Sartori: "Cecchinato si era adagiato, l'obiettivo è rimetterlo in sesto"

Flash

Sartori: “Cecchinato si era adagiato, l’obiettivo è rimetterlo in sesto”

Lo storico coach di Seppi prova a rilanciare le ambizioni del Ceck: “Educazione, regole, rispetto reciproco e tanto lavoro. Tornare tra i primi 50 è il minimo”

Pubblicato

il

Massimo Sartori - Italia-Francia, Coppa Davis 2018 (foto Roberto Dell'Olivo)

Non tutti i mali vengono per nuocere. Potrebbe pensarla così Marco Cecchinato, dopo la notizia del lungo stop del Tour ATP, che non ha in programma tornei fino al 7 di giugno (sperando non si debba disporre una proroga qualora il virus non si fermasse entro la primavera). Due mesi e mezzo per ripartire. Ripartire da quei risultati che tra il 2018 e il 2019 l’avevano proiettato tra i primi 30 giocatori del mondo, prima di un’inesorabile discesa e una crisi di vittorie (nel circuito maggiore) che dura da ormai un anno. Rimettere a posto tutti gli ingranaggi sarà compito anche di Massimo Sartori, storico coach di Seppi e ora anche del Ceck.

“Marco nel 2018 ha avuto una stagione straordinaria, anche dal punto di vista mediatico ha detto l’allenatore al Corriere dello Sport. “Ma l’ha pagato. Era immaginabile che facesse qualche passo indietro, ma lui si è adagiato troppo, ha pensato che le cose sarebbero andate avanti da sole, ha smesso di allenarsi come doveva. Ha iniziato bene anche il 2019, con una vittoria a Buenos Aires e una semi a Doha, ma quando è arrivata la stagione su terra, con tante aspettative, si è bloccato anche di testa.

Coach Sartori si è trasferito a fine 2019, dopo dieci anni passati a Bordighera. Suo padre è mancato a dicembre e ha così deciso di stare vicino a sua madre a Vicenza: “Ho detto a Cecchinato che se voleva lavorare con me doveva stare alle mie condizioni, a partire dallo spostamento a Vicenza. Poi servono educazione, regole e rispetto reciproco. E tanto lavoro. Ora l’obiettivo è rimetterlo in pista fisicamente e mentalmente, farlo tornare a essere un giocatore, non un colpitore come era diventato. Farlo galleggiare, evitando anche scelte sbagliate come preferire i Challenger su terra a Sofia e Vienna, dove era in tabellone a fine 2019. Una follia. Non so se può tornare in semifinale Slam, gli auguro di fare anche meglio, ma tornare tra i primi 50 del mondo mi sembra il minimo.

 

Il Coronavirus sta mettendo in seria difficoltà tutto il mondo sportivo: “È una situazione strana” prosegue Sartori, “ci fanno entrare per allenarci, Marco si sta allenando con Stefano D’Agostino, un giovane di Trento che ha avuto il permesso di raggiungerci a Vicenza da Brescia, ma non possiamo nemmeno farci la doccia a fine allenamento. È difficile programmare così. Seppi era in Colorado e gli ho consigliato di restare là ad allenarsi. È un peccato perché avevo studiato per lui un programma di allenamento specifico per la terra. Avrebbe dovuto rientrare a Montecarlo e sfruttare i pochi punti da difendere. Ora bisognerà ripensare tutto”.

Continua a leggere
Commenti

Flash

La (non) risposta di Raul Pérez Roldan, padre del tennista maltrattato: “Sono cose da risolvere in famiglia”

Raul si rivolge a ‘La Nacion’ ma non commenta: “Non si può parlare di questo al telefono”. Il figlio Guillermo lo ha accusato di ripetute violenze

Pubblicato

il

Raul Pérez Roldán, papà di Guillermo

Sono passati alcuni giorni da quando Guillermo Perez Roldan ha rivelato gli abusi subiti dal padre durante i primi anni della carriera. Per riassumere cinicamente lo sfogo dell’argentino arrivato al n. 13 del mondo nel 1988, è la storia di un uomo che non si comporta da tale con il figlio tennista: gli sottrae tutti i soldi guadagnati e, se un giorno non si muove bene in campo e perde, lo prende a cinghiate. I maltrattamenti non sono stati tuttavia sufficienti a far desistere il ragazzo, ormai adulto, dal tentativo di riavvicinarsi al genitore che, poco sorprendentemente, lo contraccambia pugnalandolo (in senso figurato) di nuovo alle spalle.

Dopo che Sebastián Torok del quotidiano La Nación aveva vanamente tentato di ottenere una replica da Raul prima di pubblicare il racconto di Guillermo, ecco che il fondatore della Scuola di Tandil e del relativo metodo (nonché della nota Torre) si fa finalmente vivo con il giornalista concedendo un’intervista telefonica. Subito gli viene chiesta la sua versione dei fatti. L’inizio della risposta non promette una lunga chiacchierata: “No, no, no” esordisce Perez-Roldan, “non intendo dare nessuna opinione, nessuna difesa, tanto meno contro mio figlio o a mio favore. È una faccenda di famiglia e deve essere risolta in famiglia; però, come quasi sempre accade, la stampa rovina. E allora io non do la mia opinione. E, te lo dico ancora, io non ti conosco. Se ti conoscessi, ti direi la stessa cosa e non esprimerei la mia opinione”.

Come spesso accade, il problema non sono gli abusi (dobbiamo dire presunti) subiti dal ragazzino, ma la stampa che se ne fa portavoce. Il giornalista chiarisce allora che è stato Guillermo a volersi sfogare e a cambiare l’essenza dell’intervista. “Se è così, va bene” replica Raul. “Non compro il vostro giornale e non l’ho vista; come ho detto, sono cose di famiglia da risolvere internamente”.

 

Torok gli chiede poi se telefonerà a suo figlio. “No, no, sono cose mie. Non parlo con nessuno per fargli sapere se parlerò o meno. È, ripeto, una questione assolutamente familiare. Non una, non mezza, non un quarto di parola contro Guillermo né in difesa di quello che ha detto. Il Cile è in difficoltà a causa del coronavirus, noi anche, e questo non è il momento. Indubbiamente, non si può parlare di questo al telefono, vedremo. È tutto”. Saluta e interrompe la comunicazione.

Per quanto riguarda Guillermo, dopo la pubblicazione dell’intervista continua a ricevere messaggi di sostegno, anche da persone del mondo del tennis con cui non aveva contatti da parecchio tempo. Non ha voluto aggiungere nulla alla sua terribile storia dopo aver saputo che suo padre aveva parlato con il giornalista. Ma fa sapere che non gli impedirà di vedere le sue nipoti Agustina e Chiara, rispettivamente di 24 e 14 anni, che vivono in Italia.

Tutto questo dolore e tutto quelle che la mia confessione ha generato, voglio canalizzarlo in qualcosa di positivo, in un progetto perché nessun ragazzo sia ancora maltrattato”. E conclude, “che poi mio padre faccia quello che vuole”.

Continua a leggere

Flash

Esibizioni: Thiem, Zverev, Kyrgios e Sinner sull’erba di Berlino. Sperando in Federer

Anche Svitolina e Bertens ai due mini-tornei di esibizione in Germania a partire dal 13 luglio. Si giocherà su erba e cemento

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Challenger Ortisei 2019 (foto Marco Corriero)

Dopo la cancellazione del WTA di Berlino, evento erboso che avrebbe dovuto fare il suo esordio in calendario a metà giugno, resta viva la possibilità di vedere alcune stelle del tennis nella capitale tedesca. Lo stesso sponsor annuncia infatti due mini-tornei di tre giorni con sei giocatori e sei giocatrici a darsi battaglia, rispettivamente, sull’erba dello Stadio Steffi Graf dal 13 al 15 luglio e sul duro in un hangar dell’ex aeroporto Tempelhof dal 17 al 19. Frontmen della manifestazione, per adesso, Sascha Zverev e Nick Kyrgios.

A proposito di Kyrgios, uno dei più attivi sui social durante l’isolamento, l’organizzatore Edwin Weindorfer spiega al quotidiano berlinese B.Z. che “quasi nessuno gode di tanta popolarità come lui fra i giovani. Da una parte le bravate, dall’altra le fantastiche giocate. In generale, comunque, il campo dei partecipanti è di altissimo livello”. Sì, perché oltre al n. 7 e al n. 40 ATP, c’è anche un tale Dominic Thiem, terzo giocatore del mondo, attualmente impegnato in un’esibizione in patria. Il quarto nome annunciato è quello di Jannik Sinner, mentre ancora non sappiamo chi saranno gli altri due tennisti.

A dirigere i due tornei sarà l’attuale capitano della squadra tedesca di Fed Cup Barbara Rittner, che per il femminile può contare sulle top ten Elina Svitolina e Kiki Bertens, oltre che su Julia Goerges e Andrea Petkovic, ferma dal torneo di Lussemburgo dello scorso ottobre. Anche qui, ci sono due posti ancora vuoti. Gli organizzatori dicono di stare negoziando con due vincitori Slam: “A Federer piace giocare sull’erba, ma vuole aspettare e vedere come va, proprio come Angie Kerber”, spiega Weindorfer. Avendo a che fare con atleti internazionali, molto dipenderà dalle possibilità di spostamento in luglio.

 

LE REGOLE – Per quanto riguarda le regole di gioco, ci sarà un tabellone a eliminazione diretta che parte dai quarti di finale con i primi due del seeding avanzati di un turno. Gli incontri si disputeranno al meglio dei tre set, ma il terzo sarà un tie-break. Niente giudici di linea, ma tutte le chiamate saranno gestite da hawk-eye come accade alle Nextgen di Milano. Il montepremi è di 100.000 euro sia per il maschile sia per il femminile.

L’idea di Weindorfer è di fissare gli standard del tennis in questi tempi difficili sull’esempio della Bundesliga, che è ripartita il 15 maggio. Mentre proseguono le trattative per i diritti televisivi, la situazione attuale non permettere l’accesso al pubblico, ma le condizioni potrebbero cambiare tra un mese e mezzo.

Continua a leggere

Flash

Il figlio di Tracy Austin entrerà tra i professionisti

Brandon Holt, 22 anni, ha deciso di lasciare con un anno di anticipo il suo team alla University of South Carolina per diventare un professionista

Pubblicato

il

Dopo quattro anni da numero uno dei Trojans, Brandon Holt ha fatto la sua scelta: passerà al professionismo, lasciando così il suo team. Holt è stata per tutti questi anni la stella della University of South Carolina, vincendo 91 partite in singolare e 74 in doppio. Il figlio dell’ex numero uno del mondo femminile Tracy Austin e Scott Holt lo ha comunicato in un lungo post pubblicato sul suo profilo Instagram, dove ha salutato e ringraziato i suoi compagni di squadra, gli allenatori e tutti coloro che hanno contribuito alla sua crescita nel suo percorso verso il professionismo.

View this post on Instagram

What a fantastic 4 years this has been at USC. With the exception of COVID, I don’t think I could have enjoyed my time as a Trojan more. I am excited to start a new chapter and begin my professional career. My teammates and coaches all know how much I love them and I have voiced that in person over the years, so I do not need to write a love story for you all to read. However, I do feel inclined to show just how special USC is to me. I could not have asked for better coaches in @coachpetersmith @brettmasi @kkwintus @dbaughm They made me feel like the most important thing in their day was improving my teammates and I in tennis and as people. Naturally, people talk about my success on the court at USC and view that as the reason I had such a great time. My teammates are the number one reason I was so happy at USC. The single biggest success looking back is @coachpetersmith recruiting GOOD PEOPLE. He recruited people I played tennis with for 4 years. But more importantly, he recruited a band of brothers who are and will continue to be my best friends. I would also like to thank my friends outside of the tennis team and I cherish all the special relationships created at USC. I would like to thank my family for the support and my grandparents who didn’t miss a match. Thank you to everyone at @usc_athletics for always having a smile on your face no matter the difficulty. The training staff was so exceptional and walking into McKay was always such a joy. Thank you to the fans and supporters of @uscmenstennis Thank you to everyone who played a direct role in our team’s success. You all know who you are. Lastly, this feels like a goodbye, but I look to so many of the staff members at USC as friends and mentors, so I know our relationships will remain strong. Love you all. Fight on forever! ✌️ (Wish I could tag everyone but only lets me tag 20)

A post shared by Brandon Holt (@brandon_holt98) on

 

Holt lascia l’USC con un anno di anticipo. Attualmente il ragazzo statunitense occupa la 488esima posizione nel ranking ATP, ma per sapere di che pasta è fatto non serve guardare tanto lontano. Dieci giorni fa ha giocato un’esibizione a Rolling Hills, in California. È arrivato in finale dove si è trovato davanti Sam Querrey, che l’ha battuto solo al match tie-break del terzo set, 10-8. Certo, la formula del Fast4 e lo stato di forma non ottimale di Querrey sono due fattori da tenere in grande considerazione, ma al di là dell’Oceano sono abbastanza sicuri del fatto che Brandon Holt, non “il figlio di Tracy Austin”, saprà dire la sua nel circuito ATP.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement