Djokovic torna grande a Wimbledon, Nadal si inchina al quinto set

LONDRA - Cinque ore e un quarto complessive, il serbo la spunta 10-8 in un'altra semifinale a oltranza. Amaro in bocca per Nadal che come l'anno scorso cede sul filo di lana ai Championships. Djokovic sfiderà Anderson in una finale sorprendente

Djokovic torna grande a Wimbledon, Nadal si inchina al quinto set

[12] N. Djokovic b. [2] R. Nadal 6-4 3-6 7-6(9) 3-6 10-8 (da Londra, il nostro inviato)

Qui la cronaca fino alla sospensione per oscurità

 

 

Alla presenza delle Duchesse di Cambridge e del Sussex (al secolo Kate Middleton e Meghan Markle) e con il tetto chiuso nonostante la bella giornata di sole e la temperatura ben oltre i 25 gradi, la seconda semifinale maschile riprende con un Nadal versione “squalo che sente l’odore del sangue”. Nel primo turno di battuta rimedia ad un paio di colpi fuori misura che concedono due palle break a Djokovic tenendo di rabbia il servizio ed involandosi subito sul 2-0 ottenendo il primo break di questa prosecuzione. I colpi molto aggressivi che lo spagnolo ha deciso di giocare ed i conseguenti maggiori rischi presentano però il conto un paio di game più tardi, quando arriva il controbreak per Djokovic che subito dopo impatta sul 3-3.

È abbastanza evidente che Nadal è più al limite del suo avversario, Djokovic gioca con più margini e di conseguenza è l’iberico che deve provare a fare qualcosa in più. Nole apre il game sul 3-4 con un doppio fallo, concedendo così uno spiraglio: Nadal va 15-40 con due palle break, la prima è salvata da un servizio vincente, ma la seconda è quella buona perché dopo tre affondi di rovescio a tutta velocità ed una discesa a rete del maiorchino, Djokovic mette in rete un passante di diritto non impossibile, prendendo poi a racchettate la suola delle sue scarpe per sfogare la sua furia. Ma il set non è ancora finito – Nole va 0-40 nel game successivo, ma commette un paio di fatali errori di rovescio da fondocampo che consentono a Rafa di mettere a segno cinque punti consecutivi e portare il match al quinto set dopo 52 minuti di prosecuzione e 3 ore e 46 di match complessivo.

Certamente Nadal e Djokovic hanno caratteristiche molto diverse da Anderson e Isner, ma all’inizio del quinto set sembrano ben intenzionati a ripercorrere le (lunghissime) orme dei loro predecessori: nei primi sette game il giocatore al servizio perde la miseria di cinque punti, incluso in doppio fallo di Nadal.
Sul 3-4 lo spagnolo si inguaia con un altro doppio fallo e mancando un paio di diritti non impossibili e concede una palla break sul 30-40: un servizio vincente, e due splendidi punti chiudono il game per lui ad impattare sul 4-4. Nel game seguente Djokovic, quasi a specchio, commette tre gratuiti, va sotto 15-40, ma salva le due palle break con due servizi e poi tiene la battuta.

Con un atteggiamento tra l’ammirato ed il rassegnato, il pubblico del Centre Court assiste ad un altro “extended set”, non prima però che Nadal si salvi dallo 0-30 con quattro servizi che avrebbero suscitato l’invidia dei due bombardieri della prima semifinale. Il maiorchino ripete la magia quattro game più tardi, sul 6-7, rialzando la testa a due punti dalla sconfitta con altri servizi vincenti. Il quindicesimo game è da cineteca: due errori ed un doppio fallo inguaiano Djokovic sul 15-40, il serbo salva le due palle break con due servizi, la terza poco più in là la cancella con un passante di diritto incrociato stretto, e dopo sedici punti uno più bello dell’altro tiene la battuta e continua la sua caccia della finale.
In quella terza palla break, beh, non credo di essere stato precipitoso. Sono rientrato da una posizione difensiva, e ho deciso di seguire a rete un buon rovescio in diagonale. È uno schema che aveva funzionato bene molte volte, ma lì la palla mi è uscita leggermente troppo centrale, e lui ha azzeccato un gran passante, e questo è tutto, è lo sport“, ricorda Rafa.

Nel game seguente il serbo arriva al match point, gentile omaggio di tre gratuiti di Rafa, ma una palla corta di rovescio millimetrica lo cancella. Ma è solo questione di pochi minuti, perché due giochi più tardi Nadal cede la battuta a zero e chiude il match dopo 5 ore e 17 minuti di battaglia (91 minuti solamente nel quinto set).

Non mi sento di avere granchè da rimproverarmi, sinceramente. Di solito sono molto critico con me stesso, ma oggi penso di aver giocato bene, non mi è rimasto nulla come energie, ho dato il massimo. Ho tirato gran colpi, fatto bei punti, certo ho sbagliato qualche palla, ma alla fine posso dire che è stata un’ottima partita, in cui lui è stato migliore di me“, ammette lo spagnolo. “Come ho già detto dopo la partita con del Potro, avrebbe potuto vincere chiunque dei due, quel giorno è andata bene a me, oggi è andata bene a lui, nient’altro

Djokovic raggiunge così la sua quinta finale a Wimbledon (con buona pace del corrispondente di un importante giornale internazionale seduto di fianco a me durante il match, che aveva già scritto il pezzo presupponendo la vittoria di Nadal), la ventiduesima nei tornei dello Slam ed affronterà nel match decisivo un avversario che lo ha battuto una volta sola, ben 10 anni fa, in sei precedenti scontri diretti.

Beh, intanto vediamo se riusciamo a scendere in campo tutti e due – ha detto Djokovic alla BBC appena uscito dal campolui ha avuto un giorno di pausa, piacerebbe tanto anche a me averne uno!
Faccio fatica a trovare le parole per spiegare cosa provo – ha continuato il serbo – Vedo in flashback tutto quello che ho passato negli ultimi 15 mesi. Avrebbe potuto vincere chiunque, la differenza tra noi due è stata minima”.

 

Il tabellone maschile

CATEGORIE
TAG
Condividi