Roland Garros, doppio femminile: trionfo per Babos e Mladenovic

Flash

Roland Garros, doppio femminile: trionfo per Babos e Mladenovic

PARIGI – Vittoria in due set sulle cinesi Zheng e Duan. Mladenovic, nr.1 della specialità da lunedì, al secondo successo a Parigi

Pubblicato

il

da Parigi, il nostro inviato

[2] T. Babos/K. Mladenovic b. Y. Duan/S. Zheng 6-2 6-3

La coppia testa di serie nr.2 del tabellone di doppio femminile formata da Kiki Mladenovic e Timea Babos, trionfa al Roland Garros battendo in due set la coppia cinese Zheng/Duan con il punteggio di 6-2 6-3 in appena 70 minuti. Una partita letteralmente senza storia con la coppia franco-ungherese sempre in testa nel punteggio. Unico momento di (apparente) equilibrio ad inizio secondo set, quando le cinesi hanno recuperato il break di svantaggio, salvo riperdere immediatamente il servizio e nella sostanza alzare bandiera bianca.

 

Per Kiki Mladenovic, che da lunedì diventerà nr.1 della specialità, è il secondo successo a Parigi dopo quello del 2016 in coppia con Garcia, ed il terzo in un torneo dello Slam, il secondo con Babos dopo quello del 2018 agli Australian Open. Inoltre per Babos e Mladenovic questa era la terza finale consecutiva in uno Slam dopo quella agli US Open dell’anno scorso e quella in Australia di quest’anno.

Il match inizia all’insegna dell’equilibrio, le cinesi hanno tre palle break nel terzo gioco ma le francesi sono bravissime ad annullarle. Molto pronta sotto rete Mladenovic, le cinesi cedono la battuta nel sesto gioco complice anche un doppio fallo di Duan, che sembra quella messa peggio in campo e che accusa di più l’importanza della posta in palio. Zheng prova a trascinare la sua compagna, mentre Babos e Mladenovic si completano molto bene. L’ungherese è bella solida da fondo campo, la francese di volo fa faville Duan va in rottura prolungata, la coppia nr.2 del tabellone ne approfitta e porta a casa il primo set con il punteggio di 6-2 dopo 34 minuti.

Si ricomincia e la musica non cambia, le cinesi perdono subito la battuta ad inizio set (altro doppio fallo di Duan e poi smash di Babos) ma contro ogni previsione trovano immediatamente il controbreak. Sembrerebbe potersi riaprire la partita ma è un fuoco di paglia, arriva un altro break di Babos e Mladenovic (gratuito di diritto di Zheng) e nella sostanza la finale termina qui. Le cinesi annullano due palle break dell’1-5 ma capitolano sul secondo match point nel nono gioco.

Nell’immediata intervista post premiazione molto commossa e delusa Duan che a stento riesce a parlare, Zheng fa i complimenti alle avversarie: “Avete giocato un grandissimo torneo, complimenti di cuore. Noi siamo soddisfatte del nostro torneo, era il primo insieme e abbiamo raggiunto un ottimo risultato”. Seguono poi i doverosi ringraziamenti al proprio box, all’organizzazione ed agli sponsor.

Molto commosse anche le due vincitrici. Prende prima la parola Babos che parla in francese e riceve i sentiti applausi del pubblico: “Innanzitutto complimenti a Zheng e Duan per il loro torneo, avete fatto un gran bel percorso con delle belle vittorie. Grazie moltissimo a Kiki, con te è davvero tutto facile ed è fantastico vivere ogni match al tuo fianco”. Dopo i soliti ringraziamenti come da prassi a famiglia, allenatore, organizzazione e via dicendo è la volta di Mladenovic: ”Complimenti alle nostre avversarie, avete fatto grandi cose insieme al vostro primo torneo e sicuramente raggiungerete ottimi risultati durante l’anno. Faccio i miei complimenti a Timea, per me sei più di un’amica, sei una sorella. Abbiamo passato un brutto momento dopo la finale degli Australian Open (sconfitte da Stosur e Zhang, n.d.r.) ma siamo riuscite a superarlo insieme. Per me è un onore aver vinto da francese davanti al mio pubblico ed essere diventata qui la nr.1 del mondo, grazie di cuore a tutti voi”.

Mladenovic si augura che la sua vittoria sia il viatico ideale per la finale pomeridiana del suo fidanzato Dominic Thiem, impegnato per il secondo anno consecutivo contro il “mostro sacro” della terra rossa Rafa Nadal.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Coppa Davis: arriva la “Volpe” ad aiutare i capitani

La tecnologia di Foxtenn metterà a disposizione i dati degli incontri in tempo reale

Pubblicato

il

Corrado Barazzutti - Belgio vs Italia, Coppa Davis 2017 (foto di Roberto Dell'Olivo)

Ci sarà una novità la settimana prossima alla Caja Mágica. Dando per scontato che ormai tutti sappiano che lunedì 18 inizia la fase finale della Coppa Davis e conoscano il nuovo formato della stessa (tanto che alcuni, come Nicolas Mahut, suggeriscono di cambiare nome alla competizione), l’ultima innovazione non riguarda direttamente il gioco, ma è tecnologica. Un po’ come accade alle Next Gen Finals, il quotidiano spagnolo online Marca ci informa che capitani e giocatori avranno accesso alle statistiche degli incontri in tempo reale. Questo grazie all’analisi basata sulla tecnologia “Diamond” di Foxtenn che, scrive la società high-tech spagnola sul proprio sito, “include più di 40 telecamere ad altissima velocità sincronizzate con 10 laser ad alta velocità che catturano tutto quello che succede sul campo al millimetro e al millisecondo da ogni angolo possibile”.

Velocità della palla, traiettorie, altezze e rimbalzi, posizione e velocità dei giocatori e tutti gli altri dati saranno non solo accessibili e utilizzabili immediatamente, ma potranno essere collegati a quelli già disponibili con una flessibilità che lascia libero spazio alla fantasia dell’utente. Così, per esempio, capitan Barazzutti controllerà il suo tablet per vedere quanti dritti ha giocato Berrettini fino a quel momento, in che direzione, con quanto topspin e con quali risultati, e potrà usare quelle informazioni per eventuali cambiamenti tecnico-tattici nel match in corso o per preparare il successivo. Abbiamo già visto all’opera la concorrente di Hawk-eye in diversi appuntamenti dei circuiti maggiori, tra cui l’ATP 500 di Acapulco lo scorso febbraio: a differenza dello storico sistema di verifica elettronica, Foxtenn si vanta di mostrare il “rimbalzo reale” della palla e dà anche mostra di sé, essendo le sue telecamere ben visibili sul terreno di gioco a differenza di quelle più discrete del “Falco”.

Quanto sarà di effettivo supporto la tecnologia, saranno i capitani a rivelarcelo. Intanto, nella Scatola Magica di Madrid, tutto è pronto per i primi tie: si comincia lunedì alle 16, con anche l’Italia in campo opposta al Canada.

 

Continua a leggere

Flash

L’Italia brilla a Ortisei con Musetti e Sinner. Il primo si ferma ai quarti, Jannik va in semi

Sinner non perde neanche un set e in semifinale affronterà Hoang da favorito. Nuovo best ranking per lui e anche per Musetti, eliminato da Ofner

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Challenger Ortisei 2019 (foto Felice Calabrò)

MUSETTI INCIAMPA AI QUARTI. – Lorenzo Musetti ottiene la tredicesima vittoria di fila dopo i due successi ITF ad Antalya, vincendo tre belle partite ad Ortisei e approdando al secondo quarto di finale in carriera a livello Challenger, prima di fermarsi al cospetto dell’austriaco Ofner. In un primo set in cui non è mai stato in vantaggio, Lorenzo aveva rimontato bene dallo svantaggio di 1-5 nel tie-break salvo perdere i due punti cruciali sul 5-5 e uscire mentalmente dal match. Peccati di inesperienza che avrà tempo di colmare data la giovanissima età, che lo rende il più giovane classe 2002 in classifica ATP (salirà alla posizione 363, nuovo best ranking).

Lorenzo ha comunque dimostrato di trovarsi molto a suo agio sui veloci campi indoor del torneo altoatesino, adottando una tattica di gioco più aggressiva e facendo notare dei buoni miglioramenti al servizio. Dopo aver sconfitto Hassan al primo turno, Musetti aveva vinto il derby con Mager in due set e poi aveva lasciato appena quattro giochi a Zapata Miralles, quattordicesima testa di serie.

Jannik Sinner – ATP Challenger Ortisei 2019 (foto Marco Corriero)

SINNER NON SI FERMA – Non si ferma invece Jannik Sinner che con tantissima umiltà, dopo l’eclatante successo alle Next Gen Finals, è sceso in campo ad Ortisei col massimo delle motivazioni raggiungendo le semifinali senza perdere nessun set contro Miedler, Marcora (che in precedenza aveva estromesso l’altro giovane azzurro Zeppieri) e Gaio (doppio 6-4). Jannik, come più volte ripetuto da Piatti, ha il solo obiettivo di giocare il maggior numero possibile di partite di alto livello e questo dal 2020 sarà ancora più probabile dato che il ranking del giovane pusterese è sempre più in ascesa. Con questi tre successi infatti Sinner è già virtualmente numero 88 del ranking ATP, ma certamente non si vuole fermare qui. Il francese Antoine Hoang, suo prossimo avversario, è avvisato.

La vittoria del torneo proietterebbe Sinner alla posizione 78, seduto alla quale diverrebbe il quinto giocatore italiano dopo Berrettini, Fognini, Cecchinato e Seppi.

 

Continua a leggere

Flash

Coppa Davis, il programma completo delle sfide: Italia in campo lunedì e mercoledì

Subito dopo il Masters si vola a Madrid alla conquista dell’insalatiera. Gli azzurri, impegnati nel gruppo F, sfideranno prima il Canada e poi gli Stati Uniti

Pubblicato

il

Coppa Davis (foto via Twitter, @DavisCup)

Con la cerimonia di apertura alle 14:30 di lunedì 18 novembre, partirà ufficialmente la prima edizione della Coppa Davis targata Kosmos. Nella Caja Magica di Madrid diciotto squadre si sfideranno secondo la nuova formula della competizione per provare ad alzare l’insalatiera. A pochi giorni dall’inizio dell’evento sono stati comunicati gli orari di gioco: le partite saranno giocate su tre campi secondo la divisione tra sessione diurna (inizio alle ore 11) e sessione serale (inizio ore 18). Tre i match da disputare per decretare il vincitore della sfida, due di singolare (prima tra i numeri due della nazione e poi tra i numeri uno) e uno di doppio.

La fase a eliminazione diretta inizierà giovedì sera con il primo quarto di finale e proseguirà nelle stesse fasce orarie fino a sabato, il giorno delle semifinali. La finale è in programma alle ore 16 di domenica 24 novembre. L’Italia (sorteggiata nel gruppo F) scenderà in campo nella prima giornata alle ore 16 contro il Canada sul campo 2, riposerà martedì 19 e tornerà a giocare mercoledì nella sessione serale contro gli Stati Uniti, sempre sul campo 2. Ecco il programma completo delle sfide.

Lunedì 18 novembre

SESSIONE SERALE
Centre Court, ore 16
 – Croazia vs Russia
Stadium 2, ore 16 – Canada vs ITALIA
Stadium 3, ore 16 – Belgio vs Colombia

Martedì 19 novembre

SESSIONE DIURNA 
Centre Court, ore 11 – Argentina vs Cile
Stadium 2, ore 11 – Francia vs Giappone
Stadium 3, ore 11 – Kazakistan vs Olanda

SESSIONE SERALE
Centre Court, ore 18 – Spagna vs Russia
Stadium 2, ore 18 – Stati Uniti vs Canada
Stadium 3, ore 18 – Australia vs Colombia

Mercoledì 20 novembre

SESSIONE DIURNA
Centre Court, ore 11 – Argentina vs Germania
Stadium 2, ore 11 – Serbia vs Giappone
Stadium 3, ore 11 – Gran Bretagna vs Olanda

SESSIONE SERALE
Centre Court, ore 18 – Croazia vs Spagna
Stadium 2, ore 18 – Stati Uniti vs ITALIA 
Stadium 3, ore 18 – Belgio vs Australia 

Giovedì 21 novembre

SESSIONE DIURNA
Centre Court, ore 11 – Francia vs Serbia
Stadium 2, ore 11 – Germania vs Cile
Stadium 3, ore 11 – Gran Bretagna vs Kazakistan

SESSIONE SERALE
Centre Court, ore 18 – quarti: vincitore Gruppo D vs vincitore Gruppo F

Venerdì 22 novembre

SESSIONE DIURNA
Centre Court, ore 11 – quarti: vincitore Gruppo A vs una migliore seconda

SESSIONE SERALE
Centre Court, ore 18 – quarti: vincitore Gruppo B vs altra migliore seconda
Stadium 2, ore 18 – quarti: vincitore Gruppo E vs vincitore Gruppo C

Sabato 23 novembre

SESSIONE DIURNA
Centre Court, ore 11 – semifinale (parte alta del tabellone)

SESSIONE SERALE 
Centre Court, ore 18 – semifinale (parte bassa del tabellone)

Domenica 24 novembre

Centre Court, ore 16 – finale

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement