Ubitennis ricorda Kobe Bryant, leggenda dello sport mondiale

Flash

Ubitennis ricorda Kobe Bryant, leggenda dello sport mondiale

Il campionissimo NBA tragicamente scomparso a 41 anni. Allo scorso US Open aveva incontrato e sostenuto Coco Gauff e Naomi Osaka

Pubblicato

il

Kobe Bryant con Roger Federer (US Open 2019)
 

Domenica 26 gennaio 2020, un giorno che gli appassionati di sport non dimenticheranno tanto facilmente. Kobe Bryant, straordinario asso dei Los Angeles Lakers della NBA ritiratosi dopo una sontuosa carriera ventennale dal 1996 al 2016, ha perso la vita a 41 anni per uno schianto in elicottero nei pressi di Los Angeles insieme alla sua secondogenita Gianna (13 anni).Insieme a loro hanno perso la vita il pilota e altre cinque persone che erano dirette all’Academy dello stesso Bryant per disputare una partita di basket femminile giovanile.

Bryant, uno degli sportivi più iconici della Storia e uno dei più importanti del XXI Secolo a livello globale lascia la moglie Vanessa e altre tre figlie: Natalia (17 anni), Bianka (3 anni) e Capri (appena 7 mesi). La carriera di Kobe è tra le più decorate dello sport americano e non solo del basket: cinque titoli NBA con i Lakers, quarto marcatore di tutti i tempi della NBA, due ori olimpici con la nazionale USA a Pechino 2008 e Londra 2012, oltre a ogni genere di premio individuale. Proprio Bryant era diventato il leader della nazionale in Cina dopo i fallimenti alle Olimpiadi di Atene 2004 e ai Mondiali 2006 in Giappone in cui la squadra americana non andò oltre la medaglia di bronzo in entrambe le occasioni.

Nick Kyrgios con la canotta dei Lakers di Kobe Bryant – Australian Open 2020 (via Twitter, @atptour)

Kobe, figlio di Joe, quattro volte consecutive capocannoniere della nostra Serie A2 di basket negli anni ’80, è cresciuto in Italia dai 6 ai 13 anni tra Rieti, Reggio Calabria, Pistoia e Reggio Emilia seguendo gli spostamenti del padre. Padroneggiava perfettamente la nostra lingua anche a distanza di decenni dal suo addio al nostro Paese. Dopo il ritiro di Joe, la famiglia Bryant tornò negli Stati Uniti a Philadelphia, città natale di Kobe. Bryant portò il suo liceo, Lower Merion alla vittoria del campionato di Stato della Pennsylvania dopo 53 anni. Poi il salto diretto nella NBA senza passare dal college.

Kobe ha giocato tutta la carriera con una sola maglia e detiene la maggior parte dei record della Storia dei Lakers, la squadra più famosa e più ricca di campioni nella Storia della lega americana di basket. Dopo la conclusione della carriera aveva conquistato anche un Premio Oscar per un cortometraggio animato basato sulla sua lettera di addio al basket, scritta nel novembre 2015 e consegnata agli spettatori dello Staples Center di Los Angeles per annunciare il suo ritiro.

Ubaldo con Kobe Bryant a Flushing Meadows (30 agosto 2019)

Nell’agosto scorso è stato in visita a Flushing Meadows durante lo US Open, partecipando al sorteggio di un match di Roger Federer e spendendo parole al miele per Coco Gauff oltre a sviluppare una profonda amicizia con Naomi Osaka che oggi sui social gli ha dedicato una bellissima lettera di addio che si è chiusa con queste parole: “Grazie per avermi insegnato così tanto nel poco tempo durante il quale ho avuto la fortuna di conoscerti. Grazie di essere esistito. Sarai per sempre il mio fratellone/mentore/ispirazione“.

Durante la visita di Bryant allo US Open, il direttore Ubaldo Scanagatta ha trovato il modo di fermarlo e fargli firmare un autografo con dedica per uno dei suoi collaboratori, Luca De Gaspari, suo grandissimo ammiratore da sempre.

L’autografo firmato da Kobe


Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement