Pat Cash: “Djokovic è più forte di Federer e Nadal. Sulla Davis posso dire una parolaccia?"

Interviste

Pat Cash: “Djokovic è più forte di Federer e Nadal. Sulla Davis posso dire una parolaccia?”

Dalla celebre l’arrampicata sugli spalti di Wimbledon nel 1987 all’epopea Davis; dallo svedesino “che non sbagliò per 20 minuti” ai mostri di oggi. “Nadal doveva essere finito a 28 anni”. Sul No-Vax la pensa… alla Novak

Pubblicato

il

Pat Cash (Delray Beach, 2011 - Ph. Art Seitz)
 

Continua la serie di interviste che sto realizzando in questo periodo di stop del circuito, come sempre in compagnia dell’amico e giornalista Hall of Famer Steve Flink. Il protagonista di questa nuova video-chat è Pat Cash, il 55enne australiano che trionfò a Wimbledon nel 1987. Negli altri tornei dello Slam, vanta due finali perse consecutivamente all’Australian Open (’87 e ’88), una semifinale allo US Open e un quarto turno al Roland Garros. In carriera ha vinto 6 titoli in singolare, 11 in doppio e due Slam juniores (i Championships e lo US Open nel 1982, all’età di 17 anni). Ha raggiunto il best ranking di numero 4 del mondo nel maggio del 1988 e ha alzato per due volte l’insalatiera con il team australiano di Coppa Davis (’83 e ’86). Attualmente allena Brandon Nakashima, 18enne americano che occupa la posizione numero 220 del ranking mondiale.

LA VIDEO-INTERVISTA COMPLETA

LE PARTI SALIENTI DELL’INTERVISTA

Minuto 01 – Introduzione

04 – Pat Cash ricorda di essersi allenato all’Ambrosiano (“Un club magnifico”) durante il torneo dell’Avvenire con uno svedesino sconosciuto… Venti minuti e non ha mai sbagliato una palla! Mi sono spaventato, ho creduto di essere di un livello troppo basso. Si chiamava Mats Wilander”

06 – Pat ha battuto 16 volte un top ten, e quattro volte mentre era top-ten proprio Wilander. Steve Flink gli chiede perché si trovasse così bene contro Wilander e Cash accenna a vittorie ma anche a sconfitte, come la finale dell’Australian Open

11Ho capito che avrei perso l’Australian Open 1988 appena ho aperto la scatola di palle coreane. Erano sgonfie. Le palle più lente della mia vita. Wilander è stato avvantaggiato…”. Io scherzo: “Ora lo dico a Mats, vediamo se lui lo ammette”

12 – L’altra finale persa all’Australian Open, l’anno prima a Kooyong contro Edberg. “Sembrerà che io accampi scuse… ma avevo male alla spalla e se non fosse stata una finale mi sarei ritirato. Sono molto orgoglioso di come ho giocato quelle due finali. La sera ci siamo ritrovati insieme discoteca. Oggi non succede più che due finalisti si ritrovino in discoteca la sera della finale

15“È triste ritrovarmi a camminare nello stadio di Melbourne Park, guardare le foto di tutti i campioni delll’Australian Open e vedere che io non ci sono… Avrei dovuto esserci anch’io“

16“Hai avuto 1000 infortuni, pensi che sia dovuto al fatto che ai tuoi tempi i team medici non erano così preparati come oggi…”. La risposta di Cash tocca vari aspetti: biomeccanica, medici, scarpe, i giocatori di oggi. Non avrei mai pensato che Nadal sarebbe andato oltre i 28 anni…

22La semifinale dello US Open 1984 con il matchpoint contro Ivan Lendl, 54 game in quel famoso Super Saturday con 16 set giocati (5 Cash-Lendl, 3 Navratilova-Evert, 5 McEnroe-Connors). “Contro Lendl copiavo la tattica di McEnroe…”. Il racconto del matchpoint e di quell’incredibile lob vincente di Ivan

25 – John McEnroe il giorno dopo batté Lendl e disse a Cash: “Grazie per avermi ammorbidito Lendl ieri”

27 – L’”incidente” con il giornalista che nel post match con Lendl come prima domanda chiese a Cash a chi avesse mostrato il medio…

29Il racconto del torneo vinto a Wimbledon ’87 quando perse un solo set con Schapers e batté poi Forget, Wilander, Connors e Lendl senza perdere più un set

31Niente ti mette più pressione della Coppa Davis di una volta e io ne avevo già giocate e vinte”

34Ancora Wimbledon e la finale con Lendl. Solo Borg e Connors potevano vincere da fondocampo sull’erba. Lendl e Wilander non avevano la stessa mia predisposizione al serve&volley. La presa in giro dei suoi amici: “Hai avuto un bel tabellone…”. Cash: “Forse… ma ho comunque battuto il n.1, il n.3 e il n.7 di fila del mondo…!”

36“Avevo un buon psicologo… tante cose inaspettate possono capitare nel tennis. Come l’erba di quel giorno: il giorno prima era marrone, così il giorno della finale trasportarono erba da altri campi e la piantarono lì. Si scivolava da matti, mai giocato su un’erba così prima. Ero più agile di Ivan e forse mi ha favorito. Ma non potevo credere a che cosa avevano fatto al Centre Court quella notte. È stato uno choc all’inizio, non stavo in piedi… L’importanza di sapersi adattare a situazioni impreviste nel tennis è fondamentale”.

38La famosa prima arrampicata di Pat Cash sul Centre Court. “L’avevo pensato l’anno prima… e la sera prima. Volevo fare qualcosa di diverso e mi ero stupito che nessuno l’avesse mai fatto. Ho sentito una strana voce che mi diceva: ‘Appoggiati sulla mia spalla figliolo!’. Era un giovane prete che solo anni dopo ho scoperto non essere affatto un prete…”.

Pat Cash (Wimbledon 1987 – Ph. Art Seitz)

44L’importanza della Coppa Davis, i paragoni con ATP Cup e Laver Cup. La Davis: “Ho sempre rimproverato Agassi (che pure amo) e Sampras per aver rovinato la Coppa Davis. Per me i sogni erano gli Slam e la Davis anche di più. La Davis di ora? Posso dire qualche parolaccia? La Davis è stata la storia del tennis. I più grandi match della storia sono forse stati in Davis… La finale nella quale rimontai da 0-2 set contro Pernfors mi viene ricordata ancora più che la finale di Wimbledon”. Il gran lavoro di marketing fatto dall’ATP per affermare il ranking, il n.1 e all’opposto il pessimo lavoro fatto dall’ITF… “Oggi i ragazzi non sanno quasi che cosa era la Coppa Davis, chi l’ha vinta”. ATP Cup: “Attualmente ha un miglior formato. La Davis ha mostrato bei match nella città sbagliata… in Australia sarebbero stati 10.000″. Laver Cup: “È un’esibizione ma ha la settimana migliore, quella che la Davis Cup dovrebbe conquistare. Chissà se gliela daranno mai, forse quando Federer non giocherà più la Laver Cup…”

58 – Cash parla del Coronavirus: “Sono affascinato da quanto è successo, ho letto e studiato tutto e di più sul virus”. Pat sembra sposare le ragioni di Djokovic quando dice: “Non esiste vaccino e non c’è vaccino che funzioni, quindi non ci credo… per trovare un vero vaccino ci vorranno anni e il virus sarà cambiato. La mia ragazza ha avuto il virus, mio figlio anche, non in forma grave. Sono stati bene dopo qualche giorno, io sono stato in contatto con loro ma non ho avuto sintomi…”

1:05 – Parliamo di Djokovic, Federer e Nadal. “Sono dei mostri! Non sono persone normali, essere umani. Nessuno può fare quello che fanno loro. Per essere uomini di tal successo devi avere una mentalità diversa dalle persone normali… anche Andy Murray ce l’ha. Per essere i migliori si deve avere una forma di ossessione e loro ce l’hanno, al di là del fatto che sono atleti straordinari. Il migliore fra loro? Beh, Federer avrebbe potuto eccellere in ogni generazione, con ogni racchetta, negli anni 20, 30, 60. Rafa e Novak hanno creato qualcosa di nuovo, soprattutto Rafa… il modo in cui riesce a giocare sulla terra battuta è assolutamente fenomenale. Novak può giocare da fenomeno su tutte le superfici, Rafa non lo vedo capace di superare Roger sull’erba. Se devo scegliere chi mi piace più guardare dico Federer, poi Nadal… ma se devo dire chi è il miglior giocatore è Djokovic, è chiaro. È un mostro, gioca e può batterli anche sulle loro migliori superfici. Tanti dicono che Federer è il miglior giocatore di tutti i tempi ma… è il secondo della sua era! È difficile sostenere che uno possa essere il migliore di tutti i tempi se non lo è nella sua epoca”

1:10“Come varietà di colpi, Federer è il più grande shotmaker che io abbia mai visto!”. Sugli Slam: “Non sono tutto, Laver ha vinto 11 Slam ma nei 5 anni in cui non ha giocato quanti ne avrebbe vinti? 10? 15? E allora oggi diremmo che Laver è stato migliore di Federer?”. Ricordo allora che Rosewall, 8 Slam, ha “saltato” 11 anni perché “pro”, quindi 44 Slam!

1:12 – La tecnologia nel tennis. “Nadal ha portato il tennis ad un altro livello. Meno di lui Vilas, ma nella storia del tennis non ho mai visto nessuno sparare dritti mancini come Nadal. Top-spin pazzesco. E quella resistenza… al suo cospetto Federer sembra di vecchia scuola, ma regge benissimo il confronto. Djokovic al suo meglio è inarrestabile. Lo abbiamo visto all’Australian Open… Ora è forte anche a rete, non sarà il migliore dei quattro a rete, ma non ha punti deboli”

1:13Per chi pagherei il biglietto? Federer. Nadal come secondo, poi Djokovic terzo o quarto dietro Murray. Ma anche Wawrinka e poi… è Fognini il mio giocatore preferito! Colpisce la palla con una tale fluidità, così facile… e non sai mai quando diventerà pazzo! Amo vederlo giocare”

1:14Torno sull’argomento head to head per spendere una parola a favore di Federer, che si è spesso misurato con Nadal sulla terra rossa soccombendo mentre magari Rafa ha talvolta perso troppo presto sulle superfici veloci per affrontare Roger e quindi macchiare il suo record nei “diretti”. Pat condivide e accenna alla straordinaria regolarità di Roger negli Slam. Flink ricorda i 36 quarti di finale consecutivi e le 23 semifinali consecutive. Cash: “Questi, di tutti i record che Roger ha stabilito, sono per me forse i più impressionanti. Non si può insegnare a giocare come fa Federer, anche il modo in cui si muove è fenomenale. Rafa ha più potenza, ma Federer ha un fisico particolare… È come una macchina elettrica leggerissima che sfreccia e arriva ovunque, mentre Rafa è una Ferrari con un motore pazzesco”.

Roger Federer – Australian Open 2020 (via Twitter, @AustralianOpen)

1:17 – Chi suona meglio tra Pat cash, John McEnroe, Mats Wilander, Yannick Noah? “Noah è un professionista, noi no”. E Pat racconta… “Io e John siamo più o meno sullo stesso livello. Ma la vera rockstar del gruppo all’inizio era Vitas Gerulaitis. Mi manca tantissimo. Altri ricordi. Le sue esperienze con i Rolling Stones e altre star del rock. Abbiamo sempre fatto un un gran casino…”

1:19 – Cash coach? Pat racconta delle sue varie Tennis Academy sparse per il mondo: “Mi piace fare il coach, ho cambiato anche il modo di pensare il tennis, ho cambiato la mia tecnica: il mio servizio è il 20% più forte, il mio dritto è migliore oggi che nell’87 a detta dei miei colleghi…”

1:24 – Come è diverso fare da coach a una donna rispetto a un uomo. C’è molto più spazio per fare grandi risultati con una donna che con un uomo. Si è visto che da un anno all’altro possono venir fuori Osaka, Barty, Andreescu che vincono uno Slam dal nulla… ci sono più margini e opportunità. È più difficile dar loro le giuste motivazioni, ci vuole molta più psicologia. Cosa dire a una ragazza che è uscita da una sconfitta, e cosa dire a un uomo. Racconto l’intervista con una tennista che doveva ricevere tanti complimenti prima di sciogliersi. Cash ora allena Brandon Nakashima, 18enne n.220 del mondo. In Brandon Pat crede moltissimo

1:30I 109 tornei vinti da Connors e quelli di Federer e Laver. I tornei del WCT, le feste di Gerulaitis a Dallas


TUTTE LE VIDEO INTERVISTE DI UBALDO

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash3 ore fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria2 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza5 giorni fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Sorpresa Sonego, Sinner vince e convince, Musetti riprova a battere Djokovic”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement