Tennis in circolo: TC San Giorgio del Sannio, una piccola eccellenza

Circoli in vista

Tennis in circolo: TC San Giorgio del Sannio, una piccola eccellenza

Un circolo campano che ha solo quattro campi gioca abitualmente la serie B e ha sfiorato la serie A. Grazie alla ‘guida’ di Daniele Pepe, che una volta ha giocato con Tsitsipas…

Pubblicato

il

Questo reportage con chiacchierata è precedente alle disposizioni ministeriali riguardo l’attività sportiva all’aperto causa COVID19

L’hinterland campano dista da Napoli molto più di quanto i chilometri possano riportare. Quello appenninico sembra per essere un’altra Regione. Napoli è talmente piena di sé da non accorgersi del mondo che si accorge di lei, da riuscire a tenere una identità inscalfibile comunque propria. Questo è il diario di viaggio della ricerca di Circoli Tennis distanti dall’area metropolitana partenopea, direzione San Giorgio del Sannio, piccolo centro in provincia di Benevento ma dal sapore avellinese.

Prima di arrivare a San Giorgio, l’A16 passa per Avellino, città tennisticamente importante per chiunque non ama il tennis sul rosso. Si può approfittare di campi in sintetico o in erba sintetica indoor per sfogare il proprio istinto e divertimento nel giocare in verticale e a rete, sfoggiando tutto quel repertorio oramai estinto che fa tanto ‘anni che furono’. Si lavora sulla qualità alla Tennis Academy, dove il Maestro Picardi non lascia che i giovani agonisti giochino solo due colpi, ma di certo pari onori meritano anche il Maestro Nazzaro del Country e il Maestro Vecchiarelli dello Sporting Team e il suo ottimo lavoro sui giovanissimi.

 

Il TC San Giorgio del Sannio è un circolo relativamente giovane, fondato nel 1979 dal Prof. Tonino Santucci, coadiuvato da altri appassionati. Da piccola realtà di provincia, sotto la guida di Michele Pepe, divenuto presidente nel 2008, piano piano si è posto all’attenzione sia regionale che nazionale, arrivando a sfiorare per due anni la Serie A. Una delle figure portanti del circolo è Daniele Pepe, ottimo seconda categoria, giocatore, maestro, allenatore, sparring e quando serve anche segretario e quant’altro. È con lui che facciamo due chiacchiere.

Daniele, come si coniugano tutte queste cose?
Riesco a coniugare molto bene le cose, prevalentemente mi alleno per poi giocare tornei open e il campionato a squadre di serie B. In più, quando ho la possibilità, do una mano al tecnico nazionale Antonio Pepe con i ragazzi dell’agonistica.

Il circolo di San Giorgio del Sannio vanta numerosi giovani atleti di rilievo a livello regionale e anche nazionale: che tipo di sacrifici necessita un circolo con strutture e mezzi limitati, con un bacino di utenza non paragonabile a quello dei grossi centri, per ottenere risultati simili?
Nonostante San Giorgio sia una piccola realtà di 10.000 abitanti e un circolo con quattro campi siamo riusciti ad ottenere ottimi risultati. Io sono stato nel ranking ATP di singolo e di doppio, ho giocato le pre-qualificazioni al Foro Italico e giochiamo il campionato nazionale di serie B con la squadra formata quasi interamente da elementi del vivaio. Oltre a me ci sono mio cugino Antonio, mio fratello Roberto, i ragazzini del vivaio e un paio di stranieri che ci aiutano nei match più importanti. Lo scorso anno abbiamo sfiorato la serie A, quest’anno ci riproveremo. L’attività agonistica è formata da ventina di atleti seconda e terza categoria che ci raggiungono anche da città molto distanti come Campobasso e Salerno, questo per noi è motivo di orgoglio. Tutto ciò è stato possibile grazie all’impegno di Michele Pepe che da tanti anni investe sui giovani del circolo mettendoli sempre in primo piano per garantirgli il meglio che il circolo può offrire e dal tecnico nazionale Antonio Pepe che giorno dopo giorno, con professionalità e dedizione, segue i ragazzi nel loro percorso di crescita. Cerchiamo di farli giocare spesso con noi e fin da piccoli i più bravi vengono inseriti in serie B per fare le prime esperienze importanti.

Tu hai giocato in Serie B con Tsitsipas a Galatina quando lui era poco più che un ragazzino, che ricordi hai?
Sì ho giocato il campionato nazionale di serie B a Galatina in squadra con Stefanos Tsitsipas. A Galatina siamo entrati a far parte di una grande famiglia. Lui fin da piccolo era molto forte, era sempre seguito dal coach/padre Apostolos. Nonostante l’età era chiaro che avesse un talento incredibile e una mentalità da campione, più era dura la sfida più era contento e scalpitante di giocare. Mi ricordo il primo match contro Sonego: Lorenzo perse 7-6 al terzo dopo una battaglia di tre ore. Fuori dal campo era un ragazzo come tutti gli altri, molto social e spesso troppo preso dai giochi sull’iPad tanto che in alcune circostanze veniva ripreso da Apostolos. Per me è stata una grande occasione aver avuto la possibilità di giocare con lui ed è una cosa che mi porterò sempre dentro.

Daniele Pepe e con Stefanos Tsitsipas

Un grazie a Daniele e al borsone che dalla sua macchina è finito nella nostra: dal Tc San Giorgio del Sannio, come direbbero in TV, è tutto.

Continua a leggere
Commenti

Circoli in vista

Serie A1: Park Tennis Genova e TC Italia si contenderanno lo scudetto maschile

Compito agevole per Musetti e compagni, che dominano il TC Crema e staccano il pass per Todi dove ci sarà la super-sfida con Sonego e Travaglia. Lucca in finale al femminile, in attesa di Prato

Pubblicato

il

Lorenzo Musetti - Campionati Italiani Assoluti di Todi (foto Marta Magni)

Servivano solo due punti al Park di Genova per assicurarsi un posto alle Final Four di Todi, e sono arrivati con i primi due singolari disputati: Giannessi e Musetti non hanno lasciato scampo a Sinicropi e Ruggeri e la contesa si è chiusa così, con il TC Crema che ha preferito non scendere in campo negli ultimi quattro incontri (due singolari e due doppi) fissando virtualmente il punteggio sul 6-0.

Siamo davvero contenti. Non è mai facile battere squadre di livello, soprattutto in un campionato così particolare che generalmente va in scena in autunno e inverno” ha dichiarato Musetti. “L’emergenza coronavirus, con tutti i problemi che ha generato, avrebbe potuto crearci disagi, ma la squadra è rimasta unita e anche grazie al supporto degli sponsor abbiamo ottenuto il risultato che volevamo. A questo punto siamo pronti a combattere per il titolo”. Musetti avrà il vantaggio di aver già giocato sulla terra umbra in occasione degli Assoluti, ma lo stesso vantaggio è attribuibile al numero uno della squadra che sfiderà il Park in finale: si tratta di Lorenzo Sonego, stella del TC Italia Forte dei Marmi.

La squadra toscana aveva un compito meno agevole, dopo il pari in casa del Selva Alta di Vigevano, ma alla fine si è imposta per 4-2 estromettendo così i campioni in carica. I quattro punti decisivi per il TC Italia sono arrivati grazie a Travaglia (6-3 6-2 a Marcora), Edoardo Graziani (6-1 7-6 a Simone Camposeo), Sonego (6-7 7-6 10-7 su Hoang) e al doppio Sonego/Travaglia.

 

SERIE A1 FEMMINILE – Programmazione diversa per il campionato femminile, che in questo week-end ha visto sciogliersi soltanto il nodo della prima finalista. Si tratta del CT Lucca che però ha rischiato grosso contro il Tennis Beinasco, campione d’Italia due anni fa. Dopo aver vinto 3-1 all’andata, le lucchesi si sono trovate sotto 2-0 e poi addirittura 3-1 dopo il primo doppio, ma la grande rimonta della squadra piemontese si è arenata sul doppio di spareggio vinto da Tatiana Pieri e Bianca Turati al super tie-break decisivo (1-6 6-4 10-6).

Per configurare una sfida scudetto tutta toscana, si attende ora che il TC Prato, nella semifinale di ritorno in programma giovedì a Roma, amministri il 4-0 maturato all’andata sul TC Parioli.

Le finali di Todi si disputeranno mercoledì 12 e giovedì 13 agosto e saranno precedute dalla conferenza di presentazione di martedì 4 agosto a Perugia, nel corso della quale verrà presentato anche il challenger che si disputerà sempre sui campi di Todi dal 15 al 23 agosto.

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1: TC Prato vuole la finale e punta il quinto successo. Park Tennis Genova favorito

Park Tennis Genova, nel maschile, e TC Prato nel femminile i favoriti dei tie di ritorno nelle semifinali di A1

Pubblicato

il

Lucrezia Stefanini

Week-end di tennis italiano anche fuor di Palermo, per le semifinali di ritorno del campionato di serie A1. Nel maschile, le semifinali vedono il Park Tennis Genova opposto al Tc Crema e il Tc Italia Forte dei Marmi contro il Selva Alta Vigevano. Verranno disputati inoltre i match validi per i play out al termine dei quali quattro squadre retrocederanno in A2.

Per la finale del 13 agosto a Todi, il grande favorito è il Park Tennis Genova di Musetti, Mager, Giannessi e Bolelli a cui, grazie alla vittoria di 5-1 nel match di andata contro il Tc Crema, saranno sufficienti due punti per assicurarsi l’ingresso definitivo al round finale. La sfida tra Vigevano (con Baldi, Marcora e il francese Hoang) e Forte dei Marmi (con Travaglia e Sonego) resta più aperta grazie al 3-3 dell’incontro di andata.

In campo femminile, tra domenica 2 agosto e giovedì 6 agosto, sapremo se il TC Prato e Tennis Lucca confermeranno i successi dei match di andata contro il TC Parioli e il Tennis Beinasco per dare vita a una finale tutta toscana. Il TC Prato, con Martina Trevisan (impegnata però a Palermo) e Lucrezia Stefanini, è grande favorito contro il TC Parioli, dominato 4-0 nell’incontro di andata e punta a raggiungere la finale per centrare il quinto successo negli ultimi sei anni.

 

Il Tennis Lucca di Tatiana Pieri e Bianca Turati si era imposto 3-1 sul Beinasco di Gatto-Monticone (superata al primo turno di qualificazioni a Palermo da Martina Trevisan, non sappiamo se sarà della partita) e dovrà difendere il vantaggio.

Continua a leggere

Circoli in vista

Serie A1 2020: Park Tennis Genova e TC Prato hanno (più di) un piede in finale

Musetti, Giannessi, Mager e Bolelli guidano il Park in trasferta. Tatiana Pieri, sorella di Jessica, è decisiva nel successo del TC Prato

Pubblicato

il

Simone Bolelli (Park Tennis Genova) - Serie A1 2020 _ ph. Felice Calabrò

La serie A1 di tennis, in formato iper-compresso, si avvia già verso la conclusione. Nel week-end appena trascorso si sono disputate le sfide di andata dei play-off e dei play-out; i primi decreteranno le quattro squadre – due maschili e due femminili – che si contenderanno lo scudetto nelle Final Four di Todi (12-13 agosto), i secondi chi rimarrà aggrappato alla massima serie e potrà disputarla anche nel 2021.

SERIE A1 MASCHILE – Sconfitti un po’ a sorpresa lo scorso anno dal Selva Alta Vigevano (che avrebbe poi vinto lo scudetto) in semifinale, il Park Tennis Genova quest’anno è un treno che non sembra voler fare fermate prima delle finali di Todi. Nell’andata della sfida con il TC Crema, in trasferta, il circolo genovese ha dominato con il punteggio di 5-1 lasciando ai padroni di casa soltanto l’ultimo doppio; Musetti, Mager e Bolelli hanno vinto facilmente in singolare mentre Giannessi è stato costretto al terzo set, vinto al super tie-break contro Riccardo Sinicropi. L’andamento di questa semifinale sembra ormai delineato e difficilmente in casa del Park si assisterà al ribaltone.

Lorenzo Musetti (Park Tennis Genova) – Serie A1 2020 _ ph. Felice Calabrò

Grande equilibrio invece nella semifinale tra i campioni in carica del Selva Alta e il TC Italia Forte dei Marmi: nell’andata di Vigevano è finita 3-3, con i padroni di casa che hanno acciuffato il pareggio grazie alla vittoria dell’ultimo doppio (la coppia Baldi/Hoang ha sconfitto Sonego/Travaglia 10-7 al terzo). Oltre al doppio, molto lottate anche le sfide tra Marcora e Travaglia (10-7 al terzo per Marcora) e tra Sonego e Hoang (10-6 al terzo per Sonego).

 

Nei play-out, netti successi di Parioli e TC Genova in trasferta contro Sinalunga e Maglie, ferme sul 3-3 Massa Lombarda-Angiulli e Palermo-Sassuolo.

SERIE A1 FEMMINILE – In campo femminile, c’è già una finale ‘virtuale’ dopo l’andata delle semifinali: le campionesse in carica del TC Prato hanno battuto 4-0 il TC Parioli e in trasferta dovranno solo difendere l’ampio vantaggio, mentre il TC Lucca si è imposto 3-1 in casa del Tennis Beinasco. Ci sono dunque buone probabilità che la finale di Todi possa essere un affare tutto toscano.

L’11-9 al terzo di Kristina Kucova su Greta Arn ha sciolto la tensione delle pratesi, che hanno poi dilagato Trevisan, Stefanini e con il doppio. Il successo di Lucca è invece targato Pieri-Turati al 100%: non si tratta però di Jessica, che ha perso invece il primo singolare, bensì della sorella Tatiana (classe 1999) che ha battuto Federica Rossi e poi assieme a Bianca Turati si è aggiudicata nettamente il doppio.

Nelle sfide di andata dei play-out femminili, successi del TC Genova (finaliste lo scorso anno, hanno vinto 3-1 a Lumezzane) e del Canottieri Casale (3-1 a Siena).

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement