Anderson, rimonta incredibile: Federer è fuori da Wimbledon

Wimbledon

Anderson, rimonta incredibile: Federer è fuori da Wimbledon

LONDRA – Il campione in carica è fuori dai Championships. Lo elimina Kevin Anderson, capace di rimontare due set di svantaggio: è appena il quinto a riuscirci contro Federer

Pubblicato

il

[8] K. Anderson b. [1] R. Federer 2-6 6-7(5) 7-5 6-4 13-11 (da Londra, il nostro inviato)

Sembra incredibile, ma è successo davvero. Kevin Anderson ha rimontato due set di svantaggio a Roger Federer, campione in carica, imponendogli una tipologia di sconfitta che lo svizzero aveva dovuto affontare appena altre quattro volte in carriera: solo Hewitt (Davis 2003), Nalbandian (Masters 2005), Tsonga (Wimbledon 2011) e Djokovic (US Open 2011) erano riusciti a ribaltare un tale passivo contro lo svizzero. Federer manca l’appuntamento con la 13esima semifinale a Wimbledon e il torneo adesso è clamorosamente riaperto. Lo svizzero ha anche fallito un match point sul servizio di Anderson nel terzo parziale, prima che si concretizzasse la rimonta del sudafricano che adesso affronterà in semifinale uno tra Raonic e Isner.

 

Roger Federer – Wimbledon 2018 (foto via Twitter, @Wimbledon)

LA CRONACA

L’insolito collocamento del match di Federer sul campo n.1 (prima volta quest’anno e prima volta dal 2015) ha causato qualche sorpresa ed anche qualche protesta: chi ha comprato il biglietto del Centrale nove mesi fa pensando di poter ammirare il divin svizzero si è trovato a dover improvvisare scambi di biglietti sul modello delle figurine Panini ai tempi della scuola. D’altra parte, se si guarda la questione dalla parte degli organizzatori e di Djokovic, che aveva chiesto in maniera tutt’altro che discreta di poter giocare i quarti di finale sul Centrale (solo un suo match quest’anno era stato programmato sul campo principale), non è la fine del mondo se Federer gioca un match sul campo n.1, che con i lavori del tetto in completamento arriverà ad essere anche più capiente del Centrale. Nessun programma è garantito, tantomeno nove mesi in anticipo, per cui fa parte del gioco.

Ciò non toglie però che qualche effetto si sia sentito: i lettori di Ubitennis incontrati martedì sera nella Queue hanno finito per scegliere metà biglietti per il Centrale e metà per il n.1 per poi scambiarseli durante la giornata (totalmente legale e permesso), e la tribuna stampa più ridotta del n.1 è stata presa d’assalto dai reporter presenti a Wimbledon tanto che chi vi scrive ha potuto mettere il naso in tribuna solamente a metà secondo set. Poco male, comunque, i problemi sono altri, anche perché le file a Wimbledon tendono ad essere piuttosto confortevoli. Nella nostra, per esempio, c’erano due televisori che mostravano i due quarti di finale in contemporanea, nella quale abbiamo visto un match dagli scambi molto meno scarni di quanto non ci si potesse attendere: Kevin Anderson rispondeva abbastanza ai servizi di Federer ma, ahi lui, non riusciva a fare abbastanza danni sui suoi.

L’elvetico serviva come antipasto due specialità della casa: la partenza a razzo con break in apertura inflitto al gran servitore, ed il turno di battuta tenuto in un minuto netto. Si andava di volata 3-0, che si trasformava rapidamente in 5-1 perché lo chef Roger offriva un bis del primo antipasto confezionando un 6-2 nel primo set.

All’inizio del secondo, però, era lo chef Anderson a proporre uno speciale del giorno: buttandosi con grande reattività a destra sui servizi slice di Federer il sudafricano trovava alcune buone rispose profonde che gli valevano il break, il primo subito dallo svizzero nel torneo ed il primo dopo 85 turni di battuta (!) vinti consecutivamente. Il gigante sudafricano si destreggiava molto bene in risposta, teneva anche gli scambi da fondo con buona profondità e sembrava essersi scrollato di dosso la tensione del primo quarto di finale a Wimbledon, di cui ha sfidato le regole indossando sotto i calzoncini un paio di scaldamuscoli neri. Tuttavia soffriva inevitabilmente quando veniva costretto a spostamenti ripetuti, soprattutto, dalla parte del diritto. Federer invece sembrava in grande condizione, manovrava bene con il diritto e nel giro di pochi giochi, nonostante un’altra palla break annullata (con relativo ruggito in tedesco, il primo della giornata) sul 2-3.

Si arrivava così al primo tie break della giornata nel quale dal 2-0 Anderson si passava al 5-2 Federer, con lo svizzero che poi mancava due set point consecutivi sulla sua battuta (dal 6-3 al 6-5), ma rimediava poi con il punto seguente rispondendo ad una gran prima di Anderson e manovrando magnificamente la palla fino all’errore finale del sudafricano.

Sulla situazione di due set a zero per Federer le tribune del campo n.1 si alleggerivano notevolmente, il pubblico pensava che il match fosse quasi concluso e migrava verso altri lidi. I servizi cominciavano a prendere il controllo del gioco, soprattutto nei turni di battuta dello svizzero, che cedeva quattro quindici nei primi cinque turni contro i sette concessi da Anderson. Nel decimo game Federer arrivava a match point rimontando da 40-15, ma scentrava un passante di rovescio sull’attacco del sudafricano e si infastidiva a sufficienza per commettere quattro gratuiti nel gioco successivo e concedere il break. A nulla gli valeva poi l’accelerazione del game seguente, nel quale si portava magnificamente sullo 0-40, per poi subire cinque punti consecutivi (tre dei quali su errori di diritto) e concedere il set.

In abbrivio di quarto set il gioco diventa molto più simile a quello che ci si aspettava dal match tra Isner e Raonic: servizio dominante e scambi ridotti all’osso, se non inesistenti. Nei pochi scambi che si vedevano il diritto di Federer appariva più traballante che mai, mentre quello di Anderson, soprattutto in risposta, funzionava a meraviglia. Ed erano proprio tre errori gratuiti di diritto che costavano all’elvetico il break sul 3-3 che squarciava ancora di più la crepa che il terzo set aveva aperto nell’armatura di certezze dello svizzero. Nel game in cui Anderson serviva per il set Federer riusciva ad aggrapparsi fino alla palla del 5-5 con tre splendidi vincenti, ma altri tre vincenti di Anderson chiudevano il discorso e mandavano la partita al quinto set, per la gioia in tribuna della signora Anderson, Kelsey, del coach Brad Stine e del rappresentante Lotto Veso Matijas.

Nel quinto set, con il match abbondantemente sopra le tre ore, i servizi prendevano definitivamente il sopravvento. Entrambi riuscivano a recuperare due volte da 0-30, Anderson salvava una palla break sul 3-4 con un servizio vincente in un game nel quale era in vantaggio 40-0. Federer si affidava sempre più al “chop” di risposta per iniziare lo scambio, ma non si accorgeva che il rovescio di Anderson stava andando in crisi e palleggiava prevalentemente al centro del campo, permettendo a Kevin di aggirare la palla con il diritto. Dopo lo 0-30 recuperato sul 5-6, Anderson cresceva alla battuta, mentre Federer si affievoliva: il break decisivo giungeva sull’11-11, quando tre errori gratuiti e l’unico doppio fallo del match (sul 30-30, dopo aver atteso che passasse un aereo evidentemente troppo rumoroso) lo condannavano al baratro.

Si tratta della quinta sconfitta di Federer subita dopo aver avuto un vantaggio di due set, e della ventesima patita dopo non aver sfruttato un match point (fatto questo verificatosi in ben quattro delle ultime nove sconfitte dello svizzero). Kevin Anderson sconfigge quindi per la prima volta in carriera Roger Federer, accede per la seconda volta alle semifinali di un torneo dello Slam (dopo gli US Open 2017) ed affronterà il vincente di Isner-Raonic, che ora assume un significato tutto diverso per i due protagonisti, che in caso di vittoria troverebbero un ostacolo molto più malleabile sulla strada per la finale.

Partite perse da Federer dopo aver avuto match-point a favore

[table id=29 /]

Partite vinte da Federer dopo aver salvato un match-point a sfavore

[table id=30 /]

Il tabellone maschile

Continua a leggere
Commenti

Wimbledon

A 40 anni dalla finale di Wimbledon 1980: metti un Rocavert tra Borg e McEnroe

Oggi la finale di Wimbledon più famosa dell’Era Open festeggia 40 anni. Eppure non tutti ricordano che quella partita rischiò di non andare mai in scena… per colpa di un terzo incomodo, Terry Rocavert

Pubblicato

il

Oggi ricorre il quarantesimo anniversario della partita di tennis più famosa dell’Era Open, o quantomeno una delle più iconiche: parliamo della finale di Wimbledon ’80 tra Bjorn Borg e John McEnroe.

Di quella partita ho un ricordo particolare e straordinariamente nitido, costituito dalla frase che mi disse mio padre all’inizio del terzo set: “Vado a fare due passi, tanto questi due vanno avanti almeno altre due ore“. Mio papà ebbe molta fortuna, perché un’ora dopo – lui assente – Borg, complice un ispirato McEnroe, sprecò due match point consecutivi al servizio dandogli così modo di aggiudicarsi il tie-break del quarto set – forse il più memorabile squarcio di tennis di tutti i tempi – e di portare il match al quinto – che di memorabile invece ebbe solo il punteggio, perché Borg offrì un esempio di forza mentale straordinario e lo dominò, concedendo al suo avversario solo tre punti nei suoi sette turni di servizio, due dei quali nel primo.

Spero che i lettori mi perdoneranno ma su cotanta partita non aggiungerò altro. In fondo, penne ben più nobili e meritevoli della mia se ne sono a più riprese occupate e io rischierei quindi solo di fare brutta figura, producendo uno scontato esercizio di retorica sportiva. Pochi invece si sono occupati di un altro incontro che si disputò a Wimbledon quell’anno e che solo per pochissimi punti non impedì lo svolgimento della finale così come noi la conosciamo.

 

Si tratta di un incontro nel quale mi sono imbattuto per puro caso nel momento in cui – per preparare l’introduzione all’articolo celebrativo – ho analizzato il tabellone per ripercorrere il percorso fatto da Borg e McEnroe per raggiungere la finale; sono rimasto così colpito dal punteggio di questo incontro che ho prima deciso di saperne qualche cosa di più e – dopo averlo fatto – di compiere… un ammutinamento giornalistico. Mi riferisco al match di secondo turno che vide John McEnroe opposto a Terry Rocavert.

Alzi la mano chi – oltre al nostro Direttore – ricorda questo carneade australiano nato a Sidney nel 1955, più esattamente il 21 ottobre (come l’autore dell’articolo, nda). Il sito dell’ATP su di lui dice soltanto che raggiunse nel maggio del 1980 la sua miglior posizione assoluta – la novantaduesima–  e nel medesimo anno sul cemento outdoor di Columbus l’unica finale della carriera. Aggiungiamo a queste informazioni che suo padre – Don Rocavert – fu un discreto giocatore agli inizi degli anni 50.

Al primo turno dei Championships l’australiano battè in rimonta in cinque set un ottimo “quasi ex” giocatore, il trentanovenne inglese Roger Taylor al quale era stata offerta una wild card e al secondo si trovò di fronte McEnroe reduce da una facile vittoria in tre set contro il connazionale Butch Walts. Nessuno si aspettava quindi che il numero due del mondo potesse faticare per arrivare al terzo turno. Nessuno tranne (forse) Terry Rocavert.

La partita fu sospesa per pioggia sul punteggio di 2-2 nel primo set e riprese il giorno successivo. Rocavert rischiò seriamente di non arrivare in tempo per ricominciare a giocare a causa di una serie di rocamboleschi contrattempi stradali ma alla fine, fortunatamente per lui e per la nostra storia, ci riuscì. Quella che segue è la traduzione di un’intervista che Rocavert rilasciò anni dopo a un sito australiano, Theage.com.

Terry Rocavert

Quel giorno arrivai a Wimbledon in abiti civili; corsi a cambiarmi, presi le mie racchette e iniziai a giocare meravigliosamente. Vinsi così il primo set e persi il secondo ingiustamente, perché a mio parere giocai meglio io di lui. Il mio colpo migliore era il rovescio e pertanto il servizio a uscire dei mancini non mi dava fastidio, anzi, era il contrario. A un certo punto la pallina iniziò a sembrarmi grande come una palla da basket e a venirmi incontro al rallentatore; ero in stato di grazia al punto che vinsi il tie-break del terzo set per 7 punti a 0.

Anche il quarto set giunse al tie-break (che per la prima volta a Wimbledon si disputava sul punteggio di 6-6 e non più sull’8-8, nda) e sull’1-1 McEnroe commise un doppio fallo regalandomi così un mini-break; lo vidi scrollare le spalle subito dopo quell’errore e in quel momento si spezzò l’incantesimo. Pensai alle conseguenze di una mia possibile vittoria e a quello che mi avrebbero chiesto in conferenza stampa e fu la fine“.

McEnroe si aggiudicò infatti il tie-break e il set decisivo dell’incontro. Risultato finale: J. McEnroe b. T. Rocavert 4-6 7-5 6-7 7-6 6-3. Il rischio corso ebbe l’effetto di una scarica elettrica positiva su McEnroe, che nelle successive quattro partite perse solo un set in semifinale contro Connors.

A Rocavert il destino invece non riservò più momenti di gloria sul campo, ma non gli precluse una buona carriera di allenatore in Australia durante la quale tenne a battesimo il debutto nel circuito professionistico di giocatori del calibro di Todd Woodbridge e Jason Stoltenberg.

Un’ultima curiosità su Rocavert: alcuni anni fa, in collaborazione con la federazione australiana, ha importato in Australia dall’Italia il materiale con il quale vengono preparati i terreni in terra rossa del Foro Italico per ricreare nel suo Paese campi da tennis con una superficie identica a quello in cui si disputano gli Internazionali d’Italia. Questo perché – a suo avviso – il dominio dei giocatori europei e sudamericani dipende dal fatto che crescono giocando sul mattone tritato. Detto da uno che giunse ad un passo dal battere McEnroe sull’erba fa sicuramente un certo effetto.

Continua a leggere

Wimbledon

Stati Uniti a Wimbledon: una storia di grandi successi

Il 4 luglio è il giorno dell’Indipendenza negli USA. Per noi è l’occasione di ricordare i 90 titoli vinti tra singolare maschile e femminile nella storia dei Championships. Da Serena e Venus fino a Sampras e Agassi, passando per le delusioni di Roddick

Pubblicato

il

Serena Williams - Wimbledon 2019 (via Twitter, @wimbledon)

La storia degli Stati Uniti a Wimbledon, il cui pretesto per raccontarla ci viene fornito dalla ricorrenza di oggi, 4 luglio nonché Indipendence Day, è una storia di grandi successi. Gli USA figurano al secondo posto nella classifica dei titoli vinti nel singolare maschile (33), dietro alla sola Gran Bretagna che però ha vinto 35 dei suoi 37 titoli prima dell’Era Open (addirittura 31 prima del 1910), mentre al femminile sono di gran lunga primi con 57 trofei (28 in Era pre Open, 29 in Era Open). Ultimamente però i successi scarseggiano: l’ultimo titolo maschile risale al 2000 con Pete Sampras e anche le inossidabili sorelle Williams, pur continuando ad arrivare in finale, stanno pagando lo scotto dell’età con delle vere e proprie batoste nelle partite decisive. Proviamo a ripercorrere le varie vicende dei tennisti a stelle e strisce nel torneo più famoso della storia del tennis, dai primi partecipanti alle grandi vittorie fino alle difficoltà del presente.

I pionieri e l’Era pre Open

La prima edizione che ha visto la partecipazione di tennisti statunitensi è stata quella del 1884. Ben tre furono i giocatori giunti da oltreoceano: Richard Sears, James Dwight e Arthur Rives. Di questi solo Dwight riuscì a vincere una partita, perdendo poi la seconda al quinto. Al femminile la prima invece fu Marion Jones nel 1900. Il primo titolo per gli Stati Uniti arrivò proprio nel singolare femminile, grazie alla vittoria di May Sutton nel 1905, prima tennista non britannica ad aggiudicarsi il trofeo. Sutton poi replicherà il successo nel 1907, mentre gli uomini dovranno aspettare fino al 1920 per sollevare la coppa di Wimbledon. A trionfare in quell’anno (e anche nel successivo) fu il leggendario Bill Tilden.

Dopo la doppietta di Tilden gli USA vinceranno altri sedici titoli prima dell’Era Open. In questo lasso di tempo solo l’Australia dei vari Emerson, Hoad, Laver e Newcombe regge il confronto con dodici successi. I diciotto titoli conquistati fanno degli Stati Uniti la seconda nazione più vincente dell’era amatoriale, seconda solo alla Gran Bretagna che conta 34 successi (31 dei quali però giunti prima del 1910). Ancora più clamorosa l’accelerata al femminile: 28 titoli prima dell’Era Open di cui 15 consecutivi dal 1938 al 1958 (dal 1940 al 1945 il torneo non si è disputato a causa della Seconda Guerra Mondiale).

 

Era Open (1968-2000): il dominio

Il vero periodo d’oro sui prati di Wimbledon però arriva tra il 1968 e il 2000. Al maschile, dopo le doppiette di Laver e Newcombe, è Stan Smith a rompere il digiuno, sconfiggendo Ilie Nastase in cinque set nella finale del 1972. Solo un Bjorn Borg ai limiti dell’invulnerabilità elargisce delusioni ai giocatori e tifosi statunitensi vincendo cinque titoli consecutivi tra il 1976 e il 1980 (quattro dei quali contro tennisti USA) e attutendo così l’esplosione ad altissimi livelli di Jimmy Connors (due titoli in sei finali) e John McEnroe (cinque finali consecutive e tre titoli).

Dopo il magico 1984 di McEnroe seguono sette anni di vacche magre, interrotti dalla sorprendente vittoria di Andre Agassi che nel 1992 supera in cinque set Goran Ivanisevic, aggiudicandosi il suo primo Slam. Quel che resta degli anni ’90 è appannaggio di Pete Sampras, che domina come nessuno prima di allora e fa sue tutte le edizioni dal 1993 al 2000, con l’illustre eccezione del 1996 quando fu sorpreso da Richard Krajicek.

Anche al femminile il periodo è particolarmente florido con ben 16 titoli in 23 edizioni dal 1968 e 1990, vinti però da sole tre giocatrici: Billie Jean King, Chris Evert e Martina Navratilova. Il dato beneficia del fatto che Navratilova, pur essendo nata in Cecoslovacchia, dal 1975 ha gareggiato sotto bandiera a stelle e strisce avendo ricevuto asilo dagli USA in cambio però della rinuncia alla precedente cittadinanza. Dal momento che il primo titolo a Wimbledon di Martina è del 1978, tutti e nove i suoi successi sono stati ottenuti da cittadina statunitense.

“Duemila e non più duemila”: la crisi al maschile e i successi delle sorelle Williams

Il terzo millennio ha due volti completamente diversi: estremamente positivo sul versante femminile e estremamente deludente su quello maschile. Tra le donne pesa tantissimo l’impatto sul mondo del tennis delle sorelle Williams, che a Wimbledon assume connotati ancora più clamorosi. Tra il 2000 e il 2016, le due si spartiscono ben cinque piatti (sette per Serena, cinque per Venus), cannibalizzando di fatto il torneo, eccezion fatta per le incursioni estemporanee di Amelie Mauresmo, Maria Sharapova, Marion Bartoli e per la doppietta di Petra Kvitova, ad oggi l’unica altra vincitrice multipla del ventunesimo secolo.

Nonostante l’età che avanza, Venus e Serena sono riuscite ad arrivare in finale nelle ultime tre edizioni disputate, anche se in verità hanno raccolto magre figure. Nel 2017, Venus fu dominata da Garbine Muguruza, mentre nel 2018 e 2019 Serena ha ricevuto due dure lezioni da Angelique Kerber e Simona Halep per un totale di appena quindici giochi vinti in tre partite dalle sorelle.

Al maschile invece negli ultimi vent’anni, il torneo è stato molto avaro di soddisfazioni per i giocatori statunitensi. Vero che la presenza di Roger Federer (8 titoli), Novak Djokovic (5 titoli), Rafael Nadal (2 titoli) e Andy Murray (2 titoli) ha lasciato poco o nulla ai tennisti di ogni nazionalità, ma per gli USA un rimpianto c’è e risponde al nome di Andy Roddick. Per lui tre finali, tutte perse, tutte contro Roger Federer. Quella che veramente fa male però è la terza, quella del 2009, quando con una sciagurata volée larga Andy vanificò la possibilità di andare avanti di due set in una giornata in cui era davvero intoccabile al servizio. Il resto della storia lo conoscono tutti, Federer vinse quel secondo set e finì per prevalere 16-14 al quinto set dopo più di quattro ore.

A parte Roddick, gli USA ultimamente si sono dovuti accontentare di singoli exploit senza velleità di conquistare poi il trofeo. Per due anni consecutivi, Sam Querrey è riuscito nell’impresa di eliminare il numero uno al mondo, nonché campione uscente: nel 2016 Novak Djokovic, nel 2017 Andy Murray. In quest’ultima occasione si spinse fino alle semifinali, sconfitto da Marin Cilic. L’ultimo risultato degno di nota è la semifinale fiume persa da John Isner, che di partite lunghe a Wimbledon se ne intende, contro Kevin Anderson nel 2018 per 26 a 24 al quinto set. Insomma il digiuno di titoli maschili sui sacri prati di Church Road dura da quell’ultimo titolo di Sampras, all’alba del nuovo millennio, e all’orizzonte non si intravede al momento chi possa spezzare la maledizione.

Continua a leggere

Flash

Le favole di Wimbledon: quando le wild card scrivono la storia

La storia di Wimbledon ci insegna che si può arrivare in fondo senza essere testa di serie… e addirittura senza avere accesso diretto al tabellone. Da Ivanisevic a Kyrgios, passando per Cash e Lisicki, la migliori wild card dei Championships

Pubblicato

il

Non c’è nulla di più doloroso per un appassionato di tennis che passare un’estate senza il torneo di Wimbledon. Dal 29 giugno al 12 luglio i viali dell’All England Club si sarebbero popolati di tifosi per assistere ai match sui prati londinesi, se solo una pandemia da Coronavirus non si fosse messa di traverso. È allora il tempo di aprire il cassetto dei ricordi dei Championships, pieno di campioni straordinari, rimonte indimenticabili e imprese impensabili. Momenti in cui pronostici e previsioni non contano più e lo sconfitto designato diventa eroe.

Nella storia di Wimbledon c’è una manciata di campioni che è riuscita ad arrivare in fondo (o quasi) senza essere né testa di serie né avere l’accesso diretto al tabellone, per insegnarci che anche una semplice wild card può scrivere la storia. Eccovi le migliori.

Pat Cash – Quarti di finale 1986

Cash che raggiunge i quarti a Wimbledon? Non c’è niente di strano visti i risultati ottenuti dall’australiano nell’arco della sua carriera. Ma il torneo che giocò sui prati di SW-19 nel 1986, dove raggiunse gli ultimi otto, fu indimenticabile. Cash si era già distinto negli anni precedenti a Wimbledon, raggiungendo una semifinale in singolare due anni prima e due finali di doppio. Tuttavia un’operazione alla schiena lo costrinse per diversi mesi lontano dai tornei e, come se non bastasse, subì un’intervento per rimuovere l’appendice alle porte del torneo. Ottenne l’accesso grazie a una wild card e dopo aver eliminato Vilas al primo round riuscì anche a battere il numero due del seeding Wilander negli ottavi di finale, prima di cedere a Leconte nei quarti. Anche grazie all’ottimo torneo del ’86, un anno più tardi l’australiano conquistò il titolo dei Championships, il suo unico Slam in carriera.

 

Juan Carlos Ferrero – Quarti di finale 2009

Problemi fisici e profonda crisi di risultati portarono Juan Carlos Ferrero, campione al Roland Garros 2003 e finalista a New York, fuori dalla top 100 a cavallo tra la stagione 2008 e 2009. Con i suoi tredici trofei vinti su terra battuta, compreso lo Slam parigino, nessuno avrebbe scommesso su una rinascita di Ferrero nella stagione su erba. Sia il Queen’s che Wimbledon però riposero fiducia nello spagnolo e gli concessero entrambi una wild card. Riuscì prima ad arrivare in semifinale al Queen’s, dove perse da Murray, e si presentò in buona condizione ai nastri di partenza dei Championships, dove aveva raggiunto i quarti di finale due anni prima. Smentendo chi già lo invitava ad appendere la racchetta al chiodo, Ferrero superò due top 10 tra terzo e quarto turno, Gonzalez (6-4 al quinto) e Simon. Si fermò solo davanti a Andy Murray nei quarti di finale, gli ultimi disputati in carriera in uno Slam.

Nick Kyrgios – Quarti di finale 2014

Si è preso il suo posto nella storia anche il torneo di Nick Kyrgios nell’edizione 2014. Al tempo l’australiano faceva il suo debutto sui prati dell’All England Club, grazie all’invito degli organizzatori ottenuto dopo il titolo nel Challenger di Nottingham. Col suo atteggiamento spavaldo e incosciente non sentì affatto la pressione di giocare nel tempio del tennis. Prima si fece notare per la vittoria in rimonta al secondo turno, poi il suo match di quarto turno contro Rafael Nadal venne programmato sul Campo Centrale. Proprio lì nacque il fenomeno Nick Kyrgios. Dopo la vittoria in quattro set sullo spagnolo, farcita di colpi estemporanei e spettacolari, il suo nome finì sulla bocca di tutti, ma non riuscì comunque a superare Milos Raonic nei quarti di finale. Sei anni dopo, Nick non è ancora diventato il dominatore che tutti aspettavano, né è mai riuscito ad eguagliare quel risultato, ma fa ancora parlare tanto di sé.

Goran Ivanisevic – Campione Wimbledon 2001

Sul successo di Ivanisevic del 6 luglio 2001 sono stati scritti dei libri, per non trascurare neanche il minimo dettaglio della sua storica vittoria. Il croato resta ancora oggi l’unico giocatore ad aver conquistato uno Slam da wild card. Lo vinse da numero 125 del mondo, trascinato nel baratro da una spalla sempre dolorante, che riuscì a domare in quell’edizione. Lo vinse dopo aver perso ben tre finali negli anni precedenti. Lo vinse di lunedì per via della pioggia (il famoso Monday’s People, dove gli oltre diecimila biglietti per la finale vennero rivenduti a prezzi più bassi), in quella che è ancora l’unica finale nella storia di Wimbledon giocata di lunedì. Lo vinse 9-7 al quinto, contro Pat Rafter, dopo aver vacillato nell’ultimo game dove nei primi due match point incappò in due doppi falli. Il successo della wild card Ivanisevic resta una delle storie tennistiche più affascinanti di sempre.

Jie Zheng – Semifinale Wimbledon 2008

Anche nel femminile non sono mancate le sorprese. Tredici anni fa la cinese Jie Zheng si infortunò a una caviglia e restò ai box per i dodici mesi successivi. Al suo ritorno in campo occupava la posizione numero 163 nel ranking WTA, 133esima quando il torneo di Wimbledon le concesse un invito per il main draw. Battendo tra le altre Ana Ivanovic al terzo turno (sua prima vittoria su top 10 in carriera) la cinese raggiunse la semifinale, dove però dovette inchinarsi allo strapotere di Serena Williams. Dopo il torneo balzò alla 40esima posizione del ranking WTA. Zheng diventò inoltre la prima giocatrice cinese a giocare una semifinale in uno Slam, ma soprattutto donò in beneficenza tutti soldi guadagnati grazie all’incredibile risultato. Ne beneficiarono i senzatetto nella contea di Wenchuan, colpita da un disastroso terremoto il 12 maggio 2008.

Sabine Lisicki – Semifinali Wimbledon 2011

Sabine Lisicki a Wimbledon, nel 2013

Anche Sabine Lisicki nel 2010 venne fermata da un infortunio alla caviglia. Crollò nel ranking oltre la duecentesima posizione, ma non appena arrivò la stagione su erba diede subito segnali incoraggianti, complice anche il suo stile di gioco potente e volto all’attacco. Vinse infatti il titolo a Birmingham battendo Daniela Hantuchova e ottenne così la wild card per giocare i Championships. Iniziò qui una cavalcata straordinaria, che la portò alla sua prima semifinale Slam in carriera. Prima di essere fermata da Sharapova, nel suo percorso eliminò dal torneo Li Na, campionessa al Roland Garros, ma anche Marion Bartoli, che due anni più tardi sarà la sua avversaria sul Campo Centrale. Nel 2013 infatti alla tedesca riuscì di salire anche il penultimo gradino, raggiungendo la finale a Church Road, ma non l’ultimo: la tensione le giocò un brutto scherzo quel sabato e Bartoli la piegò in due set, vincendo il titolo.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement