La rinascita di Trevisan: "Sto stupendo anche me stessa". Il suo coach: "Martina è sempre stata una leonessa"

Focus

La rinascita di Trevisan: “Sto stupendo anche me stessa”. Il suo coach: “Martina è sempre stata una leonessa”

Martina Trevisan ha raggiunto i quarti di finale del Roland Garros, contro ogni pronostico. Nel 2014 tornava a giocare dopo cinque anni di stop a causa di un problema di anoressia. “Il messaggio è non mollare mai”

Pubblicato

il

So di aver fatto una gran cosa arrivando qui, oggi. Il messaggio è focalizzarsi sui propri sogni e non mollare mai“. In questa risposta di Martina Trevisan è racchiusa tutta la sua storia. Una carriera giovanile promettente, fino ai 16 anni – n.57 in singolare, due volte semifinalista Slam in doppio – poi la decisione di accantonare il sogno di diventare una tennista professionista, per quattro anni, perché c’erano altri problemi personali da risolvere; Martina ha infatti dovuto combattere con l’anoressia, di cui oggi parla apertamente come di un fantasma che ormai appartiene al passato. Il suo periodo lontano dal tennis è durato dal gennaio 2010 al marzo 2014, poi ha deciso di riprovarci – ripartendo da un torneo ITF a Caserta. Sei anni e mezzo dopo il primo quindici della sua ‘seconda carriera’, Martina Trevisan è ai quarti di finale del Roland Garros.

Sto stupendo un po’ anche me stessa“, ha detto in conferenza stampa dopo la vittoria contro Bertens. “A questi livelli non ci ero mai arrivata; ho ricominciato con calma, passo dopo passo, ero molto sul chi va là – puntavo solo a sentirmi bene in campo. Partita dopo partita ho capito che potevo ancora dire la mia. Il mio team ha sempre creduto in me, mi hanno sempre ripetuto che potevo stare a questo livello, anche quando ero un po’ titubante. Anche grazie al loro aiuto sto realizzando dove mi trovo adesso“. La figura principale del suo team è l’allenatore Matteo Catarsi, che abbiamo intervistato. “Il prossimo passo è rimanere coi piedi per terra e continuare a migliorarsi. L’idea era quella di giocare qualche ITF, vista la classifica che aveva Martina quando siamo arrivati in Francia, ma ora probabilmente ci dedicheremo alla preparazione per la prossima stagione“. Perché insomma, raggiungere i quarti in uno Slam fa una bella differenza.

I maggiori progressi sono stati sotto il profilo fisico, dove è migliorata molto, ma può ancora migliorare” continua Matteo Catarsi. “Dal punto di vista tecnico può lavorare sulle percentuali al servizio e sugli attacchi in controtempo; oggi contro Bertens ha sbagliato alcune chiusure, ma le giocate in verticale Martina le vede molto bene, cosa non comune nel tennis femminile. Quindi lavoriamo molto su smorzate, volée, schiaffi al volo“. Il segreto di Martina, però, è nella testa. “Sotto l’aspetto mentale, Martina è sempre stata una leonessa” dice il suo allenatore. “Essendo stata ferma quattro anni e mezzo, ovviamente ha faticato un po’ all’inizio a rimettere insieme le idee. Ha fatto un lavoro molto importante con il mental coach Lorenzo Beltrame (si sentono dagli USA con videochiamate; Beltrame lavora anche con Konta e altri sportivi, ndr) che la sta aiutando a ritrovare il suo tennis migliore“.

 
Martina Trevisan – Roland Garros 2020 (foto via Twitter @rolandgarros

Il rapporto con Lorenzo è nato due anni fa a Roma“, racconta Catarsi. “Sono stato io a spingere Martina a fare questa scelta difficile che richiede molto impegno fuori dal campo. È un percorso che sto seguendo anche io per aiutarla, ma mi ha sorpreso quanto sia difficile. La cosa che ho trovato più sorprendente è che Lorenzo le fa scrivere quotidianamente delle cose, su se stessa, su come si sente. È un lavoro molto duro e impegnativo. Stanotte, ad esempio, lo sentirò in videochiamata per parlare della partita di oggi“.

VERSO I QUARTI – L’avventura parigina, però, non è da ritenersi terminata, anche se un bel po’ di soldini – 283.500 euro – potrebbero indurre un fatale appagamento: “Viene prima aver raggiunto i quarti, ma sono importanti anche i soldi!” dice Martina a metà tra ironia e pragmatismo. La prossima avversaria sarà Iga Swiatek, che a sorpresa ha strapazzato la prima favorita Simona Halep. “Ho sempre seguito Swiatek, ci ho giocato tre anni fa in un ITF (era il 25k di Varsavia nel 2017, ndr); lei era molto piccola ma già si vedeva che poteva diventare molto forte – infatti vinsi solo al terzo. Ci ho rigiocato sull’erba lo scorso anno, perdendo in due set, ma non si può fare un paragone perché è una superficie totalmente diversa. So che serve molto bene, è molto ‘carica’, ti fa sentire sempre la pressione e gioca bene anche da fondo“.

Martina, decima qualificata a giocare i quarti qui a Parigi, potrà contare sulle sue armi. “Il dritto mancino, il servizio slice, il back – li uso per cercare di rompere gli schemi delle giocatrici. Continuerò a lavorare su queste cose“. Come si dice in questi casi: Martina, tu tirala sempre dall’altra parte. Può essere che non ritorni.

Ha collaborato Lorenzo Colle

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Colonia 2: Sinner risolve il rebus Simon, è in semifinale

L’azzurro vince il primo set poi subisce un parziale di 8 giochi consecutivi, poi la vince da campione alla stretta finale.

Pubblicato

il

Dopo le vittorie senza correre alcun rischio dei primi due turni, ne arriva una sofferta per Jannik Sinner, che supera in oltre due ore e mezza un Gilles Simon tornato per lunghi tratti ad alti livelli, proponendo il suo tennis fatto di difese e contrattacchi attenti e intelligenti. A un primo parziale che presagiva un’altra giornata in discesa per Sinner, Simon ha reagito come poche volte ha saputo fare quest’anno, disinnescando Jannik e imprigionandolo in scambi lunghi e uscendo per troppe volte vincitore dei giochi arrivati ai vantaggi. Proprio quest’ultimo aspetto avrebbe potuto dare il colpo di grazia all’azzurro n. 46 ATP che ha invece saputo reagire nel finale e prendersi un risultato che lo fa virtualmente avanzare di altre tre posizioni in classifica. Non si può non attribuire importanza ai successi netti ma per nulla che scontati contro Duckworth ed Herbert, che hanno tentato, spesso con esiti positivi, di farlo uscire dalla sua zona di comfort (lo scambio ad alta intensità da fondo campo), ma l’incontro di questo venerdì fornisce ulteriori positive indicazioni sulla tenuta mentale e sulla voglia di restare in campo a lottare di Jannik anche quando non tutto gira alla perfezione e l’avversario ha trovato il modo di rendertela molto difficile facendoti anche provare il sapore amaro del bagel.

IL MATCH – Sinner parte al servizio (vinto il sorteggio, ha lasciato la scelta a Simon) e subito si inguaia per non aver chiuso uno smash, uno degli aspetti “migliorabili” del suo tennis; riceve una sanzione per violazione di tempo mentre indugia sul 15-40 e viene poi intrappolato in uno scambio in cui Simon mette la palla nei punti giusti con la sua manina delicata. Complice il servizio francese in termini di (poche) prime battute in campo, non solo arriva immediato il controbreak, ma è l’azzurro ad allungare. Pungolato dal rovescio lungolinea e dal dritto incrociato di Sinner, Gilou concede dalla parte destra, mentre la diagonale sinistra non gli è così favorevole come in altre occasioni. Sul 4-2, il diciannovenne di Sesto Pusteria tenta nuovamente di regalare il turno di servizio dopo uno smash sul quale la racchetta gli sfugge di mano e va a toccare la rete; questa volta è però bravo e attento a risalire dal 15-40 e a cancellare altre due opportunità di rientro, per poi fare finalmente suo il game chiudendo una bella mezza volata di rovescio, colpo spettacolare che esce in modo naturale anche a chi sta ancora imparando come gestire quella zona del campo. Senza ulteriori emozioni, Jannik incamera poi il parziale per 6-3.

Non è una stagione particolarmente fortunata per Simon, che con la vittoria agli ottavi su Shapovalov ha appena riportato in attivo il bilancio dei suoi 19 match ATP, ma si presenta all’avvio della seconda partita nella sua versione più solida, preferendo spesso le vie centrali e, appena l’altro gli dà l’opportunità di aprire il campo, la sfrutta e fa male soprattutto con il rovescio. Ingabbiato in troppi scambi lunghi da un avversario che ormai sbaglia pochissimo e direziona i colpi con la calma e la precisione di chi sta prendendo l’inesorabile controllo su una scacchiera, un Sinner in affanno non riesce a contenere l’emorragia dei giochi. Non lo aiuta quel 54% di prime in campo, alle quali Simon risponde peraltro con continuità, e il 6-0 giunge pressoché inevitabile.

Se il toilet break non pare aver sortito effetti terapeutici per Jannik, lo fa un nastro fortunato che risveglia il nostro e dà il la alla rincorsa in un game di apertura che stava scivolando con facilità verso le rive francesi. Sulla palla break, tuttavia, Simon si difende con efficacia fino all’errore azzurro, mette a referto il settimo gioco consecutivo e va a prendersi anche l’ottavo. Ci vuole una mano da parte dell’autore del libro “Ce sport que rend fou” e arriva sotto forma di doppio fallo, il primo del match, dopo il quale Sinner ricomincia a colpire con violenza e sicurezza fino ad agguantare il 2 pari. C’è rabbia per l’errore che consegna il quinto gioco al n. 8 ATP (si prende anche il warning) e ci sono tre errori che rischiano di compromettere il successivo turno di battuta, ma Jannik è tutt’altro che disposto a farsi da parte, alza la testa, continua a infierire sulle sfere di feltro giallo, mette a segno anche un paio di belle smorzate ed è lui a piazzare l’allungo. Simon resta in scia, giusto per mettere alla prova il servizio del teenager sul 5-4. Prova che il nostro non fallisce, nonostante il game si trascini ancora una volta oltre la parità (ha perso ai vantaggi sette giochi consecutivi tra il secondo set e l’inizio del terzo) e nonostante le tre palle break concesse (diventano 21 contro 5). Anzi, forse sono proprio le difficoltà e la tensione del punteggio dell’ultimo gioco ad aggiungere valore alla vittoria di Sinner che gli permette di raggiungere la sua seconda semifinale nel Tour, dopo quella di un anno fa ad Anversa in cui fu sconfitto da Wawrinka. Sabato, si prospetta allora una sfida con Alexander Zverev, sempre che il numero 1 del seeding non si faccia sorprendere da Adrian Mannarino, evento che richiederebbe l’indispensabile complicità del servizio tedesco (10 doppi falli al turno precedente contro Millman) e relative nefaste conseguenze sugli altri comparti del suo gioco.
Sinner intanto scavalca Nick Kyrgios nella classifica ATP al N.43, una manciata di punti dietro a un altro azzurro: Lorenzo Sonego.

Risultati:

[WC] J. Sinner b. G. Simon 6-3 0-6 6-4
A. Davidovich Fokina vs [2] D. Schwartzman
[1] A. Zverev vs [8] A. Mannarino
Y. Nishioka vs [5] F. Auger-Aliassime

Il tabellone completo

Continua a leggere

Focus

Guardando la classifica ATP: IU. ES. EI, dove sei (e pure l’Australia)? Il declino degli Stati Uniti

Il numero uno degli USA, John Isner, è fuori dalla top 20 e si trova nella fase discendente della carriera. Tra le nuov(issim)e leve sembra promettere solo Nakashima: non è un gran momento per il tennis maschile a stelle e strisce

Pubblicato

il

Un lettore genovese ci scrive: “leggendo il pezzo più recente sulla classifica ATP mi sono posto una domanda: ma il primo statunitense in classifica chi è? In che posizione si trova? Quando ho scoperto che è John Isner al numero 23 ho pensato: sic transit gloria mundi. Quando ero ragazzo io (all’epoca del Congresso di Vienna) gli Yankees dominavano in lungo e in largo insieme agli australiani, che mi sembrano a loro volta in disarmo. È solo una mia sensazione? Se non lo è, quali potrebbero essere le cause del declino? Potreste scrivere qualche cosa su questo argomento”.

Poiché ci sembra che l’argomento possa essere di interesse comune, abbiamo deciso di cogliere questo invito e provare almeno a dare una risposta alla prima parte della domanda partendo da alcuni dati statistici ricavati dalla:

  • classifica fondativa dell’attuale sistema;
  • prima classifica dei quattro decenni successivi agli anni ’70;
  • classifica più recente.  

Ecco il risultato:

 

Facciamo subito una prima osservazione. Il primo rapporto globale pubblicato dall’ITF nel 2019, alla cui elaborazione hanno contribuito 195 federazioni nazionali, dice che nel mondo ci sono circa 87 milioni di praticanti (2 in Italia); nelle zone di nostro interesse la distribuzione numerica è la seguente:

 USAEUROPAAUSTR.
N. praticanti (milioni)18272,3
di cui uomini8,2*161,4

* unica nazione al mondo in cui le praticanti superano i praticanti. 

Di seguito, le altre osservazioni:

Attualmente, in Europa, ogni 235.000 bipedi di sesso maschile c’è quindi statisticamente un tennista presente nella top 100; in Australia uno ogni 280.000; negli Stati Uniti uno ogni 911.000 (numeri sui quali crediamo sia opportuno riflettere, cari genitori e cari ragazzi, quando siete sul punto di decidere se provare a intraprendere o meno la strada del professionismo).

IL DECLINO USA

Nel 1973 gli Stati Uniti occupavano 23 delle prime cento posizioni e 6 delle prime venti; all’inizio del decennio successivo la sua superiorità sul resto del mondo era schiacciante. Negli ultimi trent’anni, però, tale superiorità è venuta progressivamente a mancare, prima sotto il profilo quantitativo e poi qualitativo: l’ultimo statunitense a occupare la prima posizione mondiale è stato Andy Roddick il 26/1/2004 e l’ultimo top ten John Isner il 27/01/2019.

Le nuove leve non lasciano presagire l’avvento di un imminente Rinascimento tennistico statunitense; tra i nove giocatori oggi presenti nella top 100 il più giovane è Frances Tiafoe che compirà 23 anni il prossimo gennaio e che occupa la posizione numero 63. Il teenager meglio posizionato in classifica è il diciannovenne Brandon Nakashima al numero 203 e il secondo è il suo coetaneo Jenson Brooksby al numero 299; il terzo gradino del podio è occupato da Govind Nanda, numero 709. Con questi presupposti sarà difficile per i nord-americani rendere più cospicuo il numero di vittorie in Coppa Davis fermo a 32 dal 2007.  

AUSTRALIA? NON VA TROPPO MEGLIO

L’Australia non si può ancora definire una nobile decaduta dal momento che in tempi non remoti vantava il miglior giocatore del mondo: LLeyton Hewitt il 12/05/2003; Hewitt è stato anche l’ultimo australiano a fare parte della Top 10 nel mese di luglio del 2006. Tuttavia possiamo considerare remoti i tempi in cui questa nazione contendeva agli Stati Uniti lo scettro di padrona del tennis mondiale. Per dare un’idea più compiuta di ciò che l’Australia rappresentò in passato per il tennis basti dire che tra il 1950 e il 1967 conquistò la coppa Davis per 15 volte (le restanti 3 gli USA); dal 1973 ad oggi gli allori sono stati complessivamente sei con l’ultimo colto nel 2003. Per il futuro più prossimo gli australiani possono contare sul ventunenne numero 29 del ranking Alex de Minaur e sulla voglia di giocare di Nick Kyrgios attualmente appisolato sulla poltrona numero 43; per quello più lontano, in piccola parte, su Alexei Popyrin, coetaneo di de Minaur ma più acerbo ad alti livelli e in gran parte sulla Divina Provvidenza dal momento che il teenager australiano meglio classificato è il diciannovenne Hijkata al numero 672.

I numeri ci dicono che l’Europa dal ’73 ad oggi ha camminato su sentieri opposti a quelli percorsi dall’Australia; all’inizio degli anni ’80 il tennis maschile del Vecchio Continente attraversava un periodo di forte crisi dal quale ha saputo brillantemente risollevarsi. Per quanto riguarda il nostro Paese, le ragioni sottostanti la ripresa sono già state esposte in un altro articolo; dal mese di febbraio del 2004 il Vecchio Continente occupa senza soluzione di continuità la prima posizione del ranking.

A livello di squadra dall’inizio del nuovo millennio le rappresentanti europee hanno alzato la Coppa Davis per 16 volte su 19 edizioni disputa. All’orizzonte non appaiono alternative credibili a questa dittatura sportiva; tra i giovani solo Shapovalov (peraltro extra-europeo solo per adozione) pare avere le potenzialità per potersi aspirare ai massimi allori. Allargando l’analisi ai giovanissimi – ovvero ai primi dieci tennisti in classifica tra coloro che non hanno ancora compiuto vent’anni – la musica non cambia dal momento che sei di loro sono europei, inclusi i tre più promettenti. Di questi, come è ormai noto, i primi due sono italiani.

Al successo del tennis europeo stanno da tempo dando un significativo contributo i Paesi appartenenti al blocco dell’ex Unione Sovietica; attualmente sono 19 i rappresentanti di queste nazioni presenti nella Top 100 e sono così distribuiti:

  • 5 Serbia
  • 3 Russia
  • 2 Ungheria
  • 2 Croazia
  • 1 Slovenia
  • 1 Polonia
  • 1 Moldavia
  • 1 Lituania
  • 1 Repubblica Ceca
  • 1 Bielorussia
  • 1 Bulgaria

Al termine di queste osservazioni crediamo di poter affermare che le sensazioni del lettore genovese siano state ampiamente confermate. Resta però irrisolta la seconda parte della domanda che ci ha posto, ovvero la più importante: se davvero USA e Australia sono in declino,quali ne sono le cause?  

Il Direttore e il suo sodale Steve Flink dall’alto della loro profonda conoscenza dei massimi sistemi tennistici potrebbero porla al centro  di uno dei loro futuri dialoghi e provare a dare una risposta.

Noi umili scribi della redazione – privi di tali conoscenze e consci del fatto che la visione che si trae dai numeri che abbiamo presentato è parziale dato il campione limitato preso in esame – speriamo che il nostro lavoro possa almeno offrire qualche interessante spunto di riflessione.

Continua a leggere

ATP

Sinner avanti a Colonia senza rischiare

Jannik fatica a leggere l’imprevedibile Herbert nel primo set, poi prende il largo alla distanza e raggiunge i quarti per la terza volta in stagione

Pubblicato

il

Dopo la facile vittoria nel primo turno del torneo di Colonia-bis ottenuta contro James Duckworth, è arrivato un altro successo piuttosto agevole per Jannik Sinner in Renania. Nonostante un avvio complicato il tennista da Sesto Pusteria ha finito per concedere appena quattro giochi al neo-papà Pierre-Hugues Herbert, un grande doppista che sottotetto sa essere insidioso alquanto. E in effetti, almeno per la prima parte del primo set, il tennista francese ha trovato il modo di incartare l’infinitamente superiore potenza dei colpi in possesso di Jannik. Stranamente prodigo di errori e in imbarazzo nei pressi della rete, Sinner ha servito maluccio e sprecato per due volte un break di vantaggio, complicandosi un po’ troppo la vita prima di piazzare l’accelerata che gli ha consegnato gli ultimi tre giochi insieme alla prima frazione.

Non ci avevo mai giocato – ha specificato Sinner nell’intervista a bordocampo -, e mi è servito qualche minuto per leggere il suo servizio, i suoi colpi. L’ho visto molte volte giocare, specie in doppio, ma non avevamo mai condiviso nemmeno un allenamento, e quando un avversario varia così tanto il gioco non è facile abituarcisi. Per fortuna non ci ho messo tantissimo a capirlo, e sono molto felice della mia partita“. Ci sono ancora particolari che mandano un po’ in crisi Sinner, almeno per il momento, e valutato il documento d’identità ci mancherebbe altro. I tagli, per esempio. Le costanti variazioni, in generale. A Roma, negli ottavi persi con Dimitrov, il match era girato quando il bulgaro ha compreso che il back di rovescio avrebbe mandato fuori giri il cannone dell’altoatesino. Si migliora con l’esperienza, in queste cose, con l’allenamento.

Pierre-Hugues sa cambiare faccia agli scambi, sa attirare l’avversario alla rete con palle corte e senza peso, soprattutto copre la rete come pochi: il doppio recupero imposto all’inizio del primo set è in gran parte merito di tali qualità, ma anche di un Sinner fermo al 50% di realizzazione al servizio e incapace, questo nell’intera partita, di concedere meno di due punti al rivale nei propri turni di battuta. Il tennista di Schiltigheim, tuttavia, può cambiare rotazioni e accorciare il campo, ma non alzare di molto i ritmi, e ha dovuto rendersi presto conto che sul palleggio ci sarebbe stato poco da fare.

 

Rimontato uno zerotrenta al servizio nel primo gioco del secondo set, limitati drasticamente gli errori e approfittato di un lungo momento di vistoso nervosismo francese, Sinner ha piazzato il definitivo parziale di cinque giochi a zero che ha chiuso la contesa, regalandosi il terzo quarto di finale in stagione dopo quelli raccolti a Rotterdam e al Roland Garros. Affronterà Gilles Simon, che ha festeggiato l’imminente uscita del suo libro battendo un po’ a sorpresa Denis Shapovalov, che in questa seconda parte di stagione stava ben figurando. Per stato di forma e attitudine alla superficie il pronostico sembra pendere a favore di Jannik, ma attenzione a Gillou: è in possesso di tutte le armi tecnico-tattiche per mettere in crisi il tennis di Sinner.

Risultati:

G. Simon b. [3] D. Shapovalov 6-1 4-6 6-2
[WC] J. Sinner b. [Q] P.H. Herbert 6-3 6-1
Y. Nishioka b. [7] J.L. Struff 2-6 6-3 7-6(3)
[2] D. Schwartzman b. [LL] O. Otte 6-3 6-2

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement