'Rally for Relief': raccolti quasi 5 milioni di dollari con Federer, Nadal, Djokovic e Serena

Flash

‘Rally for Relief’: raccolti quasi 5 milioni di dollari con Federer, Nadal, Djokovic e Serena

Grande successo per l’esibizione con protagonisti Federer, Djokovic, Nadal, Kyrgios e Serena Williams tra doppi caotici, tiro al bersaglio e interviste

Pubblicato

il

Rally for Relief - Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

Nella serata di Melbourne, mentre il temporale imperversava, è andato in scena Rally for Relief, l’evento benefico organizzato per raccogliere fondi a favore delle zone devastate dagli incendi. Teatro dell’esibizione è stata la Rod Laver Arena (ovviamente col tetto chiuso) che ha radunato un pubblico numeroso e entusiasta. Sul campo invece si sono alternati alcune delle stelle più luminose del tennis maschile e femminile contemporaneo. Djokovic, Nadal, Serena Williams, Wozniacki, Thiem, Tsitsipas, Kvitova, Osaka, Zverev e Gauff questi i nomi che hanno dato vita al primo gioco della serata, un doppio al meglio dei quattro game che prevedeva il cambio delle coppie dopo ogni gioco.

Ovviamente il caos e la simpatia hanno fatto da padroni e il pubblico ha avuto di che divertirsi. Tra Nadal che fa gestacci a Nole invece di chiamare gli schemi e momenti in cui i tennisti erano tutti presenti in campo contemporaneamente. Nel mezzo anche tante chiacchiere e anche l’intervento di una giocatrice d’eccezione, Deb del corpo dei vigili del fuoco australiani.

Al termine del doppio, è arrivato il momento dell’ingresso in campo di Roger Federer e Nick Kyrgios entrambi accolti da un’ovazione. Subito dopo, Rafa ha annunciato che lui e Roger hanno deciso di fare una donazione congiunta di 250.000 dollari australiani.

 

Roger e Nick si sono poi alternati in un “tiro a segno” nel quale bisognava colpire una A e una O, iniziali di Australian Open, posizionate sul campo. Ogni centro avrebbe destinato 100 dollari alla causa. In più erano previsti 30 secondi bonus durante i quali ogni bersaglio colpito valeva 1000 dollari. Al termine del simpatico gioco, i due hanno dato vita ad un set di esibizione, denso di colpi spettacolari e pervaso da un’atmosfera serena e giocosa. Poca importanza ha che a vincerlo sia stato Federer al tie-break, mentre contano molto di più i quasi 5 milioni di dollari raccolti nel corso della serata (4.826.014 la cifra precisa).

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Palermo: Camila Giorgi completa il poker azzurro

Convincente esordio per Camila Giorgi a Palermo contro Rebecca Peterson. Prossimo impegno contro Juvan. Fuori la n. 2 Vondrousova

Pubblicato

il

Ritorno vincente per la n.1 italiana Camila Giorgi (n. 89 del ranking) che ha fatto il suo rientro sul circuito WTA aggiudicandosi il suo in contro di primo turno al Palermo Ladies Open contro la svedese Rebecca Peterson (n. 44 WTA) con il punteggio di 7-5 6-4. Nel suo primo match sulla terra battuta da più di due anni a questa parte, la marchigiana ha fatto un po’ fatica all’inizio del match a trovare il ritmo partita e ha dovuto recuperare da 1-3 e servire per rimanere nel set sul 4-5. Da lì però ha infilato ben sette giochi consecutivi che hanno segnato il destino del match.

La vittoria di Camila completa l’en-plein azzurro al primo turno della competizione palermitana, raggiungendo Errani, Cocciaretto e Paolini che avevano superato il loro primo impegno nella giornata di lunedì. Il prossimo turno per Giorgi sarà contro la slovena qualificata Kaja Juvan (n. 121 WTA) che nel primo incontro della giornata sul campo centrale aveva eliminato la testa di serie n.2 Marketa Vondrousova (n. 18 WTA), finalista lo scorso anno al Roland Garros.

Negli altri incontri di martedì da segnalare il facile ingresso del torneo della testa di serie n.1 Petra Martic, che ha lasciato solamente tre giochi alla belga Van Uytvanck, e l’affermazione di altre tre giocatrici provenienti dalle qualificazioni: la russa Samsonova, che ha superato Flipkens, la bielorussa Sasnovic che ha eliminato la n. 5 del seeding Elise Mertens e la lucky loser Dodin che ha avuto la meglio di Zidansek.

 

I risultati:

[1] P. Martic b. A. Van Uytvanck 6-0 6-3
[Q] L. Samsonova b. K. Flipkens 6-4 6-2
[Q] A. Sasnovich b. [5] E. Mertens 6-4 6-1
F. Ferro b. [Q] N. Podoroska 6-2 6-1
[L] O. Dodin b. T. Zidansek 2-6 6-4 6-4
C. Giorgi b. R. Peterson 7-5 6-4
[Q] K Juvan b. [2] M Vondrousova 1-6 7-5 6-4

Il programma di mercoledì 5 agosto

Campo centrale, ore 16

[8] E. Alexandrova v F. Ferro
J. Paolini v [Q] A. Sasnovich
[WC] S. Errani v Kr. Pliskova
[WC] E. Cocciaretto v [6] D. Vekic

Continua a leggere

Flash

Nadal non giocherà lo US Open 2020: “Una decisione che non avrei mai voluto prendere”

Il campione in carica non difenderà il titolo a New York: “Una decisione che non avrei mai voluto prendere, ma ho deciso di seguire il cuore. Il calendario è brutale”

Pubblicato

il

Rafa Nadal - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Rafael Nadal non parteciperà allo US Open e dunque lo Slam statunitense, qualora dovesse disputarsi regolarmente, sarà privo del suo campione in carica. La conferma è arrivata in seguito alla pubblicazione della entry list da parte dell’organizzazione del torneo, a cui ha fatto seguito a stretto giro una dichiarazione ufficiale di Nadal su Twitter.

Dopo una lingua riflessione ho deciso di non giocare lo US Open quest’anno. La situazione nel mondo è molto complicata, i casi di COVID-19 stanno aumentando e sembra che non abbiamo ancora il controllo della situazione. Sappiamo che questo calendario ridotto è brutale dopo quattro mesi senza partite, anche se capisco e sono grato per gli sforzi che stanno facendo perché tutto si svolga. Siamo appena stati informati che Madrid non si giocherà quest’anno.

 

Ho il massimo rispetto per la USTA, gli organizzatori dello US Open e l’ATP per il tentativo di tenere in piedi l’evento per i giocatori e i telespettatori. Questa è una decisione che non avrei mai voluto prendere ma ho deciso di seguire il cuore questa volta, e per il momento preferisco non viaggiare“.

Quella di Nadal è la più pesante delle nove assenze con cui dovranno fare i conti gli organizzatori del torneo. Non arriva completamente a sorpresa, considerando che il giocatore spagnolo si sta allenando sulla terra da alcune settimane e aveva già espresso le sue perplessità riguardo alla prospettiva di viaggiare verso gli Stati Uniti e giocare il torneo in condizioni così difficili. L’iscrizione alla entry list di Cincinnati aveva fatto pensare a un ripensamento, e invece adesso è proprio la partecipazione al Masters 1000 – che si giocherà sempre a New York – a risultare meno probabile.

Sulla decisione di Nadal ha certamente pesato anche la modifica (transitoria) del sistema di classifica decisa dall’ATP, che consentirà ai giocatori di conservare i punti guadagnati lo scorso anno senza doverli difendere sul campo fino all’edizione 2021 dello stesso torneo. In questo modo, Nadal terrà i suoi 2000 punti per altri dodici mesi.

Tra i top 10 saranno assenti anche gli infortunati Fognini e Federer, e a seguito dell’assenza del tennista svizzero si configurerà una situazione che il tennis non conosceva da 21 anni: era infatti dallo US Open 1999 che non andava in scena uno Slam privo di Roger Federer e Rafael Nadal.

ITALIANI – Il taglio alla 127° posizione contribuisce ad allargare la pattuglia dei tennisti italiani, che saranno nove nel tabellone principale: Berrettini, Sonego, Sinner, Mager, Travaglia, Seppi, Caruso, Cecchinato e Lorenzi. Fuori di soli due posti Federico Gaio, preceduto in testa alla lista degli alternate da Andy Murray – che dunque avrà bisogno di un forfait per entrare in tabellone.

CONSULTA LA ENTRY LIST COMPLETA

Continua a leggere

Flash

Entry list femminile dello US Open 2020: Barty è l’unica top 25 assente

La numero uno del mondo sarà una delle cinque top 50 assenti. Due italiani iscritte, Giorgi e Paolini

Pubblicato

il

Bianca Andreescu - US Open 2019 (foto via Twitter, @usopen)

Insieme alla pubblicazione delle liste maschili, dalle quali abbiamo appreso la notizia dell’assenza di Nadal, lo US Open ha pubblicato anche la entry list del torneo femminile. Il taglio è il medesimo, fissato alla 127° tennista, il che vuol dire che l’organizzazione elargirà una sola wild card.

La risposta delle giocatrici è piuttosto significativa, poiché c’è una sola assenza tra le prime venticinque del mondo, ma si tratta di un’assenza pesantissima: come già annunciato, non ci sarà infatti la numero uno del mondo Ashleigh Barty. Risulta invece tra le iscritte, per il momento, Simona Halep, che aveva inizialmente detto no allo Slam statunitense salvo poi riconsiderare la questione. Dentro la campionessa in carica Bianca Andreescu.

C’è qualche altra defezione tra le top 50: mancheranno le cinesi Wang e Zheng oltre a Pavlyuchenkova e Goerges.

 

Iscritte le italiane Giorgi e Paolini, entrambe impegnate a Palermo al momento, mentre la prima giocatrice esclusa – Gatto-Monticone – è troppo lontana dal taglio per sperare che qualche defezione possa favorirne l’ingresso in tabellone. Ricordiamo, infatti, che quest’anno non si giocherà il torneo di qualificazione.

CONSULTA LA ENTRY LIST COMPLETA

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement