, tra cui Newcombe, si dichiararono d’accordo con gli arbitri. Ma Solomon, furioso, non ci sta. Sullo 0-30 rifiuta di continuare a giocare, se la decisione non viene modificata. Ovviamente il pubblico va in escandescenze. L’arbitro di sedia chiede ben otto volte a Solomon di riprendere l’incontro: ‘O giochi oppure te ne vai’. Lì Solomon prende le racchette sottobraccio e se ne va!”.

L’incidente non contribuirà a creare un’amicizia tra i due tennisti. Panatta si lamenterà: “Solomon si è comportato male con il pubblico e ancora di più con me“.

IL MIRACOLO PARIGINO, CON SOLITO BRIVIDO AL PRIMO TURNO

Due giorni dopo la vittoria in finale con Vilas a Roma, Panatta deve affrontare al primo turno del Roland Garros Pavel Hutka, un cecoslovacco dal gioco molto complicato (serviva con una mano, giocava il dritto con l’altra, il rovescio lo faceva con due; n.d.r.). Sarà una lunga via crucis. Al quinto set, l’azzurro salva un match point con un formidabile tuffo a rete degno del miglior Becker: “L’ho rivisto spesso” confessa Panatta, “perché Gil de Kermadec (fondatore del servizio audiovisivo della Federazione francese, n.d.r) aveva realizzato un filmato sul torneo. Beh, è un misto di fortuna e tecnica. Oggi viene chiamata ‘veronica’. Ma poi sono riuscito a recuperare e ho giocato molto bene”.

Ai quarti di finale, il suo cammino incrocia quello di Björn Borg: Dopo la mia vittoria agli ottavi contro Franulovic, sono tornato all’hotel a Saint-Germain-de-Prés. Poi, al Café des Arts ho guardato la sua partita con François Jauffret (vinta da Borg 10-8 al quinto set!). Facevo il tifo per Borg. Perchè perché mi piaceva affrontarlo mentre odiavo giocare contro François. È strano ma è così!“. (n.d.r. Panatta ha perso da Jauffret, che l’attaccava palla dopo palla sul suo rovescio, più d’una volta, inclusa una in Coppa Davis che di fatto ha comportato il successo della Francia sull’Italia).

Come già nel 1973, Adriano batte lo svedese (6-3 6-3 2-6 7-6) restando l’unico tennista ad averlo superato sulla terra parigina (Borg ha vinto sei edizioni del Roland Garros in otto partecipazioni; nelle altre due occasioni ha perso contro Panatta). “A Björn non piaceva giocare contro di me” dichiara Panatta, “perché non gli davo alcun ritmo. Variavo moltissimo e andavo sempre avanti. Con me ogni punto era diverso e lo facevo soffrire con le mie smorzate. Di dritto, con lo stesso movimento, riuscivo a giocare sia una smorzata, sia un vincente sia uno slice d’attacco. Così lo destabilizzavo. Poi cercavo di farlo venire a rete. Non volevo assolutamente che restasse a fondo a giocando al suo stesso ritmo“. I due erano, e lo sono sono tutt’ora, molto amici: “Alla base della nostra amicizia c’è un grande rispetto reciproco. Eppure lo prendevo spesso in giro: ‘A te non ti piace giocare contro di me eh?!” Ma Björn non si arrabbiava, dimostrava sempre sense of humour“.

In finale, due settimane dopo lo psicodramma di Roma, Panatta ritrova Solomon. Negli spogliatoi, Adriano stuzzica e non perdona: “Mi sono avvicinato a Solomon, che era davanti allo specchio ed era davvero piccolino (1,68 m) e lì gli ho proprio detto: ‘Ma dai su… guardati bene! Come puoi pensare di riuscire a battermi oggi?’ Beh, ok, non sono stato troppo… gentile ma è andata proprio così, è una storia vera“. Panatta diventa il primo giocatore italiano a imporsi a Roma e Parigi dopo Nicola Pietrangeli nel 1960. Ed entra nella storia.

All’epoca, per Ubaldo Scanagatta, era il primo Roland Garros da inviato. Alla vista di quanto accade, sul suo viso comparvero diverse lacrime. “Da junior facevo parte dei migliori giovani italiani ” racconta il Direttore a Cognet, “e (nel college di Formia) mi trovavo con Adriano, Paolo Bertolucci e diversi altri. Un giorno, tutti insieme, abbiamo fatto un patto: se uno di noi un giorno avesse vinto un torneo importante, sarebbe stata la vittoria di tutti. E allora, sul match point, ho ripensato a quel giorno e a quel momento. Ero così commosso da mettermi a piangere come un vitello. Accanto a me c’era una collega tedesca, davvero molto carina. Vedendomi in quello stato, mi ha abbracciato e mi ha detto: ‘Dai, su coraggio!‘ Posso proprio dire che è stato un bel momento!“.

Traduzione di Laura Guidobaldi

Continua a leggere

Racconti

Uno contro tutti: il magico 1984 di McEnroe e il duello per la vetta con Lendl

Ventisei uomini diversi hanno occupato il trono di numero uno del mondo. Ripercorriamo le loro storie: oggi parliamo del testa a testa tra John e Ivan

Pubblicato

il

(credit foto: Eurosport)

L’anno del grande fratello orwelliano, del controllo su tutto e tutti, si esprime nel tennis con le fattezze e il genio di John McEnroe. Con Borg ormai fuori dal circuito e Connors che resiste al terzo posto ma non sembra possedere più l’energia per tenere il passo dei primi due, la lotta per il vertice del ranking ATP si identifica nel duello tra il mancino nato a Wiesbaden e cresciuto a New York e Ivan Lendl, nato a Ostrava in Cecoslovacchia ma con tutte le intenzioni di diventare cittadino americano.

Quando inizia la stagione 1984, è Lendl il n.1 ma nei due tornei che disputa perde altrettante finali proprio con McEnroe (a Filadelfia e Bruxelles) e con quelle la leadership. Dopo averci perso sette volte consecutive, adesso Mac sembra aver trovato le misure al grande rivale tanto da averlo battuto in cinque delle ultime sei sfide. In realtà, McEnroe ha innalzato la qualità del suo tennis ad un livello irraggiungibile per chiunque altro. Compreso il Masters di New York (che appartiene al 1983 ma si è disputato in gennaio nella consueta sede del Madison Square Garden), John ha infilato 24 vittorie consecutive per tornare n.1 (il 12 marzo) ma l’entità della sua dittatura si esplica ancora meglio conteggiando i set persi: appena 3 contro 51 conquistati.

Se però qualcuno pensa che il traguardo di aver conquistato la vetta per la decima volta in carriera (alla fine saranno ben quattordici, nessuno come lui) abbia avuto l’effetto di calmarlo, deve ben presto ricredersi. Dopo Filadelfia, Richmond, Madrid e Bruxelles, McEnroe domina le WCT Finals a Dallas e non si placa nemmeno sulla terra (verde) di Forest Hills e (rossa) della World Team Cup in programma a Dusseldorf. In entrambe le occasioni ritrova Lendl e lo liquida sempre in due set, portando a 36 gli incontri vinti uno dietro l’altro. Ma la vendetta, lo sanno tutti, è un piatto freddo, anche se arriva in un caldo e assolato pomeriggio parigino.

Sì perché nella finale del Roland Garros (mandata in onda ieri da Eurosport, a riaprire le ferite dei tifosi di Mac) accade l’imponderabile: avanti due set a zero esprimendo una qualità offensiva forse mai tradotta con tale efficacia sul centrale di Parigi, il n.1 subisce la lenta ma inesorabile rimonta di Lendl che alla fine vince il suo primo Slam con lo score di 3-6 2-6 6-4 7-5 7-5. È la prima delle tre sole sconfitte a cui andrà incontro l’americano nella stagione ma ha una valenza enorme nonché doppia. Perché Ivan, dopo aver perso le prime quattro finali Slam disputate, si è sbloccato e quando l’uragano McEnroe sarà passato, lui sarà pronto per succedergli; e perché, anche se solo per una settimana, torna ad essere il primo della lista.

Forse ebbro di gioia, Lendl approda al Queen’s da numero 1 e fa vivere a Leif Shiras il suo mercoledì da leone. Classificato oltre la centesima posizione, lo statunitense che ha studiato Shakespeare a Princeton ha un gioco che ben si adatta all’erba londinese e – dopo aver battuto Ivan 7-5 6-3 – si spinge fino all’atto finale dove strappa un set anche a McEnroe. Il ritorno alla vittoria diventa l’ennesima occasione di cambio della guardia e l’americano può difendere il titolo di Wimbledon da n.1 ma, nonostante sia lui che Lendl ribadiscano lo stesso risultato dell’anno prima, il cecoslovacco si riprende la vetta il 9 luglio. Non è sempre semplice spiegare un meccanismo che può sembrare perverso ma, lo ribadiamo una volta di più, il sistema di calcolo del punteggio non tiene sempre conto dell’esito del campo e in un caso come questo – con McEnroe che gioca forse il miglior incontro della sua vita battendo 6-1 6-1 6-2 quel Jimmy Connors che in semifinale aveva regolato proprio Lendl – diventa quasi incomprensibile.

 

Tuttavia, nelle cinque settimane successive Lendl scende in campo solo in Coppa Davis contro la Francia e perde in tre set con Henri Leconte mentre Mac supera in scioltezza gli argentini Clerc e Jaite. Il 13 agosto, alla vigilia degli Open del Canada a Toronto, anche il computer smette di fare le bizze e si adegua a ciò che il campo ha ripetutamente evidenziato: John McEnroe ridiventa n.1 e questa volta vi rimarrà per oltre un anno. Saranno due i passi falsi di John fino al termine di una stagione che chiuderà con lo stratosferico bilancio di 82-3; al primo turno di Cincinnati, dove a sorprenderlo è Vijay Amritraj, e nella prima giornata della finale di Coppa Davis a Goteborg.

È il 16 dicembre e siamo veramente agli sgoccioli di un anno memorabile per McEnroe, ma quando scende in campo per il secondo incontro della prima giornata gli Stati Uniti sono già sotto di un match perché Wilander ha battuto Connors nettamente. Nonostante entrambi gli americani abbiano miglior ranking rispetto ai due padroni di casa, sulla terra soffice stesa all’interno dello Scandinavium sia Mats che il ventenne Henrik Sundstrom (peraltro rispettivamente n.4 e n.6 del ranking) sono ossi duri. Infatti, dopo un primo set infinito, alla lunga McEnroe cede a Sundstrom con lo score di 13-11 6-4 6-3 e la Svezia ipoteca l’insalatiera. Tuttavia, ancora più profonda è la ferita del giorno dopo, quando la coppia più bella del mondo, quella composta dallo stesso McEnroe e Peter Fleming, viene battuta in quattro set da Edberg/Jarryd e vede interrotta la sua imbattibilità nella competizione, che durava da 13 incontri.

Poche settimane dopo la disavventura in Scandinavia, John McEnroe si conferma campione del Masters a New York prendendosi la rivincita su Jarryd e Wilander e regolando in finale Lendl 7-5 6-0 6-4. In buona parte, il 1985 sarà un anno simile al precedente per il mancino di Wiesbaden; da un Masters (Grand Prix) all’altro (WCT) McEnroe infila altre 19 vittorie e fa suoi gli indoor di Filadelfia, Houston, Milano e Chicago lasciando per strada appena due set. Ma a Dallas è ancora uno dei tanti “nipotini” di Borg a sbarrargli la strada: Joakim Nystrom. Dopo aver vinto il primo parziale per 6-4, il n.12 del mondo salva quattro set point nel secondo e fa suo il tie-break per 7-5 con Mac che si infuria per la chiamata di un fallo di piede; nel terzo (si gioca al meglio dei cinque) il n.1 riesce finalmente a strappare la battuta al rivale ma per lui non è proprio giornata e si arrende 6-3 sconcertando anche il pubblico.

Il passo falso in Texas viene parzialmente rimediato in Georgia, dove Mac fa suo il torneo di Atlanta ma con l’arrivo della terra arrivano anche altre tre sconfitte, due delle quali lasciano intendere che Ivan Lendl è pronto per spodestare nuovamente il re del tennis. Sia a Forest Hills (dove l’americano aveva già rischiato grosso nei quarti contro un sorprendente Claudio Panatta, che rimpiangerà otto palle break non capitalizzate nel secondo parziale e perderà solo 7-5 al tie-break decisivo) che a Dusseldorf, il n.2 anticipa quello che potrebbe succedere nel ben più prestigioso teatro del Roland Garros ma a Parigi il duello non si rinnova perché McEnroe trova sul suo cammino l’intera nazionale svedese e, dopo aver eliminato sia Sundstrom che Nystrom, in semifinale si arrende a Mats Wilander.

La grande quantità di punti da difendere costringe McEnroe a mantenere ritmi elevatissimi praticamente in ogni torneo e a Wimbledon solo il KO negli ottavi di Lendl (battuto da Leconte) attenua la sua secca sconfitta nel turno successivo contro Kevin Curren. Sudafricano di nascita ma appena naturalizzato statunitense, Curren non è nuovo a ottimi exploit nei grandi tornei, pur senza arrivare mai al successo: la sua grande occasione l’ha avuta sempre a Wimbledon nel 1983, quando ha perso in semifinale con Chris Lewis, ma anche agli Australian Open del 1984 avrebbe potuto vincere dopo aver eliminato Lendl e invece si fermò all’ultimo atto contro Wilander, nonostante l’erba fosse una superficie a lui più congeniale. Qui, McEnroe viene letteralmente annichilito (6-2 6-2 6-4) e dopo di lui Connors, che in semifinale si deve accontentare di cinque giochi, ma in finale il 27enne di Durban patisce l’emozione molto più del suo giovane avversario e consegna alla storia il talento precoce di Boris Becker.

Nell’estate americana John tiene a distanza Lendl battendolo in due set nelle finali di Stratton Mountain e Montreal ma la sfida decisiva è quella degli US Open e questa volta i primi due rispettano il pronostico trovandosi regolarmente di fronte nella finale. Oltre al titolo, è in palio anche lo scettro di n.1 del mondo e il verdetto è inappellabile: Lendl vince 7-6 6-3 6-4 e si mette comodo in poltrona, perché ci rimarrà per ben 157 settimane consecutive, sfiorando il record di Connors (160). Al contempo, si chiude qui la lunga stagione di McEnroe con numeri di assoluta qualità: 258 incontri (226-32) in 170 settimane e 51 tornei, di cui 30 vinti; infine, è il n.1 che, tuttora, ha il record di riconquiste della vetta (14). Degli anni di Ivan Lendl parleremo nella ottava puntata, che ci farà arrivare al 1988.

TABELLA SCONFITTE N.1 ATP – SETTIMA PARTE

ANNONUMERO 1AVVERSARIOSCORETORNEOSUP.
1984LENDL, IVANMcENROE, JOHN36 63 36 67FILADELFIAS
1984LENDL, IVANMcENROE, JOHN16 36BRUXELLESS
1984McENROE, JOHNLENDL, IVAN63 62 46 57 57ROLAND GARROSC
1984LENDL, IVANSHIRAS, LEIF57 36QUEEN’SG
1984LENDL, IVANLECONTE, HENRI36 68 46DAVIS CUPS
1984McENROE, JOHNAMRITRAJ, VIJAY76 26 36CINCINNATIH
1984McENROE, JOHNSUNDSTROM, HENRIK1113 46 36DAVIS CUPC
1985McENROE, JOHNNYSTROM, JOAKIM46 67 36DALLAS WCTS
1985McENROE, JOHNLENDL, IVAN36 36FOREST HILLS WCTC
1985McENROE, JOHNLENDL, IVAN76 67 36WORLD TEAM CUPC
1985McENROE, JOHNWILANDER, MATS16 57 57ROLAND GARROSC
1985McENROE, JOHNCURREN, KEVIN26 26 46WIMBLEDONG
1985McENROE, JOHNLENDL, IVAN67 36 46US OPENH

Uno contro tutti: Nastase e Newcombe
Uno contro tutti: Connors
Uno contro tutti: Borg e ancora Connors
Uno contro tutti: Bjorn Borg
Uno contro tutti: da Borg a McEnroe
Uno contro tutti: Lendl

Continua a leggere

Racconti

Uno contro tutti: Lendl

Ventisei uomini diversi hanno occupato il trono di numero uno del mondo. Ripercorriamo le loro storie: oggi è la volta di Ivan, quarto all time per numero di settimane in vetta

Pubblicato

il

Come anticipato nella scorsa puntata, dal 13 settembre 1982 al 13 agosto 1984 (quindi in ventitré mesi) il vertice del ranking ATP cambia per ben venti volte, quasi una al mese. Uscito definitivamente di scena Bjorn Borg, il suo posto viene preso da Ivan Lendl, che dovrà attendere il 28 febbraio 1983 per diventare ufficialmente il sesto n.1 del mondo in ordine di tempo. Anche se concede ai diretti rivali sette (a McEnroe) e otto (a Lendl) anni, Jimmy Connors non si arrende e in questo periodo riuscirà ad accumulare altre 17 settimane in vetta e portare il suo record assoluto a 268 totali. Ma quello delle settimane non è l’unico rilievo di peso. Quando, come vedremo, Jimbo si toglierà per l’ultima volta la corona (il 3 luglio 1983) avrà giocato 449 incontri da numero 1 – vincendone 405 (90,2%, la seconda miglior percentuale di sempre) – in un totale di 102 tornei. E in quei tornei raggiungerà 65 volte la finale, conquistandone 49.

Bene, la premessa su Connors era doverosa perché il mancino di Belleville si è intrufolato, con successo, in uno dei più emozionanti dualismi nella storia del tennis: quello tra John McEnroe e Ivan Lendl. Sì perché, anche se si fa un gran parlare – a giusta ragione – della rivalità tra lo statunitense e Borg, è opportuno sottolineare come, sotto il profilo delle rispettive personalità, la stessa sia stata condizionata dall’involontario ma effettivo ascendente che Borg aveva nei confronti di McEnroe. Contro lo scandinavo, per sua stessa successiva ammissione, McEnroe era solo McEnroe, non il cattivo ragazzo pronto a cogliere qualsiasi sfumatura di un incontro per trasformarlo in uno show. Insomma, tra i due sul campo c’era solo una pallina da rimandare – ciascuno a suo modo, ed erano proprio gli opposti modi di intendere questo sport che li rendeva avversari perfetti l’uno per l’altro – di là una volta più dell’altro. Ma tra McEnroe e Lendl… Beh, tra questi due c’era proprio una reciproca intollerabilità epidermica, che trasformava ogni loro match in una battaglia a tutto tondo.

Quando inizia il periodo che stiamo prendendo in esame, sono già otto i confronti diretti tra i due; Mac ha vinto i primi due, Ivan i successivi, di cui l’ultimo è recentissimo: la semifinale degli US Open, che Lendl incamera con lo score di 6-4 6-4 7-6. Pur di un anno più giovane, Lendl sembra avere le armi per neutralizzare McEnroe: un servizio abbastanza robusto da tenerlo sulla difensiva e colpi di sbarramento da fondo campo per neutralizzare la propensione offensiva dello statunitense. Ma siamo solo all’inizio, nonostante il concetto venga ribadito anche nella finale del Masters di New York, consueta chiusura/apertura a cavallo di due annate che per l’occasione ha cambiato formula passando all’eliminazione diretta. Al Madison Square Garden la supremazia del cecoslovacco è quasi imbarazzante: in finale lascia dieci giochi al numero 1 mondiale (6-4 6-4 6-2) e allunga a tredici titoli e due anni di imbattibilità la sua striscia indoor.

Quasi inevitabile, con questi numeri, che Lendl venga considerato il vero leader ma questo avviene solo – come detto – il 28 febbraio, dopo l’intermezzo di Connors che, approfittando del ko di McEnroe a Richmond con Tanner (eccolo lo scalpo del quarto n.1 appeso alla cintura di Roscoe) vince a Memphis e si fa eliminare a La Quinta da Mike Bauer. Californiano di Oakland, Bauer è uno degli otto tennisti ad aver vinto l’unico match disputato contro un n.1 mondiale. Il Congoleum Classic, torneo con 225 mila dollari di montepremi che si svolge al Mission Hills Country Club, è antenato dell’attuale Masters 1000 di Indian Wells e Connors ci arriva in grande fiducia. “Mi sento benissimo” afferma Jimbo dopo aver battuto all’esordio Sammy Giammalva jr. e nulla fa presagire la sconfitta rimediata contro il n.90 ATP che, naturalmente, giudica il 6-3 6-4 inflitto al ben più quotato connazionale come “il miglior risultato della mia carriera”.

 

Il paradosso della situazione – ma non è una novità, accadrà ancora in futuro – è che Lendl va a sedersi sul trono qualche giorno dopo aver perso da Pavel Slozil al primo turno del WCT di Delray Beach, rafforzando così la convinzione di tutti coloro che ritengono il computer inadeguato a stabilire i reali valori del tennis.

Opinioni personali a parte, Lendl raggiunge la vetta ma non ne farà certo buon uso. Nelle prime tredici settimane del suo regno, Ivan colleziona ben sei sconfitte (pur vincendo tre tornei: Milano, Houston e Hilton Head) di cui la più bruciante è sicuramente quella contro McEnroe nella finale del Masters WCT a Dallas. In Texas, John vince 7-6 al quinto set aggiudicandosi il tie-break decisivo per 7-0 con uno stratosferico ultimo punto – recupero vincente su palla corta, con complicità del raccattapalle che abbassa la testa per non intralciare la splendida traiettoria – e conferma, dopo averlo battuto anche a Filadelfia qualche mese prima, di poter vincere il complesso-Lendl.

In termini però di qualità assoluta degli avversari, sono ben altre le battute d’arresto di Ivan che fanno pensare: il 6-1 6-2 con Mark Dickson al primo turno del WCT di Monaco o ancora la sconfitta, sempre al debutto, con l’israeliano Shlomo Glickstein sulla terra di Monte Carlo. Tuttavia, sarà lo stop inflittogli da Balasz Taroczy ad Amburgo a detronizzarlo. Grande specialista della terra rossa (chiuderà la carriera con 20 finali nel circuito, di cui ben 18 su questa superficie), tennista forse un po’ leggero ma assai dotato tecnicamente, l’ungherese detronizza di fatto il n.1 rifilandogli un 6-1 al terzo set negli ottavi e riconsegna la corona a Connors, che si presenta al Roland Garros da leader del ranking.

Ma, vi avevamo avvertito, lassù in cima c’è poca stabilità e a Parigi Jimbo non va oltre i quarti di finale, eliminato nientemeno che da Christophe Roger-Vasselin, semisconosciuto anche al suo stesso pubblico tanto che, quando gli viene chiesto cos’abbia provato a sentire quei “Roger! Roger!” che arrivavano dagli spalti, risponderà sorridendo che “la prossima volta spero che si ricordino che mi chiamo Christophe…”. Cogliendo il risultato più importante della carriera, il n.130 del mondo permette a McEnroe di scendere in campo al Queen’s da leader ma qui in finale rimedia un doppio 6-3 dallo stesso Connors che così difende il titolo a Wimbledon da n.1. I punti in scadenza pesano però sul groppone di Jimmy e la sconfitta negli ottavi con il temibile sudafricano Kevin Curren segna i suoi ultimi giorni, che scadranno appunto il giorno prima dell’anniversario dell’indipendenza statunitense.

Il torneo lo domina McEnroe, che lascia per strada un set a Segarceanu ma regola Lendl in semifinale e strapazza il sorprendente Chris Lewis in finale con un triplice 6-2. John mantiene il primato per 17 settimane, nel corso delle quali viene battuto da due svedesi (Jarryd e Wilander) e soprattutto da Scanlon agli US Open ma l’ennesima rincorsa di Lendl è costellata di ottimi risultati (vittoria a Montreal e San Francisco, semifinale a Cincinnati) e solo la sconfitta nella finale degli US Open per mano di Connors – in quello che sarà l’ultimo degli otto Slam di Jimbo – gli impedisce di operare prima il sorpasso. Infatti, per rivedere Lendl n.1 occorre attendere la fine del torneo indoor di Tokyo, che il cecoslovacco fa suo battendo Scott Davis nell’ultimo atto.

Il finale di stagione, come capita in certe serie tv, è deludente e contraddittorio perché il re del momento, Lendl, perde entrambe le finali importanti a cui partecipa. La prima sull’erba del Kooyong di Melbourne, la seconda al Masters di New York. In Australia – ma era già successo a Cincinnati – c’è un giovane svedese dal radioso futuro a mettere in riga i primi due della classe: si chiama Mats Wilander e di lui sentiremo parlare ancora. Al Madison invece McEnroe, sotto gli occhi della nuova fiamma Tatum O’Neal, ribalta completamente il verdetto dell’anno precedente e finisce alla grande il 1983 sconfinando nella nuova stagione. E il nuovo anno è il 1984, quello in cui Orwell aveva immaginato un mondo diviso in tre grandi potenze. Nel tennis, invece, non ci saranno alternative all’egemonia di un solo Grande Fratello: John McEnroe. Ma di una tra le più incredibili stagioni mai fatte registrare da un tennista parleremo più nel dettaglio nella prossima puntata.

TABELLA SCONFITTE N.1 ATP – SESTA PARTE

ANNONUMERO 1AVVERSARIOSCORETORNEOSUP.
1982CONNORS, JIMMYMcENROE, JOHN16 36SAN FRANCISCOS
1982CONNORS, JIMMYMAYER, GENE36 62 36SYDNEY INDOORH
1983McENROE, JOHNLENDL, IVAN46 46 26MASTERS S
1983McENROE, JOHNTANNER, ROSCOE36 75 26RICHMOND WCTS
1983CONNORS, JIMMYBAUER, MIKE36 46LA QUINTA H
1983LENDL, IVANMcNAMARA, PETER46 64 67BRUXELLESS
1983LENDL, IVANDICKSON, MARK16 26MONACO WCTS
1983LENDL, IVANGLICKSTEIN, SHLOMO26 63 57MONTE CARLOC
1983LENDL, IVANMcENROE, JOHN26 64 36 76 67DALLAS WCTS
1983LENDL, IVANLECONTE, HENRI26 36FOREST HILLS WCTC
1983LENDL, IVANTAROCZY, BALASZ26 64 16AMBURGOC
1983CONNORS, JIMMYROGER-VASSELIN, CHRISTOPHE46 46 67ROLAND GARROSC
1983McENROE, JOHNCONNORS, JIMMY36 36QUEEN’SG
1983CONNORS, JIMMYCURREN, KEVIN36 76 36 67WIMBLEDONG
1983McENROE, JOHNJARRYD, ANDERS36 67CANADA OPENH
1983McENROE, JOHNWILANDER, MATS46 46CINCINNATIH
1983McENROE, JOHNSCANLON, BILL67 67 64 36US OPENH
1983McENROE, JOHNLENDL, IVAN63 67 46SAN FRANCISCOS
1983LENDL, IVANWILANDER, MATS16 46 46AUSTRALIAN OPENG
1984LENDL, IVANMcENROE, JOHN36 46 46MASTERS S


Uno contro tutti: Nastase e Newcombe
Uno contro tutti: Connors
Uno contro tutti: Borg e ancora Connors
Uno contro tutti: Bjorn Borg
Uno contro tutti: da Borg a McEnroe

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement