Roland Garros, WTA e Mauresmo contro la programmazione: "È una vergogna"

Flash

Roland Garros, WTA e Mauresmo contro la programmazione: “È una vergogna”

Steve Simon, CEO della WTA, e la campionessa francese si scagliano contro gli organizzatori, rei di aver escluso le semifinali femminili dallo Chatrier

Pubblicato

il

Amelie Mauresmo - Montecarlo 2019 (foto @Sport Vision, Chryslène Caillaud)

Ha suscitato polemiche la decisione di programmare le due semifinali femminili sul Court Suzanne Lenglen (Anisimova-Barty, ore 11) e sul Simonne Mathieu (Konta-Vondrousova, sempre alle 11) e di riservare dunque, come da piano pre-torneo, lo Chatrier ai soli singolari maschili. Dalla WTA, sempre incredibilmente sollecita nel puntare il dito, è subito partito un comunicato del CEO Steve Simon che condannava la suddetta scelta.

Non c’è dubbio che la programmazione sia stata messa a dura prova dalle condizioni climatiche e la WTA comprende i problemi che si sono presentati al Roland Garros. Tuttavia, siamo estremamente infastiditi dalla programmazione di entrambe le semifinali femminili su campi secondari. Questa decisione è scorretta e inappropriata. Le quattro donne, che hanno giocato così bene fino ad ora, si erano guadagnate il diritto di giocare sul palcoscenico più importante. Crediamo che si potessero trovare altre soluzioni che sarebbero andate a beneficio degli appassionati oltre che dei giocatori“.

Nulla da eccepire in linea teorica, ma bisogna considerare anche altri fattori. I biglietti per le semifinali maschili sono stati venduti come sessioni separate. Dunque chi ha acquistato un posto lo ha fatto per assistere ad uno solo dei due incontri. Facendo scelte di programmazioni diverse, magari spostando un match maschile sul Lenglen, molti sarebbero rimasti senza posto data la minore capienza di quest’ultimo rispetto allo Chatrier. La decisione dunque era in qualche modo obbligata. Inoltre la scelta di far disputare in contemporanea i due match femminili alle 11 (quindi piuttosto presto) va incontro all’esigenza di lasciare alle giocatrici un adeguato periodo di riposo in vista della finale di domani. La WTA, oltre alla questione delle sessioni separate, ha messo in atto una polemica assolutamente fine a se stessa, vagheggiando “altre soluzioni“, ma senza nei fatti avanzare nessuna controproposta.

 

Diversamente ha fatto Amelie Mauresmo, che, oltre a lamentarsi con toni accesi, ha affidato ad un tweet la sua idea di ridistribuzione dei match. “La programmazione delle semifinali femminili del Roland Garros è una vergogna! Tutti sono d’accordo che il match del giorno sia Federer-Nadal, ma che messaggio mandiamo quando si prende la decisione di piazzare le semifinali femminili alle 11 sul secondo e terzo campo? Nessuno dei due sul centrale! Sarebbe stato piuttosto semplice aprire il Lenglen oltre al centrale e mettere i due match femminili alle 13 e a seguire quelli maschili. E rimborsare eventualmente chi non volesse più il suo biglietto…

L’idea sarebbe dunque quella di suddividere i quattro incontri sui due campi principali, facendo giocare all’una le donne e poi gli uomini. Anche in questo caso però, valgono sempre le considerazioni di cui sopra. Poco costruttiva appare inoltre la provocazione finale nella quale si invita (invero un po’ acidamente) a concedere il rimborso a chi non fosse disposto a “barattare” un match maschile con uno femminile. Inutile proporre un rimborso a chi ha pagato, magari con largo anticipo e prendendo ferie, per vedere una semifinale maschile, senza contare poi il già citato problema di soprannumero. Ovviamente dispiace vedere dirottati i due incontri femminili, anche perché il livello è stato piuttosto alto e certamente lo Chatrier sarebbe stato la cornice ideale, ma le logiche di mercato sono cogenti (così come lo è stata la pioggia) e a volte bisogna anche prendere scelte pratiche, ancorché impopolari. In più è sempre facile fare il lavoro degli altri, purché rimanga degli altri.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Match fixing: Feliciano Lopez tirato in ballo dalla stampa spagnola

Nelle intercettazioni riconducibili all’operazione Oikos, si parla di una “sconfitta sicura” dei Lopez a Wimbledon 2017 contro Smith e Reid. I tennisti però non risultano indagati e Marc smentisce ogni addebito: “Non hanno diritto a sporcare i nostri nomi”

Pubblicato

il

Feliciano Lopez e Marc Lopez - Montecarlo 2017 (foto di Roberto Dell'Olivo)

Il nome di Feliciano Lopez compare sui media spagnoli nelle intercettazioni riguardanti l’operazione Oikos. Parliamo dell’ultima bomba sul match fixing, esplosa qualche giorno fa con l’arresto di alcuni protagonisti del calcio (tra cui Raul Bravo, difensore ex Real Madrid, e l’ex attaccante di Siviglia e Real Saragozza Carlos Aranda) accusati principalmente di aver falsato i risultati di partite di prima e seconda divisione. L’eco è arrivata anche in Italia, visto che i soggetti coinvolti hanno nominato in alcune loro conversazioni il Frosinone e Ciro Immobile (sia il club ciociaro sia l’attaccante della Lazio hanno smentito fermamente ogni ipotesi di coinvolgimento).

Nelle intercettazioni, si legge di presunte anomalie riguardanti un match di doppio di Wimbledon 2017: Feliciano e Marc Lopez vinsero il primo set contro Patrick Smith e Matt Reid, per poi perdere 1-3. Il quotidiano on line El Confidential – che sostiene di aver accesso agli atti dell’inchiesta – cita una conversazione tra Aranda (ritenuto il fulcro della presunta organizzazione) e una persona non nominata, nella quale l’ex calciatore diffonde come sicura la dritta sulla sconfitta dei due spagnoli.

Va specificato come al momento nessun giocatore di quelli citati risulti indagato, né ci sia traccia di avvio di un procedimento da parte della Tennis Integrity Unit. Se Feliciano non ha commentato in alcun modo la vicenda ed è atteso al Queen’s dal debutto della coppia con Andy Murray, Marc Lopez ha affidato il suo pensiero al quotidiano AS: “Non abbiamo nulla a che vedere con questa storia, non hanno alcun diritto di sporcare i nostri nomi in tal modo“.

 

Continua a leggere

Flash

Simone Bolelli raggiunge Fognini al Park Tennis Genova

Simone giocherà il campionato di Serie A con il club genovese, insieme a Fabio e Lorenzo Musetti

Pubblicato

il

Simone Bolelli - Roland Garros 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

Simone Bolelli si lega al Park Tennis Club di Genova per il prossimo campionato di Serie A. Il tennista bolognese raggiunge dunque Fabio Fognini, fresco di ingresso in top 10, e – fra gli altri, tra cui Mager, Giannessi, Arnaboldi – Lorenzo Musetti, vincitore dell’Australian Open junior 2019, nonchè finalista all’US Open junior del 2018. Sebbene incerto sul suo futuro da singolarista a livello ATP, Simone non ha voluto tirarsi indietro e difenderà i colori del club genovese.

Un acquisto di grande livello dunque per il Park Tennis che si assicura le prestazioni dell’ex numero 36 del mondo e vincitore dell’Australian Open di doppio (nel 2015, in coppia con Fognini). L’obiettivo è quello di riscattare la sconfitta in semifinale consumatasi solo per 12-10 nel doppio decisivo contro il Circolo Canottieri Aniene, poi laureatosi campione.

Bolelli si inserirà dunque nella storia di uno dei circoli più prestigiosi d’Italia. Fondato nel 1929 col nome di “Tennis Club Albaro”, il sito del circolo viene devastato da un bombardamento durante la Seconda Guerra Mondiale e, alla fine del conflitto, viene ricostruito con l’attuale nome di Park Tennis Genova. Nel corso degli anni, il circolo si è ampliato fino a raggiungere un’estensione di 14,000 mq e conta attualmente 8 campi da tennis, un campo da calcetto, una palestra attrezzata, una piscina, una sala conferenze oltre ad una club house all’interno della quale si trovano spazi riservati al servizio di bar ristorante, alla lettura, al gioco delle carte, al gioco del biliardo e alla visione della TV.

Ma il vero punto di forza, oltre all’altissimo livello del settore agonistico, è l’attenzione riservata alla scuola tennis, gestita da maestri altamente qualificati. La scuola appartiene alla categoria “TOP SCHOOL”, secondo la Federazione Italiana Tennis. Il presidente è Paolo Givri, notaio appassionatissimo e… attentissimo. Bastava che Ubitennis dimenticasse di citare che il tal giocatore, si chiamasse Lorenzo Musetti, piuttosto che Alessandro Giannessi o Gianluca Mager, ed ecco che il presidente ci cercava e sottolineava: “Guardate che lui è tesserato per il Park Genova!”. Davvero degno erede del suo predecessore, Filippo Ceppellini, presidente per più mandati e non meno appassionato di Paolo Givri.

Hanno difeso i colori del Park Genova:

 

Bitti BERGAMO – n° 4 in Italia
Mario CAIMO – n° 8 in Italia
Cathy CAVERSAZIO – n° 33 Classifica Mondiale
Linda FERRANDO – n° 35 Classifica Mondiale
Carla MEL – n° 7 in Italia
Fabio MOSCINO – n° 8 in Italia
Diego NARGISO – n° 2 in Italia
Daniela PORZIO – n° 1 in Italia
Antonella ROSA – n° 4 in Italia
Enzo VATTUONE – n° 8 in Italia
Fabio FOGNINI – n° 1 in Italia e 10 nella classifica Mondiale
Frederik NIELSEN  – Vincitore di Wimbledon in doppio 2012
Jean Julien ROJER – n° 6 Classifica Mondiale doppio

Sono stati nel dopoguerra presidenti del Park Genova:

  • 2018  GIVRI Paolo
  • 2015 – 2018  CEPPELLINI Filippo
  • 2015 – 2015  MALACALZA Vittorio
  • 2009 – 2015  IGUERA Mauro
  • 2003 – 2009  CEPPELLINI Filippo
  • 2000 – 2003  BRANDI Carlo Massimo
  • 1992 – 2000  LOEWY Edgardo
  • 1989 – 1992  TISCORNIA Enrico
  • 1983 – 1989  CAVALLO Alberto
  • 1980 – 1983  LOEWY Alessandro
  • 1976 – 1980  CAVALLO Alberto
  • 1962 – 1976  BLONDET Cesare
  • 1952 – 1962  DE FERRARI Giulio
  • 1949 – 1952  DE CAVI Giannetto
  • 1948 – 1949  MANGERUVA Antonio
  • 1946 – 1948  CANEPA Vincenzo

I membri dell’attuale consiglio sono:

Presidente – Paolo GIVRI
Vice Presidente – Ariel DELLO STROLOGO
Vice Presidente – Gian Luigi RAVERA
Tesoriere – Alessandro GUIDUCCI
Segretario – Maura CAMPANELLA
Consigliere – Fulvia ANTIGNANO
Consigliere – Silvano CEVASCO
Consigliere – Vittorio CUNEO
Consigliere – Roberto LIPPOLIS
Consigliere – Andrea PANIZZI
Consigliere – Sergio PICCHIO
Consigliere – Filippo SPINA

Continua a leggere

Flash

La pioggia cancella il programma del Queen’s

LONDRA – Un diluvio costringe i Fever-Tree Championships ad annullare l’intera giornata di gare. A rischio anche mercoledì

Pubblicato

il

dal nostro inviato a Londra

Londra e la pioggia non fanno rima, ma quasi: dopo due anni di sole il Queen’s Club torna un circolo bagnato e, purtroppo, senza tennis.

Colpa di un diluvio iniziato poco prima di mezzogiorno e proseguito senza interruzioni per l’intero pomeriggio, che ha costretto l’organizzazione dei Fever-Tree Championships a rinviare più volte l’inizio degli incontri e infine, giunta l’ora del tè, a cancellare ufficialmente l’intera giornata.

 

Si tratta appena della seconda volta negli ultimi 18 anni che il più antico torneo di tennis al mondo è costretto a fermarsi per un giorno a causa della pioggia: nel 2011 Andy Murray e Jo-Wilfried Tsonga furono costretti a giocare la finale al lunedì, mentre l’anno successivo l’inizio degli incontri fu rinviato al martedì.

Per i membri del circolo la giornata non è stata interamente buttata: dotati di accesso alla club house anche durante il torneo, hanno potuto sbirciare gli allenamenti al coperto di Cilic, Dimitrov e Tsitsipas dalla balconata adiacente alla sala interviste. Per tutti gli altri spettatori è invece arrivata la semplice comunicazione del rimborso.

Il programma di mercoledì rischia di essere davvero congestionato: ai dieci incontri di singolare previsti per oggi si aggiungerà almeno il doppio di Murray e Feliciano Lopez, più probabilmente qualche ottavo di finale. Le previsioni del tempo però rimangono minacciose.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement