Il mago dei numeri che aiuta Djokovic a vincere

Interviste

Il mago dei numeri che aiuta Djokovic a vincere

NEW YORK – Craig O’Shannessy, lo stratega del team Djokovic, ci racconta il suo lavoro. Numeri, statistiche… anche se odia la matematica. In esclusiva per Ubitennis, scopriamo come Novak prepara ogni partita

Pubblicato

il

Un bel pomeriggio all’inizio della seconda settimana allo US Open 2018, nel giardino antistante la sala media, e un’interessantissima chiacchierata con quello che probabilmente è il massimo esperto mondiale di numeri e statistiche legate al tennis. Craig O’Shannessy, australiano, ex-allenatore (tra gli altri, di Kevin Anderson), è l’analista dati per l’ATP, Wimbledon, Australian Open e New York Times, dati che raccoglie, interpreta, divulga sui siti ufficiali dei tornei e dell’associazione, e che sul suo seguitissimo sito braingametennis.com fornisce a richiesta a coach e tecnici. Ha tenuto anche diversi seminari in Italia, per la FIT.

Dalla fine del 2017 è entrato a far parte del team di Novak Djokovic (ufficialmente, in realtà la collaborazione era iniziata un anno prima). Craig, oltre a essere un autentico “mago dei numeri”, è pure un tipo simpaticissimo, anche se (soprattutto da quando lavora con Nole), non è molto incline a parlare di quello che fa, o a farsi intervistare al di fuori dei canali istituzionali. Ma dopo averci parlato tante volte, in tanti tornei, discutendo di tecnica e di tattica nelle sale stampa di mezzo mondo, l’ho convinto a concedermi una video-intervista, che abbiamo realizzato un paio d’ore prima dei quarti di finale in cui Djokovic avrebbe affrontato John Millman. Scopriamo insieme i dettagli di come un campione della caratura del serbo prepara le partite, qui sotto il video e la trascrizione integrale in italiano.

 

Siamo qui con Craig O’Shannessy, che è il massimo esperto mondiale di numeri legati al tennis, e ora ci racconterà un po’ dei suoi segreti: come sappiamo da qualche mese lavora con Novak Djokovic, ma non è che abbia cominciato con Nole. I numeri per Craig sono importantissimi da una vita. Quindi, Craig, come è che è iniziato tutto? Un giorno ti sei detto, questo è in gioco fantastico, dritti, rovesci, servizi, ma c’è qualcosa su cui tutto questo è basato, come hai cominciato?
Assolutamente. Io ho cominciato come giornalista, la parte matematica non la avevo mai amata. A scuola sono stato quasi bocciato in matematica: semplicemente non mi piace. Non sono mai stato quindi un appassionato di statistica. Ho iniziato ad usarla per capire le cose basilari, tipo: è meglio servire esterno o servire centrale cercando la T, è meglio cercare il rovescio o il dritto di un avversario, è meglio andare a rete o restare a fondo, le cose più semplici insomma. Volevo capire la struttura del gioco, gli strati su cui viene costruito dal punto di vista tattico e strategico. La cosa bella del tennis è che ci possono essere molti modi diversi di essere vincente: puoi essere alto, basso, destro, mancino, puoi colpire con molta rotazione oppure usarne di meno, puoi essere uno che attacca la rete oppure uno che scambia da fondo. Avere infiniti stili di gioco possibili è la cosa più bella di questo gioco, ma alla base di tutto ci sono statistiche e tendenze che permettono di interpretarlo. Quindi torniamo indietro al 2005, quando venne sviluppato Dartfish, un software di analisi che avevano iniziato ad usare alle Olimpiadi. All’interno del software ho aggiunto una funzione chiamata “match tag”. Sono andato al primo meeting del comitato olimpico americano, ad Atlanta, ho mostrato le nuove funzionalità del programma, e gli ho detto di provarlo. Normalmente quando guardiamo una partita di tennis abbiamo una percezione cronologica di quello che avviene. Vediamo l’inizio, seguiamo il gioco punto dopo punto, e arriviamo alla fine. Con la funzione tag del programma Dartfish io potevo mettere degli indicatori in tutta la partita, e per esempio vedere tutti i vincenti di dritto, oppure tutti gli errori di rovescio, o tutti i servizi esterni, a prescindere dal momento in cui venivano eseguiti. Dal punto di vista del coach analizzare una partita in ordine cronologico è la cosa peggiore, bisogna focalizzarsi sulle tendenze. Se tu analizzi in ordine di tempo, per esempio diciamo che un vincente di dritto viene tirato al secondo minuto e poi non ce ne sono più fino all’undicesimo minuto e poi al quattordicesimo minuto…

Rischi di perdere di vista la tendenza generale!
Eh sì, perché quando gli avvenimenti non sono continui, non li colleghiamo nella nostra mente, ma se invece li vediamo elencati uno dopo l’altro troviamo che magari sono praticamente tutti uguali, hanno lo stesso esito. Dartfish mi ha aiutato a capire per la prima volta l’esistenza di questo tipo di tendenze.

Immagino che ora con la tecnologia Hawk-eye sia come Disneyland per te…Voglio dire, hai i dati su tutto! Ho letto un paio di cose che hai scritto che mi hanno colpito, perché io sono arrivato al giornalismo partendo dall’essere un allenatore. La famosa regola dei “four shots”, che evidenzia come il 71% dei punti nel tennis venga risolto entro i primi quattro colpi. E poi quella del 55, che ci dice che i migliori giocatori del mondo conquistano non più del 55% dei punti che giocano. È incredibile no!? Uno guarda giocare il miglior Federer e pensa: “Ma va, Roger? Farà come minimo l’ottanta per cento dei punti!”, e invece non è così!
(risata) Sì, è vero, è come Disneyland! Hai perfettamente ragione, andiamo con ordine allora. Quando comincio a lavorare con un giocatore, Djokovic compreso, penso “ok, vuoi diventare il numero uno del mondo? Tutti lo vogliono“, poi vai a vedere i match che vincono i migliori di tutti, scopri che sono circa il 90%, ma che li vincono facendo appunto il 55% di punti. Per esempio Djokovic nel 2015 ha fatto 82 vittorie e 6 sconfitte, mi pare. Era una belva! Ma se andiamo ad analizzare i cosiddetti “anni da Superman”, come quello, e come anche certi di Nadal al Roland Garros, vediamo che per ottenere prestazioni incredibili tutto quello che ci è voluto è stato passare dal 55% al 56% dei punti vinti.

Quindi un margine dell’ uno per cento significa passare da ‘semplice’ gran giocatore a Slam su Slam vinti in serie! Incredibile!
Infatti! L’uno per cento! Una palla su cento! Quando guardiamo la partita da bordocampo è impossibile capire, su cento punti, quale sia stato quello decisivo senza l’ausilio dell’informatica. Quindi io sono partito da questo dato del 55% e sono passato ad analizzare le tendenze nella lunghezza degli scambi. Entro i tre scambi dopo il servizio, come dicevamo, si risolvono il 70% dei punti, dal quinto all’ottavo colpo il 20% e oltre il nono solo il 10%.

Ma allora perché vedo tanta gente allenarsi a tenere a lungo la palla in campo? Se il 70% dei punti si risolvono nei primi tre scambi dopo il servizio, da allenatore dovrò dire ai miei giocatori di concentrarsi nel colpire forte e aggressivo all’inizio degli scambi perché è lì che si vincono le partite.
È esattamente così! Qui allo US Open, ad esempio, dopo il primo turno maschile, abbiamo avuto il 73% di punti chiusi entro quel margine. Per arrivare ad avere questi dati però il percorso è stato lungo. Prima del 1991 praticamente non avevamo statistiche, poi fino al 2002 avevamo delle analisi molto primitive, molto semplici. Già sapere il numero degli ace era un lusso, poi le cose sono migliorate sempre di più e dal 2015 siamo stati in grado di identificare i tanti strati di lettura di un match e le relative tendenze. Io vengo in Italia un paio di volte all’anno, ho un ottimo rapporto con la FIT, faccio delle conferenze con i tecnici e gli mostro che a tutti i livelli (junior compresi), e pure sulla terra battuta, la regola dei primi quattro colpi è sempre valida. Ed è in quella fase di gioco che bisogna concentrare il lavoro, sforzandoci di abbandonare il concetto di scambio lungo colpo dopo colpo. Non è così decisivo che tu sia in grado di tirare dodici rovesci diagonali di fila. Sei in grado, invece, di tirare dodici seconde palle aggressive di fila? Perché quello è infinitamente più importante per farti vincere più match! Quindi dobbiamo portare sul campo di allenamento quello che abbiamo visto essere decisivo nella partita.

Scusami, ma ovviamente devo chiedertelo. Senza rivelare i tuoi piani segreti, facci un esempio di come lavori con uno come Djokovic, ma immagino che potrebbe valere per chiunque. Per dire, stasera giocate contro Millman, che avete affrontato al Queen’s un paio di mesi fa, e Novak ha vinto 6-2 6-1. Ora, Millmann non è un giocatore così conosciuto. Tutti conoscono ogni dettaglio di come giocano Nadal, Federer, Wawrinka, Murray, eccetera. Come prepari una partita contro Millman? Non so, te lo studi e scopri che, se viene attaccato a sinistra, John due volte su tre si difende col passante diagonale, e prepari una strategia per quella situazione?
Giusto, proprio così. Mi metto ad analizzare, come ho fatto negli ultimi due giorni, che cosa Millman sta facendo così bene questa settimana qui allo US Open. Il precedente al Queen’s conta meno perché era una superficie differente, John non è così forte sull’erba, il suo meglio lo dà sulle superfici dure. Cosa ha fatto Millman qui per battere Fognini, Kukushkin e Federer? Ho cercato di capire in che zone di campo si trova più a suo agio, da dove produce più vincenti oppure commette più errori. Ogni giocatore ha specifiche zone di campo dove si trova meglio, e altre dove va più spesso in difficoltà. Ho identificato queste zone per quanto riguarda Millman, ho capito dove gli piace stare in campo durante questo US Open, e dove invece può avere dei problemi. Stasera cercheremo di applicare queste analisi.

Quindi, fondamentalmente, tu vai da Novak e gli dici, per esempio: “Stai attento perché in uno scambio ad alta velocità è pericoloso mettergli la palla là, piuttosto che da un’altra parte, perché John da là ha tirato il 50% dei vincenti“?
Esattamente. Abbiamo diviso il fondo del campo in quattro zone A, B, C e D, partendo dall’angolo esterno della diagonale destra. Sono zone di uguale grandezza. Novak ha imparato molto bene questo linguaggio tanto che con lui parliamo sempre in termini di A, B, C , D e lo hanno imparato anche tecnici italiani, è un ottimo sistema per identificare le geometrie del campo.

A Novak piace questo approccio? Ti ascolta? Lo vedi applicare in campo quello che gli hai detto di fare prima della partita?
Assolutamente sì! Adora l’approccio analitico e lo segue al 100%.

Deve essere una bella soddisfazione per te! Tu sei lì in tribuna e vedi il tuo giocatore seguire perfettamente le tue indicazioni.
Certo, e poi Marian Vajda la pensa esattamente come me. È chiaramente un grande piacere lavorare con Djokovic ma ancora di più con Marian. Abbiamo appena passato un’ora, poco fa, rivedendo le strategie per la partita di stasera. Ha una gran testa da tennis, è facile comunicare e rapportarsi con lui per risolvere i problemi. In definitiva quindi per stasera abbiamo studiato l’utilizzo delle zone A, B, C, D, dove servire (su questo lavoriamo tantissimo), come rispondere, le parti di campo da attaccare e magari quelle da attaccare all’inizio per poi cambiare obiettivo. Quello che è importante e che ci tengo a far capire, è che tutto questo lavoro che faccio con Marian e Novak è perfettamente trasferibile e applicabile a qualunque altro livello di coaching, dai professionisti fino ai bambini. Sono le stesse cose che ho insegnato ai convegni in Italia a Roma, a Napoli, a Bologna e a Bari.

Grazie Craig, è stato un vero piacere parlare con te, dovremo rifarlo, magari in Australia! Facciamoci una bella chiacchierata a ogni Slam.
Assolutamente! Sarò anche a Milano alle NextGen Finals!

Ah! Lavori anche con qualche giocatore giovane o ti dedichi esclusivamente a Novak per adesso?
No, solo Djokovic. È abbastanza per tenermi ben occupato.

Grazie ancora, in bocca al lupo per stasera. Non so come andrà la partita ma ho come il sospetto che verrà giocata in modo tatticamente intelligente…
Certo! Millman è un giocatore molto intelligente. Sarà una partita tattica, e sono molto contento per John che è un grande lavoratore, si merita i risultati ottenuti qui e arriverà al match molto ben preparato anche lui. Ciao!


Come sappiamo, è andata a finire piuttosto bene. Bravo Craig!

Continua a leggere
Commenti

Interviste

Andreescu genuina: “Sono la fo***ta campionessa di Indian Wells!”

La conferenza stampa della vincitrice del BNP Paribas Open 2019. “Un anno fa stavo giocando un 25k in Giappone. Sono rilassata. Mi fido dei miei colpi”

Pubblicato

il

Bianca Andreescu con trofeo - Indian Wells 2019 (via Twitter, @AustralianOpen)

IL PODCAST DEI NOSTRI INVIATI

 

Una nuova stella si è aggiunta al firmamento del tennis femminile. Quella della 18enne canadese (di chiare origini rumene) Bianca Andreescu, che ha sconfitto in una finale incerta sin dalle prime battute Angelique Kerber con un 6-4 3-6 6-4, diventando la prima wild card nella storia di Indian Wells a vincere il torneo.

La tennista canadese ha continuato una tradizione crescente di Indian Wells, quella di lanciare i talenti migliori del tennis femminile. Qui Serena Williams nel 1999 vinse il suo primo Premier Mandatory in finale contro la Graf, e lo scorso anno Naomi Osaka vinse il suo primo titolo WTA in assoluto, lanciandola nella corsa che l’avrebbe portata alla vittoria di due Slam consecutivi. E vista la giovane età di Andreescu, sono stati fatti molti paralleli in conferenza stampa, non dribblati dalla diretta interessata. “Sì, è stata sicuramente un’ispirazione vederla vincere prima qui l’anno scorso e poi due Slam, è stato fantastico.”.

Andreescu non si è mostrata timida davanti alla stampa, come abbiamo imparato a conoscerla durante questo torneo. Esprimendo tutte le sensazioni provate durante la partita, ma parlando con la calma e la spigliatezza di una veterana. La tennista canadese ha ricordato i periodi difficili passati per via degli infortuni, ma in momenti del genere è quasi impossibile non lasciarsi andare almeno un po’; diciamo che non ha avuto molti peli sulla lingua. “Un anno fa, di questi tempi, ho avuto molti problemi con il mio corpo ed il mio tennis. Quindi è pazzesco cosa può cambiare in un anno. Stavo giocando un 25k in Giappone, e ora sono il – posso dire quella parola con la F? No, non posso. (Sorridente). La fo***ta campionessa di Indian Wells! È pazzesco”.

Il suo tennis ha rappresentato una vera e propria novità questa settimana. Ricco di variazioni e di creatività, oltre che solido nei fondamentali, si è rivelato un vero e proprio rebus per qualsiasi sua avversaria, anche contro una giocatrice reattiva ed esperta come Angie Kerber. La stessa Andreescu è stata esplicita sulle soluzioni tattiche adottate durante la partita, soprattutto sulla scelta di giocare una palla molto alta sul rovescio della tedesca. “Sì, è stato sicuramente d’aiuto ma non si tratta di alzare la palla. Ho colpito forte sul suo rovescio e con più rotazione. Sembra una palla molto alta perché non l’ho impostata correttamente, ma non è mia intenzione”.

L’aspetto più impressionante della ragazza canadese è senza dubbio la forzao mentale.  Sul punteggio di 2-1 nel secondo set ha accusato dei problemi fisici al braccio destro, e si è vista costretta a chiamare il medical time-out, per poi subire un break subito dopo. Non si è scomposta, così come dopo i tre match point falliti, in un misto di coraggio ed incoscienza. Sicuramente ha aiutato la sua passione per la meditazione, che spiega parte del suo approccio. Sono rilassata. Mi fido di me stessa. Mi fido dei miei colpi. Sono fiduciosa. In quei momenti, provo a respirare il più possibile, per concentrarmi. Questo è quello che faccio di solito prima della partita. In questo torneo, mi ha sicuramente aiutato. Sono stata concentrata ogni partita. Ci sono stati alcuni alti e bassi in alcune partite, ovviamente. Il tennis non è uno sport perfetto. Questo vuol dire tutto per me”.

IL MOVIMENTO CANADESE – Non sono mancate domande sulla nuova generazione di talenti del Canada, che accomuna Andreescu (classe 2000) a Shapovalov (1999) e Auger-Aliassime (2000). Bianca non ha nascosto che la vittoria di qualsiasi canadese dà a ciascuno di noi la motivazione e l’ispirazione per fare bene. Se loro possono farlo, noi possiamo. Penso che questa vittoria darà fiducia a tante persone, giovani atleti o magari che aspirano a diventarlo. E io ho solo 18 anni, quindi, sì, se io posso farlo, loro possono”. Che sia il Canada il futuro del tennis? Certamente con questo exploit il paese nordamericano promette di ritagliarsi anche uno spazio importante nel circuito femminile, sperando che Andreescu non tradisca le aspettative come già fatto da Eugenie Bouchard.

Certo, stando alla mentalità che dimostra di avere, è difficile che questa ragazza non faccia strada. L’unica pressione che sento è quella che metto su me stessa. Cerco di non pensare alla stampa, ai fan e nulla. Quindi mi concentro solo su me stessa, è tutto ciò che conta per me.”.

STUDI E FUTURO – Ovviamente non è mancato l’accenno alle sue origini rumene, sopratutto per il saluto finale in rumeno che ha riservato al pubblico – “Ho detto, grazie, ragazzi, per il supporto che mi date. Vi amo.” – e alla sua giovane età, in risposta a una precisa domanda sui suoi studi, che ha dovuto un po’ tralasciare. “No, in realtà sono indietro di un anno. Sto facendo online. Ci sto lavorando. Ma è difficile perché dopo gli allenamenti questa è l’ultima cosa che voglio fare. Sono solo così stanca. Ma credo che la conoscenza sia potere, quindi sto facendo del mio meglio per finirlo. E spero in futuro di riuscire a fare alcuni corsi online durante la mia carriera per tenere la mente allenata.”

Chissà che Bianca non possa divenire una vera e propria minaccia per quella che sembrava già pronta a diventare “l’era Osaka”. Lei dopotutto, ancora non ci pensa. Non voglio davvero concentrarmi sul futuro ora. Voglio solo godermi questo momento, perché non voglio dare nulla per scontato. Non si sa mai cosa porterà la prossima settimana. Voglio solo godermelo senza pensarci” . Come darle torto. D’altronde, per pensare in grande c’è ancora molto tempo.

IL VIDEO DELLA CONFERENZA

Giorgio Di Maio

Continua a leggere

Interviste

Federer la prende bene: “Non è una tragedia”

Nonostante la sconfitta in finale, Roger è soddisfatto del suo tennis e guarda con ottimismo al prossimo Masters 1000 di Miami

Pubblicato

il

A volte è inutile cercare di analizzare una sconfitta. Così sembra pensarla Roger Federer riguardo alla finale di Indian Wells persa contro Dominic Thiem, nonostante il parziale di vantaggio. Il turno di servizio sotto 2 a 1 nel secondo set? “Non ho battuto bene e ho fatto qualche errore nella costruzione del punto. Lui è stato bravo ad approfittarne. Forse lo ha aiutato avere il vento a favore”. Le due palle corte che gli si sono ritorte contro sul 5 pari?Volevo vincere il punto e non ci sono riuscito. Lui le ha giocate molto bene”. E allora tutto si riduce al fatto che semplicemente un tennista ha semplicemente giocato un po’ meglio dell’altro nei momenti più importanti, in questo caso Thiem rispetto a Federer. “È difficile capire cosa è andato storto. Non sono riuscito a rispondere come lui ha fatto sul cinque pari? E perché? Puoi guardare ai dettagli e scavare ma alla fine non ci capiresti nulla. Ed è molto più facile e corretto dire che lui ha giocato un po’ meglio quando ne aveva bisogno”, ha tagliato corto il campione svizzero in conferenza stampa.

Peraltro le condizioni di gioco erano particolarmente favorevoli all’austriaco, che ha potuto conquistare il suo primo Masters 1000 in carriera. Quando giochi contro Dominic hai la sensazione che ogni suo colpo sia pesante e carico di rotazioni. Penso che per questo sia andato così bene qui in questa settimana”, ha sottolineato Federer. “Sono sorpreso che non abbia ottenuto buoni risultati anche nelle scorse edizioni perché questi campi premiano i tennisti che giocano in pressione su ogni colpo e hanno un buon servizio in kick. La palla rimbalza molto alta ed è difficile da controllare. Questo è un po’ il suo segreto che lo fa giocare molto bene anche sulla terra”, ha detto in proposito. Detto questo, c’è stato spazio anche per tanti complimenti a Thiem, che è molto ben voluto all’interno dello spogliatoio.

 

Insomma, una sconfitta contro un giocatore che gli sta simpatico, che ha giocato meglio nei momenti decisivi, sfruttando le condizioni di gioco. Una sconfitta che ci sta, che è nell’ordine delle cose, che capita. E allora non si può che prenderla con filosofia, senza farne una tragedia. “Non sono molto deluso. È così che va. È frustrante ma mi è già successo tante volte in carriera e so come superare questa sensazione molto rapidamente”, ha proseguito un Roger estremamente sereno. E a tranquillizzarlo, nonostante la seconda finale consecutiva persa ad Indian Wells, sono la qualità del suo gioco e le buone condizioni fisiche. In California, in tutti gli altri match disputati, il maestro di Basilea non aveva infatti perso nemmeno un set, sconfiggendo anche avversari di tutto rispetto come Stan Wawrinka e Kyle Edmund, grazie a prestazioni molto solide. E le scorie del torneo di Dubai non si sono fatte sentire, cosa ormai tutt’altro che scontata per chi quest’anno spegnerà 38 candeline. “Forse non mi brucia così tanto la sconfitta perché sento di star giocando bene. Come è successo in Australia d’altronde. I colpi ci sono, il corpo risponde bene”, ha affermato Federer. “Quando ti senti così prendi le sconfitte in maniera più positiva. Non è una tragedia. Ma quando invece tutto è difficile le sconfitte fanno più male”. 

Roger Federer – Indian Wells 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

E ora si va a Miami, seconda tappa del Sunshine Double, dove Federer ha vinto tre volte, l’ultima due anni fa in finale contro Rafa Nadal. “Sì vado a Miami”, ha confermato il 20 volte campione Slam. “Mi sento bene e questo mi tiene di buon umore. È un privilegio lasciare un torneo in queste condizioni. Sono molto contento di ciò”. La novità in Florida è la sede del torneo. Infatti, il torneo ha abbandonato la pittoresca ma ormai troppo piccola location di Key Biscane per approdare all’Hard Rock Stadium, lo stadio della locale squadra di Football Americano, e nei campi adiacenti che sono stati costruiti dal nulla per l’occasione. “Tutti si dovranno abituare alle nuove condizioni. Sono curioso di scoprire come sono. Ho sentito che pioverà nei prossimi giorni. Spero di riuscire ad allenarmi un po’”, ha affermato il fenomeno elvetico. Considerate le sue recenti performance e l’assenza di Nadal, tutto lascia presagire che Federer possa arrivare in fondo anche a Miami. Lo svizzero è moderatamente ottimista a riguardo. “Mi sento bene. quindi perché non dovrei avere fiducia? Ma vedremo com’è il tabellone, come mi sento nei prossimi giorni”, ha detto. Non sarebbe di certo una sorpresa vederlo competitivo anche la prossima settimana.

Continua a leggere

Interviste

Thiem finalmente saggio: “Il corpo ha bisogno di riposo. Va ascoltato o se lo prende da solo”

L’austriaco si prepara ad affrontare Federer in finale. Ci è arrivato con un pizzico di fortuna, e con ‘l’aiuto’ delle sconfitte sulla terra. Ed è sicuro che il ritiro di Nadal non lo sfavorisca rispetto a Federer

Pubblicato

il

È un Thiem molto soddisfatto quello che ci viene restituito dalla prima semifinale vinta in un 1000 sul cemento. Come lo scorso anno, quindi, la finale del “cosiddetto” quinto Slam si giocherà tra Roger Federer e un giocatore che non fa parte dei “Fab 3”.

Malgrado non si fosse presentato all’evento californiano con grandissime aspettative – “Non sono arrivato in grande condizione qui, né fisicamente né come morale”, del resto il suo inizio di 2019 e’ stato abbastanza complicato, anche nella sua amata terra rossa, semifinale a Buones Aires letteralmente buttata via con Swartzmann e primo turno a Rio – è riuscito comunque nel corso del torneo a trovare il tennis e la fiducia dei giorni migliori.

 

Non è troppo veloce qui, ed è più simile alla terra rossa” ha sottolineato l’austriaco; la superficie ha agevolato l’adattamento, così come probabilmente le uscite premature sul rosso sudamericano gli hanno procurato qualche giorno di riposo in più che si è rivelato provvidenziale. In proposito, c’è un passaggio molto interessante nella conferenza post-gara: “Quando giochi molto in stagione, arrivi alla fine con molte partite sulle gambe”. Cita anche Cilic, che dopo le Finals di Londra ha giocato la finale di Davis e anche lui non sembra ancora aver trovato smalto e vigore in questo 2019. “Il corpo ha bisogno di riposo e va ascoltato perché altrimenti se lo prende da solo. Questo è quello che mi è successo in Australia, dove mi sono ammalato nonostante un ottima preparazione invernale, e in un certo senso in Sudamerica dove stavo bene ma non ero molto allenato”.

L’uscita prematura di Rio de Janeiro può però spiegare solo per metà le buone prestazioni ad Indian Wells. C’è, ovviamente, dell’altro. Un paio di anni fa avevamo evidenziato le problematiche sul veloce (outdoor e indoor) del talento di Wiener Neustadt, e qualcosa è sicuramente cambiato. Di prestazioni di livello ne abbiamo viste negli ultimi mesi, su tutti il quarto di finale epico dell’US Open 2018 contro Nadal, ma anche qualche progresso tecnico. Piedi più vicini alla linea di fondo, più aggressività in risposta (contro Raonic ha vinto il 44% dei punti in risposta sulla seconda) e un servizio più consistente, già naturalmente baciato dalla dote di un ottimo kick.

Proprio il servizio, secondo Dominic, si è rivelato fondamentale nella vittoria contro Raonic. “Milos serve in maniera incredibile, sapevo che il match si sarebbe giocato su pochi punti e che avrei probabilmente dovuto giocare almeno un tie-break. Oltre a dover essere poco falloso, era fondamentale tenere il servizio, ci sono riuscito servendo una percentuale molto alta di prime palle e concedendo una sola palla break nel game finale”.

Ha fatto la differenza anche la discreta disinvoltura con cui Thiem si è adattato allo Stadium 1 dopo aver giocato tanti match combattuti sullo Stadium 2, considerando che il suo quarto di finale contro Monfils – programmato sul centrale – non si è disputato a causa ritiro del francese. “Aver avuto la possibilità di allenarmici un po’ dopo il match annullato contro Gael è stato molto utile, perché lo stadio è molto più grande e la prospettiva differente, me lo ricordavo dagli anni precedenti”.

Quanto alla finale, che lo vedrà opposto a Federer, Thiem crede di avere delle chance anche se riconosce che sarà difficilissimo: “Ho delle brutte statistiche nelle finali 1000, ma spero di poter arrivare al mio primo titolo”. Interrogato sulla possibilità che Roger possa essere stato favorito dal ritiro di Nadal, evidenzia in maniera piuttosto netta: ”Avrebbe potuto esserlo in uno Slam con incontri 3 set su 5, ma 24 ore piene di recupero per gente in forma come noi sono più che sufficienti”.

In qualche modo, e come è giusto che sia, Thiem ci crede. Malgrado sappia che gli scontri diretti (2-2 in totale) sul cemento (Brisbane 2016 e Londra 2108) parlano esclusivamente svizzero. Anzi, proprio lo status di sfavorito potrebbe concedergli qualche chance psicologica in più. ”Sono arrivato qui in condizioni non buone sia dal punto di vista fisico che mentale, però i 12 giorni di preparazione antecedente al torneo che ho fatto mi hanno ripagato immediatamente” racconta Dominic, che ormai è sicuro di poter essere competitivo fuori dall’amata terra battuta: “È la mia casa, ci sono cresciuto ed è la mia superficie preferita, ma sento di essere un giocatore competitivo ovunque. Ho un titolo sull’erba e due sul cemento, di cui uno indoor”.

Insomma nella serata italiana (non prima delle 23:30) scopriremo se la fiducia e i miglioramenti innegabili dell’austriaco sul veloce saranno tali da consentirgli di fare match pari contro il ‘centenario’ Federer, già pronto per sollevare il 101esimo trofeo. Lo svizzero andrà inoltre a caccia del sesto sigillo a Indian Wells per staccare Novak Djokovic, fermo a quota 5. A Thiem l’arduo compito di provare a bissare l’impresa di del Potro, che dodici mesi fa sconfisse Federer in finale annullando anche tre match point.

Gianluca Santori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement