Berrettini in dubbio per la Davis? "La mia priorità è guarire ma farò di tutto per esserci"

Flash

Berrettini in dubbio per la Davis? “La mia priorità è guarire ma farò di tutto per esserci”

Matteo parla a L’Unione Sarda: “Non posso dire con certezza che sarò pronto per la Davis”. E a proposito dell’infortunio che lo ha costretto a saltare la trasferta sudamericana dice: “Si concentra fra gli addominali, il pube e gli adduttori”

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - ATP Finals 2019 (foto Roberto Zanettin)

A malincuore Matteo Berrettini è stato costretto a saltare la parte di stagione sulla terra sudamericana, che lo avrebbe visto impegnato la prossima settimana a Buenos Aires e quella successiva a Rio de Janeiro. Ma come ha ammesso lui stesso in un’intervista al quotidiano L’Unione Sarda, “gli infortuni si devono affrontare con cura sennò rischi di ritrovarti in piena stagione con lo stesso problema” e quello che sta affliggendo il tennista romano si concentra fra addominali, il pube e gli adduttori“. Si tratta di un guaio muscolare che si porta dietro da metà dello scorso anno e adesso che il suo obiettivo è rimettersi in forma, tutta la sua programmazione viene rimessa in discussione.

Tra gli appuntamenti più importanti che rischiano di saltare c’è quello di Coppa Davis previsto per venerdì 6 e sabato 7 marzo a Monte Urpino, Cagliari, contro la Corea del Sud. Non posso dire con certezza che sarò pronto per la Davis, la mia priorità oggi è guarire, recuperare, ma è possibile che possa farcela anche prima della gara di Cagliari. Il mio obiettivo è esserci. Farò di tutto per arrivare a Cagliari in ottime condizioni”. Il n. 8 del mondo appare cauto e giustamente non ha alcuna fretta: “Ho appena vissuto la miglior annata della mia carriera sotto tutti gli aspetti, prima della passata stagione ci eravamo messi come obiettivo almeno tre anni per arrivare alla top 10, per cui nessuno deve dimenticare che quello era il piano originale. Continuiamo a investire, non ci deve essere fretta, non ci deve essere pressione”.

La Corea del Sud ha come giocatore di spicco Hyeon Chung, giovane promessa caduta vittima di infortuni che due anni fa raggiunse la posizione n. 19 mentre ora è fuori dai primi 100, il quale non scende in campo dall’ottobre dello scorso anno a Vienna. Insomma la sfida sembra alla portata dell’Italia, anche in caso di assenza di Matteo, ma il rischio va sempre calcolato. Partiamo sicuramente favoriti, sia per il nostro ranking ma anche perché giochiamo in casa, sulla terra, davanti ad un pubblico caldissimo e competente. Ma lo sapete tutti, la Coppa Davis è una competizione a parte, i giocatori si trasformano, entrano in gioco altri fattori e le sorprese possono essere sempre dietro l’angolo”.

Matteo Berrettini alle Davis Cup Finals 2019 a Madrid (foto Twitter @DavisCupFinals)

La Corea rappresenta l’unico ostacolo per la nazionale italiana prima delle fasi finali di Madrid a novembre e Berrettini, trovandosi d’accordo con le parole del Presidente FIT Angelo Binaghi che vede l’Italia come una delle favorite, aggiunge: “I numeri parlano chiaro, siamo una squadra forte, un gruppo molto unito ma soprattutto quelli che saranno convocati saranno comunque giocatori di alto livello, in singolare e in doppio. Poi c’è la formula nuova che può sempre riservare delle sorprese”. E a proposito della nuova formula introdotta la scorsa stagione, resta ancora un po’ di amarezza per com’è andata nel 2019. A Madrid bastavano due punti tirati in maniera diversa e saremmo andati ai quarti. Le partite vanno giocate tutte, dal primo all’ultimo punto, perché anche lo scambio finale può cambiare una storia”.

Nonostante questo breve periodo di stop, la voglia di lavorare a Berrettini non manca affatto e tutto l’ambiente intorno a lui spinge verso la stessa direzione: “Bisogna credere nel progetto, sapendo che ho ancora tanto margine di miglioramento. Peraltro lavoro con lo stesso team da quando avevo 14 anni, loro conoscono me e io conosco loro, è bello essere arrivati così in alto insieme“.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash6 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria1 settimana fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash3 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash3 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza2 mesi fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP2 mesi fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement