Roland Garros, doppio femminile: trionfo per Babos e Mladenovic

Flash

Roland Garros, doppio femminile: trionfo per Babos e Mladenovic

PARIGI – Vittoria in due set sulle cinesi Zheng e Duan. Mladenovic, nr.1 della specialità da lunedì, al secondo successo a Parigi

Pubblicato

il

da Parigi, il nostro inviato

[2] T. Babos/K. Mladenovic b. Y. Duan/S. Zheng 6-2 6-3

La coppia testa di serie nr.2 del tabellone di doppio femminile formata da Kiki Mladenovic e Timea Babos, trionfa al Roland Garros battendo in due set la coppia cinese Zheng/Duan con il punteggio di 6-2 6-3 in appena 70 minuti. Una partita letteralmente senza storia con la coppia franco-ungherese sempre in testa nel punteggio. Unico momento di (apparente) equilibrio ad inizio secondo set, quando le cinesi hanno recuperato il break di svantaggio, salvo riperdere immediatamente il servizio e nella sostanza alzare bandiera bianca.

 

Per Kiki Mladenovic, che da lunedì diventerà nr.1 della specialità, è il secondo successo a Parigi dopo quello del 2016 in coppia con Garcia, ed il terzo in un torneo dello Slam, il secondo con Babos dopo quello del 2018 agli Australian Open. Inoltre per Babos e Mladenovic questa era la terza finale consecutiva in uno Slam dopo quella agli US Open dell’anno scorso e quella in Australia di quest’anno.

Il match inizia all’insegna dell’equilibrio, le cinesi hanno tre palle break nel terzo gioco ma le francesi sono bravissime ad annullarle. Molto pronta sotto rete Mladenovic, le cinesi cedono la battuta nel sesto gioco complice anche un doppio fallo di Duan, che sembra quella messa peggio in campo e che accusa di più l’importanza della posta in palio. Zheng prova a trascinare la sua compagna, mentre Babos e Mladenovic si completano molto bene. L’ungherese è bella solida da fondo campo, la francese di volo fa faville Duan va in rottura prolungata, la coppia nr.2 del tabellone ne approfitta e porta a casa il primo set con il punteggio di 6-2 dopo 34 minuti.

Si ricomincia e la musica non cambia, le cinesi perdono subito la battuta ad inizio set (altro doppio fallo di Duan e poi smash di Babos) ma contro ogni previsione trovano immediatamente il controbreak. Sembrerebbe potersi riaprire la partita ma è un fuoco di paglia, arriva un altro break di Babos e Mladenovic (gratuito di diritto di Zheng) e nella sostanza la finale termina qui. Le cinesi annullano due palle break dell’1-5 ma capitolano sul secondo match point nel nono gioco.

Nell’immediata intervista post premiazione molto commossa e delusa Duan che a stento riesce a parlare, Zheng fa i complimenti alle avversarie: “Avete giocato un grandissimo torneo, complimenti di cuore. Noi siamo soddisfatte del nostro torneo, era il primo insieme e abbiamo raggiunto un ottimo risultato”. Seguono poi i doverosi ringraziamenti al proprio box, all’organizzazione ed agli sponsor.

Molto commosse anche le due vincitrici. Prende prima la parola Babos che parla in francese e riceve i sentiti applausi del pubblico: “Innanzitutto complimenti a Zheng e Duan per il loro torneo, avete fatto un gran bel percorso con delle belle vittorie. Grazie moltissimo a Kiki, con te è davvero tutto facile ed è fantastico vivere ogni match al tuo fianco”. Dopo i soliti ringraziamenti come da prassi a famiglia, allenatore, organizzazione e via dicendo è la volta di Mladenovic: ”Complimenti alle nostre avversarie, avete fatto grandi cose insieme al vostro primo torneo e sicuramente raggiungerete ottimi risultati durante l’anno. Faccio i miei complimenti a Timea, per me sei più di un’amica, sei una sorella. Abbiamo passato un brutto momento dopo la finale degli Australian Open (sconfitte da Stosur e Zhang, n.d.r.) ma siamo riuscite a superarlo insieme. Per me è un onore aver vinto da francese davanti al mio pubblico ed essere diventata qui la nr.1 del mondo, grazie di cuore a tutti voi”.

Mladenovic si augura che la sua vittoria sia il viatico ideale per la finale pomeridiana del suo fidanzato Dominic Thiem, impegnato per il secondo anno consecutivo contro il “mostro sacro” della terra rossa Rafa Nadal.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Pliskova si qualifica per le WTA Finals

Karolina si assicura un posto al Masters di fine anno grazie al titolo vinto a Zhengzhou. Quarta qualificazione consecutiva per lei

Pubblicato

il

Karolina Pliskova - WTA Finals Singapore 2018 (foto Philip Cho)

Con il titolo vinto a Zhengzhou, Karolina Pliskova si è qualificata aritmeticamente per le prossime WTA Finals di Shenzhen (27 ottobre-3 novembre). La ceca è la seconda giocatrice dopo Ashleigh Barty a raggiungere questo traguardo e allunga a quattro la striscia di qualificazioni consecutive al Masters di fine anno (nel 2016 prese parte anche al torneo di doppio, in coppia con Julia Goerges). Nelle precedenti partecipazioni, Pliskova non si è mai spinta oltre le semifinali, raggiunte nel 2017 (sconfitta dalla futura vincitrice Caroline Wozniacki) e nel 2018 (eliminata da Sloane Stephens).

Per me è sempre un obiettivo qualificarmi per le WTA Finals e sono fiera di esserci riuscita per la quarta volta“, ha dichiarato la ceca. “Non vedo l’ora di competere contro le migliori giocatrici del mondo e di esplorare la città di Shenzhen“. Questa qualificazione anticipata è il risultato di una stagione durante la quale la ceca si è espressa sempre a buonissimi livelli. Al momento, Karolina è prima per titoli vinti nel 2019 (4) e per numero di vittorie (49). Inoltre, ma non è una novità, guida anche la classifica degli ace con 455 servizi non sfiorati dalle avversarie.

Continua a leggere

Flash

Djokovic sorpassa Connors per numero di settimane in vetta al ranking ATP

Novak arriva a quota 269 settimane da numero uno e supera Connors. Ora nel mirino c’è il terzo posto di Lendl (270), più distanti Sampras (286) e Federer (310)

Pubblicato

il

Novak Djokovic - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Oggi, lunedì 16 settembre, Novak Djokovic ha iniziato la sua 269esima settimana da numero uno del ranking ATP, superando le 268 di Jimmy Connors. Il serbo si piazza dunque al quarto posto all time in questa speciale classifica, dietro a Ivan Lendl (270), Pete Sampras (286) e Roger Federer (310). Nole è già praticamente certo di sorpassare Lendl, mentre più complicato (anche se tutt’altro che impossibile) sembra essere l’assalto ai primi due posti. In linea puramente teorica, se mantenesse costantemente la leadership, Djokovic supererebbe Sampras il 13 gennaio 2020 e Federer il 30 giugno 2020. Ovviamente si tratta di pure speculazioni, giusto per dare un’idea più tangibile della distanza tra i tre tennisti.

Djokovic ha una striscia aperta di 46 settimane da numero uno, durante la quale ha collezionato 46 vittorie e appena 9 sconfitte e trionfato in due Slam (Australian Open e Wimbledon). Deve però guardarsi da Rafael Nadal che punta deciso verso la conquista del trono del tennis a fine stagione. Lo spagnolo è primo nella Race to London con ben 1960 punti di vantaggio su Nole e in caso di sorpasso raggiungerebbe proprio il serbo per numero di stagioni chiuse da primo della classe (5). Se invece Djokovic riuscisse a mantenere il numero uno, aggancerebbe Sampras a quota sei stagione terminate in vetta alla classifica, staccando Federer e Connors.

Continua a leggere

Flash

Il weekend di Davis: 11 squadre strappano il pass per le qualificazioni alle finali 2020

Si tratta di Austria, Bielorussia, Brasile, Repubblica Ceca, Ecuador, Corea del Sud, Slovacchia, Svezia, Uruguay, Ucraina e Uzbekistan. Le squadre sconfitte affronteranno nei playoff di marzo 2020 le vincenti delle sfide del World Group II

Pubblicato

il

Coppa Davis 2019 (foto via Twitter, @KosmosTennis)

Dopo due giorni di gare si è concluso il weekend di Coppa Davis, che vedeva in campo 19 tie, 11 nel World Group I e 8 nel World Group II, suddivisi in tre zone: Europa/Africa, Asia/Oceania, America. Le squadre uscite vittoriose dalle sfide del Gruppo I si uniranno alle nazioni classificate dal quinto al 18esimo posto nelle Finali di Madrid di novembre (al netto di due wild card scelte dall’ITF), definendo così la rosa dei 24 paesi che a marzo 2020 si affronteranno nei cosiddetti turni di qualificazione. Queste sfide stabiliranno i nomi delle 12 squadre che insieme alle semifinaliste di quest’anno e alle suddette wild card, accederanno alle finali del 2020.

Le 12 squadre che sono state invece sconfitte nei tie del World Group I, sfideranno nei play off di marzo 2020 le 12 nazioni uscite vittoriose dalle sfide del World Group II (otto delle quali si sono giocate questo weekend, mentre le restanti quattro si erano già disputate ad aprile).

LE 12 SQUADRE CHE GIOCHERANNO LE QUALIFICAZIONI

  • Austria
  • Bielorussia
  • Brasile
  • Repubblica Ceca
  • Ecuador
  • Corea del Sud
  • Slovacchia
  • Svezia
  • Uruguay
  • Uzbekistan
  • Ungheria
  • India o Pakistan (sfida rinviata a novembre)

LE 24 SQUADRE CHE GIOCHERANNO I PLAY OFF


LE 12 CHE SONO STATE SCONFITTE NELLE SFIDE DEL GRUPPO I

Bosnia ed Erzegovina
Israele
Finlandia
Svizzera
Portogallo
Libano
Cina
Barbados
Venezuela
Repubblica Dominicana
Ucraina
India o Pakistan (sfida rinviata a novembre)

LE 12 CHE HANNO VINTO LE SFIDE DEL GRUPPO II

Sudafrica
Turchia
Slovenia
Norvegia
Nuova Zelanda
Taipei
Messico
Bolivia
Lituania (giocata ad aprile)
Perù (giocata ad aprile)
Romania (giocata ad aprile)
Tailandia (giocata ad aprile)

 

TUTTI I RISULTATI DEL WEEKEND


EUROPA/AFRICA GRUPPO I

Repubblica Ceca b. Bosnia ed Erzegovina 3-2
Venue: Arena Zenica, Zenica, BIH (hard – indoor)
Jonas Forejtek (CZE) d. Mirza Basic (BIH) 75 64
Jiri Vesely (CZE) d. Tomislav Brkic (BIH) 62 76(4)
Basic/Brkic (BIH) d. Lehecka/Vesely (CZE) 76(2) 63
Mirza Basic (BIH) d. Jiri Vesely (CZE) 76(7) 63
Jonas Forejtek (CZE) d. Tomislav Brkic (BIH) 61 67(7) 61

Svezia b. Israele 3-1
Venue: Kungliga Tennishallen, Stockholm, SWE (hard – indoor)
Mikael Ymer (SWE) d. Edan Leshem (ISR) 63 75
Markus Eriksson (SWE) d. Dudi Sela (ISR) 76(6) 60
Cukierman/Erlich (ISR) d. Eriksson/Goransson (SWE) 60 62
Mikael Ymer (SWE) d. Daniel Cukierman (ISR) 64 63
Markus Eriksson (SWE) v Edan Leshem (ISR) – not played

Austria b. Finlandia 3-2
Venue: Espoo Metro Areena, Espoo, FIN (hard – indoor)
Dominic Thiem (AUT) d. Patrik Niklas-Salminen (FIN) 63 64
Emil Ruusuvuori (FIN) d. Sebastian Ofner (AUT) 63 64
Marach/J.Melzer (AUT) d. Kontinen/Ruusuvuori (FIN) 76(5) 62
Emil Ruusuvuori (FIN) d. Dominic Thiem (AUT) 63 62
Dennis Novak (AUT) d. Haari Heliovaara (FIN) 36 63 76(5)

Ungheria b. Ucraina 3-2
Venue: Sport11 Sports, Budapest, HUN (clay – outdoor)
Sergiy Stakhovsky (UKR) d. Attila Balazs (HUN) 64 63
Marton Fucsovics (HUN) d. Illya Marchenko (UKR) 63 62
Balazs/Fucsovics (HUN) d. Molchanov/Stakhovsky (UKR) 76(1) 36 63
Sergiy Stakhovsky (UKR) d. Marton Fucsovics (HUN) 57 63 76(3)
Attila Balazs (HUN) d. Illya Marchenko (UKR) 64 75

Slovacchia b. Svizzera 3-1
Venue: AXA Arena NTC, Bratislava, SVK (clay – outdoor)
Sandro Ehrat (SUI) d. Martin Klizan (SVK) 62 76(7)
Andrej Martin (SVK) d. Henri Laaksonen (SUI) 62 46 75
Polasek/Zelenay (SVK) d. Kym/Laaksonen (SUI) 63 63
Norbert Gombos (SVK) d. Henri Laaksonen (SUI) 61 61
Andrej Martin (SVK) v Sandro Ehrat (SUI) – not played

Bielorussia b. Portogallo 3-2
Venue: Republic Olympic Tennis Center, Minsk, BLR (hard – indoor)
Joao Sousa (POR) d. Ilya Ivashka (BLR) 46 61 62
Egor Gerasimov (BLR) d. Joao Domingues (POR) 62 63
J.Sousa/P.Sousa (POR) d. Ivashka/Vasilevski (BLR) 63 76(5)
Egor Gerasimov (BLR) d. Joao Sousa (POR) 76(3) 64
Ilya Ivashka (BLR) d. Pedro Sousa (POR) 64 76(4)

ASIA/OCEANIA GRUPPO I

Uzbekistan b. Libano 3-2
Venue: Automobile and Touring Club, Jounieh, LBN (clay – outdoor)
Sanjar Fayziev (UZB) d. Hady Habib (LBN) 64 64
Benjamin Hassan (LBN) d. Khumoyun Sultanov (UZB) 26 63 75
Fayziev/Karimov (UZB) d. Hassan/Samaha (LBN) 62 57 63
Benjamin Hassan (LBN) d. Sanjar Fayziev (UZB) 26 63 64
Jurabek Karimov (UZB) d. Hady Habib (LBN) 64 16 61

Corea del Sud b. Cina 3-1
Venue: Guiyang Olympic Sports Center, Guiyang, CHN (hard – indoor)
Soonwoo Kwon (KOR) d. Zhizhen Zhang (CHN) 76(4) 67(4) 75
Ji Sung Nam (KOR) d. Zhe Li (CHN) 76(1) 76(0)
Gong/Zhang (CHN) d. Nam/Song (KOR) 76(6) 76(5)
Soonwoo Kwon (KOR) d. Yai Ban (CHN) 63 64

AMERICA GRUPPO I

Brasile b. Barbados 3-1
Venue: Sociedade Recreativa Mampituba, Criciuma, BRA (clay – outdoor)
Darian King (BAR) d. Joao Menezes (BRA) 36 64 62
Thiago Monteiro (BRA) d. Haydn Lewis (BAR) 62 62
Melo/Soares (BRA) d. D.King/Lewis (BAR) 76(4) 75
Thiago Monteiro (BRA) d. Darian King (BAR) 64 76(6)

Ecuador b. Venezuela 4-0
Venue: Doral Park Country Club, Doral, USA (hard – outdoor)
Emilio Gomez (ECU) d. Juan Lugo (VEN) 61 60
Roberto Quiroz (ECU) d. Luis David Martinez (VEN) 63 63
Escobar/Hidalgo (ECU) d. Martinez/Maytin (VEN) 64 64
A. Cayetano March (ECU) d. L. David Martinez (VEN) 67(3) 75 10-4

Uruguay b. Repubblica Dominicana 3-1
Venue: Carrasco Lawn Tennis Club, Montevideo, URU (clay – outdoor)
Pablo Cuevas (URU) d. Roberto Cid Subervi (DOM) 61 64
Jose Hernandez-Fernandez (DOM) d. Martin Cuevas (URU) 61 76(7)
M.Cuevas/P.Cuevas (URU) d. Estrella Burgos/Hardt (DOM) 64 63
Pablo Cuevas (URU) d. Jose Hernandez-Fernandez (DOM) 75 60

EUROPA/AFRICA GRUPPO II

[1] Romania vs Zimbabwe 4-1
[2] Sudafrica vs Bulgaria 4-1
[3] Danimarca vs Turchia 2-3
Marocco vs [4] Lituania 2-3
[5] Egitto vs Slovenia 1-3
[6] Norvegia vs Georgia 3-1

ASIA/OCEANIA GRUPPO II

[1] Thailandia vs Filippine 3-1
Indonesia vs [2] Nuova Zelanda 1-3
Hong Kong vs [3] Taipei 0-4

AMERICA GRUPPO II

El Salvador vs [1] Perù 2-3
Paraguay vs [2] Messico 1-4
[3] Guatemala vs Bolivia 2-3


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement