Asics Gel Resolution Clay 7, come migliorare un grande classico

Flash

Asics Gel Resolution Clay 7, come migliorare un grande classico

Recensione e test in campo della scarpa Asics Gel Resolution 7, praticamente la Copa Mundial del tennis

Pubblicato

il

 

Un grande classico di Asics si aggiorna: la Gel Resolution arriva alla versione 7 e quel che ci chiediamo è come la casa giapponese abbia potuto migliorare un prodotto già di per se eccezionale nella versione 6. Delle linee Asics, la Resolution rappresenta la scelta classica a livello di calzata: niente ingresso del piede a calzino o allacciature laterali, la Resolution offre la tradizionale linguetta sul collo del piede ma presenta anche molte novità tecnologiche.

Trattandosi di una scarpa molto indicata per i giocatori che chiedono un supporto affidabile e stabile, su questo modello Asics ha cercato di migliorare la comodità della calzata nella zona del tallone grazie al sistema PHF, ovvero Personal Heel Feel, grazie all’inserto di Memory Foam che si “modella” intorno al tallone avvolgendolo per garantire protezione e comfort. Questo materiale garantisce anche ottima traspirabilità, un’altra caratteristica che Asics ha cercato di migliorare ancora di più. La zona superiore dell’avampiede, infatti, presenta delle scanalature con dei fori che favoriscono la traspirazione senza sacrificare la robustezza in quella zona. Da segnalare anche l’aggiunta di una tomaia in poliuretano, una soluzione simile a quanto fatto con il modello Solution Speed 3 e che vuole offrire maggior supporto al piede. Sull’esterno, invece, oltre a un rinforzo in plastica dura proprio dietro la zona del tallone, è presente il materiale PGUARD a proteggere la scarpa quando si scivola piegando l’interno del piede sul campo, mentre sulla punta è presente un inserto in AHAR+ come rinforzo. La suola esterna presenta la classica scanalatura a lisca di pesce. Il numero 44 pesa circa 417 grammi.

IN CAMPO – Avendo già avuto modo di provare la versione precedente di questo modello, siamo curiosi di testare i miglioramenti. Il comfort anzitutto, che grazie agli inserti nella zona del tallone di Memory Foam migliora le sensazioni a contatto con il terreno, senza però perdere nulla in termini di robustezza e protezione del piede. La Gel Resolution 7 dà il meglio di se negli scatti in avanti: riscontriamo un ottimo dinamismo durante gli split steps e anche nei cambi di direzione. Specie in ricaduta dal servizio, percepiamo un’ottima reattività in caso di corsa in avanti. Gli inserti Gel nell’intersuola sono oramai una garanzia per l’ammortizzazione degli urti, gli impatti con il suolo sono morbidi nella misura giusta per garantire una pronta reattività. Il rinforzo PGUARD nella zona che più di altre si rovina giocando sulla terra battuta garantirà una durabilità maggiore seppur costi qualcosa in termini di peso. La Resolution 7 rimane una scarpa molto versatile, con i tempi di adattamento ridotti praticamente a zero. Dalla prima ora giocata, ci è sembrato di averla indossata già da settimane.

In definitiva, non c’è veramente nulla di negativo da segnalare su questa rivisitazione del grande classico di Asics, un modello che potrebbe tranquillamente essere definito la Copa Mundial del tennis tale è la qualità e la diffusione fra i tennisti agonisti di ogni categoria. Difficile giocare per molti anni senza averla mai scelta.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement