Serie A1 maschile: Aniene si conferma campione d'Italia

Flash

Serie A1 maschile: Aniene si conferma campione d’Italia

Quarto scudetto per il Circolo Canottieri che non lascia nemmeno un set al TC Parioli in 4 singolari. Protagonisti i fratelli Berrettini e Quinzi, il punto decisivo è di Simone Bolelli

Pubblicato

il

Serie A1 femminile: 1° scudetto per Beinasco, Genova mastica amaro

Il Circolo Canottieri Aniene si laurea campione d’Italia per la seconda volta consecutiva, imponendosi ancora una volta contro il Tennis Club Parioli. Un successo arrivato al termine di una finale dominata e chiusa con un netto 4-0 (senza perdere un set). Per Aniene è il quarto titolo dopo quelli del 2010, 2015 e del 2017.

LA CRONISTORIA  Già i primi due singolari di sabato avevano lasciato intravedere la supremazia dell’Aniene, firmata dai fratelli Berrettini. Prima è stata la volta di Jacopo, vittorioso su Flavio Cobolli per 7-5 6-3, e poi di Matteo, che ha lasciato solo cinque giochi all’altro numero uno, Thomas Fabbiano. Con un rassicurante 2-0 in cascina, gli altri due singolaristi di Aniene hanno potuto affrontare in tranquillità i rispettivi match, che sono in effetti poi scivolati via abbastanza facilmente. Il primo incontro di giornata ha visto Gianluigi Quinzi superare Pietro Rondoni, nello scontro tra i numeri 3 delle rispettive formazioni. Quinzi ha sofferto solo nel primo set, deciso dal tiebreak, prima di amministrare nel secondo, vinto per 6 giochi a 4. Nell’ultimo e decisivo match, Simone Bolelli ha avuto la meglio con un netto 6-3 6-4 su Miljan Zekic, sfruttando al massimo la rapidità del PalaTagliate di Lucca e non lasciando mai avvicinare l’avversario a palla break.

 

DICHIARAZIONI – Molta soddisfazione ovviamente per i vincitori, incluso Gianluigi Quinzi, reduce da una buona annata (due titoli challenger): “Ho iniziato un po’ contratto perché le condizioni qui sono un po’ particolari ed il campo è molto veloce. Lui non ha mai mollato. Non pensavo che servisse così bene: io da parte mia non ho giocato benissimo ma alla fine ho portato il punto a casa per Aniene e sono soddisfatto. Su questa superficie chi prende l’iniziativa fa il punto”. Si accoda anche Simone Bolelli, che ha portato a casa il punto decisivo: “Il campo era molto veloce ci sono stati pochi scambi, magari non è stato entusiasmante da vedere, ma io ho cercato di servire bene e alla fine è andata bene. Abbiamo dimostrato di essere una grande squadra, un grande gruppo e siamo ormai una famiglia“.

Pacato come sempre, Vincenzo Santopadre che però è molto fiero del suo gruppo: “Ogni titolo ha un sapore diverso ma ha il sapore della vittoria e quindi un buon sapore”. A questo punto il coach viene inzuppato d’acqua dai “suoi” ragazzi, ma non per questo perde il suo aplomb: “Sono contento che il punto decisivo lo abbia portato a casa Bolelli che fa parte della squadra da 10 anni ormai“. Inevitabilmente arriva anche una domanda su Matteo Berrettini e su quale possa essere l’obiettivo per il 2019: “Essere uno dei primi due/tre giocatori del mondo (ride). Scherzi a parte, l’obiettivo è crescere e acquisire esperienza. Farà un altro anno speciale, quello passato è stato un anno di prime volte, e proverà a riconfermarsi. La preparazione sta andando bene, lui è un ragazzo serio e sono contento di allenarlo“.

Circolo Canottieri Aniene b. Tennis Club Parioli 4-0

sabato 8 dicembre
Jacopo Berrettini (A) b. Flavio Cobolli (P) 7-5 6-3
Matteo Berrettini (A) b. Thomas Fabbiano (P) 6-2 6-3

domenica 9 dicembre
Gianluigi Quinzi (A) b. Pietro Rondoni (P) 7-6(3) 6-4
Simone Bolelli (A) b. Miljan Zekic (P) 6-3 6-4

Albo d’oro maschile

1922 – Tennis Club Parioli Roma (Riccardo Sabbadini, Clemente Serventi)
1923 – Tennis Club Parioli Roma (Riccardo Sabbadini, Clemente Serventi)
1924 – Tennis Club Napoli (Michele Avitabile, Carlo D’Avalos)
1925 – Società Lawn Tennis Genova (Mino Balbi di Robecco, Placido Gaslini)
1926 – Tennis Club Parioli Roma (Riccardo Sabbadini, Clemente Serventi)
1927 – Tennis Club Juventus Torino (Pier Giovanni Pietra, Emanuele Sertorio, Mario Sertorio)
1928 – Tennis Club Milano (Leonardo Bonzi, Uberto De Morpurgo)
1929 – Tennis Club Parioli Roma (E Barbato, Clemente Serventi)
1930 – Tennis Club Parioli Roma (Giorgio De Stefani, Clemente Serventi)
1931-1932 – non disputata
1933 – Tennis Club Parioli Roma (Oscar De Minerbi, Giovanni Palmieri, Clemente Serventi)
1934 – Tennis Club Parioli Roma (Oscar De Minerbi, Carlo Della Vida, Giovanni Palmieri)
1935 – Tennis Club Parioli Roma (Carlo Della Vida, Clemente Serventi)
1936 – non disputata
1937 – Tennis Club Parioli Roma (Marcello Del Bello, Giorgio De Stefani, Carlo Della Vida, Giovanni Palmieri)
1938 – non disputata
1939 – Tennis Club Parioli Roma (Gianni Cucelli, Gino Vido)
1940 – Tennis Club Parioli Roma (Gianni Cucelli, Marcello Del Bello, Gino Vido)
1941 – Tennis Club Parioli Roma, SS Bruno Mussolini (Gianni Cucelli, Marcello Del Bello)
1942 – Tennis Club Parioli Roma, SS Bruno Mussolini (Marcello Del Bello, Rolando Del Bello, R Monti)
1943-1945 – non disputata
1946 – Tennis Club Varese (Marcello Del Bello, Rolando Del Bello, Cralo Sada)
1947 – Tennis Club Juventus Torino (Gianni Cucelli, Carlo Sada)
1948 – Tennis Club Juventus Torino (Gianni Cucelli, Carlo Sada)
1949 – Tennis Club Milano (Giuliano Caccia, Marcello Del Bello, Fausto Gardini)
1950 – YCC Posillipo Napoli (Mario Belardinelli, Rolando Del Bello)
1951 – Tennis Club Milano (Giuliano Caccia, Marcello Del Bello, Enzo Pautassi)
1952 – TC Ambrosiano Milano (Gianni Cucelli, Fausto Gardini, Franco Zampori)
1953 – TC Ambrosiano Milano (Umberto Bergamo, Gianni Cucelli, Fausto Gardini)
1954 – Tennis Club Milano Bonacossa (Gianni Cucelli, Giorgio Fachini, Fausto Gardini)
1955 – Tennis Club Milano Bonacossa (Giorgio Fachini, Fausto Gardini, Alberto Parri)
1956 – Società Tennis Como (Antonio Maggi, Orlando Sirola)
1957 – CT Chatillon Edison Milano (Giorgio Fachini, Orlando Sirola)
1958 – Virtus Bologna (Giuseppe Merlo, Orlando Sirola)
1959 – Virtus Bologna (Giuseppe Merlo, Orlando Sirola)
1960 – Virtus Bologna (Giuseppe Merlo, Orlando Sirola)
1961 – TC Ignis Comerio (Fuasto Gardini, Nicola Pietrangeli, Orlando Sirola)
1962 – TC Ignis Comerio (Fausto Gardini, Nicola Pietrangeli, Orlando Sirola)
1963 – Circolo Canottieri Roma (Sergio Jacobini, Franco Olivieri, Nicola Pietrangeli, Michele Pirro)
1964 – Circolo Canottieri Roma (Edison Mandarino, Franco Olivieri, Nicola Pietrangeli)
1965 – Virtus Bologna (Giuseppe Merlo, Martin Mulligan)
1966 – Società Canottieri Olona Milano (Nicola Pietrangeli, Sergio Tacchini)
1967 – Società Canottieri Olona Milano (Gaetano Di Maso, Giuseppe Merlo, Nicola Pietrangeli, Sergio Tacchini)
1968 – Società Canottieri Olona Milano (Marco Gilardelli, Martin Mulligan, Nicola Pietrangeli)
1969 – Società Canottieri Olona Milano (Giorgio Bologna, Giordano Maioli, Martin Mulligan, Nicola Pietrangeli)
1970-1976 – non disputata (sostituita dalla Coppa De Morpurgo, campionato a squadre misto)
1977 – non disputata
1978 – Match Ball TC Bagno a Ripoli (Mario Caimo, Massimo Di Domenico, Fabrizio Gasparini, Enzo Vattuone)
1979 – Tennis Club Genova (Emilio Casareto, Augusto Possenti, Piero Toci, Enzo Vattuone)
1980 – Tennis Club Monviso Grugliasco (Luca Anselmi, Massimo Baiona, Stefano Bertone, Maurizio Bonaiti, Franco Merlone, Alejandro Pierola)
1981 – Tennis Club Triestino (Marco Armellini, Paolo Bertolucci, Flavio Mazzocchi, Dale Ogden)
1982 – Circolo Tennis Villa Carpena Forlì (Maurizio Aracri, Patrizio Parrini, Gianluca Rinaldini)
1983 – Circolo Tennis Certosa Calci (Paolo Bertolucci, Enzo Vattuone, Antonio Zugarelli)
1984 – Circolo Tennis Certosa Calci (Corrado Barazzutti, Paolo Bertolucci, Antonio Zugarelli)
1985 – Tennis Club Crema (Fabio Moscino, Claudio Panatta, Ferrante Rochi)
1986 – Tennis Club Crema (Simone Colombo, Claudio Panatta, Ferrante Rocchi)
1987 – Tennis Club Crema (Paolo Canè, Ugo Colombini, Simone Colombo)
1988 – TC Mozzo ’80 Bergamo (Marcello Bassanelli, Walter Bertini, Paolo Canè)
1989 – TC Mozzo ’80 Bergamo (Marcello Bassanelli, Massimiliano Narducci, Michiel Schapers)
1990-1997 – non disputata
1998 – Match Ball TC Bagno a Ripoli (Elia Grossi, Marzio Martelli, Massimo Valeri)
1999 – Match Ball TC Bagno a Ripoli (Elia Grossi, Marzio Martelli, Mosè Navarra, Massimo Valeri, Filippo Volandri)
2000 – CRB Club Bologna (Alberto Albertini, George Bastl, Daniele Bracciali, Cristian Brandi, Stefano Galvani, Gianluca Gatto, Marco Pontartin, Uros Vico, Adrian Voinea)
2001 – CRB Club Bologna (Daniele Bracciali, Stefano Galvani, Gianluca Gatto, Adrian Voinea)
2002 – CRB Club Bologna (Daniele Bracciali, Edwin Kempes, Dick Norman, Gianluca Gatto, Uros Vico, Filippo Volandri)
2003 – CRB Club Bologna (Daniele Bracciali, Igor Gaudi, Tuomas Ketola, Uros Vico, Filippo Volandri)
2004 – Tennis Club Cagliari (Tomas Behrend, Giorgio Galimberti, Julian Knowle, Federico Luzzi, Davide Sanguinetti, Andreas Seppi)
2005 – Geovillage SC Olbia (Florian Allgauer, Daniele Bracciali, Marcelo Charpentier, Fabio Docche, Younes El Aynaoui, Igor Gaudi, Gianluca Pozzi, Thomas Tenconi, Filippo Volandri)
2006 – Capri Sports Academy (Carlos Cuadrado, Alessandro Da Col, Giorgio Galimberti, Roko Karanusic, Giancarlo Petrazzuolo, Razvan Sabau, Davide Sanguinetti, Potito Starace)
2007 – Capri Sports Academy (Carlos Cuadrado, Giorgio Galimberti, Marc Gicquel, Roko Karanusic, Albert Montanes, Giancarlo Petrazzuolo, Razvan Sabau, Davide Sanguinetti, Pablo Santos Gonzales, Daniele Silvestre, Potito Starace)
2008 – Capri Sports Academy (Marcos Baghdatis, Adriano Biasella, Marc Gicquel, Daniele Giorgini, Pablo Santos Gonzales, Giancarlo Petrazzuolo, Davide Sanguinetti, Potito Starace, Filippo Volandri)
2009 – Capri Sports Academy (Marc Gicquel, Daniele Giorgini, Giancarlo Petrazzuolo, Andreas Seppi, Potito Starace, Filippo Volandri)
2010 – Circolo Canottieri Aniene (Simone Bolelli, Flavio Cipolla, Alessio Di Mauro, Vincenzo Santopadre, Grzegorz Panfil)
2011 – Castellazzo Tennis Club (Daniele Bracciali, Alberto Brizzi, Andey Golubev, Luca Vanni, Giuseppe Montenet, Alessandro Tombolini, Riccardo Trasinelli)
2012 Tennis Club Italia Forte dei Marmi (Davide Bramanti, Daniele Giorgini, Matteo Marrai, Guillrmo Olaso, Luca Pippi, Walter Trusendi, Filippo Volandri)
2013 – Società Tennis Bassano (Andreas Seppi, Paolo Lorenzi, Jesse Huta Galung, Alessio Di Mauro, Marco Crugnola)
2014 – Circolo Canottieri Aniene (Simone Bolelli, Flavio Cipolla, Matteo Berrettini, Vincenzo Santopadre, Simone Vagnozzi, Grzegorz Panfil)
2015 Tennis Club Italia Forte dei Marmi (Matteo Viola, Matteo Marrai, Walter Trusendi, Filippo Volandri,Jan Lennard Struff)
2016 Park Tennis Genova (Andrea Arnaboldi, Alessandro Giannessi, Gianluca Mager, Frederik Nielsen, Gianluca Naso)
2017 – Circolo Canottieri Aniene (Matteo Berrettini, Simone Bolelli, Flavio Cipolla, Jacopo Berrettini)
2018 – Circolo Canottieri Aniene (Matteo Berrettini, Simone Bolelli, Gianluigi Quinzi, Jacopo Berrettini)

Continua a leggere
Commenti

Flash

Federer esterna, Harris non ne subisce il fascino: “Il suo solito egoismo, nulla di strano”

Secondo Roger giocare a porte chiuse ha poco senso. L’australiano gli dà dell’egoista: “Forse sarebbe il caso che qualcuno tornasse a guadagnare qualcosa”

Pubblicato

il

L’aggrovigliatissimo dibattito prosegue e proseguirà, pochi dubbi a riguardo: tennis sì o tennis no? E se sì, quando? E quando verrà finalmente fissata la data della ripartenza, porte aperte o porte chiuse? Non se ne esce, anzi, non se ne entra, a quanto pare: le speranze che gli impianti aprano al pubblico prima dell’autunno sono purtroppo poche, ma il periodo e i governi impongono cautele comprensibili.

Chi normalmente bazzica le periferie della racchetta, abituato a esibirsi davanti a poche decine di spettatori, forse non pagherebbe lo scotto dello stop al pubblico, ma chi la transizione da tennista a star planetaria l’ha compiuta da parecchi anni non vede di buon occhio la soluzione. Roger Federer, peraltro in buona e nutrita compagnia, ha notoriamente fatto sapere che il tennis senza il tifo dagli spalti è pratica che ha poco senso mandare in scena. Per ora il campione non si allena in attesa di buone novelle, ma se la soluzione per riprendere presto è quella di esibirsi nel deserto, allora meglio aspettare un po’ più a lungo.

Purtroppo c’è chi di tempo da perdere lontano dal luogo di lavoro ne ha ancora poco, e tifosi o non tifosi è pronto a ripartire non appena il Governo del tennis darà in qualsiasi maniera il nullaosta. Il caso, immaginiamo non l’unico, è quello di Andrew Harris, australiano, ventisei anni, numero duecentodue delle classifiche mondiali con un best ranking alla centocinquantanove ATP, tre finali Challenger in carriera, tutte perse. Secondo il suo comprensibile punto di vista, le grandi stelle del tennis hanno perso il contatto con la realtà: “Vuole tornare solo se sarà possibile farlo davanti al pubblico? Cosa ne direbbe se ricominciassimo a giocare, ovviamente rispettando i protocolli di sicurezza, in modo da permettere a chi in questo momento soffre di tornare a guadagnare qualche soldo? Questo è il solito egoismo di Federer, nulla di strano“.

 

Una riflessione condivisibile, quella di Harris, che nella circostanza rappresenta la stragrande maggioranza dei tennisti: quelli che se non giocano, non pagano le bollette. Occorre anche dire che il punto di vista opposto non è privo di motivazioni giustificate: qualsiasi evento sportivo privo di pubblico visto in tv perde gran parte del proprio appeal, come dimostrano i primi vagiti della Bundesliga post-confinamento. Se l’intenzione è quella di evitare che molti professionisti a breve si cerchino un altro mestiere bisognerà farsene una ragione, tuttavia.

Federer e Nadal – Match in Africa 6

Continua a leggere

Flash

Spadafora annuncia i rimborsi al pubblico per gli eventi saltati

Il ministro dello Sport garantisce che verranno erogati voucher “per risarcire la spesa di chiunque abbia acquistato biglietti di eventi cancellati dal Coronavirus”. Dubbio Internazionali

Pubblicato

il

I quindicimila spettatori accorsi alla Sardegna Arena per Cagliari-Roma di domenica primo marzo restano gli ultimi tifosi ad aver potuto godere di una manifestazione sportiva a porte aperte in Italia. Di lì a qualche giorno le proporzioni assunte dalla pandemia avrebbero prima forzato le porte serrate, poi sospensioni e rinvii e infine la cancellazione totale di non pochi eventi, tra cui la parte restante del campionato di serie A di basket edizione 2019-2020.

Tra le varie questioni aperte sul caotico tavolo ha avuto il proprio bello spazio la spinosa problematica relativa ai rimborsi dei biglietti già acquistati dal pubblico, ulteriormente ingarbugliata dalla sottile, ma nemmeno poi troppo, differenza tra sospensione (provvisoria) e cancellazione (definitiva) degli eventi suddetti. Dubbio che si è infine dissolto, almeno per ciò che riguarda l’estate, “grazie” a una delle poche certezze regalate da questo strano periodo: ripartissero i vari campionati, fossero riprogrammati i più diversi tornei, le porte resterebbero ben chiuse in ogni caso, almeno fino all’autunno.

Il Ministro dello Sport Vincenzo Spadafora, nel tardo pomeriggio di ieri, con una nota ha inteso rassicurare i molti che, allo stato dei fatti, si trovano ad aver investito anche parecchi quattrini senza sapere come andrà a finire il duemilaventi dello sport italiano e quali decisioni verranno prese sul nodo-spettatori. “Tutti i possessori di abbonamenti o biglietti per eventi sportivi non tenutisi o disputati a porte chiuse, avranno il diritto a richiedere un voucher di rimborso“, ha dichiarato il rappresentante del Governo. Il dubbio naturalmente permane per tutte quelle kermesse formalmente solo rinviate a data incerta ma contemporaneamente a rischio cancellazione come gli Internazionali d’Italia. Riguardo a casi simili occorrerà portare ancora pazienza, e attendere una decisione definitiva prima di poter ambire a un qualsiasi risarcimento.

 

Abbiamo messo in pausa lo sport ma vogliamo tutelare gli spettatori.Per questo, abbiamo previsto un meccanismo di…

Pubblicato da Vincenzo Spadafora su Mercoledì 27 maggio 2020

Continua a leggere

Flash

Ultimate Tennis Showdown: in campo anche Auger-Aliassime

Il 19enne canadese prenderà parte al torneo organizzato da Patrick Mouratoglou, al via dal 13 giugno

Pubblicato

il

Felix Auger-Aliassime - Marsiglia 2020 (via Facebook, @Open13)

Come ci ricorda il countdown presente sul sito ufficiale della manifestazione, tra 15 giorni scatterà l’Ultimate Tennis Showdown, il torneo organizzato da Patrick Mouratoglou che si svolgerà sui campi dell’accademia del coach di Serena Williams a Sophia-Antipolis, in Costa Azzurra. L’evento, inizialmente previsto per il 16 maggio, è stato posticipato di un mese per permettere all’organizzazione di adattarsi alle disposizioni del governo francese e prenderà il via nel weekend del 13-14 giugno con il match tra David Goffin e Alexei Popyrin.

View this post on Instagram

A FAA-bulous addition to the field 🇨🇦⁣ ⁣ @felixaliassime is in. #UTShowdown

A post shared by UTS | Ultimate Tennis Showdown (@ultimate_tennis_showdown) on

 

Alla lista dei partecipanti (era già stata annunciata la presenza di Fabio Fognini, al via insieme a Benoit Paire, Dustin Brown e Lucas Pouille) si è aggiunto ieri Felix Auger-Aliassime, il 19enne canadese che occupa la 20esima posizione del ranking mondiale e che pochi giorni fa ha ripreso ad allenarsi proprio sui campi della Mouratoglou Academy. Il torneo, che si svolgerà a porte chiuse, si articolerà lungo cinque weekend proponendo un totale di 50 incontri, visibili su una piattaforma di streaming appositamente creata.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement