Indian Wells, spunti tecnici: Andreescu, colpitrice moderna che usa la testa

(S)punti Tecnici

Indian Wells, spunti tecnici: Andreescu, colpitrice moderna che usa la testa

Bianca Andreescu è la rivelazione del torneo. La tecnica è perfetta, l’istinto tattico fa la differenza

Pubblicato

il

da Indian Wells, il nostro inviato

La diciottenne canadese di origini rumene Bianca Andreescu è un gran bel personaggio, prima ancora che una tennista emergente che ci sta facendo vedere prestazioni di altissimo livello a Indian Wells. Ne potete leggere un esauriente profilo qui, a opera di Alessandro Stella. Ero molto curioso di vederla da vicino e di fianco, come si sa la prospettiva migliore per valutare le esecuzioni dei colpi dal punto di vista strettamente tecnico. Campo centrale, porte chiuse al pubblico, Bianca ci metteva piede per la prima volta. Un’oretta dopo il warm-up che stiamo per andare a vedere insieme avrebbe dato un clamoroso 6-0 6-1 a Garbine Muguruza, fuori forma finché volete, ma pur sempre di una ex numero 1 WTA e due volte campionessa Slam stiamo parlando. Diamo un’occhiata al dritto.

Qui sopra, un dritto “comodo”, in neutral stance (affiancata o quasi). Gran bella ovalizzazione (osservate dove inizia e dove finisce lo swing), ottima compostezza in generale del corpo, ben stabile sugli appoggi. Da notare, coppia di immagini in mezzo, la linearità del percorso che fa la testa della racchetta entrando verso l’impatto, zero energia sprecata, va tutta sulla palla.

Qui sopra, un dritto stavolta in open stance (frontale rispetto alla palla), come nel caso precedente, ovalizzazione completa anche se necessariamente più rapida, Bianca era al termine di uno spostamento laterale. Standole a tre metri, devo dire che si sentivano delle gran belle schioppettate, la traiettorie erano filanti, questa è una ragazza che cerca di tirare più piatto possibile, con solo il finale dei colpi a spazzolare la palla quel minimo necessario a trovare sicurezza. Molto bello. Vediamo il rovescio.

Preparazione praticamente in linea (“alla” Serena Williams), cioè con pochissima ovalizzazione. Come possiamo apprezzare dalle ultime due immagini, l’impatto e la prima parte dell’accompagnamento finale, il colpo è ancora più piatto del dritto, sono palle che filano tese e schizzano via dopo il rimbalzo che è un piacere. Passiamo al servizio.

Nulla da eccepire, tecnica foot-up (con il passetto della gamba posteriore che va a unirsi all’altra, per poi scatenare la spinta delle ginocchia), ottima “trophy position“, la postura con entrambe le braccia alzate al termine del caricamento, bell’ingresso in avanti dell’anca sinistra, pronazione e flessochiusura verso il basso del braccio-racchetta decise e veloci.

In definitiva, una tecnica ottima, quasi scolastica in senso moderno se vogliamo, senza una particolarità di spicco, a parte la tendenza – lodevole – a privilegiare la spinta e la velocità di palla rispetto alle rotazioni esasperate in top-spin. Ma allora, dov’è che Bianca primeggia al punto da salire i gradini del ranking dieci alla volta? Non si arriva in semifinale in un Premier Mandatory, in questo modo poi, per caso. Ricordiamo inoltre una finale a Auckland a inizio stagione, partendo dalle qualificazioni. La risposta, semplicemente, è che Andreescu questo tennis “standard” (ma di livello top, s’intende, sempre relativamente al meglio mondiale ne stiamo parlando) è in grado di applicarlo in partita, spesso e volentieri, in modo tatticamente acutissimo.

Non sono cose che si insegnano più di tanto, è una sensibilità geometrica, una visione degli spazi, dei tempi e dei ritmi di gioco che hai o non hai. Bianca è un vero e proprio “animale da tennis”, nel senso che trova le soluzioni che infastidiscono maggiormente le avversarie con lucidità e naturalezza, cosa impressionante considerata la giovane età. Alle belle botte di dritto, rovescio e servizio, poi, Andreescu è in grado di alternare palle corte o slice improvvisi molto ben portati, e in particolare messi a segno nei momenti giusti. Chissà, magari tutta questa sagacia e sensibilità strategica sono frutto anche del lavoro mentale che Bianca fa su se stessa, con la meditazione quotidiana, come potete leggere nell’approfondimento/intervista linkato nel pezzo all’inizio.

Per concludere, vediamo qui sopra un finale del dritto: dal lato destro, impressione confermata dai colleghi canadesi, Bianca è praticamente identica a Eugenie Bouchard, con questo swing portato molto di spalla, come un cazzotto, e una grande rotazione del busto, con il piano delle spalle che va ad accennare un ribaltamento in avanti, quasi fosse un servizio eseguito in orizzontale. La cosa, considerando che Andreescu si è formata a livello di alta prestazione preso gli stessi centri tecnici frequentati qualche anno fa da “Genie”, è perfettamente comprensibile. Per completezza, un breve video con due sequenze standard di allenamento, ovvero servizio più dritto e poi servizio più rovescio. Footwork buonissimo, rapidità di spostamenti, tutto ineccepibile.

Vediamo un po’ cosa saprà farci vedere, a partire dalla sfida con la tenacissima Elina Svitolina in semifinale, la simpatica ragazza con il dritto di Bouchard e il rovescio di Serena Williams. Le basi, come abbiamo ammirato, ci sono eccome, la “testa da tennis” è di primordine, il fisico è solido e potente. Benvenuta nel tennis che conta, Bianca.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash1 settimana fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement