Lettera aperta del Presidente Binaghi: "Dalla FIT tre milioni di euro per circoli e giovani"

Flash

Lettera aperta del Presidente Binaghi: “Dalla FIT tre milioni di euro per circoli e giovani”

La FIT ha preparato un elenco di richieste da rivolgere al Governo che saranno comunicate successivamente

Pubblicato

il

Angelo Binaghi a Cagliari per Italia-Corea del Sud, Coppa Davis 2020 (foto Felice Calabrò)

Cari amici del Tennis Italiano,

Nel momento più difficile della storia recente del nostro Paese anche lo Sport sta pagando un prezzo altissimo. Da tutta Italia ci pervengono segnalazioni che descrivono nel dettaglio le enormi difficoltà in cui si trova il nostro movimento e testimoniano la preoccupazione per le incognite riguardanti il futuro. Ad essere preoccupati siamo, in primo luogo, noi dirigenti, coloro ai quali le Società Affiliate hanno affidato il compito di gestire la casa comune, la Federazione Italiana Tennis. Solo con una FIT in grado di funzionare, infatti, i Circoli, i Dirigenti, gli Insegnanti, gli Atleti, gli Ufficiali di Gara, i tanti giovani che si stanno avvicinando al tennis e tutti coloro che condividono la nostra passione potranno continuare a svolgere la propria attività nella certezza del rispetto delle regole e con obiettivi comuni, secondo quanto previsto dal nostro Statuto a difesa dei valori fondamentali dello Sport.

Il caos nel quale la pandemia da coronavirus ha gettato l’intero mondo del tennis, sconvolgendone i calendari internazionali e ostacolando le attività sportive e didattiche nazionali, avrà purtroppo pesanti conseguenze pure sulle risorse necessarie alla FIT per svolgere le proprie attività istituzionali. Anche a causa dell’incertezza che grava sugli Internazionali BNL d’Italia, i quali rappresentano una fonte di ricavo che in questi anni ha contribuito in maniera preponderante a finanziare il nostro mondo, siamo dunque costretti a varare un piano di azione che ci permetta di salvare le fondamenta della casa comune.

Tale piano riguarda da un lato i costi di funzionamento della nostra struttura, ridotti al minimo possibile sia in considerazione dello stop imposto all’attività sia grazie allo spirito di sacrificio di chi collabora alla gestione della macchina della FIT e delle società operative da essa controllate.

 

Accanto all’austerità, il piano consiste però anche nella predisposizione di interventi di segno opposto che riteniamo possano essere utili a minimizzare le conseguenze negative a carico del movimento. Siamo certi che tutti gli Affiliati, i Tesserati e gli operatori che in questi anni hanno contribuito a fare della FIT un modello di efficienza ne apprezzeranno la portata.

Il Consiglio Federale, riunitosi in teleconferenza, ha deciso infatti di porsi quale obiettivo prioritario quello di riportare gli italiani sui campi da tennis non appena verrà loro consentito di tornare a farlo, così da riattivare nel minor tempo possibile il sistema nel suo complesso. Pur rendendosi conto che gli interventi non saranno risolutivi, e proponendosi di vararne di ulteriori in base all’evoluzione della crisi da coronavirus, la FIT è convinta che l’imponente sforzo espansivo appena deliberato favorirà – attraverso l’abbattimento di quote e tasse, e la fornitura gratuita di materiali e servizi – la ripresa dell’attività sportiva dei Circoli e nei Circoli, delle competizioni individuali, in particolare di quelle giovanili, dei campionati a squadre, insomma della possibilità di giocare e della voglia di apprendere e migliorare: in una parola, la partecipazione alla vita federale.

In totale, i provvedimenti deliberati a favore del movimento avranno un peso di circa 3 milioni di Euro sulle casse federali. Un peso reso sopportabile anche dall’utilizzazione del patrimonio che la FIT ha saputo accumulare nel corso degli ultimi anni.

Nelle prossime ore i nostri media elencheranno dettagliatamente tutte le decisioni deliberate oggi. Si tratta di un primo passo, nella speranza che gli indispensabili interventi governativi a sostegno dello Sport italiano possano aggiungervi i propri effetti nel segno della solidarietà nazionale. In questo senso, la FIT ha preparato un elenco di richieste da rivolgere al Governo attraverso il Ministero dello Sport, con il quale i contatti sono già in corso da giorni. L’elenco tiene conto di tutte le segnalazioni e i suggerimenti che ci stanno pervenendo da chi del Tennis, del Padel, del Beach Tennis e del Tennis in Carrozzina ha fatto una ragione di vita.

Nel ringraziare tutti per la solidarietà e lo spirito di collaborazione che il movimento sta dimostrando e, ne siamo certi, continuerà a dimostrare, la FIT garantisce che lotterà per ottenere tutto l’ottenibile, e magari anche di più, dalle autorità di Governo e dalle istituzioni sportive per consentire a tutti noi, nel rispetto delle disposizioni che essi daranno, di metterci al più presto alle spalle ogni pericolo e di risolvere la crisi nel migliore dei modi possibili e nell’interesse comune.

Prepariamoci ai cambiamenti che si stanno rivelando necessari, nel breve e nel lungo periodo. L’importante è non perdere la grinta e la capacità di lottare fino all’ultimo punto che debbono contraddistinguere ogni giocatore di Tennis. Questa partita la vinceremo assieme.

Forza Italia e Forza Tennis!
Angelo Binaghi
Presidente della FIT
Cagliari, 21 marzo 2020

Continua a leggere
Commenti

Flash

La FIT conferma: il sesto mandato da presidente per Binaghi è solo una formalità

Le elezioni si terranno il 12 settembre al Parco del Foro Italico. Tra i candidati a consigliere federale c’è anche Chiara Appendino

Pubblicato

il

Come avevamo anticipato la scorsa settimana, Angelo Binaghi è sicuro di restare alla presidenza della Federazione Italiana Tennis anche nel quadriennio 2021-2024. La conferma è arrivata direttamente dal sito ufficiale della Federtennis, che ha pubblicato la lista dei candidati per le cariche federali per i prossimi quattro anni. Alla voce ‘presidenza’ figura il nome dello stesso Binaghi, che andrebbe per il suo sesto mandato da presidente federale. Il ministro dello sport Spadafora ha fatto più volte capire di non volere questo sesto mandato: nel Testo unico per lo sport viene infatti fissato un limite di tre mandati alla presidenza delle federazioni, ma è molto difficile che le forze parlamentari non vadano a mettere mano al testo prima che diventi legge.

Avranno diritto di voto alle nuove elezioni 2741 circoli (131 club appartenenti alla fascia A avranno tre voti a disposizione, i 383 di fascia B due e i restanti di fascia C soltanto uno), ma non conosciamo le modalità di svolgimento delle votazioni. Le normative anti-Covid non permettono grandi assembramenti e sarà quindi abbastanza complessa la gestione di centinaia di rappresentanti dei circoli che andranno a votare. Al momento la FIT ha indicato come sede il Parco del Foro Italico a Roma, con probabile svolgimento all’aperto. Le elezioni si terranno il prossimo 12 settembre, una settimana prima degli Internazionali d’Italia.

Tra le candidature a consigliere federale figura anche il nome di Chiara Appendino, sindaco di Torino, città che dal 2021 al 2025 ospiterà le Nitto ATP Finals.

 

Ecco tutte le candidature:

PRESIDENTE FEDERALE
1) BINAGHI ANGELO

CONSIGLIERI FEDERALI IN RAPPRESENTANZA DEGLI ATLETI
(lettera sorteggiata D)
1) MILAN GIOVANNI
2) RICCI BITTI RAIMONDO
3) SORESINA GIULIA
4) TROPIANO FABRIZIO MARIA

CONSIGLIERE FEDERALE IN RAPPRESENTANZA DEI TECNICI
(lettera sorteggiata N)
1) RIGHETTO ROBERTA
2) RISI GRAZIANO
3) DI CATERINO VIRGINIA

CONSIGLIERI FEDERALI IN RAPPRESENTANZA DEGLI AFFILIATI
(lettera sorteggiata M)
1) MOGGIAN BARBAN SABINA
2) MONACO SEBASTIANO
3) PALPACELLI GABRIELE
4) PELLEGRINI ROBERTO
5) SANDRIN ROLAND
6) TURI GUIDO
7) ALVISI ISIDORO CARMINE
8) APPENDINO CHIARA
9) CALABRESE DONATO
10) FODDE LUISANNA
11) FRIGERIO PIERANGELO

PRESIDENTE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI
(lettera sorteggiata F)
1) LEDDA GIORGIO MARIO
2) VISIOLI RICCARDO

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 femminile: Prato vola in finale, derby toscano contro Lucca per lo scudetto

Dopo il 4-0 dell’andata sui campi del TC Parioli, Stefanini batte Arn nel primo singolare e regala al TC Prato la settima finale in otto anni

Pubblicato

il

TC Prato

Se Park Tennis Genova e TC Italia si contenderanno lo scudetto maschile 2020, a sfidarsi per il titolo femminile saranno invece TC Prato e CT Lucca. La finale della Serie A1 BMW femminile, che si giocherà a Todi mercoledì 12 agosto, sarà dunque un derby tutto toscano. La squadra lucchese aveva conquistato la qualificazione già domenica scorsa, grazie alla vittoria nel doppio di spareggio contro il TC Beinasco. Forte del 4-0 dell’andata, la trasferta del TC Prato sui campi del TC Parioli (giocata ieri, giovedì 6 agosto) si è rivelata invece una semplice formalità. Il successo di Lucrezia Stefanini nel primo singolare contro Greta Arn (6-4 6-0) ha infatti regalato alla squadra laniera il punto della sicurezza. Per il TC Prato (sei titoli nella sua storia) si tratta della settima finale raggiunta in otto anni.

“Lucrezia è stata brava ad entrare in campo concentrata e a giocare un primo set davvero eccellente contro la Arn che all’andata fece impressione soprattutto per la facilità di gioco – spiega il capitano del Tc Prato Gianluca Rossi -. Ora avremo un bel derby con il Ct Lucca. Di fronte le sorelle Pieri, Jessica e Tatiana, e Bianca Turati che ho visto molto cresciuta dopo il periodo in America. Noi saremo al completo con Martina Trevisan, Cristina Kucova e Lucrezia Stefanini. Si giocherà sulla terra quindi non cambierà niente rispetto alle altre edizioni dove invece si giocava sul veloce. Lo scorso anno con il Tc Genova riuscimmo a vincere al doppio di spareggio. Sarà una partita equilibrata anche perché le ragazze si conoscono tutte molto bene”.

Soddisfazione anche per il direttore sportivo del Tc Prato Fausto Fusi: “Se penso all’inizio del campionato quando ho telefonato a tutte le ragazze per allestire la squadra e adesso sapere che giocheremo un’altra finale è davvero qualcosa di eccezionale. Kucova non poteva venire per il problema coronavirus, non si sapeva se tutte le giocatrici potevano recuperare perché Martina Trevisan si era fatta male a Todi. Questo dimostra che il gruppo, capitanato dal tecnico Gianluca Rossi, è unito e anche avere a disposizione atlete giovani come Asia Serafini e Viola Turini è una grande chance per farle crescere e per avere sempre ricambi validi”.

Continua a leggere

Flash

Ladies Open Palermo, il programma di venerdì 7 agosto: tre azzurre in campo

Cocciaretto sfida Kontaveit nel secondo match di giornata, a seguire Errani-Ferro. Chiude il programma l’incontro tra Giorgi e Yastremska

Pubblicato

il

Sara Errani - Palermo 2020 (via Twitter, @LadiesOpenPA)

Giornata di quarti di finale nel torneo WTA di Palermo, con tre italiane a caccia delle semifinali. Si parte alle 16 con la testa di serie numero 1 Petra Martic impegnata contro la qualificata Aliaksandra Sasnovich, poi occhi puntati sulle nostre ragazze. La prima a scendere in campo sarà Elisabetta Cocciaretto, che sfiderà Anett Kontaveit (quarta favorita del seeding) in un match inedito. A seguire toccherà a Sara Errani, opposta a Fiona Ferro. La francese ha vinto l’unico precedente, giocato lo scorso anno a Rabat, per 1-6 6-3 6-4. Nell’ultimo incontro di giornata si sfideranno infine Camila Giorgi e la testa di serie numero 7 Dayana Yastremska. 1-1 i precedenti: vittoria dell’azzurra nel 2017 sulla terra di Strasburgo (6-7 6-2 7-5), rivincita dell’ucraina lo scorso anno sull’erba di Wimbledon con un doppio 6-3. Gli incontri saranno trasmessi su Supertennis a partire dalle 16 e su Rai Sport dalle 20.

IL PROGRAMMA DI OGGI

[1] P. Martic vs [Q] A. Sasnovich
[4] A. Kontaveit vs [WC] E. Cocciaretto
F. Ferro vs [WC] S. Errani
[7] D. Yastremska vs C. Giorgi

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement