Fognini perde e invoca una bomba su Wimbledon!

ATP

Fognini perde e invoca una bomba su Wimbledon!

LONDRA – Un brutto Fognini cede in tre set a Sandgren… “Maledetti inglesi, ci vorrebbe una bomba su Wimbledon”. Aveva la condizionale. Ora rischia di saltare due Slam

Pubblicato

il

Fabio Fognini - Wimbledon 2019 (foto Roberto Dell'Olivo)

T. Sandgren b. [12] F. Fognini 6-3 7-6(12) 6-3 (da Londra, il nostro inviato)

Niente da fare, gli ottavi di finale a Wimbledon restano tabù per Fabio Fognini, eliminato non senza rimpianti dall’americano e numero 94 del mondo Tennys Sandgren, salito agli onori delle cronache agli Australian Open dello scorso anno per aver eliminato Wawrinka e Thiem (fu eliminato ai quarti da Chung) e ancor più per le accuse di razzismo e omofobia ricevute per alcuni like e tweet galeotti a dei post di esponenti di folli teorie inneggianti al suprematismo bianco.

Forse Fabio ha pagato le fatiche dei due match precedenti terminati entrambi al quinto set (7 ore e 1 minuto in campo in totale), ma sta di fatto che quella di oggi è una grande occasione sprecata per aggiungere un tassello importante alla sua sin qui ottima stagione, considerando anche che l’americano, dopo il titolo ad Auckland a gennaio e prima di questo torneo aveva collezionato nove eliminazioni consecutive al primo turno nel circuito maggiore.

E purtroppo dobbiamo segnalare alcune frasi scappate all’azzurro contro gli inglesi e gli organizzatori rei a suo dire di averlo piazzato sul campo numero 14. Ci può anche stare una lamentela considerando il suo ranking, ma invocare (a più riprese peraltro) le bombe su Wimbledon pare francamente oltre ogni limite di decenza.

Fognini dovrebbe quanto meno sapere che l’11 ottobre 1940 il Centre Court venne colpito da un bombardamento aereo: un cacciabombardiere tedesco sganciò cinque bombe sullo stadio distruggendo più di 1200 posti. Il che ha reso le sue frasi ancora più inopportune.

Come è oramai abitudine in questo torneo, Fabio parte male e di fatto offre su un piatto d’argento il primo set al suo avversario (senza sponsor e senza coach). Già prima che inizi il match ha un lungo conciliabolo con Carlos Ramos su alcuni tifosi che si affacciano pericolosamente oltre la balaustra. Poi scherza sul challenge chiesto da Sandgren nel secondo punto (“Carlos! Diglielo che è fuori di un metro, questo inizia già dal secondo punto!”). Fabio perde due volte il servizio, senza che il suo avversario faccia nulla, come lo stesso ammette ad alta voce: “Tiro perché mi sento bene, non sto a palleggiare ad uno all’ora come lui. Il problema è che tira più fuori che dentro al campo (o in rete) e il primo set se ne va, insieme alla pazienza e ad una palla che finisce sul Centre Court con annesso warning.

Al cambio campo l’azzurro se la prende con il suo angolo (“Vuoi giocare tu o devo giocare io?”) e si ritrova subito a dover fronteggiare cinque pericolosissime palle break nei primi due turni di battuta, che salva con coraggio. Al cambio campo si fa medicare la mano feritasi con un pugno alla bottiglietta dell’acqua ma purtroppo gli si annebbia completamente il pensiero e comincia un pessimo soliloquio.

Spiace dover raccontare come Fabio si lascii andare ad alta voce a dei commenti poco ortodossi nei confronti degli inglesi e del più importante torneo del mondo. Reo forse di averlo piazzato sul campo 14… “Maledetti inglesi guarda, scoppiasse una bomba sul circolo, una bomba deve scoppiare qua” che si commenta da sola. Una cosa simile la disse Kevin Curren, finalista di Wimbledon 1985 a proposito degli Us Open. Dubitiamo che Fognini si sia ispirato a lui

“Le frasi sulle bombe? Quando sei in campo puoi dire tante cose, se fai sport lo sai. Se qualcuno si è offeso, mi dispiace. Non volevo offendere nessuno”

L’azzurro non riesce a trovare continuità e incappa in un pessimo gioco al servizio che manda l’americano a servire per il set sul 6-5. Sandgren trema e Fabio si rifugia al tiebreak. Che diventa un’odissea punto a punto, con Fognini che ha ben quattro set point e su almeno un paio deve davvero mangiarsi le mani (sul 8-7 si fa infilare colpevolmente a rete e sul 9-8 sbaglia un comodo diritto), ne annulla tre al suo avversario (il primo sul 5-6 con un coraggioso serve&volley) ma finisce con il capitolare al ventiseiesimo punto. E purtroppo ricomincia ad invocare ad alta voce le bombe per tutto l’All England Club…

Perdere quel secondo set mi ha tagliato le gambe, ho auto le mie chance e non le ho sfruttate. Sapevo che sarebbe stata dura”

Fabio non ha più molta voglia di stare in campo ed il terzo set vola via senza lottare. Peccato davvero, sia per la sconfitta, sia soprattutto per la figuraccia in diretta tv contro quello che resta il più bel torneo del mondo, checché ne pensi il nostro numero 1.

Ricordiamo che Fognini durante gli US Open 2017 insultò pesantemente la giudice di sedia Louise Engzell e fu estromesso dal torneo. In seguito il Grand Slam Board, che riunisce i rappresentanti dei quattro tornei principali del panorama tennistico, lo sanzionò con una multa di novantaseimila dollari e una squalifica per due tornei dello Slam (di cui uno dovrà essere obbligatoriamente lo US Open), sospesa con la condizionale. Ovvero, se Fabio si fosse comportato bene, senza commettere altre “Major Infractions” nei due anni successivi fino al termine del 2019, non avrebbe dovuto scontare la squalifica.

Resta da capire se i comportamenti odierni saranno ritenuti tali da assurgere al rango di “Major Infractions”. In tal caso Fabio potrebbe essere costretto a saltare i prossimi US Open e gli Australian Open del 2020.

Questo è quanto si legge sul regolamento a proposito delle “Major Offences (articolo IV Official Grand Slam Rule Book 2019) a pagina 49: The Director, GSB shall cause an investigation to be made of all facts concerning any alleged Major Offence and shall provide written notice of such investigation to the player involved; the player shall be given at least five (5) business days to provide to the Director, GSB directly or through counsel, such evidence as the player deems to be relevant to the investigation. Upon the completion of his investigation the Director, GSB shall determine the innocence or guilt of the player involved, and, in the latter case, shall state in writing the facts as found by him, his conclusions and his decision fixing the penalty to be imposed. A copy of the decision shall be promptly delivered to the player and to the GSB.

(Il direttore del Grand Slam Board (L’avvocato del Minnesota Bill Babcock; n.d.r), farà sì che un’indagine venga fatta su tutti i fatti relativi a qualsiasi presunto grave reato e dovrà fornire notifica scritta di tale indagine al giocatore coinvolto; al giocatore saranno concessi almeno cinque (5) giorni lavorativi per fornire al direttore, al GSB direttamente o tramite il difensore, le prove che il giocatore ritiene pertinenti per l’indagine. Al termine della sua indagine, il Direttore, GSB determinerà l’innocenza o la colpevolezza del giocatore coinvolto e, in quest’ultimo caso, dovrà dichiarare per iscritto i fatti come da lui trovati, le sue conclusioni e la sua decisione che fissa la pena da infliggere . Una copia della decisione deve essere prontamente consegnata al giocatore e al GSB).

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Delray Beach: Opelka, doppio turno e trionfo finale

Reilly Opelka vince semifinale e finale nello stesso giorno e conquista il secondo titolo ATP. Salva un match point contro Milos Raonic

Pubblicato

il

Reilly Opelka (destra) e Yoshihito Nishioka al Delray Beach Open 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Nel Delray Beach Open by Vitacost.com la vittoria è andata all’americano Reilly Opelka, n. 54 della classifica ATP, che nella giornata di domenica è stato costretto agli straordinari a causa della pioggia caduta sul sud della Florida sabato sera che ha causato lo spostamento della sua semifinale contro Milos Raonic.

Reilly Opelka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Sceso in campo alle 10.30 del mattino, il giocatore di casa (è originario di West Palm Beach, a poche decine di chilometri dalla sede del torneo) ha rimontato un set di svantaggio al campione canadese annullandogli pure un match point nel tie-break del terzo set, un tie-break dall’andamento molto bizzarro: Opelka è andato prima avanti per 5-0, poi ha subito sei punti consecutivi andando sotto 5-6 e quindi, annullato il match point con il quattordicesimo ace, ha conquistato gli ultimi due punti per portare la partita al terzo set. Lì ha saputo piazzare l’accelerazione decisiva a metà parziale, quando dal 2-3 ha vinto quattro giochi consecutivi mettendo a segno un parziale di 16 punti a 5.

Dopo soltanto poche ore il gigante della Florida (2 metri e 10) è dovuto tornare in campo per la finale contro il giapponese Yoshihito Nishioka (n. 63 ATP) che gli rende ben 40 centimetri d’altezza. Opelka è riuscito ad avere la meglio del nipponico dopo 2 ore e 11 minuti di gioco nelle quali, dopo aver vinto per 7-5 un primo set nel quale è stato quasi sempre in vantaggio, ha perso al foto finish il secondo parziale al tie-break, prima di dilagare nel terzo set nel quale ha ottenuto ben due break lasciando solamente cinque “quindici” nei suoi turni di battuta.

 
Yoshihito Nishioka – Delray Beach 2020 (foto Twitter @delraybeachopen)

Si tratta del secondo titolo in carriera per lo statunitense, dopo quello vinto lo scorso anno al New York Open, che lunedì prossimo salirà di ben 15 posizioni in classifica raggiungendo la posizione n. 39. Anche Nishioka, con la finale ottenuta, guadagnerà 15 posizioni nel ranking arrivando così ad entrare per la prima volta in carriera nei Top 50 assestandosi al n. 48.

I risultati completi:

[4] R. Opelka b. [2] M. Raonic 4-6 7-6(6) 6-3
[4] R. Opelka b. Y. Nishioka 7-5 6-7(4) 6-2

Continua a leggere

ATP

ATP Rio: si ferma in finale la corsa di Mager, Garin campione

Gianluca Mager ha avuto chance in entrambi i set, ma è stato Cristian Garin a sollevare il trofeo. Best ranking per entrambi la settimana prossima

Pubblicato

il

Cristian Garin con Gustavo Kuerten alla premiazione di Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

[3] C. Garin b. [Q] G. Mager 7-6(3) 7-5

Si è chiusa con una sconfitta la settimana magica di Gianluca Mager, ma ci sono tutti i motivi per essere soddisfatti di questo torneo che probabilmente segnerà uno spartiacque nella carriera del 25enne di Sanremo. Partito dalle qualificazioni ha infilato due scalpi di assoluto prestigio (Ruud e Thiem sulla terra sono vittorie di cui andare fieri, anche se nessuno dei due era al meglio della condizione) ed ha portato a casa 320 punti (300 per la finale più 20 per la qualificazione) che lo proiettano al 77° posto della classifica ATP, con la pressoché matematica certezza di entrare in tabellone in tutti i rimanenti tornei dello Slam di quest’anno, oltre ad una chance di giocarsi un posto alle Olimpiadi di Tokyo.

Che Mager potesse partire piuttosto lentamente dopo la grande battaglia vinta in semifinale solo poche ore prima era tutto sommato piuttosto prevedibile, quindi in pochi hanno battuto ciglio quando il ragazzo di Sanremo è andato subito sotto 2-0 contro un avversario che aveva invece chiuso molto velocemente il suo impegno precedente contro Borna Coric. Un po’ meno prevedibile era che il buon Gianluca, una volta presa coscienza della sua presenza in finale, rimontasse da 1-3 a 4-3 e si procurasse addirittura due palle break per il 5-3, principalmente grazie alle sue accelerazioni di rovescio che con quella preparazione così lineare e così minima mascherano meravigliosamente la traiettoria dei colpi.

 

Svanite le tre opportunità per andare a servire per il set, si è arrivati abbastanza tranquillamente al tie-break, nel quale Mager, forse sentendo di dover fare qualcosa di più, ha commesso almeno tre errori non forzati che gli sono costati il set con il punteggio di 7 punti a 3 in 50 minuti.

Gianluca Mager – Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Dopo aver perso il primo tie-break del torneo (in precedenza il ligure era a 4 su 4), Mager ha chiesto l’intervento del fisioterapista per farsi massaggiare l’inguine dalla parte della coscia destra, e c’è da chiedersi che mani abbia quel fisioterapista perché Gianluca è riuscito a infilare una striscia di 10 punti consecutivi che lo ha portato in vantaggio per 3-1 con un break ottenuto a zero in grande stile. La pressione di Garin però iniziava ad aumentare: sul 3-2 Mager si salvava dallo 0-40, ma al momento di servire per il set sul 5-4 tre risposte vincenti di Garin rimettevano il set in parità. Il cileno continuava a spingere, e questa volta il serbatoio di Gianluca appariva davvero vuoto: con niente da opporre alla pressione dell’avversario, Mager subiva un parziale di 16 punti a 2 che chiudeva il match dopo 1 ora e 35 minuti.

Prosegue così la striscia di nove vittorie consecutive sulla terra battuta di Cristian Garin, che conquista così il suo secondo titolo dell’anno (il quarto in totale, e il secondo battendo un italiano in finale avendo sconfitto Berrettini a Budapest lo scorso anno) dopo quello di Cordoba due settimane fa e si appresta ad andare nella sua Santiago del Cile per continuare questa cavalcata. Ci arriverà con il nuovo best ranking di n.18 e addirittura come n.4 della Race to London, per far sognare tutti i suoi compatrioti e che sperano di rinverdire i fasti di Nicolas Massu e Fernando Gonzalez alle Olimpiadi di Atene 2004.

Leggi qui la storia di Gianluca Mager

Continua a leggere

ATP

Ancora pioggia a Rio, Mager fermato a tre giochi dalla finale

Ottimo primo set per Gianluca Mager, poi ancora la piogga. Christian Garin in vantaggio su Borna Coric. Si riprende domenica alle 17 italiane

Pubblicato

il

Gianluca Mager - Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Ci hanno provato fino in fondo, gli organizzatori del Rio Open, a completare il programma della giornata. Ma verso mezzanotte e mezzo, con le due semifinali a metà del secondo set e la pioggia ancora incessantemente a impantanare i campi rossi, hanno dovuto alzare bandiera bianca e rimandare a domenica. Dopo il completamento dei quarti di finale nel primo pomeriggio, le semifinali erano state ritardate di oltre cinque ore rispetto all’orario previsto delle 17, ma la tregua concessa da Giove Pluvio non è stata sufficientemente lunga per giocare un incontro completo.

Gianluca Mager (n.128 del mondo, ma da lunedì entrerà in top 100) si è trovato nella bizzarra situazione di dover incontrare di nuovo, sei giorni dopo, un avversario già battuto in questo torneo, quell’Attila Balazs (n.106 ATP) cui aveva lasciato solo due game nel turno decisivo delle qualificazioni. Nella partita di gran lunga più importante delle due il sanremese ha preso il comando del punteggio aggiudicandosi un primo set nervoso e altalenante, ma chiuso con grande carattere in un tie-break giocato con i nervi d’acciaio.

Attila Balazs – Rio 2020 (foto Twitter @RioOpenOficial)

Il campo ridotto quasi a pantano dalla pioggia e l’importanza della posta in palio hanno pesato non poco sulla qualità del tennis espresso, che non è stato di livello eccelso. D’altra parte si trattava senza alcun dubbio della partita più importante della carriera per entrambi i giocatori: c’erano in palio ben 120 punti e quasi 88.000 dollari di montepremi.

 

Al buon inizio di Mager, che si è portato subito sul 2-0, ha fatto seguito la rimonta e il sorpasso di Balazs sul 4-2 che poi si è comunque fatto raggiungere sul 4-4. Entrambi hanno usato con grande frequenza la palla corta, che su un campo così pesante risultava alquanto efficace. Né i colpi lineari di Mager, normalmente più ficcanti, né quelli più arrotati di Balazs risultavano abbastanza rapidi da poter generare vincenti, e così eccezion fatta per le palle corte e le sporadiche discese a rete dei due, i punti venivano decisi principalmente dagli errori. Sul 5-5 si doveva sospendere il gioco per diversi minuti perché la pioggerella che ha accompagnato tutta la partita si era fatta più fitta e le righe erano diventate scivolose, ma fortunatamente si è potuto riprendere quasi subito.

Il primo set si è concluso al tie-break, altalenante come il resto del parziale, ma nel quale Mager ha dato ancora una volta dimostrazione di quella freddezza che lo ha accompagnato nei momenti decisivi in questa settimana (tre tie-break vinti su tre) mostrando un tennis molto solido e disciplinato. L’errore più grave lo ha compiuto Balazs, che sul 3-4, con il servizio a disposizione, ha fermato lo scambio reputando fuori un diritto di Mager che invece, secondo l’arbitro, ha toccato la riga. L’azzurro ha capitalizzato quel vantaggio tenendo i suoi due turni di servizio successivi mettendo quindi in cascina il primo set per 7-4 in 62 minuti.

Mentre la pioggia aumentava di intensità, ma nessuno voleva smettere, il match continuava sugli stessi binari di equilibrio fino al 3-3, quando, allo scoccare della mezzanotte locale, ci si doveva arrendere all’evidenza e i giocatori venivano mandati ancora una volta negli spogliatoi.

Le semifinali saranno completate a partire dalle 13 ora locale (le 17 in Italia), con la finale programmata non prima delle 17.30 locali (21.30 in Italia).

I risultati completi:

[3] C. Garin vs [5] B. Coric 6-4 4-4 sosp.
[Q] G. Mager vs [LL] A. Balazs 7-6(4) 3-3 sosp.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement