Miami, Hsieh ne combina un'altra: fuori Osaka, il n.1 è in bilico

Rubriche

Miami, Hsieh ne combina un’altra: fuori Osaka, il n.1 è in bilico

Su-Wei vince la quarta partita contro una top 5, la seconda contro una numero 1. Mettendo anche in pericolo lo scettro della giocatrice giapponese

Pubblicato

il

(da Twitter, @WTA)
 

Su-Wei Hsieh completa l’impresa che aveva soltanto sfiorato a Melbourne ed estromette dal Miami Open la numero uno del mondo Naomi Osaka. La giapponese si era trovata a soli due punti dalla vittoria nel decimo game del secondo set, quando un doppio fallo in apparenza innocuo ha scatenato una serie di eventi – tra cui un secondo doppio fallo nello stesso game, ben più grave e decisivo – che ha ringalluzzito la tennista taiwanese sino a farla rientrare completamente in partita. Nel tie-break, poi, la quadrumane più imprevedibile del circuito ha cominciato a somministrare alla sua avversaria certe traiettorie ubriacanti che hanno denudato i limiti di tocco di Naomi, straordinaria colpitrice ma non certo la più raffinata delle fiorettiste. Il momento psicologico particolare della numero uno del mondo, che non ha ancora assorbito del tutto il divorzio dall’ex coach Bajin, ha fatto il resto: a seguito delle tre sconfitte nelle ultime sei partite, la prima posizione in classifica di Osaka è ufficialmente in pericolo.

NAOMI IN CONTROLLO, POI… – La giapponese comincia maluccio, perdendo i primi tre game, ma la progressiva accelerazione con cui rovescia e vince il primo set (6-4) sembra quella ideale a tenere la testa di Hsieh sott’acqua sino all’ultimo quindici. L’unico modo per essere certi di stringere la mano a Su-Wei con il sorriso è quello di annichilirla sotto il piano del gioco, senza lasciarle l’opportunità di riportare la partita in lotta. Osaka lo sa bene, perché a Melbourne le era toccato rimettere in piedi una partita complicatissima, e nel secondo set breakka subito. Senza voltarsi minimamente indietro tiene tre servizi di fila a zero, poi annulla una palla break delicata sul 4-3 e va a servire per il match sul 5-4, andando subito avanti 3-0. Hsieh non tradisce alcuna emozione, sembra quasi rassegnata: qualsiasi regola di buon senso suggerirebbe a questo punto di cominciare a guardare l’avversaria successiva della numero uno del mondo, a cui bastano solo due punti per accedere agli ottavi.

In Australia, Osaka si era dimostrata fortissima soprattutto in situazioni di questo tipo. Non aveva quasi mai tremato, chiamata a chiudere partite complicate, mettendo in mostra una tempra sorprendente. Sotto il profilo mentale, però, la giapponese non è la stessa giocatrice di due mesi fa. I colpi viaggiano ma le insicurezze sono tornate. E quel game Naomi lo perde dopo aver commesso due doppi falli e fallito un rovescio che non si doveva fallire. Hsieh si conferma avversaria assolutamente infida e non spreca i regali trascinando la partita al tie-break. Qui regala un paio di sontuosità, specie il rovescio strettissimo seguito dal passante di dritto in avanzamento a seguito del quale sul tabellone dello Stadium si sbloccano i due numeretti del terzo set.

Osaka è costretta a giocare ora sul territorio scivolosissimo dei nervi. All’inizio del decider reggono, e la giapponese si porta ancora avanti 2-0, ma Hsieh adesso ha compreso le debolezze della sua avversaria e sa come sfruttarle. Gioco ad elastico, con traiettorie di profondità variabile, anticipi improvvisi e illeggibili, non un colpo uguale al precedente. Osaka ha bisogno di tenere in mano la partita e adesso non ce l’ha più, si piega un paio di volte sul cemento verde acqua dell’Hard Rock Stadium in preda allo sconforto più totale ancor prima di subire il break che le costerà l’eliminazione, al quale si andrà ad aggiungere il servizio perso nell’ultimo game della partita. Per Hsieh è la seconda vittoria contro una numero 1 (la prima contro Halep a Wimbledon lo scorso anno), la quarta contro una top 5.

Per la numero uno del mondo invece, dopo gli ottavi di Indian Wells persi contro un’ottima Bencic arriva un’altra sconfitta, seppur contro una giocatrice che ormai da qualche mese si esibisce a livelli da top 20 navigata; uno scivolone che oltre a interrompere una serie piuttosto incredibile di 63 successi consecutivi dopo aver vinto il primo set (comincia nel gennaio 2017 ad Auckland), mette a rischio la sua leadership in classifica. Già qui a Miami possono superarla in due, Halep e Kvitova, raggiungendo la finale. Sicuramente Naomi Osaka ha bisogno di ritrovare serenità, ma le sue avversarie potrebbero anche non concederle il tempo necessario per riuscirci senza contraccolpi in classifica.

Risultati:

[27] S-W. Hsieh b. [1] N. Osaka 4-6 7-6(4) 6-3

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash2 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria2 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza5 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Sorpresa Sonego, Sinner vince e convince, Musetti riprova a battere Djokovic”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement