Federer piange per Peter Carter: "Spero che sia orgoglioso di me"

Flash

Federer piange per Peter Carter: “Spero che sia orgoglioso di me”

Intervistato dalla CNN in Australia, Roger ricorda il suo primo coach australiano morto nel 2002: il campionissimo non riesce a trattenere la commozione

Pubblicato

il

Roger Federer è arrivato a Melbourne per tentare l’assalto al suo terzo Australian Open consecutivo, il settimo della sua leggendaria carriera. L’intervista di benvenuto della CNN che di solito offre banali domande sulle possibilità di vittoria o sul suo possibile ritiro a breve, si è trasformata in un momento di rara intensità emotiva quando l’intervistatrice ha scavato nel passato ricordando Peter Carter, australiano di Adelaide, e primo allenatore dello svizzero fin da quando Roger aveva appena 10 anni.

Carter, che ha formato tennisticamente il giocatore straordinario che vediamo da più di 20 anni sui campi di tutto il mondo, morì il 1° agosto 2002 a pochi giorni dal suo trentottesimo compleanno, in un incidente stradale durante la sua luna di miele in Sudafrica. 

Inizialmente Federer ha ricordato gli inizi con l’arrivo di Carter a Basilea all’Old Boys Tennis Club e della rivalità a distanza con il suo grande amico Darren Cahill, che contemporaneamente a lui stava “crescendo” un altro futuro grande campione in Australia: Lleyton Hewitt, con cui Roger si sfidò continuamente a livello giovanile e poi 27 volte sul circuito maggiore.

 

A quel punto gli viene ricordato come essendo morto nel 2002, Carter non avesse mai potuto vedere lo sbocciare del fuoriclasse che conosciamo, dato che il suo primo titolo dello Slam fu vinto da Roger l’anno successivo a Wimbledon“Che cosa pensi che penserebbe lui vedendoti oggi qui con 20 titoli del Grande Slam?”. Federer si blocca e abbassa la testa per nascondere le lacrime, quindi con la voce rotta dall’emozione dice a bassa voce: “Spero che sia orgoglioso di me. Credo che lui non volesse che sprecassi il mio talento, la sua morte mi ha svegliato, ho cominciato ad allenarmi molto duramente”.

Poi Roger aggiunge: “Voglio solo dire che ho avuto la  fortuna di conoscere e scegliere le persone giuste, i coach giusti al momento giusto. Certo li ho scelti io ma ho avuto anche tanta fortuna”. C’è da essere certi che Peter Carter non possa che essere orgoglioso del suo ragazzo. Un modello assoluto dentro e fuori dal rettangolo di gioco, non solo e non tanto per le vittorie o i trofei.

Continua a leggere
Commenti

Flash

La settimana del Queen’s in 60 foto

Dal ritorno in campo di Andy Murray allo spettacolare trionfo di Feliciano Lopez. Tutte le emozioni del torneo di Londra negli scatti di Alberto Pezzali

Pubblicato

il

Feliciano Lopez - Queen's 2019 (foto Alberto Pezzali/Ubitennis)

Continua a leggere

Flash

Robredo vince il Challenger di Parma: “Finale durissima, ma non ho mai mollato”

Federico Gaio si arrende soltanto al tiebreak del terzo set dopo 3 ore e 15 minuti di una finale al cardiopalma. Secondo titolo Challenger consecutivo per il veterano spagnolo

Pubblicato

il

Tommy Robredo - ATP Challenger Parma 2019 (foto Marta Magni)

[8] T. Robredo b. [6] F. Gaio 7-6(10) 5-7 7-6(6)

È Tommy Robredo il vincitore della prima edizione degli Internazionali di Tennis Emilia Romagna|GoldBet Tennis Cup. Lo spagnolo classe ’82 alza al cielo il trofeo dell’ATP Challenger targato MEF Tennis Events, andato in scena al Tennis Club President di Parma, dopo una finale al cardiopalma, in cui si è imposto su Federico Gaio con il punteggio di 7-6(10) 5-7 7-6(6) in 3 ore e 15 minuti di gioco.

Al termine della premiazione le parole dell’ex numero 5 del mondo: “È stata una partita durissima, perdevo 4-1 il terzo set ma non ho mollato e alla fine ce l’ho fatta. È il secondo Challenger consecutivo che vinco (a Poznan il primo dei due titoli, ndr), sono in un periodo più che positivo. Al Tennis Club President mi sono trovato benissimo, è un circolo incredibile: faccio i complimenti agli organizzatori per il lavoro svolto. Prossimi obiettivi? Recuperare in fretta da questa maratona per presentarmi al meglio ai prossimi impegni”.

 
Tommy Robredo e Federico Gaio – ATP Challenger Parma 2019 (foto Marta Magni)

Soddisfatto Marcello Marchesini, presidente di MEF Tennis Events: Il bilancio della manifestazione è estremamente positivo. Meriti agli sponsor e ai volontari, che hanno lavorato senza sosta in maniera incredibile affinché tutto andasse per il meglio. Ho parlato con tanti giocatori, si sono congratulati per l’ottima riuscita dell’evento con la promessa di tornare al Tennis Club President l’anno prossimo. Siamo già al lavoro per l’edizione del 2020: gli sponsor sono entusiasti del torneo e speriamo di poter contare anche sul supporto di quelli che per un motivo o per un altro non hanno potuto partecipare quest’anno”.

In conclusione la gioia di Fabio Rossi, direttore del torneo: “Sono del tutto soddisfatto. L’accordo con MEF Tennis Events ci ha permesso di riportare il grande tennis in Emilia Romagna dopo una decina d’anni, e la risposta di appassionati e addetti ai lavori è andata oltre le più rosee aspettative. Da oggi in poi lavoreremo spingendo sui nostri punti di forza con l’obiettivo di migliorare, per rendere la prossime edizione del torneo ancora più spettacolare”.

Ufficio Stampa ATP Challenger Parma

Continua a leggere

Flash

Finale thriller a Maiorca: Bencic si incarta sul più bello, Kenin ringrazia

Finale molto combattuta ed equilibrata dove la giovane emergente “russa” statunitense Sofia Kenin la spunta sulla favorita Bencic al fotofinish.

Pubblicato

il

[7] S. Kenin b. [3] B. Bencic 6-7(2) 7-6(5) 6-4

Malgrado il match non sia stato molto spettacolare, per entrambe le giocatrici è stata una settimana più che positiva e la conferma di un’ottima stagione finora. Alla fine è arrivato il secondo successo stagionale per Sofia Kenin dopo quello di Hobart ad inizio anno, che ribadisce il buon momento di forma della giovane statunitense e la propone nuovamente come uno dei prospetti emergenti più interessanti nel panorama WTA. Belinda Bencic non riesce invece a bissare l’exploit di marzo a Dubai, anche se continuando su questo livello il ritorno in top 10 (è stata numero 7 nel febbraio 2016) pare davvero alla sua portata.

Entrambe arrivavano in finale cariche dei successi importanti su Anisimova e Kerber (Bencic) e su Mertens e Sevastova (Kenin). Parte meglio la svizzera che esce più determinata dai blocchi e si porta 3-0 con due palle del possibile 4-0, ma Kenin non demorde e complice anche un passaggio a vuoto dell’avversaria rientra nel set e da lì in poi inizia una nuova partita. Nonostante qualche errore di troppo e occasioni non adeguatamente sfruttate, Bencic vince la prima frazione al tie-break con un perentorio 7-2 conseguenza di una posizione aggressiva vicina alla linea di fondo e un’attitudine a cercare di aprirsi il campo per poi aggredire al momento opportuno.

 

Kenin ha tuttavia il merito di rimanere aggrappata alla partita nonostante una giornata non eccellente e progressivamente cerca un tennis più propositivo soprattutto con il diritto. Quando però subisce il break su 4-4 nel secondo set, la partita sembra davvero finita. Tuttavia, la svizzera è tradita nel momento decisivo dal servizio, poiché commette 3 doppi falli nel gioco successivo, di cui un su uno dei 3 match point. In generale, Bencic è sembrata molto tesa e confusa nel decimo gioco del secondo set commettendo parecchi gratuiti nonché scelte tattiche più che discutibili, benché la sua avversaria abbia avuto il merito di rimanere sempre presente nel match.

Rientrata in partita la giovane di origine russa ha riguadagno fiducia e vinto il secondo set al tie-break mostrando sicurezza e determinazione e mettendo a segno diversi vincenti di ottima qualità. Nel terzo set si è andati avanti fino al 4-4 senza break con la statunitense che tuttavia teneva i suoi giochi al servizio con una maggiore disinvoltura e mostrava la determinazione di chi, una volta sfuggita miracolosamente alla sconfitta, non vede l’ora di andarsi a prendere la vittoria.

È risultato decisivo il nono game dove Kenin ha operato il break grazie ad un gioco in ribattuta di grandissima qualità chiudendo poi per 6-4.Rimane sicuramente parecchio rammarico per la tennista di Flawil, ma la sconfitta non toglie niente a un 2019 per ora di grandissimo livello da parte sua, e risultato a parte per il prosieguo della stagione è lecito aspettarsi la svizzera ancora protagonista. Stesso discorso per la vincitrice che può davvero ambire ad essere una futura top 10. Ne ha sicuramente le qualità fisiche e mentali e ha molto tempo davanti a sé per migliorare gli aspetti tecnico-tattici del suo tennis.

Gianluca Santori

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement