La base del tennis protesta: lanciata la petizione 'tutti o nessuno'

Flash

La base del tennis protesta: lanciata la petizione ‘tutti o nessuno’

Sei tra maestri e istruttori chiedono alle autorità un criterio meno arbitrario per la ripresa degli allenamenti: permetterli a tutti, amatori compresi, o a nessuno. Protestano anche i circoli palermitani

Pubblicato

il

Meno di ventiquattr’ore dopo l’annuncio del Premier Conte, che ha preceduto la pubblicazione del decreto presidenziale del 26 aprile che prevede la ripartenza degli allenamenti soltanto per i tennisti ritenuti di ‘interesse nazionale’, la base del tennis fa sentire la sua voce. Lanciando una petizione su change.org, che si pone l’ambizioso obiettivo di finire sui banchi del Senato della Repubblica e si rivolge anche al ministro Spadafora e allo stesso premier Conte.

La petizione contesta il criterio del tutto arbitrario alla base della decisione, mancando ‘indicazioni oggettive numeriche degli atleti autorizzati a riprendere gli allenamenti, basate ad esempio sulle classifiche nazionali’. La soluzione sarebbe trattare tutti allo stesso modo: “Gli atleti selezionati riceveranno inevitabilmente un vantaggio competitivo sui diretti rivali penalizzati. L’unico modo per garantire giustizia in queste discipline è autorizzare tutti o nessuno. Vie entrambe percorribili, naturalmente a seguito di un’attenta analisi rischi, pro e contro”.

A supporto di questa tesi, arriva il concetto del tennis come sport privo di un contatto fisico ma soprattutto il risvolto più pratico che riguarda l’impossibilità per molti collaboratori di percepire dei guadagni in questo periodo.”Per tanta gente lo sport è una professione ed unica fonte di reddito. Moltissimi sportivi sono indignati per questo e la petizione nasce con l’intento di sensibilizzare le autorità al problema e chiedere nuove disposizioni che garantiscano pari diritti e uguaglianza tra gli atleti”.

 

Sulla stessa linea di condotta ci sono i circoli palermitani, che hanno trasmesso perplessità simili al presidente della Regione Sicilia.

LA LETTERA DEI CIRCOLI PALERMITANI – “Sorpresi ed amareggiati” per i provvedimenti adottati dal Premier Conte che “mortificano un intero movimento sportivo” distintosi “in Sicilia per avere sempre portato avanti con grande responsabilità e sacrificio, la propria attività”. Il giorno dopo l’ufficializzazione della “fase 2” dell’emergenza Coronavirus, il Coordinamento dei Circoli sportivi palermitani torna a scrivere al Presidente della Regione siciliana, Nello Musumeci, anche nell’interesse dell’intero movimento.

In una lettera accorata, ma allo stesso tempo dai toni decisi, Circolo Tennis Palermo, Club Canottier Roggero di Lauria, Country Time Club, Telimar e Tennis Club Palermo 2 definiscono “una beffa” le nuove misure che entreranno in vigore il prossimo 4 maggio.

È consentita l’attività sportiva individuale all’aria aperta nei parchi, ma non nei circoli – scrivono – proprio nei circoli dove è più facile controllare il rispetto delle regole e dove migliaia di atleti trovano un solido e serio supporto”. Nella lettera si mette in evidenza come nel tennis ci sia una distanza di 23,77 metri tra un giocatore e l’altro e che, in pieno mare tra un armo di canottaggio, una canoa, una barca a vela ed un’altra o tra un nuotatore ed un altro c’è tanta acqua. I cinque Circoli sportivi palermitani chiedono al Presidente Musumeci “di intervenire disponendo l’apertura dei Circoli e di tutte quegli sport individuali che, svolgendosi all’aria aperta, non possono procurare la diffusione del virus, ma che, invece, potranno essere utili a dare la carica” a tanti cittadini dopo il periodo di isolamento.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Aggiunte alla Hall of Fame più di 30 opere della collezione di Gianni Clerici

31 opere d’arte (dal XVII al XXI secolo) di ispirazione tennistica saranno visibili nel museo della International Tennis Hall of Fame

Pubblicato

il

Opera di Franz Hagenauer

Tennis e arte. Da sempre un binomio perfetto perfetto per esaltare lo stile degli interpreti del Gioco, il clima ovattato sugli spalti di tornei storici come Wimbledon e l’eleganza dei gesti tecnici. Un’accoppiata che da sempre affascina Gianni Clerici, che oltre a essere un fine conoscitore dello sport della racchetta (come tutti sappiamo), ha sempre nutrito un’enorme passione per l’arte. Ben 31 pezzi della sua collezione di opere d’arte “tennistiche” sono state acquisite dall’International Tennis Hall of Fame, nella quale è entrato a far parte grazie alla sua carriera illustre nel 2006.

Lo Scriba ha commentato: “Sono contento di vedere queste opere, che io amo tanto, entrare nella Hall of Fame del tennis. Mi sembra che sia la destinazione ideale affinché vengano apprezzate dagli appassionati di tennis negli anni a venire e siano curate e studiate all’interno di un museo del tennis così prestigioso”.

Manifesto di Federer (2007) di Bob Kessel

Alcune degli oltre 30 dipinti e sculture sono già stati esposti nel museo della Tennis Hall of Fame, altre verranno collocate in futuro, nello stesso museo o tramite altri enti culturali. Si tratta di opere che abbracciano quasi quattro secoli (dal XVII al XXI). Infatti si passa dal Giovane con Racchetta da Pallacorda (di Michele Dusubleo, 1602-1676) al più recente Manifesto di Federer, dell’artista americano Bob Kessel. Tra le sculture, un busto di profilo in bronzo di Bjorn Borg di Stéphane Monce e un’altra denominata Tennista, datata 1936 (di Ernest Thayaht).

 
Doppio femminile (1943) di Massimo Campigli

L’arte è un modo avvincente per condividere le storie e l’impatto della storia del tennis con i visitatori del museo e gli appassionati di tennis ha detto il direttore del museo Doug Stark. “Questi pezzi assieme agli altri della nostra collezione mostrano la grande capacità dello sport di raggiungere i fan di tutto il mondo, la profondità della sua storia che risale a centinaia di anni e l’energia e l’emozione che lo sport evoca. Questa acquisizione ci consente anche di ampliare la nostra comprensione e interpretazione dell’arte internazionale e del suo impatto sul tennis”.

Continua a leggere

Flash

WTA Roma: la beffa oltre alla pioggia, Barty costretta al ritiro avanti un set, Gauff in semifinale

Un non precisato problema al braccio destro costringe la N.1 al ritiro. L’obiettivo è preservare le sue chance a Parigi

Pubblicato

il

Si ritira a sorpresa Ashleigh Barty, in vantaggio 6-4 2-1 nei confronti di Cori Gauff che avanza così in semifinale. Un ritiro che ha colto di sorpresa la stessa diciassettenne della Florida, la cui reazione ha confermato la mancanza di indizi che suggerissero tale epilogo.

L’incontro inizia con quattro giochi lottati con anche un break per parte prima che le due ragazze inizino ad affidarsi con continuità ai propri turni di battuta – continuità che tuttavia non è garantita dalla pioggia, con due interruzioni nel corso del primo parziale. Barty sfoggia la classica fasciatura alla coscia (sinistra) e la manica di compressione al braccio destro resa popolare da Milos Raonic. Rientrate definitivamente sulla Grand Stand Arena mentre il Centrale, orfano di Djokovic e Tsitsipas, resta coperto dai teloni antipioggia, Ashleigh piazza la zampata in ribattuta al decimo gioco: bravissima Cori ad annullare con personalità quattro set point, ma nulla può sul passantone di dritto dell’australiana alla quinta opportunità. Al cambio campo in vantaggio 2-1, Barty scambia qualche battuta con la fisioterapista, si tocca la parte interna del gomito destro, si alza e va a stringere la mano a una Coco quasi disorientata.

“Sono dispiaciuta, ma devo ascoltare il mio corpo. Spero di tornare al massimo nelle prossime due settimane” sono state le parole di Ash dopo l’incontro. Definendo “brutali” le condizioni di gioco, ha confermato il problema al braccio e spiegato che andava peggiorando punto dopo punto; evidentemente, non ha voluto rischiare in vista del Roland Garros.

 

Dopo la terza giocatrice del mondo Simona Halep che ha confermato un “piccolo strappo” al polpaccio, gli Internazionali perdono così la numero 1. Per quanto riguarda Gauff, apparsa comunque in gran forma questa settimana, non le resta che attendere l’esito del match tra Elina Svitolina e Iga Swiatek.

Continua a leggere

Flash

Il tabellone dell’ATP di Ginevra: il ritorno di Federer. In campo anche 3 italiani

Tabellone insidioso per il campione svizzero, che debutterà contro Andujar o Thompson. Caruso, Fognini e Travaglia gli azzurri ai nastri di partenza

Pubblicato

il

Roger Federer - Roland Garros 2019 (foto via Twitter, @rolandgarros)

A due mesi di distanza dall’ultima apparizione nel Tour ATP, Roger Federer è di nuovo presente nel tabellone di un torneo ufficiale. Dopo aver riassaggiato quelle sensazioni che l’hanno accompagnato per oltre 20 anni a Doha, stavolta giocherà sul rosso, superficie su cui non gioca da due anni, ma ancora in un evento della categoria ‘250’. Tornerà nella sua Ginevra, città dove ha disputato un torneo Challenger nel lontano 1998, ad appena 17 anni. Stavolta sarà il veterano, 20 volte campione Slam e numero 1 del tabellone.

Il tabellone dell’ATP 250 di Ginevra

La sorte non ha assegnato un brutto esordio a Re Roger, che inizierà il suo torneo dal secondo turno (le prime quattro teste di serie beneficiano di un bye per il primo). Attende uno tra Jordan Thompson o Pablo Andujar. Poi nei quarti potrebbe esserci lo specialista Cristian Garin e in semifinale uno dei giocatori più forti in circolazione sulla terra rossa: Casper Ruud. Insomma, un avvio non troppo complicato, ma a partire dalla seconda partita servirà già una versione pimpante dello svizzero, cosa tutt’altro non scontata vista la prolungata assenza.

A Ginevra saranno in campo anche tre giocatori italiani. Uno di loro (sorteggiato nella parte alta del main draw) potrebbe essere l’avversario di Ruud nel secondo turno, Salvatore Caruso. ‘Sabbo’ dovrà prima battere Tennys Sandgren al primo turno. Gli altri due sono stati collocati nella parte bassa. Stefano Travaglia esordirà contro un qualificato, poi la possibile sfida al numero 2 del seeding, Denis Shapovalov, reduce da una dura sconfitta al Foro Italico contro Rafa Nadal. Il terzo azzurro in tabellone è Fabio Fognini (testa di serie numero 6), atteso da Guido Pella al debutto.

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement