Le mille bolle di tutti gli sport: tra poco ci sarà anche il tennis con lo US Open

Focus

Le mille bolle di tutti gli sport: tra poco ci sarà anche il tennis con lo US Open

“Bolla” è ormai la parola più in voga di questo periodo nel mondo sportivo. Ma di cosa si tratta concretamete? I dettagli delle norme sanitarie per lo US Open

Pubblicato

il

 
 

In questa situazione che si sta lentamente trasformando da emergenza distopica a nuova normalità, il tennis si appresta a mandare in scena uno dei suoi eventi più importanti in quella che fino a pochi mesi fa era uno degli epicentri della pandemia di COVID-19.

Un’impennata di casi in Spagna ha appena costretto ATP e WTA a cancellare uno dei loro tornei cardine, ovvero il Mutua Madrid Open, ma dall’altra parte dell’oceano, al Billie Jean King National Tennis Center di Flushing Meadows, i preparativi continuano febbrilmente per ospitare un inedito “double header” composto dal Western&Southern Open, solitamente ospitato al Lindner Family Center di Mason, Ohio, e il tradizionale US Open.

Sotto la guida del Dottor Brian Hainline, Chief Medical Officer della NCAA e membro del Board della USTA, è stato approntato un protocollo sanitario per limitare al massimo le possibilità di contagio tra i partecipanti al torneo e tutte le migliaia di persone che servono per far funzionare l’imponente macchina organizzativa dello Slam newyorkese.

 

Alla base del protocollo della USTA c’è il concetto di “bolla”, in inglese “bubble”, che racchiude l’idea di un ambiente più o meno sterile, isolato dal mondo circostante, nel quale gli abitanti sono frequentemente testati e seguono comportamenti per eliminare o fortemente limitare i contatti che potrebbero potenzialmente diffondere il contagio. Ciò vale sia per quel che riguarda le interazioni con individui al di fuori della bolla, sia per quanto concerne i contatti tra membri della bolla.

Si tratta di un concetto messo in pratica da diverse leghe professionistiche sportive, alcune delle quali sono riuscite a riprendere l’attività anche in aree geografiche particolarmente problematiche dal punto di vista del livello dei contagi. La NBA ha ricominciato la propria regular season nella “bolla” approntata all’ESPN Wide World of Sports Complex di Orlando in Florida, un gigantesco resort di 89 ettari che comprende alberghi, palestre, campi da golf, ristoranti, piscine e altre amenità, all’interno del quale i giocatori della lega rimarranno fino a che la loro squadra non avrà terminato il campionato. La MLS, Major League Soccer, è ospite della stessa bolla e gioca su due campi da calcio allestiti appositamente per le riprese televisive.

La “bolla” è ormai sulla bocca di tutti nel mondo sportivo, anche se l’utilizzo dello stesso termine generico può far pensare che la struttura sia simile in tutte le sue configurazioni, quando in realtà ognuna delle “bolle” intorno al mondo ha caratteristiche diverse ed è stata adattata alle necessità e alle caratteristiche del singolo sport.

LE DIVERSE BOLLE

La “bolla” più pura, più rigorosa, è quella che è stata costruita dalla UFC, la Ultimate Fighting Champions, l’organizzazione che gestisce il circuito di arti marziali miste, particolarmente popolare negli Stati Uniti. La UFC ha creato la cosiddetta “Fight Island”, un’isola nel Mare d’Arabia a circa 30 chilometri da Abu Dhabi, negli Emirati Arabi, dove si è ricreato un microcosmo autosufficiente per disputare le riunioni ogni weekend. Atleti, tecnici, personale della produzione, giornalisti e tutto il personale di servizio è stato rinchiuso in uno spazio predefinito, con procedure rigorosissime all’ingresso. A tutti i membri della bolla, con esclusione degli atleti, è stato richiesto un periodo di quarantena di 14 giorni all’interno degli alberghi di Yas Island (la stessa isola che ospita il Gran Premio di Formula 1 a novembre), con test negativo all’inizio e alla fine del periodo. Tutti gli atleti sono stati trasportati con voli dedicati dal luogo di raccolta a Las Vegas e hanno dovuto superare test prima del decollo, all’arrivo negli Emirati, 48 ore dopo l’arrivo e prima di tutti gli incontri. Ogni domenica mattina alle 6 ora locale (corrispondente alle 22 di sabato sera sulla costa Est degli USA, per favorire la trasmissione in diretta da parte della ESPN) viene disputata una riunione con vari incontri.

Le bolle messe in piedi in Nord America per le leghe professionistiche come la NBA, MLS ed NHL prevedono un livello di flessibilità superiore: buona parte del personale di servizio, ovvero pulizia, manutenzione ordinaria, cucina, non risiede nella bolla ma normalmente alloggia nella propria residenza quando non è in servizio. Per permettere questo tipo di organizzazione, però, sono stati costituiti diversi livelli di sicurezza all’interno della bolla, che sanciscono il tipo di interazione che i vari individui possono avere tra loro a seconda dei vari livelli. Chi non risiede nella bolla solitamente appartiene al livello più esterno (di solito chiamato “Tier 3” o “Tier 4”) , che anche se viene sottoposto allo stesso livello di test di tutti gli altri membri della bolla, non può avere contatti con i membri del livello più interno (“Tier 1”), quello dove stanno gli atleti e i membri della squadra.

ESPN’s Wide World of Sports (AP Photo/John Raoux)

La NHL ha costituito due bolle, entrambe in Canada, a Toronto ed Edmonton, che sono regolate da un manuale di 75 pagine estremamente dettagliato che prevede protocolli per qualunque fase della vita delle squadre, dalle partite agli allenamenti, comprei anche i viaggi in ascensore.

L’unica lega che non ha costruito una bolla è stata la MLB, il campionato professionistico di baseball, che ha mantenuto la propria struttura itinerante, pur producendo un manuale di oltre 100 pagine che regimenta tutti gli aspetti del gioco e della vita delle squadre (compreso anche dove si può sputare), ma non pone le pesanti restrizioni della bolla per quel che riguarda l’alloggio permanente dei giocatori. Questa scelta però, forzata dall’associazione giocatori che non ha accettato la soluzione della bolla, non sta dando buoni risultati, in quanto ci sono state parecchie partite (disputate comunque a porte chiuse) che sono state rimandate a causa della simultanea positività di vari giocatori di una stessa squadra.

Non è comunque detto che il modello itinerante sia necessariamente da scartare: la MLB ha deciso di giocare il proprio campionato senza co-locare le squadre nelle zone degli USA più colpite dalla pandemia. La Formula 1, invece, che ha iniziato il proprio campionato in luglio in Austria e sta programmando di portare a termine una stagione con 13-16 gran premi (anch’essi a porte chiuse), sta avendo un discreto successo, nonostante un caso positivo registrato da parte del pilota Sergio Perez di Point Racing prima del Gran Premio di Gran Bretagna a Silverstone pochi giorni fa.

Come nel caso delle altre bolle, ogni volta che viene rilevata una positività da parte di un individuo, questi viene isolato per 10-14 giorni (a seconda del protocollo) e viene aumentata la frequenza dei test per tutti i membri della sua microbolla più vicina. Nel protocollo della Formula 1, infatti, sono state predisposte sotto-bolle all’interno della bolla: una per team, una per pilota, e così via. Le interazioni tra bolle devono essere limitate e non ci possono essere interazioni con chi proviene da fuori la bolla durante il weekend di gara, mentre è possibile lasciare la bolla tra un Gran Premio e l’altro a patto di non fare contatto con persone al di fuori della propria bolla sociale (stretto gruppo familiare). Naturalmente al rientro della bolla vengono predisposti una serie di test ravvicinati con isolamento tra un test e l’altro.

LA BOLLA DEL TENNIS

E il tennis? Come si comporta? Il tennis si posiziona a metà tra lo scenario NBA e quello della Formula 1: a ogni torneo si crea una bolla simile a quella di Orlando, anche se l’alloggio dei giocatori non è co-locato rispetto alla sede di gioco, per cui è necessario avere un sistema di trasporti sicuro. Tuttavia il problema si pone quando si tratta di passare da una bolla all’altra, ovvero da un torneo all’altro. Anche perché in questo caso bisogna fare i conti con le restrizioni alla mobilità internazionale che non rappresentano un problema per le leghe professionistiche nazionali (dalla NBA alla Serie A alla Bundesliga).

Le organizzazioni che gestiscono il tennis pro stanno cercando di trovare un modo per consentire ai giocatori di poter viaggiare da un Paese all’altro evitando di dover osservare periodi di quarantena ogni volta che si attraversa un confine: per fare ciò è molto probabile che si faccia leva sul fatto che atleti provenienti da altre “bolle” nelle quali sono regolarmente testati ogni qualche giorno e vivano in un ambiente pensato per evitare contagi (con sotto-bolle e i vari “Tier”) già soddisfino i criteri per i quali la quarantena viene richiesta. Tuttavia, per soddisfare questi prerequisiti, è possibile che non sia permesso agli atleti di uscire dalla bolla di un torneo prima di entrare nella bolla di un altro, ovvero di “tornare a casa” una volta sconfitti in un torneo prima di spostarsi nella sede del prossimo evento.

Novak Djokovic – US Open 2018 (credit USTA/Garrett Ellwood)

Durante il torneo di Palermo, dove ai test d’ingresso una giocatrice è stata esclusa per essere risultata positiva al test ed è stata isolata in una struttura apposita, ci sono state parecchie critiche perché l’albergo ufficiale non è riservato alle giocatrici, ma ci sono anche altri ospiti che ovviamente non sono sottoposti a nessun controllo della bolla. In questo caso è necessario trattare gli “estranei” dell’albergo come appartenenti al livello più esterno della bolla ed evitare ogni contatto con loro. L’efficacia del concetto in questo caso dipende, come è il caso almeno in parte anche per le bolle NBA e NHL, dalla disciplina degli atleti e del loro entourage nei loro comportamenti al di fuori della propria stanza e della sede di gara.

Per quanto concerne lo US Open, sono state rese note alcune delle norme di sicurezza cui saranno sottoposti gli accreditati al torneo, e sembra che la USTA abbia deciso di fare sul serio. Come era già stato anticipato, si potrà alloggiare nei due hotel ufficiali (Long Island Marriott o Garden City) oppure si potrà affittare una casa privata. Ma per chi dovesse optare per la casa privata (disponibile ad un costo indicativo di 40.000 dollari per due settimane) sarà anche necessario pagare un costo supplementare per avere l’agenzia privata di sicurezza della USTA che sorveglia l’abitazione 24 ore al giorno (onde controllare gli spostamenti degli occupanti della casa), e si dovrà disporre di trasporto privato da e per il torneo.

Ogni giocatore avrà a disposizione al massimo tre ospiti nella propria abitazione (o nelle due stanze a disposizione negli alberghi ufficiali) con accesso all’impianto, ma solamente uno di questi ospiti potrà accompagnare il giocatore al campo da gioco, al campo d’allenamento, negli spogliatoi o al ristorante giocatori. Nessun’altra persona potrà visitare gli alloggi dei giocatori e ogni accreditato verrà testato almeno una volta ogni quattro giorni.

Nel caso in cui un giocatore dovesse risultare positivo a un test oppure lasciare la bolla senza autorizzazione, costui verrà automaticamente squalificato dal torneo e dovrà essere isolato per 10 giorni. La persona eventualmente nella stanza con il positivo verrà isolata in quarantena per 14 giorni. Di conseguenza, nel caso in cui il compagno di stanza di un giocatore dovesse risultare positivo, anche qui il giocatore in questione verrebbe squalificato dal torneo e messo in quarantena. Se un qualunque ospite del giocatore dovesse lasciare la bolla senza autorizzazione, questa persona dovrà lasciare la bolla entro 24 ore, le sarà ritirato l’accredito, non potrà essere accreditata allo US Open 2021 e il giocatore verrà multato.

I giocatori di doppio fungeranno da “alternate per i giocatori di singolare, dal momento che non ci sono le qualificazioni e non si può accedere a quella risorsa per riempire i posti lasciati vuoti in tabellone da eventuali giocatori risultati positivi prima dell’inizio del torneo.

Nell’ultimo documento fatto avere dalla USTA ai giocatori martedì scorso è stata garantita l’esenzione alla quarantena per tutti i partecipanti al torneo in arrivo a New York. Siccome questa quarantena è imposta non a livello federale ma a livello dello Stato di New York, essendosi il Governatore Cuomo impegnatosi personalmente per la disputa dello US Open, era abbastanza scontato che l’esenzione sarebbe arrivata. Al momento, tuttavia, non c’è ancora la sicurezza di un’esenzione simile per chi si recherà in Europa dopo lo US Open, ma il fatto che ci sia ancora abbastanza tempo per ottenere il semaforo verde dalle autorità del Vecchio Continente, e il relativo ottimismo che traspare dai giocatori che si stanno preparando a partire per gli Stati Uniti sembra far pensare che questo nulla osta dovrebbe arrivare.

Si tratta sicuramente di un mosaico molto complesso in cui ci sono parecchi elementi non ancora del tutto definiti e dove diverse cose possono creare problemi non indifferenti. Ma se c’è qualcuno che può far funzionare tutto questo probabilmente è proprio la USTA, che da mesi sta cercando di mettere in piedi un torneo che solo 6-8 settimane fa sembrava impossibile da disputare.

Continua a leggere
Commenti

Focus

Wimbledon, il ritorno al top di Halep: dall’onore mancato del primo martedì all’obiettivo del bis a Londra

Nei quarti di finale la tennista rumena affronterà Amanda Anisimova a cui ha concesso tre game a Bad Homburg due settimane fa

Pubblicato

il

Simona Halep - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)
Simona Halep - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)

Per Simona Halep le premesse per questo Wimbledon non erano delle migliori. Era reduce dal forfait di Bad Homburg, per quel problema al collo che l’ha costretta al ritiro prima della semifinale con Andreescu: “Mi dispiace, ma sfortunatamente stamattina mi sono svegliata con il collo bloccato. Non avrei potuto giocare al massimo“. Con queste parole la campionessa 2019 di Wimbledon si congedava dal torneo, accompagnata da una dose di scetticismo circa il suo stato di salute in vista dei Championships.

Poi il rientro, e la speranza di aprire il programma sul Centre Court nella seconda giornata del torneo, un onore che solitamente spetta alla vincitrice uscente, ovvero Ashleigh Barty, che nel frattempo si è ritirata. La possibilità per Halep di aprire la seconda giornata dell’edizione 2020 da campionessa in carica se l’era portata via il Covid, lo scorso anno è stato un infortunio al polpaccio, mentre quest’anno Iga Swiatek. Non erano pochi coloro che pensavano fosse giusto assegnare ad Halep l’onore di aprire il programma del primo martedì di Wimbledon.

 

Simona ha accettato la decisione degli organizzatori senza battere ciglio. Poi è scesa in campo e ha messo in fila: Muchová, Flipkens, Fręch e Badosa. Ma sono stati mesi duri per Halep ““È stato l’anno più difficile della mia vitaha detto del suo 2021. Il ritiro sembrava un porto sicuro per non essere travolta dalla tempesta. Poi il cambio di allenatore, l’arrivo del guru Mouratoglou che l’ha aiutata a credere in se stessa, a darle la possibilità di realizzare i suoi sogni: “Mi ha dato quella fiducia che possa ancora essere in cima, ma questo non significa che accadrà. Devo solo darmi la possibilità di dare il massimo e vedremo, sono rilassata in entrambi i casi, ma sono motivata a farlo“.

E poi la vita restituisce sempre, a Simona ha restituito il suo agognato centrale ieri contro Paula Badosa. Si è trattato di un assolo della rumena che alla spagnola n.4 del ranking ha concesso solo 3 game. Una prova di forza su un palcoscenico che aspettava da tre anni; quanta vita trascorsa da allora, quante cose le sono capitate. Ora secondo gli addetti è lei la favorita per il torneo, e anche per le maggiori agenzie di scommesse. Intanto c’è da giocare un quarto di finale contro Anisimova: sarà il quinto quarto di finale giocato a Wimbledon, terza tra le tenniste in attività dietro alle sorelle Williams, il sedicesimo a livello major. Il match sarà complicato, ma le due si sono affrontate poche settimane fa a Birmingham e la romena rifilò all’americana un 6-2 6-1. “Sarà un match complicato rispetto a quello – si schermisce Halep -. Mi concentro su me stessa, l’obiettivo è replicare il livello di gioco visto contro la Badosa. Sono pronta e carica“. Anisimova e le altre sono avvisate: Simona Halep sembra tornata al suo top della forma. E per le avversarie non è una bella notizia.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

Wimbledon: pochi avrebbero reagito come Jannik Sinner ai 2 match point mancati [VIDEO]

Sinner che non perde un game di servizio in 7 set fra Alcaraz, favorito a 3,15 dai bookmakers, e Isner, merita gli elogi di Djokovic che lo conosce bene: “Jannik ha tutti i colpi”. Ma Rafa Nadal oggi vuole conquistare il nono quarto di finale ai Championships e il… 23° Slam

Pubblicato

il

Spero proprio che Gianni Clerici abbia condiviso con noi da Lassù questa splendida giornata di festa per il tennis italiano. Sono quasi sicuro che lo ha fatto in questa serata che, in un torneo che sembrava compromesso quel martedì in cui si è scoperto che Matteo Berrettini aveva il Covid, non ci aspettavamo davvero di vivere. Come sarebbe stato contento di averlo visto dal vivo. Gianni, aveva seguito Jannik da sempre, amico e “consulente” come era da sempre di Riccardo Piatti, l’ex coach di Jannik.

Adesso, come tutti sanno, Jannik ha cambiato coach e team, ma certo Gianni avrebbe continuato a seguirlo e sostenerlo con l’abituale sostegno. 

Jannik Sinner era arrivato qui a Wimbledon senza aver mai vinto un solo match sull’erba. Ne ha vinti adesso 4 di fila nel torneo più importante di tutti, smentendo ogni pronostico – i bookmakers pagavano una sua vittoria contro Carlos Alcaraz, dal quale aveva perso due volte su due, 3,15 volte la posta – e lui che è stato spesso nell’occhio del ciclone per via di un servizio non irresistibile è riuscito a non perderlo mai in sette set, sì, neppure una volta, né con John Isner né con Carlos Alcaraz.

 

Contro lo spagnolo Jannik ha salvato 7 palle break, la prima nel secondo game del secondo set grazie a un missile super coraggioso di dritto sparato sulla riga, le altre sei tutte nel quarto sofferto set, nel quale tuttavia ha mostrato tutti gli attributi del miglior Thoeni nelle discese olimpiche, una solidità nervosa fuori dal comune perché non era davvero facile dimenticare di avere già avuto 2 matchpoint nel tiebreak del terzo set, un’ora e 7 minuti prima del sesto matchpoint finalmente trasformato.

CONFERENZA JANNIK SINNER

Non so quanti, all’esordio su quel Centre Court dove in mattinata erano sfilati tanti supercampioni di Wimbledon, avrebbero avuto la forza mentale  per dimenticare il piccolo grande trauma di due matchpoint non trasformati nel terzo set.

Sul primo aveva messo un rovescio in rete dopo uno scambio pesante, ma sul  secondo, 8-7 per Jannik dopo un servizio vincente e lo spagnolo alla battuta, il rimpianto poteva essere maggiore. Alcaraz ha battuto una seconda palla non irresistibile e lui che ne aveva intuito la traiettoria si era spostato per attaccare la risposta con un dritto potenzialmente vincente

Solo che lo ha messo malamente in rete. Dopo di che sull’8 pari Carlito si è inventato una demivolee incredibile diventata una sorta di dropshot stretto e incrociato assolutamente imprendibile. Cui ha fatto seguito un errore di rovescio di Jannik ed ecco tutto da rifare (come avrebbe detto Ginettaccio Bartali, ma anche il primo telecronista Rai degli anni sessanta, Giorgio Bellani).

Quanti sarebbero riusciti a non perdere la testa, a restare calmi? Alcaraz si era rifrancato, dopo i pessimi primi due set, Jannik che aveva perso nei primi 12 turni di servizio la miseria di 15 punti, non era più così incisivo. Tuttavia è stato bravo, bravissimo, a reggere l’urto dello spagnolo che naturalmente aveva cominciato a crederci.

Due palle break annullate nel primo game del quarto set, tre nel quinto da 0-40 quando ha servito alla grande, e poi un’altra ancora sul 5-3 quando serviva per il match. ma dopo aver mancato altri tre matchpoint sul 5-2 e servizio Alcaraz. Veniva allora di fare gli scongiuri se il tuo vicino ti diceva: “Vuoi vedere che ora che lui non ha mai perso il servizio lo perde proprio adesso?” E l’andamento del game lo faceva temere, 0-15,poi 15 pari ma anche 15-30, 30 pari e poi 30-40 quando con grande coraggio Jannik ha tirato un dritto a tutta randa. Poi un servizio vincente per conquistare l’insperato ma meritato quarto di finale.

Eccolo quindi raggiungere gli altri 5 azzurri che hanno raggiunto lo stesso suo risultato a Wimbledon, De Morpurgo nel 1922, Pietrangeli (1960), Panatta (1979), Sanguinetti (1998), Berrettini (2021).

Ma nessuno c’era riuscito così giovane. E in una giornata, oltretutto, cominciata sotto gli sguardi di tanti campioni del passato che si sono seduti, in gran parte, nel Royal Box e chissà che qualcuno di loro non lo abbia visto giocare dal vivo per la  prima volta.

Alla celebrazione del centenario del “centre court” hanno preso parte una venticinquina di campioni di Wimbledon che hanno fatto la storia dei Championships, Laver, Newcombe, Smith, Kodes, Borg, McEnroe, Borg, Cash, Edberg, Ivanisevic, Hewitt, Federer, Nadal, Murray, Djokovic e fra le donne Angela Mortimer (90 anni campionessa nel ’61), Billie Jean King, Chris Evert, Martinez, Venus Williams (non c’era Serena…), Bartoli, Hingis, Kvitova, Kerber, Halep, (non c’era Muguruza…), più Navratilova e Wade assenti per Covid. E’ stata Billie Jean King a menzionare il virus che ha colpito improvvisamente Martina che per l’appunto l’altra sera si era concessa dei selfie con i nostri collaboratori Antonio Ortu, deus ex machina del nostro Instagram, e Claudio Giuliani che invece è il nostro social media manager.  Credo che stiano entrambi toccando ferro.

Come ormai tutti sapete – abbiate o non abbiate visto i quattro video che ho fatto per questa home page, ma anche per quella inglese nonché per Instagram e TikTok (da qualche parte ho detto che Sinner aveva battuto Sinner invece di Isner !… Ma mi perdonerete se non ho rifatto il video alle una di notte, e non solo per mio egoismo, ma per “risparmiare” chi lo doveva montare!) –  Jannik dovrà giocare contro Djokovic nei quarti. 

Il campione serbo a caccia del ventunesimo Slam e del settimo Wimbledon ha vinto con l’olandese Tim Van Rijthoven la sua venticinquesima partita di fila sull’erba di Wimbledon, avendo vinto le ultime tre edizioni del torneo, 2018-2019, 2021 e 4 partite quest’anno. Ovvio che sarà favorito con Jannik, da lui battuto 6-4,6-2 nell’unico precedente a Montecarlo un anno fa.

Ma Novak ha risposto in maniera assai cortese e lunga a una mia domanda su Sinner, quando ero rimasto l’unico italiano ancora in sala stampa e quando chi conduceva la conferenza stampa avrebbe voluto interromperla per far parlare i colleghi serbi.

No, lasciate che mi faccia la sua domanda… – ha chiesto esplicitamente un comprensivo Novak sorridendo – anche se sei arrivato in ritardo…”

Stavo infatti registrando i video e sono arrivato di corsa a conferenza avviata.

Jannik ha molto talento, è già certamente un top-player, l’ho visto giocare su diverse superfici ed è maturato molto. Non sembra neppure soffrire la pressione nei grandi palcoscenici…cosa che può capitare ai più giovani. Ha fiducia nelle proprie possibilità, pensa di poter vincere contro chiunque, ed è importante. E’ già un tennista esperto pur essendo così giovane, ha già affrontato più di un top-player. L’ho visto giocare oggi, la sua performance è stata dominante nei primi due set. Poi è diventata una battaglia, più ravvicinata. Ma era sempre nel controllo del match. E’ molto solido, ha tutti i colpi; servizio, risposta, dritto, rovescio. Mette pressione sugli avversari di continuo. Vedo in lui un po’ del mio gioco. Da fondocampo rovesci piatti, subito dopo la riga di fondo…sarà un match complicato per entrambi. Lui gioca veloce, gli piace il ritmo. Ci siamo allenati insieme qualche volta. So che cosa aspettarmi. Ma sarò pronto per questa sfida…

Accennando a queste strisce e questi record formidabili, beh oggi Rafa Nadal cercherà di battere l’olandese Botic van de Zandschulp (mai che abbiano un cognome facile da pronunciare questi olandesi!) per conquistare il suo 47mo quarto di finale in uno Slam e l’ottavo qui a Wimbledon dove ha trionfato nel 2008 e nel 2010. Se vincerà sarà il terzo più anziano quartofinalista dell’era open, dopo Roger Federer e Ken Rosewall.

Nella giornata odierna scendono in campo ben tre australiani. Kyrgios contro Nakashima, Kubler contro Fritz, De Minaur contro Garin (il cileno che ancora ringrazia il COVID di Berrettini!). Vincessero tutti e tre sarebbe la prima volta che 3 Aussies ce la fanno dal 1971 e la prima volta che succede a in uno Slam dall’Australian Open del 1981.

Per i due americani, Fritz e Nakashima, beh nessuno di loro due ha mai centrato i quarti in uno Slam. Infine se Garin arrivasse nei quarti sarebbe il primo dai tempi (2009) di Fernando Gonzalez, Mano de Pedra.

Queste infine le teste di serie eliminate:

Primo turno

Uomini
7 Hurkacz (Davidovich Fokina)
6 Aliassime (Cressy)
16 Carreno Busta (Lajovic)
18 Dimitrov (Johnson)
24 Rune (Giron)
28 Evans (Kubler)

Donne
7 Collins (Bouzkova)
14 Bencic (Wang)
18 Teichmann (Tomljanovic)
21 Giorgi (Frech)
22 Trevisan (Cocciaretto)
23 Haddad Maia (Juvan)
27 Putintseva (Cornet)
30 Rogers (Martic)
31 Kanepi (Parry)



secondo turno

Uomini

3 Ruud (Humbert)
12 Schwartzman (Broady)
13 Shapovalov (Nakashima)
15 Opelka (van Rijthoven)
17 Bautista Agut (COVID)
26 Krajinovic (Kyrgios)
31 Baez (Goffin)
Donne 
2 Kontaveit (Niemeier)
6 Pliskova (Boulter)
9 Muguruza (Minnen)
26 Cirstea (Maria)
29 Kalinina (Tsurenko)

Terzo turno

Uomini
4 Tsitsipas (Kyrgios)
22 Basilashvili (Van Rijthoven)
29 Brooksby (Garin)

Donne
1 Swiatek (Cornet)

5 Sakkari (Maria)
8 Pegula (Martic)
11 Gauff (Anisimova 20)

15 Kerber (Mertens 24)
28 Riske (Bouzkova)
33 Zhang (Garcia)Ottavi
Uomini
5 Alcaraz (Sinner 10)
23 Tiafoe (Goffin)
Donne
12 Ostapenko (Maria)

Continua a leggere

ATP

Wimbledon, Goffin vince una maratona di 4h30′ contro Tiafoe e va ai quarti: troverà Norrie, la speranza Brit

Il belga torna nei quarti a Wimbledon dopo averli raggiunti anche nel 2019. Sfiderà Cameron, il primo suddito della Regina nei quarti da Murray 2017

Pubblicato

il

Cameron Norrie - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)
Cameron Norrie - Wimbledon 2022 (Twitter - @Wimbledon)

D. Goffin b. [23] F. Tiafoe 7-6 5-7 5-7 6-4 7-5

David Goffin eguaglia il suo miglior risultato a Wimbledon (e negli Slam). Il belga ha superato al quinto set (7-6 5-7 5-7 6-4 7-5) dopo una maratona di oltre 4 ore e mezza Frances Tiafoe ed è così tra gli ultimi 8 giocatori in gara ai Championships 2022: aveva raggiunto questo traguardo a Londra anche nel 2019 e altre due volte (una a Parigi e una a Melbourne). È stato un match a tratti entusiasmante, con continui colpi di scena. David è stato nel complesso più continuo e spesso anche più propositivo rispetto all’avversario che ha comunque mostrato un livello di attenzione costante, a dimostrazione della maturità ormai raggiunta dall’americano. Goffin si conferma però un raffinato interprete dell’erba. Contro Norrie avrà una grande occasione per conquistare la prima semifinale Slam della carriera.

IL MATCH – Dopo il break in apertura di Goffin, nel quarto game gli standard di gioco si alzano decisamente: Goffin cerca spesso la rete, Tiafoe fa il tergicristallo anche da molto lontano rispetto alla linea di fondo campo ma riesce a trovare un paio di guizzi che gli permettono di effettuare il contro break alla seconda opportunità. Dopo aver chiuso il punto che vale il 2-2 con una volée colpita in risposta a un passante di ovescio quasi a botta sicura di Goffin, l’americano dà un primo assaggio delle sue doti di showman avvicinandosi e stringendo le mani ad alcuni spettatori che si complimentano con lui. Nei giochi successi non mancano le occasioni di break da entrambe le parti, ma nessuno riesce a concretizzarle più per meriti dell’avversario che per demeriti propri. Dopo oltre un’ora di set molto equilibrato si arriva così al tie-break, da cui esce vincitore il più propositivo dei due: Goffin.

 

Tiafoe non ha però intenzione di arrendersi dopo solo un set. Sull’1-1 Goffin non sfrutta ben sei occasioni per tenere il servizio in un gioco in cui era avanti 40-0 e l’americano, più propenso a prendere in mano le redini dello scambio, brekka. Pochi minuti dopo ha anche diverse occasioni per operare il doppio break e andare in fuga. Il belga, però, non regala nulla e dopo essersi salvato ha la forza e il cinismo per riagganciare l’avversario sul 3-3. In ogni game è battaglia: Tiafoe dà l’impressione di avere il potenziale per accelerare ma sbaglia spesso sul più bello. Non, però, all’ennesima palla break del set sul 5-5: Frances entra bene in campo e chiude con una volée a campo aperto. È lo strappo decisivo per vincere un parziale che poteva finire con più di venti minuti di anticipo. Invece, dopo 2 ore e 15 inizia una partita al meglio dei tre set.

Il match rimane equilibrato anche nel terzo. L’unica novità è che i giochi scorrono molto più rapidamente (soprattutto quelli in cui batte il belga) e le palle break sono meno frequenti. Fino al 5-5 le uniche, nel sesto game, sono appannaggio di Goffin che però non sfrutta una percentuale bassissima di prime in campo dell’avversario. Nell’undicesimo gioco, però, Tiafoe cambia passo e trasforma la prima opportunità di break in suo favore del set. Sul 6-5 Frances si conferma solido e aggressivo e porta a casa il parziale.

Inaspettatamente Tiafoe ha bisogno di un medical time out nella pausa tra terzo e quarto, pur non mostrando particolari problemi fisici. In ogni caso, l’avvio del nuovo parziale è a tinte belghe: David vince 12 dei primi 15 punti e si porta rapidamente sul 3-0 in virtù di una ritrovata spinta che così mancava dal primo set (e di un calo d’attenzione dell’americano). Goffin va anche vicino a mettere un’ipoteca sul parziale quando ha l’occasione per portarsi sul 4-0, ma un dritto lungo linea che sarebbe stato vincente finisce per pochi centimetri in corridoio. La fuga del belga arriva pochi minuti dopo, ma sul 5-1, quando anche Tiafoe era probabilmente già con la testa al quinto set, inizia il black-out di David. Frances non può credere ai suoi occhi e così ne approfitta per recuperare i due break di svantaggio e servire per agganciare l’avversario sul 5-5. Ma qui arriva un altro colpo di scena: Tiafoe sente il momento, commette due doppi falli, sbaglia una chiamata con il falco e non riesce a completare la rimonta. Goffin, senza essersi ripreso più di tanto dal passaggio a vuoto, riesce quindi a chiudere sul 6-4 e a portare la partita al quinto.

Nonostante le quattro ore di match nelle gambe, nel set decisivo il livello di gioco torna ad alzarsi dopo un quarto set piuttosto negativo per entrambi. Le occasioni di break, però, latitano: la stanchezza si fa comunque sentire e i giocatori, dopo essersi concentrati sui rispettivi turni di servizio, si lasciano un po’ andare in risposta. Il punto che porta l’americano sul 5-5, con un botta e risposta di colpi difensivi che diventano offensivi, è uno dei più belli del match. Frances si carica e capisce che deve cogliere l’attimo, ma Goffin tira fuori non uno ma tre jolly (ovvero altrettanti servizi vincenti) per annullare due palle break e salire sul 6-5. L’americano accusa il colpo, mentre il belga è un muro e sul match point ha il coraggio di attaccare. Quando il timer sul campo segna 4 ore e 37, David taglia il traguardo di questa divertente maratona.

[9] C. Norrie b. [30] T. Paul 6-4 7-5 6-4

La prima volta in un quarto Slam non potrebbe essere più dolce per Cameron Norrie: l’inglese centra questo traguardo proprio a Wimbledon, dimostrando la sua solidità con una vittoria in tre set su Tommy Paul. In due ore e 21 minuti Cameron, che non aveva mai oltrepassato il terzo turno in uno Slam prima di questo torneo, è il primo britannico a finire nei Last 8 da Andy Murray nel 2017 ed il quinto suddito della Regina ad avercela mai fatta. Per farcela, nella sua quinta apparizione all’All England Club, ha superato Munar in una battaglia di cinque set, ma poi non ha concesso nulla a Pablo Andujar e a Steve Johnson così come a Paul. Tommy abbandona così quello che è stato per lui un ottimo torneo: agli USA, vista anche l’eliminazione di Frances Tiafoe, restano le carte Brandon Nakashima e Taylor Fritz. Norrie, invece, ha l’occasione della vita: David Goffin è un avversario decisamente ostico, ma in quarti di finale a Wimbledon si può trovare di peggio.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement