Andy Murray annuncia in lacrime il suo ritiro dal tennis – Ubitennis

Australian Open

Andy Murray annuncia in lacrime il suo ritiro dal tennis

Al termine di una conferenza che nessuno aveva previsto, l’ex numero del mondo comunica che il suo problema all’anca è troppo grave per continuare con il tennis. Proverà a giocare fino a Wimbledon

Pubblicato

il

Un incredibile nodo in gola, per Andy Murray al momento dell’annuncio e per chiunque stamattina abbia ascoltato le parole che il tennista scozzese ha dovuto far precedere da una breve camminata fuori dalla sala conferenze per attenuare la commozione. Tra non molto Murray non sarà più un giocatore di tennis, a causa dell’infortunio all’anca che aveva già compromesso in maniera evidente le sue possibilità di esprimersi ad alti livelli. Dopo circa 20 mesi divisi tra infermeria, annunci di ritorno in campo poi smentiti e quindi qualche partita, poche e sofferte, l’ex numero uno del mondo annuncia che si ritirerà perché non ha senso continuare così. Proverà ad arrivare fino a Wimbledon, ma non è sicuro di farcela.

Non sto bene, ovviamente. Sto lottando con il dolore da molto tempo, probabilmente venti mesi, ed è abbastanza. Ho fatto tutto quello che potevo per provare a stare meglio ma non ha funzionato. Mi sento meglio di qualche mese fa c’è ancora molto dolore. È stato difficile. Non si tratta soltanto del dolore, è semplicemente… troppo. Non voglio continuare così“. Districandosi con grande fatica tra le lacrime, Andy comincia a parlare per motivare la sua scelta.

LA DECISIONE – “Ho parlato con il mio team durante la preparazione di dicembre e ho detto loro che non potevo andare avanti così, che avevo bisogno di mettere un punto perché stavo giocando senza alcuna idea di quando il dolore si sarebbe fermato. Ho detto al mio team che avrei potuto provare a continuare fino a Wimbledon perché è lì che mi piacerebbe smettere di giocare, ma ad oggi non sono sicuro di essere in grado di farlo.

 

NUOVA OPERAZIONE?L’Australian Open potrebbe essere il mio ultimo torneo. Esiste questa possibilità. Non sono sicuro di poter continuare a giocare con il dolore per altri quattro o cinque mesi. Al momento sto prendendo in seria considerazione la possibilità di sottopormi ad un nuovo intervento chirurgico, più critico rispetto a quello precedente, ma che mi consentirebbe di vivere meglio e senza dolore. Ci sono atleti che sono tornati a competere dopo aver subito questo tipo di operazione, ma ovviamente non c’è alcuna certezza. In ogni caso, non lo farei per tornare a giocare ma semplicemente per avere una qualità di vita migliore“.

Ho giocato con il dolore all’anca destra per tanti anni. Non è semplicemente iniziato al Roland Garros durante quella partita contro Stan (semifinale 2017 contro Wawrinka). È soltanto arrivato ad un livello che non mi ha più consentito di recuperare, oltre il limite. Ci sono cose che non sono più in grado di fare sul campo. Il fatto è che potrei anche giocare con questi limiti, ma con questo dolore no. La competizione, l’allenamento, tutte quelle cose che amo del tennis… con questo dolore non riesco proprio a godermele. La lotta è anche nelle piccole cose: allacciarsi le scarpe, infilarsi un calzino… Se farò l’intervento, sarà per questo motivo. E se deciderò di farlo, mi impegnerò al massimo nella riabilitazione. Sono realista, tornare a fare lo sportivo professionista non è facile. Anche se qualcuno lo ha fatto, ad esempio Bob Bryan. Ho parlato tanto con lui. Ma ovviamente il doppio e il singolare sono due cose diverse in termini di movimento, fisicità e altro. Nessuna garanzia quindi”.

LA CARRIERA DI ANDY – È avvilente ritrovarsi a fare la conta dei successi e dei trofei di Murray l’undici gennaio dell’anno in cui Andy, tra circa quattro mesi, compirà trentadue anni. Un momento della carriera in cui ormai molti tennisti guardano al futuro con la sicura di ambizione di poter andare avanti ancora per quattro o cinque anni. Sarà invece difficile che il palmares di Murray si arricchisca in queste sue ultime settimane di tennis: l’ex numero uno del mondo, il 26esimo uomo a salire sul gradino più alto delle classifiche ufficiali, è rimasto in vetta per 41 settimane dal 7 novembre 2016 al 20 agosto 2017. Ci è riuscito spodestando Novak Djokovic grazie a una serie di 24 vittorie consecutive, la prima nella sfortunata semifinale di Coppa Davis contro l’Argentino – il suo fu l’inutile punto del 2-2, conquistato contro Guido Pella – e l’ultima proprio contro il rivale serbo, battuto nell’ultimo incontro delle ATP Finals per mantenere la leadership conquistata pochi giorni prima. A scalzarlo dal trono, nove mesi dopo, sarebbe arrivato Nadal.

Murray ha vinto 45 titoli su 67 finali disputate, laureandosi tre volte campione di uno Slam – US Open 2012, Wimbledon 2013 e 2016 – e perdendo otto finali. Lo scozzese ha vinto quattordici Masters 1000, l’ultimo a Bercy a fine 2016, sedici ATP 250 e nove ATP 500, l’ultimo dei quali rimarrà probabilmente l’ultimo trofeo sollevato nella sua carriera, a Dubai nel marzo 2017. Oltre alla vittoria delle ATP Finals che abbiamo già citato, Murray è anche l’unico tennista ad aver vinto due medaglie d’oro consecutive nel torneo di singolare delle Olimpiadi, a Londra 2012 e Rio 2016.

LA CONFERENZA COMPLETA

Continua a leggere
Advertisement
Commenti

Australian Open

Australian Open: Musetti e Zeppieri, ma che bei rovesci

MELBOURNE – Lorenzo e Giulio, i nostri junior migliori, tecnicamente sono davvero notevoli. Soprattutto dal lato del rovescio stanno facendo vedere le cose più belle

Luca Baldissera

Pubblicato

il

da Melbourne, il nostro inviato

Lorenzo Musetti e Giulio Zeppieri, senza nulla togliere ai tanti bravi giovani emergenti del tennis azzurro, sono le nostre due promesse migliori. Stabilnente ai piani alti delle classifiche ITF, ormai abituati alla realtà agonistica del circuito junior ai massimi livelli (gli Slam, insomma), oltre a essere due ragazzi simpatici, posati, e beneducati, tecnicamente sono impostati in modo ineccepibile, e mostrano qualità fuori dal comune in campo. In particolare, entrambi hanno nel rovescio l’esecuzione più interessante.

Valutando gli junior, la cosa fondamentale è non farsi ingannare dai risultati. In ottica di carriera professionistica la cosa da tenere d’occhio è la prospettiva, la qualità in divenire. Di conseguenza, osservando i ragazzini under-18, è molto più importante cercare di capire se e quante armi tecniche e fisiche abbiano, a che livello, e con quanti margini di miglioramento, rispetto ai risultati delle partite che giocano. Se poi, oltre a un tennis più che ottimo, i ragazzini in questione ti piazzano anche delle vittorie significative, allora si può iniziare, con tutta la prudenza e le cautele del caso, ad analizzarli come fossero già dei professionisti “veri”. Una bella carriera da junior vuol dire poco, ci sono stati giocatori che parevano imbattibili, ma poi si sono arenati senza appello nei bassifondi del ranking ATP. Peraltro è vero anche un aspetto complementare: ben pochi dei migliori junior sono poi diventati pro di alto livello, ma praticamente tutti i pro di alto livello sono stati ottimi junior. Vincere da piccoli, insomma, non garantisce nulla, però male di sicuro non fa.
Lorenzo Musetti, di Carrara, farà 17 anni a marzo 2019, è allenato da Simone Tartarini, cresce (e attualmente gioca) al Tennis Club Park Genova, con la cui squadra di serie A ha disputato ottimi campionati a squadre. Giulio Zeppieri, di Latina, ha appena compiuto (dicembre 2018) 17 anni, la sua “base” è la Capanno Tennis Academy sempre a Latina, ed è allenato da Piero Melaranci. Entrambi, naturalmente, sono seguiti dal centro tecnico nazionale della FIT a Tirrenia.

 

L’ultima volta li avevo visti a New York, dove disputarono un gran torneo, soprattutto Lorenzo con l’exploit della finale raggiunta e poi persa da un avversario di due anni più vecchio. Qui a Melbourne, li ho ritrovati parecchio cresciuti sia fisicamente (“ho messo su almeno 5 chili di muscoli“, mi racconta Lorenzo), che tecnicamente (“dopo il lavoro sul fisico la palla mi viaggia ben più pesante“, conferma Giulio). Hanno ragione, i colpi fondamentali del tennis di oggi, servizio e dritto, che tutti e due hanno ottimi, sono ormai delle botte non indifferenti, con rotazioni e angoli efficaci, e come diceva Giulio, molta più pesantezza di palla (cioè velocità combinata a rotazione).

Ma il comparto tecnico dove, a mio avviso, i nostri due ragazzi fanno veramente la differenza, è il lato del rovescio, per ragioni molto diverse, ma ugualmente significative. Diamo un’occhiata a Lorenzo.

Possiamo ammirare, qui sopra, il gesto elegante, controllato, tecnicamente perfetto o quasi, con cui Musetti rosponde ai servizi esterni da sinistra. Come sempre nel caso del rovescio a una mano, la chiave è il timing. Polso bloccato, distensione del braccio in avanti, impatto in sospensione dinamica, tutto ok. Ma se non hai il talento e l’istinto coordinativo per trovare la palla sempre e comunque quel buon mezzo metro davanti al corpo, con lo swing a una mano sei fritto. Bravissimo Lorenzo, e anche bello da vedere dal punto di vista stilistico. In testa al pezzo, vediamo Lorenzo, dietro a Giulio, in risposta su palla esterna, il modo in cui si inarca in spinta per compensare la traiettoria aggressiva del servizio avversario è davvero spettacolare.

Qui sopra, diamo un’occhiata a Giulio. Che se vogliamo, ha nel rovescio un’esecuzione ancora più importante rispetto alla gran sbracciata “classica” di Lorenzo. Il motivo, banale, è che Zeppieri è mancino. E come tutti i mancini, a fronte dei dividendi che può incassare grazie alle rotazioni del servizio e ai top-spin di dritto a stringere l’angolo verso il rovescio degli avversari destri, deve anche rassegnarsi a passare la sua “vita tennistica” a scambiare sulla diagonale destra, quella del dritto in cross della stragrande maggioranza dei tennisti che affronta. Un mancino, di norma, gioca una volta e mezza i rovesci che gioca un destro. Ma se il rovescio – nel caso di Giulio bimane – è una botta semipiatta di gran qualità e solidità, l’equazione diventa davvero vantaggiosa. Vediamo qui sopra qualche esempio, mi piace in particolare far notare la grande esplosività dei piedi e della rotazione busto-spalle in reazione a un servizio carico e al corpo (immagine in basso a destra).

Di strada da fare ce n’è tanta, i dubbi e le incertezze sul futuro vanno messi in conto, perchè il timore di una delusione cocente è in agguato dietro ogni angolo. Ma le basi di partenza ci sono eccome, il lavoro svolto sta dando i giusti frutti, e insomma, io personalmente a vederli crescere torneo dopo torneo mi sto divertendo un sacco. Come spero sia per loro, perchè al di là dei discorsi sul fisico, sulla tecnica e sulla tattica, la cosa fondamentale è approcciarsi allo sport, specialmente a questi livelli, con serenità e voglia di godersela. Giocate a tennis finchè potete, Lorenzo e Giulio, per lavorare a tennis ci sarà tempo, e ve lo auguriamo tutti di cuore, che diventi davvero il vostro lavoro. Per ora, crescete, migliorate, e fateci divertire con i vostri gran rovesci.

Continua a leggere

Australian Open

Australian Open: Nadal grande favorito, Tsitsipas alla prova del 9

I due quarti di finale maschili della parte bassa: Nadal trova Tiafoe e sulla carta non poteva chiedere di meglio. Tsitsipas affronta l’uomo del momento: Roberto Bautista Agut. Kvitova-Barty e Collins-Pavlyuchenkova al femminile

Pubblicato

il

Nel secondo match della sessione serale (intorno alle 11 italiane di martedì) Rafael Nadal va alla caccia della settima semifinale all’Australian Open e lo fa da grande favorito contro il giovane americano Frances Tiafoe, che è stato finora la grande sorpresa del torneo. Per lui si tratta del primo quarto Slam in carriera, per Nadal del 37esimo. Non ci sono precedenti tra i due giocatori ma il percorso per arrivare fin qui non è stato proprio paragonabile. Tiafoe ha dovuto rimanere in campo quasi 12 ore complessive per eliminare Gunneswaran in 3 set, Seppi in 5 e due grosse teste di serie come Kevin Anderson e Grigor Dimitrov, contro i quali partiva chiaramente sfavorito. Passeggiate fino ai quarti invece per Nadal, che si è liberato con agio dei tre australiani in sequenza (Duckworth, Ebden, de Minaur) e poi altrettanto facilmente, ben oltre le aspettative, di Tomas Berdych, che lo aveva battuto qui nel 2015. Il maiorchino è rimasto in campo poco più di 8 ore e mezzo senza perdere nemmeno un set.

Rafa cerca il tanto atteso secondo titolo in Australia a dieci anni di distanza dal primo: da lì in poi ha perso tre finali nel 2012, 2014 e 2017. Vincendo questo torneo diventerebbe il primo giocatore a vincere almeno due volte tutti gli Slam in Era Open, anche se Rod Laver ci era riuscito a cavallo dell’Era Open conquistando due Grandi Slam nel 1962 e 1969. Impresa riuscita anche a Roy Emerson da dilettante tra il 1961 e il 1967. Tiafoe cerca invece di diventare il più giovane americano a giocare una semifinale a Melbourne dai tempi di Andy Roddick, che nel 2003 ci arrivò a 20 anni e 149 giorni. Frances ha festeggiato il suo 21esimo compleanno proprio domenica battendo Dimitrov negli ottavi di finale. Roddick è anche l’ultimo americano a raggiungere la semifinale qui, nel 2009.

Ad aprire invece il programma della sessione diurna sulla Rod Laver Arena (non prima delle 02.30) sarà la sfida inedita tra Roberto Bautista Agut e Stefanos Tsitsipas, reduce dall’impresa contro Roger Federer. Secondo i bookmaker è il greco a partire con il favore del pronostico (Bet 365 lo dà a 1.72 contro il 2.10 dello spagnolo), e non potrebbe essere diversamente dopo quanto fatto da Stefanos nel match precedente. Tsitsipas non dovrà però commettere l’errore di sottovalutare il suo avversario, che in questo 2019 è ancora imbattuto: nove vittorie consecutive per lui, le cinque che lo hanno portato a sollevare il trofeo a Doha (battuti nell’ordine Berrettini, Garcia-Lopez, Wawrinka, Djokovic e Berdych) e i primi quattro turni a Melbourne vinti contro Murray, Millman, Khachanov e Cilic (tre dei quali conclusi al quinto). Attenzione anche al calo di tensione: la vittoria contro Federer potrebbe avere qualche “strascico” fisico e soprattutto mentale per Tsitsipas, che sarà adesso chiamato alla classica prova del nove.

 

“Se riuscirò a mantenere lo stesso livello di attenzione, la stessa pazienza, la stessa forza mentale e voglia di lottare, sono abbastanza sicuro che andrà tutto bene”, ha detto Stefanos dopo il match contro Federer. Il greco ha vinto in quattro set tutti i match giocati in questo Australian Open (Berrettini, Troicki, Basilashvili e il già citato Federer), rimanendo in campo per 12 ore e 16 minuti, a fronte delle 14 ore e 3 minuti di Bautista Agut. Tra i due ci sono dieci anni esatti di differenza – 20 Tsitsipas (il giocatore più giovane rimasto in tabellone), 30 lo spagnolo -, ma per entrambi si tratterà del primo quarto di finale Slam in carriera (Tsitsipas è il primo giocatore greco della storia a riuscirci, donne comprese). Curiosi i precedenti dei due contro l’eventuale semifinalista: entrambi hanno perso due partite su due contro Nadal ed entrambi non hanno mai giocato contro Tiafoe (la partita vinta in tre set da Tsitsipas contro Tiafoe alle Next Gen Finals non è considerata dall’ATP nel computo ufficiale degli head to head).

Il match più atteso della giornata per i tifosi di casa, sarà quello tra Ashleigh Barty, ultima tennista australiana rimasta in tabellone, e la ceca Petra Kvitova (si giocherà alle 09 italiane). Barty avrà di nuovo bisogno di tutto il supporto della Rod Laver Arena per superare anche quest’ostacolo. La 22enne di Ipswich, che per un periodo aveva addirittura abbandonato il tennis per giocare a Cricket, ha infatti sempre perso nei tre precedenti faccia a faccia con Kvitova. L’ultima volta giusto qualche settimana fa, nella finale del torneo di Sydney, facendosi rimontare un set di vantaggio e capitolando al tiebreak del terzo.

Inoltre la ceca, due volte campionessa di Wimbledon, è sembrata un rullo compressore in questi Australian Open. Nei suoi primi quattro incontri non ha ancora perso un set e ha lasciato per strada complessivamente sedici giochi. Infine, Barty non potrà puntare come al solito sul suo tennis vario e offensivo per vincere il match. Kvitova è infatti tecnicamente altrettanto dotata ed è per giunta più potente. Ma più che sul talento, è probabile che il match si giochi sui nervi. L’australiana, fino ad ora considerata troppo fragile mentalmente, dovrà reggere il peso di una nazione che non vede da un quarto di secolo una sua tennista arrivare in semifinale a Melbourne. L’ultima aussie tra le prime quattro rimane infatti Wendy Turnball nel 1984. Da parte sua, Kvitova continua ad essere una giocatrice scostante e imprevedibile, sia tra un match e l’altro che nel corso dello stesso incontro.

Danielle Collins e Anastasia Pavlyuchenkova si contenderanno invece il più classico dei biglietti della lotteria, dopo le vittorie contro pronostico rispettivamente su Angelique Kerber e Sloane Stephens. Nessuna delle due è infatti mai arrivata nella semifinale di uno Slam. Ma mentre Collins, prodotto del sistema collegiale USA, non aveva nemmeno mai passato un turno, Pavlyuchenkova si è fermata ai quarti in tutti i Major una volta in carriera. Insomma questa potrebbe essere una grande occasione per la russa. Tenterà come al solito di coglierla a suon di bordate ma dovrà fare attenzione all’entusiasmo e all’intelligenza della sua avversaria.

Continua a leggere

Australian Open

Il Mago Ubaldo (da Melbourne): 30 profezie per il 2019, senza paura

MELBOURNE – Federer farà un exploit sulla terra rossa. Nadal… esiste la duodecima? Djokovic dominatore ma deve temere Zverev più di tutti. Serena Slam 24 e 25. Fognini, Giorgi, Cecchinato: ce n’è per tutti

Ubaldo Scanagatta

Pubblicato

il

Il mago Ubaldo vorrebbe tanto ripetere i successi previsionali ottenuti nel 2018 e far passare nel dimenticatoio gli insuccessi previsionali del 2017. I maghi più furbi son quelli che non si sbilanciano, che rischiano poco. Ma mago Ubaldo invece la pensa come il suo grande maestro Rino Tommasi: “I pronostici, le previsioni, li sbagliano solo coloro che li azzardano”.

1. Se dicessi che nel 2019 Roger Federer vincerà il suo torneo n.100 beh… forse non farei un grande sforzo. Anche se a 37 anni e mezzo per vincere quei tornei cui Roger si iscrive – e non sono gli ATP 250 – non è poi così banale. Intanto affermo che al numero 100 ci arriverà.

2. Come ultima briscola, se proprio tutto gli dovesse andare storto prima, c’è sempre il torneo di casa, quello di Basilea, dove se sta bene Roger è sempre il favorito. Lo ha vinto 9 volte e non l’ha giocato sempre.

 

3. Ma io dico che già il titolo erboso di Halle – sarebbe il decimo – difficilmente gli sfuggirà. A meno che Zverev non si diverta a mettergli il bastone fra le ruote.

4. Ma Roger vincerà ancora uno Slam? Roger può riuscirci solo se qualcuno gli butta fuori Djokovic prima della finale.

5. Repetita iuvant: in finale contro Djokovic, il mago Ubaldo non vede lo svizzero vittorioso. E Toni Nadal è d’accordo… anche se Roger dovesse giocare contro Rafa, ma… zio Toni è un po’ di parte.

6. Meglio affrontare Djokovic in una finale a Wimbledon che a Melbourne, secondo il Mago.

7. Vedo Federer con la voglia matta – ma è matto davvero? – di misurarsi sulla terra rossa. Non so chi glielo faccia fare. Ma magari a Montecarlo oppure a Roma, soprattutto se Nadal continuasse ad avere i suoi problemi fisici, potrebbe anche scappar fuori il grande exploit. Il grande exploit significa vincere il torneo? No, direi di no. Ma già raggiungere una semifinale o una finale appagherebbe l’ego di Roger, che rifiuta l’idea di essere così usurato da non poter far bella figura anche sulla terra battuta dove in fondo è nato e cresciuto (e ha sviluppato quella tecnica che forse su altre superfici non gli sarebbe venuta così naturale). I 37 anni di Roger sembrano pesar meno che i 32 di Rafa.

8. Nadal vincerà il 12mo Roland Garros? Solo se ci arriverà senza infortuni alle spalle. Comunque arriverà a raggiungere le 950 vittorie – è fermo a 918… 32 le vince di sicuro (e lui tocchi ferro) – e se non saranno 12 al Roland Garros lo saranno a Barcellona o a Montecarlo. Nella mia sfera di cristallo a sfuggire sono solo gli infortuni. Comunque superando 950 avrà scavalcato Vilas, 948, e sarà alle spalle di Lendl, terzo. Un interrogativo cui neppure il Mago sa rispondere: se la Decima di Rafa a Parigi diventò celebre, come si dice in spagnolo la Dodicesima?

9. Djokovic vincerà sicuramente almeno 3 tornei – questo lo dice anche il nipotino del Mago perché in 10 anni degli ultimi 12 ha sempre supererà quel muretto – e quindi supererà anche il muraglione dei 75 titoli. Per arrivare a 100 però sarà dura. Impossibile quest’anno ma anche nei prossimi. Roger può stare tranquillo.

[Le righe qui sotto erano state scritte subito dopo il sorteggio dell’Australian Open; che il Mago Ubaldo non sia un mago serio lo dimostra il fatto che… non aveva proprio previsto l’intervista in cui Murray annunciava il probabile ritiro! Peggio di così il nostro Mago non poteva cominciare]

10. Il povero Andy Murray, già parecchio sfigato fin dal sorteggio dell’Australian Open – mica c’erano tanti avversari più in forma di Bautista Agut – purtroppo avrà vita dura, durissima. Al di là dei problemi fisici che, ribadisco, non riesco a scrutare, ci sono anche quelli psicologici che lo spingeranno a imprecare ad ogni partita che si sia messa male. Non lo vedo capace di tornare su tra i top-ten… ma chi avrebbe detto che Djokovic sarebbe risorto quand’era sceso a n.22? Andy ha vinto 45 tornei in carriera. O va a giocare tornei piccoli piccoli oppure a 50 non ci arriva. Nel 2018 ha vinto solo 7 partite! Infatti è n.257 del mondo. Al miracolo top-ten non credo proprio. Anche se nella mia letterina a Babbo Natale – sì a volte i maghi tornano bambini – ho chiesto proprio quello. Sarebbe top-ten per la decima volta. Lo meriterebbe, sennò nessuno lo inserirà mai più nei Fab Four. Andy sarà rimpianto anche in sala interviste: Roger parla a lungo e in tutte le lingue, ma non può essere il solo a darci dei titoli. Rafa tende a lamentarsi, ma quando lo fa lo fa in modo sbrigativo, due frasi e stop. Nole invece parla tantissimo, ma spesso non dice abbastanza (non voglio dire nulla…).

11. Su Del Potro e gli infortuni mi ripeto. Non so davvero fra lui e Murray chi sia più sfigato. Né chi lo sarà.

12. La lotta per il posto n.1 del ranking sarà ristretta fra Djokovic e Zverev. Non vedo né Federer, già il più vecchio n.1 della storia a 36 anni, né Nadal in grado di ritornare lassù a fine anno. Nei primi sei mesi Djokovic non ha mezza cambiale da pagare. Dopo sì, ma dopo… non è la stagione ideale per Rafa. Semmai potrebbe esserlo per Roger, ma è più facile che “esploda” Zverev. Vedo Boris Becker che annuisce: Boom Boom ne è proprio convinto. Puro sciovinismo? O cerca di… sostituire Lendl? Certo è che prima o poi Zverev dovrà fare punti anche negli Slam, non solo nelle prove ATP. Ma, attenzione, all’età di Zverev Roger Federer non aveva vinto quanto lui. Nadal invece sì (23 tornei tra cui 3 Roland Garros e 9 Masters 1000, n.2 del mondo e due finali a Wimbledon) e Djokovic pure ma con margini più risicati (un torneo in più rispetto a Zverev, 11 a 10, ma già lo Slam australiano del 1998).

13. Fino al 6 maggio Djokovic resterà numero 1. In tal modo sarà stato n.1 per 250 settimane. Nadal è fermo a 196.

14. Mi si appanna la sfera – maledizione! – quando devo capire se Djoker Nole possa a fine anno aver scavalcato le 268 settimane di Connors e le 270 settimane di Lendl. Dipende tutto da… Zverev. Comunque matematicamente irraggiungibili le 286 di Sampras e le 310 di Federer… se ne riparlerà semmai nel 2020.

15. In Croazia si scandalizzano se uno dice che Marin Cilic potrebbe far meglio di Goran Ivanisevic. Più per una questione di personalità, direi, che altro. Goran era, è unico. Ma negli Slam stanno uno a uno, e Marin ha fatto finali anche fuori di Wimbledon. Quest’anno intanto vincerà almeno 4 tornei e allora uguaglierà i 22 di Goran. E lui di Davis ne ha già vinte due. Vero che Goran è stato n.2 del mondo e Marin mai così in alto.

16. Restando in terra croata Ivo Karlovic ha cominciato alla grande il suo millesimo da quarantenne (li compie il 28 febbraio): già una finale! Connors a 40 nel ’92 non andò oltre una semifinale a San Francisco.

17. Nella letterina di Natale avevo chiesto anche che Naomi Osaka avesse la soddisfazione di vincere un altro Slam senza che la coprissero di fischi. Potrebbe già avvenire a Melbourne e il Mago andrebbe in brodo di giuggiole. Certo non accadrà a Parigi.

18. Dopo quello che è successo nella finale dell’US Open, agli arbitri sarà detto di chiudere un occhio sulla regola più infranta fra tutte: quella della proibizione del coaching. Di certo starà ben attento a non ammonire più nessuno Carlos Ramos (cui il direttore di Ubitennis nel suo commento alla finale dette ragione, pur ritenendolo un tantino pignolo: grazie a quell’articolo verrà premiato il 21 gennaio a Losanna dall’AIPS, fra 1273 giornalisti di 119 Paesi).

19. Si continuerà a invocare l’aria condizionata sotto il nuovo tetto dell’Arthur Ashe Stadium.

20. Così come continuerà la guerra per bande, fra ITF, ATP e Laver Cup: neppure il Mago Otelma, notoriamente più bravo e credibile del Mago Ubaldo, avrebbe mai potuto prevedere che i quattro Slam sarebbero arrivati – dopo anni in cui soltanto l’US Open prevedeva il tiebreak al quinto set – a quattro formati diversi per il quinto set. A Parigi niente tiebreak, a Wimbledon sul 12 pari, a New York come sempre a 6 pari, a Melbourne un tiebreak a 6 pari ma a chi arriva prima a 10, un Supertiebreak insomma. Si deve leggere che… ogni Slam fa come gli pare. Il comitato del Grande Slam, e il suo presidente Bill Babcock, dovrebbe essere esodato come vuole Fornero.

21. La Davis Cup, ribattezzata ironicamente Piqué Cup da un Federer stavolta stranamente non politically correct – non fosse lui l’organizzatore ombra della Laver Cup… – a Madrid desterà la curiosità di molti. Il Mago non esclude che diverta. Anzi. Che poi riesca a prevalere sulla ATP Cup 2020 sembra difficile. Ma se ne riparlerà nel 2020. Io mi aspetto un successo dell’edizione di Madrid, perché le tv ci si butteranno sopra a pesce. Poi magari la Piqué Cup fallirà… (come accadde per la ISL che aveva promesso mari e monti ai proprietari dei Masters 1000 all’inizio del terzo millennio e poi crollò miseramente fra i debiti).

22. Berrettini non potrà continuare ad avere sorteggi sfortunati e a sprecare matchpoint. Si inserirà fra i primi 30.

23. Cecchinato vorrebbe scavalcare Fognini, ma se non cede Fabio, non ce la farà. Credo che, dopo aver firmato accordi contrattuali molto ottimistici, si accontenterebbe di un posto tra i primi 30. E Fabio, dopo aver sognato invano un posto tra i top-ten, si accontenterà di restare tra i top 20 e il n.1 d’Italia. Anche per giocare in Davis, ATP Cup o quel che sarà. Se ha un coach che lo tiene calmo rende il doppio.

24. Al numero 24 la profezia del Mago non può che riguardare Serena Williams. Ogni volta che era lì lì per centrare il 24mo Slam è inciampata. Ma stavolta ce la farà. Ho avvertito personalmente Margaret Court che si mettesse il cuore in pace. D’altra parte anche se non lo ammetterà mai, gli 11 Slam australiani di Margaret inquinano quel record quasi quanto i 109 tornei vinti da Connors… alcuni più che tornei erano barzellette. Non escluderei neppure il 25mo per mamma Serena.

25. Intanto le prime due vittorie di Serena sono state l’aver conquistato… il protected ranking per le tenniste in maternità e una maggiore elasticità riguardo all’abbigliamento (dopo che al Roland Garros si erano scandalizzati per la sua mise da pantera nera).

26. Soltanto Pliskova, vincendo l’Australian Open, consentirebbe di battere il record di 9 vincitrici diverse in 9 Slam consecutivi: ma non vincerà. (il Mago Ubaldo trema, perché Karolina è ancora in gioco…)

27. Il Mago smemorato ha dimenticato, come tutto l’establishment tennistico, che se di eventi a squadre maschili ce ne sono anche troppi, tre che si pestano i piedi, quello che avrebbe avuto più bisogno di un bel lifting è la Fed Cup. In Italia oramai interessa poco, dopo la scomparsa delle quattro “moschettiere”. Ma al resto del mondo del tennis – più che a Giorgi che ne farebbe volentieri a meno – dovrebbe invece stare a cuore. Mah…

28. Ah, Camila Giorgi… ci sono tante ultratrentenni perché lei non riesca a infilarsi fra le top 20. Le manca la continuità? Potrebbe finalmente trovarla, purché anche lei smetta di farsi male ogni piè sospinto.

29. Fognini si era stufato di sentir parlare di Next Gen, e non solo lui – anche il Mago! – però è indubbio che i vari Zverev, Khachanov, Tsitsipas (pur recentemente ridimensionato dal nostro irriducibile trantaquattrenne Seppi), de Minaur, Medvedev, Rublev, stanno facendosi sotto. Se Djokovic ha rimediato tre delle sue quattro sconfitte del secondo semestre 2018 da tre Next Gen, il segnale è significativo. Uno dei ragazzotti come minimo raggiungerà una finale di Slam. E potrebbe pure vincerla.

30. Venus Williams non può continuare a giocare all’infinito. Smetterà alla fine di quest’anno? Per lei come per Federer se non ci fossero state le Olimpiadi del 2020 a Tokyo il Mago avrebbe detto di sì… ma più per Venus che per Roger, perché lui è ancora n.3 del mondo. Lei no.

E ora basta così. Il Mago è sfinito… e voi pure.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement