ATP Finals: il campione in carica Zverev punisce un Nadal a mezzo servizio

ATP

ATP Finals: il campione in carica Zverev punisce un Nadal a mezzo servizio

LONDRA – Lo spagnolo non può contrastare lo strapotere di Sascha, che nella ‘sua’ 02 Arena ritrova il miglior tennis e un grande servizio. Prima vittoria contro Nadal

Pubblicato

il

Alexander Zverev - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

da Londra, il nostro inviato

[7] A. Zverev b. [1] R. Nadal 6-2 6-4

Il match clou della prima giornata del gruppo Agassi tra Rafa Nadal e Alexander Zverev si conclude con la sorpresa più grande di un’edizione delle Finals già partite con un Federer sconfitto in due set e Tsitsipas vincitore su Medvedev. Quando alle 8,13 pm di Greenwich (il cui meridiano è a un tiro di schioppo da qui) parte il match nessuno, ma proprio nessuno, poteva aspettarsi un Nadal schiantato da chi aveva sempre battuto nei cinque precedenti, due dei quali sul veloce. Soprattutto, era difficile immaginare uno Zverev reduce da una stagione orrenda presentarsi qui in formato monstre, molto simile a quello che annientò Djokovic nella finale dell’anno scorso. Il servizio del ventiduenne di Amburgo è stato devastante, con la prima sopra le 140 miglia orarie (circa 220 km l’ora) e la seconda molto solida le poche volte che è stata chiamata in causa.

Il primo set non ha avuto storia perché di contro Nadal è apparso molto pigro nei movimenti e soprattutto falloso prima col rovescio e nella seconda parte del set col dritto. Dopo 40 minuti Sascha era già avanti 6-2 2-0 e Rafa era impotente di fronte alle sapienza e all’efficacia esecutiva del serve & volley di Zverev. Dopo l’orgoglio del campione di Parigi e New York ha permesso al pubblico di vedere un match vero, ma non è stato sufficiente per evitare la netta sconfitta, complice un dritto disastroso. Il match si è chiuso senza che Rafa vedesse lo straccio di una palla break.

 

Dopo un’ora e 24 minuti Nadal lasciava il campo raccogliendo l’applauso del pubblico, meritato per la voglia di non rassegnarsi a un destino scritto. Non sembrava da escludere che la scarsa mobilità di Rafa e la caterva di errori fossero figli anche del problema agli addominali che l’ha costretto al ritiro a Bercy, ma lo spagnolo in conferenza dichiarerà di non aver sentito particolare dolore.

Rafael Nadal – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

IL CALVARIO DI RAFA – I primi game vedono un Nadal troppo deficitario col rovescio, che si spegne spesso a rete. Non pare nulla di che, una semplice uscita dai blocchi tipica di chi è al rientro con più di 30 primavere sulle spalle. Non lo è, perché il campione di New York nel quinto gioco ha un brutto passaggio a vuoto, altri due errori col rovescio e poi due col dritto, cui ricorre per sopperire all’altro fondamentale, ma con risultati pessimi (una palla lunga e un dritto a sventaglio che termina malamente in rete). Ci si aspetta una reazione, invece prosegue il dominio di Zverev, che non concede più nessun gioco e dopo 34 minuti è avanti 6-2. Il motivo non è legato solo alla bassa mobilità e alla pigrizia di Rafa (su una palla raggiunta a metà campo si abbassa troppo lentamente per farle passare la rete), ma a uno Zverev dal servizio monstre, prima al fulmicotone e dannatamente costante, seconda solida ma poco necessaria. Aggiungete un dritto molto ben centrato e l’esito non è più così sorprendente.

L’apertura di secondo set lo è di più, perché che il ventiduenne di Amburgo senta l’odore del sangue è prevedibile, ma che venga a rete per azzannare la preda da 19 Major con tempismo e implacabilità d’esecuzione degne di Stefan Edberg lo è molto meno. Si rilassi il lettore medio, il paragone è limitato solo a questo game, non c’è bisogno dell’ambulanza per chi scrive. Nadal, sotto di un set e di un break quasi senza aver tempo di accorgersene, sale 0-30 dopo un doppio fallo di Zverev, che reagisce prontamente ma basta per rivitalizzare un po’ Rafa, che per la prima volta quando risponde trascina ai vantaggi l’avversario.

Più avanti, sul 3-1 per il detentore del titolo e servizio Nadal, il pubblico assiste finalmente a un grande game, caratterizzato da capovolgimenti di fronte sia nel punteggio sia nello sviluppo degli scambi. Qui arriva il punto del match, un susseguirsi di colpi e recuperi favolosi, con Zverev infine trafitto a rete da un rovescio giocato dal campione di Parigi e New York quasi da terra, in lungo linea a rientrare proprio all’incrocio delle righe. Nadal si carica e davanti allo Zverev molto simile a quello che sconfisse nettamente Djokovic nella finale dell’anno scorso annulla una palla break con la complicità del nastro e offre alcuni vincenti dal fondo di grande valore. Il pubblico si esalta, ma il campione di Ginevra, qualificatosi per le Finals solo a Bercy, non trema e chiude con grande autorità al primo match point. Mercoledì sfiderà Tsitsipas in sessione serale (21 italiane) mentre Nadal affronterà Medvedev in apertura di programma per non lasciare mestamente le Finals. Non sarà affatto una partita banale, perché si tratterà della riedizione della finale della Rogers Cup 2019 ma soprattutto dello US Open, quando il russo e lo spagnolo hanno battagliato per quasi cinque ore.

Alexander Zverev e Rafael Nadal – ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

La situazione aggiornata del Gruppo Agassi

Continua a leggere
Commenti

ATP

Internazionali di Roma: Nadal col pilota automatico, Lajovic fa quel che può

Il serbo cerca di resistere quanto più possibile ma la legge di Rafa su questi campi è sempre la più dura. Nei quarti tocca a Schwartzman sfidare il Signore del Rosso

Pubblicato

il

Rafael Nadal – Internazionali di Roma 2020 (foto via Twitter, @InteBNLdItalia)

Leggi l’editoriale del direttore

[2] R. Nadal b. D. Lajovic 6-1 6-3

Non ci sono state grosse sorprese nel confronto tra Rafael Nadal e Dusan Lajovic, terminato con la vittoria del campione spagnolo in due partite lasciando quattro giochi all’avversario. Sul punto di gettare la spugna nel secondo parziale, Lajovic è stato capace di insinuarsi in un momento di distrazione di Nadal strappandogli tre giochi consecutivi, moto d’orgoglio che tuttavia non ha messo in discussione l’esito del parziale.

 

IL MATCH – Tre sconfitte all’esordio nelle tre settimane precedenti, Dusan si presenta ben determinato nel voler rifiutare il ruolo di vittima sacrificale che pare stargli a pannello, non solo per i due precedenti invero datati, bensì per quel rovescio elegante che pare fatto apposta per soffrire i topponi famelici scaraventati dalla parte sinistra di Manacor. E anche il break subìto già al secondo gioco suggerisce l’amaro destino. Ma si ribella, il numero 2 di Serbia, gira attorno alla palla in baldanzoso anticipo, pesta con il dritto e reclama con immediato successo il maltolto. Come un regista di fronte all’attore che non ha capito lo spirito della sceneggiatura, Nadal incontra qualche difficoltà – ostilità, addirittura – mentre tenta di dipingerglielo.

Finalmente, alla sesta opportunità per quel 3-1 foriero di tanta bua per il primo primo set se non per il match, la catenata lungolinea in risposta all’apparentemente ottimo kick glielo fa capire come se avesse sei anni. La partita prende la direzione prevista, mentre il poliziotto di piantone sulla scena del crimine ripete “circolare, non c’è niente da vedere”. Ci sarebbe invece il rovescio in salto con cui trentenne di Belgrado sale sul gancio di Rafa sparando il tracciante lungolinea, tranne la parte in cui dovrebbe tenerlo in campo. E replicarlo un paio di volte a game. Si arriva allora alla logica conclusione e il saldo vincenti/gratuiti, assolutamente rispettabile, di 7-11 nella riga di Dusan si traduce in un inappellabile 6 giochi a 1: passivi da mettere in conto quando giochi contro il maiorchino, autore invece di 6 winner e 7 unforced.

Non è neanche fortunato, Lajovic, visto che la palla che potrebbe dargli la gioia di partire in vantaggio alla ripresa muore in quella che dev’essere l’unica buca del Centrale, anzi, di tutto il Foro Italico, e le frequenti lamentele dei tennisti per dei presunti cattivi rimbalzi nascondono in realtà la loro scarsa propensione a guardare la palla facendosi distrarre dal numeroso e rumoroso pubblico. O forse no. Tornando ai fatti, la grafica mostra la posizione in risposta di Nadal sulla prima battuta serba, attorno ai sei metri dietro la riga di fondo, distanza che, lo sappiamo da tempo, raramente gli compromette l’iniziativa nello scambio.

Lahyani ha una tale voglia di sentire la propria voce che si esibisce un overrule sbagliato sulla chiamata del giudice sulla linea del servizio seguito poi dall’overrule a sé stesso senza neanche scendere a farsi una passeggiata, decisamente inutile visto il segno mostrato dalla telecamera. Dagli spalti, José Perlas, coach di Dusan, incita il suo pupillo quasi per scherzo quando finalmente (ma non era scontato) muove il punteggio nel secondo parziale: è il quinto gioco. Il n. 25 ATP ci prende gusto il giusto e strappa anche il servizio all’uomo con la maglietta dal collo che non vorremmo vedere. Ci fosse riuscito al primo dei tre tentativi, con il contro-smash dai teloni, magari sarebbe volato direttamente a prendersi il set sulle note ali dell’entusiasmo. Magari no. In ogni caso, si fa sotto 3-4, ma si fermerà lì, sebbene il successivo turno di battuta di Rafa sembri riaprirsi. Infine, break a zero per il 6-3 che arriva dopo un’ora e mezza.

Un test certo più valido rispetto a quello con un Pablo Carreño Busta arrivato in condizioni non esattamente ottimali dalla bolla newyorchese, tanto che poche ore dopo la sconfitta con il connazionale si è cancellato dal torneo di Amburgo. Nadal non al massimo della forma ma, per il momento, più che sufficiente sia per i tempi in ottica Parigi, sia per il prossimo turno, quando cercherà la decima vittoria in altrettante sfide contro Diego Schwartzman. Vincitore in tre set di Hubert Hurkacz, l’argentino non avevo convinto finora, salvo poi rivelare l’impossibilità di colpire il rovescio senza provare dolore dopo una caduta durante il quinto set contro Norrie allo US Open. Rivelazione fatta naturalmente una volta passato il dolore.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

Djokovic vince convincendo poco. Quattordicesimo “quarto” consecutivo a Roma

Nel derby con Krajinovic Nole sbaglia tanto e spreca di più ma esce alla distanza. Dal 2007 sempre tra gli ultimi otto al Foro

Pubblicato

il

Novak Djokovic - Internazionali d'Italia 2020 (via Twitter, @InteBNLdItalia)
Questo spazio è sponsorizzato da BMW

Leggi l’editoriale del direttore

[1] N. Djokovic b. F. Krajinovic 7-6(7) 6-3

Novak Djokovic a Roma non sbaglia mai. Grazie alla vittoria ottenuta poco fa nel derby con Filip Krajinovic il numero uno del mondo si è guadagnato i quarti di finale agli Internazionali d’Italia, mettendo insieme un’altra mole di numeri mostruosa. Dal 2007 a oggi, Nole non ha mai fallito l’accesso tra gli ultimi otto al Foro. Non è stato un Djokovic convincente, se non per qualche scampolo di secondo set, giocato in maggiore relax anche per il fisiologico calo che ha colto il fratello minore Filip. Il numero 29 ATP è peraltro uscito dal campo corrucciato, forse consapevole di non aver sfruttato a pieno la giornata non particolarmente ispirata della connazionale leggenda, fatto che la dice discretamente lunga sulla prestazione della controversa star di Belgrado.

 

Djokovic è parso scuro e affaticato, certo gravato dai trentuno gradi imperanti sulla capitale, eppure, segnato dalle varie polemiche che hanno accompagnato la sua lunga estate calda, silente e chiuso in sé stesso. Ha sprecato molto, Nole, e sbagliato moltissimo: due set point sciupati nel decimo gioco e altrettanti nel tie break prima di chiudere un primo set da un’ora e ventisette minuti di durata, funestato da ventisette errori non forzati e dall’uso scellerato del drop shot che da sempre caratterizza le sue giornate meno felici. Krajinovic, che aveva offerto il primo sussulto dell’incontro con il break nel gioco inaugurale, che ha giocato bene, una volta andato sotto nel punteggio ha sofferto un calo fisico e psicologico scontatissimo, mentre la prima testa di serie ha ritrovato un po’ del suo tennis, quello sufficiente a porre sull’avversario un carico di pressione difficilmente gestibile, buono per chiudere in poco più di due faticose ore grazie ai break arrivati nel terzo e nel nono gioco.

Un Nole sbiadito se non proprio brutto, si diceva, ma si sa che i primi turni di un Mille, o di uno Slam, specialmente in un periodo particolare come questo e per giunta senza la spinta dell’amato pubblico romano, sono quelli in cui si può anche provare a pensare di fare uno sgambetto al campione. Difficilmente succede, a dire il vero, nemmeno stavolta è successo. Da domani sarà un’altra storia, e, presumibilmente, un altro Djokovic. I suoi avversari conoscono la trama fin troppo bene.

Il tabellone completo e aggiornato

Continua a leggere

ATP

Meraviglioso Musetti, anche Nishikori è KO. Giocherà gli ottavi agli Internazionali di Roma

Continua la favola di Lorenzo Musetti al Masters 1000 di Roma. Battuto anche Kei Nishikori, è al terzo turno

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Internazionali d'Italia 2020 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

[Q] L. Musetti b. K. Nishikori 6-3 6-4

La speranza era ben presente in tutti gli appassionati di tennis italiani, e forse era anche di più di una speranza. Dopo la grande prestazione al secondo turno contro Wawrinka, Lorenzo Musetti era atteso da una difficilissima prova del nove contro l’ex n.4 del mondo Kei Nishikori, reduce da una lunga convalescenza oltre che dalla pausa per la pandemia, ma pur sempre un campione con la “C” maiuscola. Lorenzo Musetti da Carrara, 18 anni, ha affrontato il match con grandissima tranquillità ed ha portato a casa la vittoria in due set reggendo benissimo il palleggio contro un campione del ritmo come il nipponico, senza mai perdere il servizio nonostante cinque palle break a sfavore e soprattutto giocando con grande autorità sui punti importanti.

IL MATCH

Sin dall’inizio non si percepisce alcuna differenza tra i due in termini di peso di palla, sembrano due giocatori dello stesso livello. Anzi, Musetti sembra tenere meglio di Nishikori il palleggio sulle diagonali, mentre fatica molto di più sui cambi di traiettoria rapidi. Il ragazzo toscano annulla con grande personalità tre palle break al terzo gioco, il più lungo del set, e poi strappa il servizio al nipponico nel game successivo, portandosi poi avanti 4-1 con un parziale di 10-2.

 

Nishikori fa proprio fatica a tenere il rovescio di Musetti, mentre ha qualche successo in più sul diritto, anche se sbaglia qualcosa di troppo nei palleggi da fondo. Sulle palle corte Lorenzo si fa trovare pronto, così come sui passanti, e sui propri turni di battuta procede con autorità verso la conquista del set. Nishikori prova a cambiare qualcosa sul 2-5, infilando qualche serve and volley che sortisce buoni risultati, ma ormai il parziale è nelle mani di Musetti che chiude il 6-3 in 42 minuti.

Il giapponese insiste ancora di più con il serve and volley, e movimenta ancora di più gli scambi da fondo giocando con ancora più varietà, ma in questo modo corre parecchi rischi. Annulla due palle break sul 2-2 con un servizio e una volée, ma il suo problema rimangono i game di risposta, dato che il kick di Musetti lo mette in grande difficoltà. Prova a continuare con le variazioni, ottiene due palle break sul 3-2 ma Musetti è sempre molto propositivo e annulla con autorevolezza. Due game più tardi Nishikori grazia l’avversario mettendo in rete una comoda volée di rovescio che l’avrebbe mandato 0-40 e poi finisce per perdere il game ai vantaggi dopo uno splendido rovescio lungolinea di Musetti su uno smash di Nishikori che ha persino applaudito l’italiano.

Sul 4-4, 30-15 l’elettricità abbandona il Centrale del Foro Italico, dopo che pochi minuti prima aveva costretto il match tra Koepfer e Monfils ad essere trasferito dal Pietrangeli al Grandstand, apparentemente unico “faro” nella notte romana. Dieci minuti più tardi, alla ripresa del gioco, Musetti riesce a fare il break e va a servire per il match. Un diritto lungolinea su cui Nishikori manda lungo il recupero di rovescio sancisce l’accesso di Musetti ai quarti di finale degli Internazionali BNL d’Italia.

BALZO NEI 200

Con questa vittoria Lorenzo Musetti entra nei primi 200 della classifica ATP. Dovrebbe arrampicarsi almeno fino al n.179, ma potrebbe salire più in alto nel caso in cui dovesse vincere altre partite. Al prossimo turno per il carrarese ci sarà il tedesco Dominik Koepfer, che ha battuto in due set un Gael Monfils in pessima serata.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement