Bertens adesso corre anche indoor: è lei la zarina di San Pietroburgo

Focus

Bertens adesso corre anche indoor: è lei la zarina di San Pietroburgo

Vekic spreca due break di vantaggio nel primo set: fatali un paio di gravi imprecisioni a rete. Primo titolo indoor per Bertens che consolida l’ottavo posto in classifica

Pubblicato

il

 

In ogni caso sarebbe stata una prima volta. O il primo Premier di Donna Vekic o il primo successo indoor di Kiki Bertens. Alla fine è stata l’olandese a lasciare il campo con il trofeo di San Pietroburgo tra le braccia, al termine di una partita piuttosto divertente e movimentata. Dopo un primo set ripreso per i capelli, Bertens è stata bravissima a rintuzzare il tentativo di ritorno di Vekic nel secondo parziale. Per Bertens si tratta dell’ottavo alloro WTA, il terzo (consecutivo per altro) su superfici rapide, testimonianza inequivocabile dei suoi miglioramenti fuori dalla prediletta terra battuta. La croata invece lascia la città russa forte del proprio best ranking (numero 25) e dell’importante vittoria su Petra Kvitova, ma con i tanti rimpianti di quel primo set gettato alle ortiche.

LA PARTITA – Vekic esce meglio dai blocchi e si procura un immediato break di vantaggio. Bertens invece è entrata in partita senza il supporto del servizio (appena il 29% di prime in campo) ed è quindi sempre costretta a scambiare. Nel palleggio Vekic riesce spesso e volentieri a togliere il tempo all’avversaria anticipando le sue traiettorie lavorate. Un secondo break sembra porre la parola fine sul primo set, ma qui la situazione si capovolge completamente. La croata infatti si incarta al momento di chiudere e cede a zero la battuta. Qualcosa sembra essersi rotto nel meccanismo perfettamente oliato del tennis di Vekic, che vince solo uno dei successivi tredici punti. Ritrovatasi incredibilmente sotto 6-5, la croata riesce a scuotersi e ad agganciare il tiebreak. Nel jeu decisif però non c’è partita. Vekic subisce la pressione calcolata di Bertens e finisce spesso per affossare in rete i propri colpi. Una comoda volèe di dritto mandata larga da Vekic (con annesso lancio di racchetta) spedisce Bertens avanti 5-2. Dopo 58 minuti, l’olandese mette in saccoccia un set che sembrava ormai perso.

L’inizio del secondo set sembra una copia carbone del finale del primo. Bertens gioca con le rotazioni (alte e cariche in palleggio offensivo, ma senza disdegnare insidiosi back difensivi) e si mantiene in posizione di controllo, mentre Vekic tenta di forzare senza però ottenere grandi soddisfazioni. Il terzo break a zero della sua partita permette a Bertens di fare corsa di testa. Curiosamente, a questo punto del match, entrambe le giocatrici hanno convertito tutte le palle break a loro disposizione (2/2 Vekic, 3/3 Bertens) Al cambio di campo, Vekic si lamenta col proprio coach degli slice e dei dropshot dell’avversaria, che la stanno facendo letteralmente impazzire, ricevendo in cambio il consiglio di concentrarsi sui singoli punti e di provare a spostare Bertens. La chiacchierata sembra sortire qualche effetto balsamico perché la giocatrice croata rientra con tutto un altro piglio e strappa la battuta all’olandese con uno splendido dritto vincente. Ora il livello di entrambe è piuttosto alto e si moltiplicano gli scambi da applausi.

Un sanguinoso doppio fallo di Vekic però spezza ancora l’equilibrio in favore di Bertens, che va a servire per il match e per il trofeo. Un falco disperato di Vekic strozza il grido di gioia di Bertens che era già a braccia alzate. Si tratta però solo di un lieve ritardo sulla tabella di marcia, perché tre punti più tardi un nastro fortunato regala all’olandese il primo titolo indoor della sua carriera.

Notevole il cambio di marcia di Kiki sul veloce, frutto di un potenziamento mirato del suo gioco: fino all’agosto del 2018 aveva giocato (e perso) una sola semifinale in carriera sul cemento, tra outdoor e indoor; dall’exploit di Cincinnati ne ha giocate quattro in sei mesi sollevando il trofeo in tre occasioni. Questo successo le permette di rafforzare l’ottavo posto in classifica e di avvicinare sensibilmente Svitolina, che ora dista appena un centinaio di punti.

Risultato:

[2] K. Bertens b. [8] D. Vekic 7-6(2) 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement