A Montpellier, Tsonga scaccia i fantasmi e torna al successo

ATP

A Montpellier, Tsonga scaccia i fantasmi e torna al successo

Il francese domina e torna a sollevare un trofeo dopo più di un anno, nel luogo dove era iniziato il suo calvario. Terza finale persa invece per Herbert

Pubblicato

il

Si è conclusa poco fa la finale dell’edizione 2019 dell’Open Sud de France che si disputa dal 2010 nella Park&Suites Arena di Montpellier. A contendersi il titolo quest’oggi sono stati i padroni di casa Pierre-Hugues Herbert, 27 anni e nel momento migliore della carriera da singolarista, e il redivivo Jo-Wilfried Tsonga, sei anni all’anagrafe più del rivale e una classifica tutta da ricostruire in seguito all’infortunio al ginocchio subito proprio qui a Montpellier l’anno passato. Terzo scontro diretto tra i due transalpini dopo i due successi piuttosto netti di Tsonga che risalgono al biennio 2016-2017, sempre sul veloce.

Erano ben nove i francesi al via nel tabellone principale con Pouille accreditato della prima testa di serie poi sconfitto anzitempo da Baghdatis. Per Herbert, invece, settima testa di serie del seeding mentre a Tsonga gli organizzatori hanno riservato una wild card. Bookmakers concordi nell’attribuire al giocatore più esperto i favori del pronostico nonostante quanto messo in mostra da Herbert nel corso di una settimana che l’ha visto estromettere, tra gli altri, Shapovalov e Berdych. Tre connazionali sulla strada di Tsonga verso l’atto conclusivo e due autentiche maratone con Humbert, prima, e Chardy, poi. Più agevoli, invece, l’ottavo con Simon e la semifinale di ieri con Albot.

 

Al termine di una partita quasi a senso unico, il trofeo se lo è assicurato con merito Tsonga: per lui si tratta del diciassettesimo titolo e nono in Francia, un habitué. Appuntamento con la vittoria ancora rinviato, invece, per Herbert che perde così la terza finale nel circuito maggiore.

LA CRONACA – Parte forte Herbert, il suo è un tennis assai piacevole e, secondo copione consolidato, quando può prende la via della rete, il suo habitat naturale. Tsonga lo si conosce, servizio e diritto sugli scudi e tanta grinta. Tutto a vantaggio di un match che nei primi venticinque minuti di gioco fa registrare praticamente solo colpi vincenti. Ciò che più impressiona in questa fase è la lunghezza di palla nello scambio di un Herbert arrembante che sembra avere messo a punto una facilità di colpi di tutto rispetto. Bravo ed esperto Tsonga a essere altrettanto efficace nei propri turni di battuta, con il diritto che è una micidiale sentenza. Sornione, dunque, il nativo di Le Mans, nell’attesa di un piccolo passaggio a vuoto dell’avversario. Eventualità che prontamente si materializza nel corso del nono game quando Herbert, dopo un sanguinoso doppio fallo, si trova a dover fronteggiare una prima palla break che però cancella con un serve-and-volley da manuale. Tuttavia nulla può sulla seconda, quando Tsonga con il suo colpo migliore trova una risposta vincente in lungolinea, assicurandosi così la possibilità di servire per il set. Detto e fatto, e in un amen è 6-4 Tsonga il cui linguaggio del corpo trasuda una demoralizzante sicurezza.

Il secondo set si apre ancora con Herbert al servizio ma, purtroppo per lui, le difficoltà non sono ancora finite. Come nel precedente turno di battuta Pierre-Hugues è infatti costretto agli straordinari e anche in questa circostanza, ma con il rovescio, una risposta al fulmicotone del rivale gli costa il break che spezza l’equilibrio del parziale già in avvio. Break confermato senza patemi per un filotto di cinque giochi consecutivi appannaggio del finalista dell’edizione 2008 degli Australian Open. Herbert, per la verità, non ha molto da rimproverarsi, sono infatti più i meriti di Tsonga che i demeriti propri quest’oggi sebbene qualche piccola sbavatura. Fatto sta che allo scoccare della prima ora di gioco la situazione sembri già essere piuttosto compromessa. Il pubblico sugli spalti, che vede il match scivolare via troppo velocemente, prova a scuotere Herbert con un lungo applauso ritmato ma un’ingenuità con la volée di diritto, da lì a poco, significa la palla del doppio break, all’atto pratico un match point anticipato. Tsonga, adesso straripante in tutta la sua fisicità, capitalizza anche questa opportunità con l’immancabile risposta vincente: match in ghiaccio. C’è giusto il tempo per mettere a referto un paio di giochi interlocutori, uno per parte, e per Jo-Wilfried è tempo di servire per il titolo, una formalità. Al cambio di campo è un fiume in piena: 6-2 senza appello e titoli di coda.

In definitiva, una partita gradevole e combattuta solo per i primi otto game interpretati da entrambi su ottimi livelli, prima dell’assolo di Tsonga che, strappata la battuta una prima volta a Herbert, non si è più voltato indietro. Herbert, che in ogni caso conferma di avere dei numeri interessanti e un tennis vario, può comunque consolarsi con il nuovo best ranking. Che belle storie racconta il tennis: da Montpellier a Montpellier, un anno dopo. Tsonga è tornato.

Continua a leggere
Commenti

ATP

Montecarlo: Tsitsipas sul filo dei nervi, Herbert fa saltare il banco

Il francese elimina Nishikori, finalista uscente, che verrà scavalcato da Anderson al numero sei del mondo. Il greco non convince fino in fondo contro Kukushin: agli ottavi trova Medvedev che l’ha sempre battuto

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - Montecarlo 2019 (foto via Twitter, @ATP_Tour)

Senza strafare e sbagliando spesso, Stefanos Tsitsipas supera il non impossibile ostacolo Kukushin nel suo match d’esordio a Montecarlo. I margini di miglioramento per il greco sembrano enormi, non essendoci stati lampi di gran gioco e nemmeno di dimostrazioni continuità. Il primo set gira quando il kazako, tendenzialmente solido in risposta, concede il break all’ottavo game. Rapsodico il secondo parziale, in cui sono ben cinque i turni di servizio non rispettati: è chiaro chi comanda le operazioni, ma il numero otto del mondo paga una complessiva mancanza di tranquillità e la scarsa incisività al servizio (solo due gli ace totali).

Sotto di un break in due occasioni, Kukushin se li riprende trascinandola fino al cinque pari. Tsitsipas vive sul filo dei nervi, accumula steccate ma si aggrappa al rovescio per strappare il turno di battuta decisivo che lo porta sul 6-5. L’esultanza è un urlo che lascia trasparire tutta la tensione. Alla fine la porta a casa capitalizzando i 22 vincenti contro 14, ma servirà ben altro approccio contro Daniil Medvedev che lo attende agli ottavi dopo aver lasciato appena tre game a Radu Albot. Il russo ha avuto la meglio, sul veloce, in tutti e tre i precedenti disputati nel 2018.

 

La sorpresa di giornata arriva dal centrale, dove Pierre-Hugues Herbert fa saltare il banco battendo in due set il finalista uscente Kei Nishikori. Per il doppista francese (49 ATP) arriva così il terzo successo in carriera contro un top 10, il primo su terra dove non aveva mai avuto la meglio nei tre precedenti. La perdita di 510 punti costerà sicuramente al giapponese lo scivolamento dal numero sei al numero sette del mondo, a beneficio di Kevin Anderson. Il rischio diventerebbe un doppio sorpasso nel caso Tsitsipas dovesse spingersi molto avanti nel torneo.

In un match in cui nessuno dei due raggiunge il 60% di prime in campo, Herbert firma il 7-5 sull’unica palla break a suo favore dopo averne annullate ben sei nei game precedenti. L’andamento non cambia nel secondo parziale, che gira sempre all’ultimo gioco che vede il giapponese sciogliersi al servizio. Agli ottavi sarà Herbert-Coric: il croato ha perso entrambi i precedenti ma tra il 2013 e il 2014. Quando la carta d’identità e i rapporti di forza erano ben diversi.

Risultati:

[10] D. Medvedev b. R. Albot 6-1 6-2
[6] S. Tsitsipas b. M. Kukushkin 6-3 7-5
P.H. Herbert b. [5] K. Nishikori 7-5 6-4
[13] F. Fognini b. G. Simon W/O

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Norrie fa fuori Fucsovics: sarà lui a sfidare Sonego per un posto ai quarti

Il mancino britannico vince al tie break il primo set dopo una gran rimonta e domina l’ungherese nel secondo. Contro Lorenzo, giovedì, una sfida inedita e apertissima: “Ma Sonego è favorito”

Pubblicato

il

Cameron Norrie - Montecarlo 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Sarà Cameron Norrie a contendere a Lorenzo Sonego un posto nei quarti di finale a Montecarlo: in palio l’ennesimo debutto per entrambi a un livello che si sta facendo sempre più alto. Norrie non partiva necessariamente favorito contro Marton Fucsovics nel suo incontro di terzo turno e il match si era in effetti messo male, con l’ungherese avanti un break e in controllo nella prima fase dell’incontro. Il mancino britannico è però salito di tono con il procedere dei minuti e ha acciuffato la parità sul cinque pari con Fucsovics impegnato a servire per chiudere il primo, annullando anche un set point: ne sono seguiti un tie break dominato e un secondo set in controllo assoluto.

Niente male, per un ragazzo che fino a questa settimana non aveva mai vinto una partita nel tabellone principale di un Masters 1000. “Lui è partito davvero forte, io forse un po’ troppo sulla difensiva“, ha commentato Cameron davanti ai giornalisti. “Quando è andato a servire per il set ho deciso di prendermi tutti i rischi e mi è andata bene, poi ho giocato un ottimo tie break e un secondo set molto solido, sono davvero contento“. Felicità ben giustificabile, occorre dire: con gli ottavi in tasca, il portafoglio si gonfierà di dollari sessantaquattromila, e il ranking si assesterà a un nuovo best, attorno alla 43 ATP. Proprio ciò che è accaduto a Lorenzo Sonego, il quale, grazie alla trasvolata monegasca, al momento abita i dintorni della settantaquattresima posizione.

 

Una sfida inedita e una grande occasione per entrambi, in una fascia del tabellone rimasta orfana dei due principali sospettati di poter far strada nel Principato, ossia Karen Khachanov e Nikoloz Basilashvili. Ma se il georgiano è stato estromesso da terzi, il russo è stato cacciato da Lorenzo in persona, fatto che in queste ore sta conferendo al tennista torinese l’unanime rispetto dei colleghi, come dimostrano le parole pronunciate da Norrie in conferenza: “Sta disputando un’ottima stagione sulla terra. L’ho visto vincere un paio di partite dal vivo a Buenos Aires e mi ha fatto una buona impressione, il match di ieri con Khachanov è stato straordinario“.

Avventurarsi in un pronostico quando i protagonisti di una contesa ad altissimi livelli sono due debuttanti è sempre pericoloso, ma il mancino nato a Johannesburg da padre scozzese e madre gallese (e fisicamente cresciuto in Nuova Zelanda, per completezza di Commonwealth) non sembra aver molti dubbi a riguardo: “In classifica sono davanti, ma analizzando le ultime partite sul rosso direi che il favorito è decisamente lui“. Scaricare il peso della pressione sull’avversario è la prima arma tattica usata da Cameron in vista dell’inedito duello, ma siamo certi che Lorenzo, a specifica domanda, ci risponderebbe l’esatto opposto.

Risultati:

T. Fritz b. D. Schwartzman 6-4 6-2
[10] D. Medvedev b. R. Albot 6-1 6-2
[6] S. Tsitsipas b. M. Kukushkin 6-3 7-5
C. Norrie b. M. Fucsovics 7-6(3) 6-3
P.H. Herbert b. [5] K. Nishikori 7-5 6-4
[13] F. Fognini b. G. Simon W/O
[3] A. Zverev b. [WC] F. Auger-Aliassime 6-1 6-4
G. Dimitrov b. J.L. Struff 7-6(2) 6-4
[2] R. Nadal b. R. Bautista Agut 6-1 6-1 

Il tabellone completo

Continua a leggere

ATP

Montecarlo: a Zverev la prima contro Auger-Aliassime. Sfiderà Fognini

Delude la tanto attesa sfida del futuro tra il 21enne tedesco e il 18enne canadese. Sascha lascia 5 giochi a Felix e agli ottavi troverà l’azzurro (sconfitto in entrambi i precedenti)

Pubblicato

il

Alexander Zverev - Montecarlo 2018 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

da Montecarlo, la nostra inviata

Alexander Zverev, numero 3 del mondo, affronta sul campo centrale, per la prima volta in carriera, il giovane fenomeno canadese, classe 2000 e numero 33 della classifica, Felix Auger-Aliassime. Nel palmares di Zverev, nato nel 1997, ci sono già ben 3 tornei Masters 1000: Roma, Madrid e Montreal. Nel cielo di Montecarlo, dopo un martedì grigio, splende il sole, accompagnato da una piacevole brezza.

 

Zverev mette subito pressione ad Aliassime e gli strappa il servizio di apertura. La partita tra i due giovani talenti, entrambi residenti tra l’altro proprio nel Principato di Monaco, entra subito nel vivo. Aliassime cerca le righe e varia molto i colpi incorrendo però in troppi errori, mentre Alex controlla gli scambi: in mezz’ora di gioco il tedesco vola a condurre 5 a 1 e, sul servizio dell’avversario, si guadagna le prime tre palle del set. Felix con l’ennesimo errore gli consegna il parziale alla prima occasione utile. Saranno 14 gli errori non forzati del canadese nel corso di questo primo set.

Aliassime non perde però la calma e nel secondo parziale sembra aver finalmente preso le misure del campo Ranieri III. Felix mette così a segno il primo break dell’incontro per la gioia del numeroso pubblico che ha ormai adottato il giovanissimo atleta, dal francese perfetto. Felix fatica a tenere il servizio nel quarto gioco, ma risolve con una bella discesa a rete. Zverev lancia maledizioni al cielo e con aria infastidita mette in scena un turno pressoché perfetto in battuta. Aliassime torna a essere falloso e con un paio di errori non forzati e un doppio fallo regala il contro break ad Alex. Felix continua però a forzare il gioco e costringe Zverev all’errore quando lo porta nei pressi della rete, zona del campo non particolarmente amata dal tedesco.

Sul 4 pari i servizi sono ormai saltati. È Zverev il primo a riuscire a tenere nuovamente un turno in battuta, e a issarsi poi fino alla palla del match. Felix sbaglia la prima di servizio, mette in campo la seconda e inizia il gioco. Zverev da fondo campo tiene lo scambio ed è ancora una volta un errore di Aliassime a chiudere i giochi e a consegnare la partita ad Alexander. Ad aspettare Zverev ora il nostro Fabio Fognini, volato direttamente agli ottavi grazie al ritiro di Gilles Simon.

E sul nostro giocatore Zverev ci va cauto. A chi gli ricorda che ha un record positivo di due vittorie a zero contro Fognini, Zverev risponde: “è un giocatore pericoloso, specialmente sulla terra… … è uno dei migliori nel tour, quando gioca con molta fiducia è duro da battere: vedremo l’incontro“.

in aggiornamento

Risultati:

T. Fritz b. D. Schwartzman 6-4 6-2
[10] D. Medvedev b. R. Albot 6-1 6-2
[6] S. Tsitsipas b. M. Kukushkin 6-3 7-5
C. Norrie b. M. Fucsovics 7-6(3) 6-3
P.H. Herbert b. [5] K. Nishikori 7-5 6-4
[13] F. Fognini b. G. Simon W/O
[3] A. Zverev b. [WC] F. Auger-Aliassime 6-1 6-4

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement