L'annus horribilis non finisce mai: è morto anche Paolo Rossi, il "Pablito" eroe del mundial 1982. Il ricordo del direttore

Editoriali del Direttore

L’annus horribilis non finisce mai: è morto anche Paolo Rossi, il “Pablito” eroe del mundial 1982. Il ricordo del direttore

Nel suo libro dedicato a 110 grandi personaggi dello sport italiano “Mezzo secolo di campioni, 1957-2011” Ubaldo Scanagatta aveva scritto (10 anni fa) questo articolo su Paolo Rossi, morto questa notte a soli 64 a seguito di un male incurabile

Pubblicato

il

Paolo Rossi (foto Facebook - Paolo Rossi)
 
 

In questo tragico momento voglio esprimere le mie più sentite accorate condoglianze a sua moglie Federica Cappelletti, collega stimatissima de La Nazione per tutto il periodo in cui si occupava in particolare della sezione “Salute” del “mio” giornale, e alle figlie di Pablito, Sofia Elena, Maria Vittoria e Alessandro.

Avevo scritto questo “pezzo” su lui, l’eroe dell’Italia campione del mondo che battè nel 1982 il Brasile di Zico, l’Argentina di Maradona, la Polonia di Boniek e la Germania di Rummenigge. Con Baggio e Vieri “Pablito” vanta il record dei gol azzurri nei Mundial, nove. Quell’anno “Pablito” vinse il Mundial, il Pallone d’oro e il titolo di capocannoniere.Sarebbe stata dura perfino soltanto diventare il più famoso degli 80.000 Rossi d’Italia, il cognome meno originale della Penisola. Lui non s’è accontentato. Ha fatto molto di più: a inizio anni Ottanta è diventato il più famoso di cinquanta milioni di italiani. Prima che di Rossi ne arrivasse un altro, Valentino, a prendere il suo posto.

Eppure iniziò tutto fra i fischi, le polemiche, i silenzi stampa di un Mundial nato sotto cupi presagi ma poi vinto trionfalmente dagli azzurri in Spagna nel 1982. Lui, Paolo Rossi, non un calciatore qualsiasi ma per tutti “el hombre del partido”, il capocannoniere con sei gol sul suolo iberico, divenne per il mondo intero Pablito, il piccolo grande uomo che il 5 luglio 1982 allo stadio Sarrià di Barcellona aveva fatto piangere il Brasile, segnando addirittura una storica, inedita e mai più ripetuta tripletta alla nazionale di Zico, Falcao, Eder, Junior, Socrates.

 

Quella era davvero la nazionale più forte che il Brasile abbia mai avuto – esagera forse Pablito, sottovalutando un tantino quella dei Didì-Vavà-Pelè nel ’58 in Svezia – ma dopo aver battuto l’Argentina eravamo convinti di vincere e che nessuno ci avrebbe fermati”.

E così fu. Gli azzurri, trascinati dal centravanti ritrovato e sbloccatosi proprio con il Brasile, dopo che mezz’Italia aveva invocato la sua sostituzione senza (fortunatamente!) persuadere il ct Enzo Bearzot dopo i tre deludenti pareggi del girone eliminatorio di Vigo con Polonia, Perù e Camerun, batterono prima 2-0 la Polonia in semifinale – con due suoi gol – quindi in finale la Germania Ovest 3-1, con un altro gol di Rossi, il primo della serata. Un guizzo di testa, in tuffo, all’inizio del secondo tempo, dopo che il “Bell’Antonio” Cabrini s’era mangiato un calcio di rigore sullo 0-0. Nessuno più del suo grande amico Cabrini, con il quale divideva la stanza, dovette rallegrarsi di quel gol-svolta che dette l’avvio alla cavalcata trionfale, ancor più del successivo gol di Tardelli che sarebbe diventato il più visto e rivisto della storia del calcio italiano, per via della folle corsa, gli occhi fuor dalle orbite, e dell’urlo disumano del mediano impazzito di gioia.

Una volta consumata l’euforia mundial bastava che qualunque italiano all’estero si facesse riconoscere come tale perché la gente, ovunque, ma proprio ovunque, reagisse sorridendo con un “Ah, you Italian? Paolo Rossi!”. Un modo cordiale di darti il benvenuto. A chi scrive accadde più d’una volta, persino in un villaggio sperduto delle Isole Fiji dove la tv, ritenuta diseducativa, era ancora proibita dalla ragion di Stato. Potenza del pallone. Quel ragazzo magro dal viso appuntito che correva con i pugni alzati dopo un gol, era l’immagine sbarazzina e vincente di un’Italia che non avremmo più rivisto fino al Mondiale tedesco del 2006, un’Italia passata alla storia più nel nome del suo allenatore, Marcello Lippi, che in quello di un suo giocatore davvero decisivo. Ai “tetracampioni” di Berlino è mancato infatti un campione capace di stagliarsi sugli altri, com’era riuscito invece a Pablito Rossi nell’82.

Paolo Rossi impersonava l’immagine lieve e leggiadra del danzatore così perfetto da assumere finanche movenze femminili, era la grazia, il garbo trionfante in un gioco non di rado inficiato da gesti rozzi e violenti” – scrisse di lui “Giuan” Brera che la prima volta lo vide a Marassi descrivendolo con una felicità che giustifica la lunga citazione: “Arriva sulla palla con salti lievi da gazzella, lancia il destro come una sfida, colpisce nitidamente a volo e indirizza nell’angolino sul secondo palo. Mi pare subito un efebo da incoronare a Olimpia. Non servono corone da olivastro: gli bastano i riccioli che Michelangiolo ha dato al suo David. Inventa calcio con intuizioni fulminee, balzi armoniosi, tocchi rapidi e arguti come i morsi di un aspide. È la sorpresa del gol ogni volta entusiasmante, lo stupore della grazia serena in fasi di concitato e spesso brutale agonismo, tutto questo è stato Paolo Rossi”.

Un vero talento, il ragazzino pratese tifoso della Fiorentina (“Il mio idolo era Kurt Hamrin, un’ala come me”) trasferitosi a 11 anni dal campetto dell’oratorio Santa Lucia al vivaio della Cattolica Virtus, alla periferia di Firenze, e lì “scovato” quattro anni dopo dal general manager della Juventus Italo Allodi, che lo acquistò per 20 milioni. Era una bella cifra, a quei tempi, per quella guizzante aletta destra con il fiuto del gol.

La Juve lo provò, anche in una tournee in Brasile, ma Paolino, classe 1956, non era ancora Pablito: era leggerino e le sue ginocchia tanto agili quanto fragili. Per ben tre volte si dovette operare al menisco. In prestito al Como nel ’75 giocò infatti soltanto sei partite in serie A. Nel’76, a vent’anni, sempre in prestito, Rossi finisce in B al Vicenza di Giussy Farina. Avrebbe dovuto far la riserva nei biancorossi, ma il centravanti titolare, Vitali, litiga con Farina e Paolino dall’ala viene riciclato come centravanti da una geniale intuizione di G.B. Fabbri, l’allenatore al quale, insieme con Bearzot, Paolino resterà perennemente grato.

Rossi segna 21 gol e il Real Vicenza – fu davvero ribattezzato così – vola in Serie A. In A lui fa ancor meglio: 24 gol, sfiorando il record di Meazza (25) per i campionati a 16 squadre, e il Vicenza conquista uno storico secondo posto.

Bearzot non può non chiamarlo in Nazionale per i Mondiali del ’78 in Argentina. In teroria è la riserva di “Ciccio” Graziani, ma nel primo match contro la Francia Bearzot lo schiera a sorpresa accanto a Bettega. L’Italia vince 2-1, il primo gol è di Rossi. Sempre confermato, segna altri due gol in 7 partite. In Argentina Paolino diventa Pablito. Ha sfondato. Juventus e Vicenza se lo disputano e alle buste, a sorpresa, è la società meno ricca a offrire quasi 2 miliardi in più per la sua metà. “M’ero innamorato di lui, che potevo farci?” giustificò la sua follia, il presidente Farina, che non ne fu ben ripagato perché quell’anno, nonostante 15 gol di Paolino, il Vicenza finì in serie B. E Rossi fu “prestato” al Perugia.

Un altro anno da dimenticare, il 1979-1980, dopo 13 reti in 20 giornate. Il 1° marzo 1980 Rossi, coinvolto nello scandalo del calcio-scommesse con altri giocatori del Perugia (lui si dichiarerà sempre innocente) viene squalificato per due anni.  Torna, ceduto per 3,5 miliardi alla Juventus che vince lo scudetto senza che lui, tre sole partite giocate perché c’era la squalifica da scontare, abbia gran merito.

Il merito lo ha invece Bearzot perché, memore degli exploit argentini, nell’anno del Mundial spagnolo, dà fiducia a un Rossi troppo spesso acciaccato e nel quale ormai credono in pochi. “La Nazionale è il mio grande amore – risponde lui – sono legato alla Nazionale e alla maglia azzurra perché quel colore è una cosa che unisce, mentre i club dividono”.

Quel che accade in Spagna è storia nota, così come la conquista del Pallone d’Oro 1982, dello scudetto 1983-1984 con gli assist di Michel “le Roi” Platini, della Coppa delle Coppe. L’amarezza arriva con la Coppa dei Campioni sfumata: “È il più grosso rimpianto, perdemmo con l’Amburgo per quel maledetto gol di Magath, eravamo convinti di vincere, perché obiettivamente eravamo più forti”.

Forti non erano invece le ginocchia di Pablito, proprio no. Furono loro a tagliargli… le gambe. Tre anni solo in bianconero, compreso quello della tragica serata all’Heysel, altre operazioni ai menischi (quattro in tutto), un anno al Milan (6 miliardi) ma solo 10 partite e 2 reti, un mondiale 1986 in Messico in cui non gioca mai,  un altro campionato al Verona, con la miseria di 4 gol in 20 partite. Nel dicembre 1987, a 31 anni, dice basta: “Ho avuto una carriera intensa, ma corta. Offerte ne sono arrivate, dal Modena in B, da Fenerbhace in Turchia, da Francia, Spagna, perfino da Emirati Arabi e potrei guadagnare altri soldi. Ma io cerco soddisfazioni, non denaro. Non voglio finire come un ferro vecchio. La gente ricorda nei dettagli più precisi i miei gol dell’82 e io voglio che mi ricordino per quelli, non per un malinconico declino”.

Nel 1989 è  in Brasile, un viaggio fra amici. “Ero a San Paolo, uscito dal ristorante verso mezzanotte ho visto che in una piazza stavano giocando alcuni ragazzi. Mi sono fermato ed ho chiesto a loro se potevo giocare. È stato come tornare bambino, come assaggiare di nuovo il sapore vero del calcio e dello sport. Ho giocato con loro una decina di minuti. Non credo che abbiano mai saputo chi fossi. L’avessero saputo forse non mi avrebbero mai fatto giocare”.

Pablito si è poi fermato nella città che l’aveva adottato calcisticamente, Vicenza, dove ha un’agenzia immobiliare con l’ex compagno Giancarlo Salvi. Nel 2002 ha scritto un’autobiografia dal titolo certamente indovinato “Ho fatto piangere il Brasile” e, dopo essersi separato dalla moglie , è diventato  in coppia con Gianluca Vialli il commentatore principe del calcio televisivo per Sky. L’”hombre del partido” dopo tanti gol fatti, 20 in 48 incontri della nazionale, 82 in 215 presenze di serie A, adesso commenta i gol dei suoi presunti eredi. Sapendo che tanto la fama di Pablito non gliela potrà usurpare mai nessuno. Fine.


I 110 campioni di 28 diversi sport raccontati nelle 256 pagine complessive (in due volumi) di Mezzo Secolo di Campioni, illustrati da oltre 600 foto, sono raccontati con questo criterio: due campioni per anno. Per ogni anno (salvo poche eccezioni) il campione e il suo rivale, raccontati ed illustrati in 4 pagine con fotografie storiche a colori selezionate fra migliaia ma riferite ai momenti dei più grandi trionfi di queste leggende che hanno conquistato il mondo dello sport e non solo l’Italia.

Chi fosse interessato ad acquistare i due volumi (ma del primo. 1957-1982 ne sono rimasti pochissimi, scriva a direttaubitennis@gmail.com con oggetto “Libro Mezzo Secolo di Campioni”).

1957 Coppi-Bartali, 1958 I fratelli Mangiarotti, 1959 Pietrangeli-Gardini, 1960 Berruti-Consolini, 1961 Monti-Nones, 1962 Ragno-Lonzi, 1963 Rivera-Mazzola, 1964 Menichelli-Pamich, 1965 Gimondi-Adorni, 1966 Di Biasi-Cagnotto, 1967 Benvenuti-Mazzinghi, 1968 Zoff-Albertosi, 1969 De Magistris-Pizzo, 1970 Riva-Boninsegna, 1971 Thoeni-Gros, 1972 Raimondo e Piero D’Inzeo, 1973 Calligaris-Lamberti, 1974 Agostini-Ubbiali, 1975 Ferrari-Alboreto, 1976 Panatta-Barazzutti, 1977 Bettarello-Munari, 1978 Simeoni-Dorio, 1979 Saronni-Lanfranco, 1980 Mennea-Da Milano, 1981 Giuseppe,Carmine,Agostino Abbagnale, 1982 Rossi-Conti, 1983 Cova-Panetta, 1984 Moser-Argentin, 1985 Maldini-Bergomi, 1986 Canins-De Zolt, 1987 Meneghin-Riva, 1988 Bordin-Maenza, 1989 Baresi-Scirea, 1990 Bernardi-Lucchetta, 1991 Bugno-Chiappucci, 1992 Compagnoni-Kostner, 1993 Baggio-Vialli, 1994 Di Centa-Fauner, 1995 Tomba-Ghedina, 1996 Trillini-Rossi, 1997 Chechi-Cassina, 1998 Pantani-Ballerini. 1999 Belmondo-Piccinini, 2000 Rosolino-Fioravanti, 2001 Idem-May, 2002 Cipollini-Bartoli, 2003 Rossi-Biaggi, 2004 Vezzali-Baldini, 2005 Sensini-Magnini, 2006 Cannavaro-Buffon, 2007 Bettini-Ballan, 2008 Totti-Del Piero, 2009 Pellegrini-Filippi, 2010 Schiavone-Pennetta, 2011 Zoeggeler-Kostner

Continua a leggere
Commenti

Editoriali del Direttore

ATP Umago: adesso sono gli altri Paesi, Francia, USA e perfino la Spagna a invidiare il tennis italiano. I migliori siamo noi

In prospettiva l’avvenire è più azzurro che di altri colori grazie a Sinner, Berrettini, Musetti, Sonego, Zeppieri e altri. Alcaraz fra un po’ rischia di essere il solo spagnolo top-player

Pubblicato

il

Continua il periodo dei record del tennis italiano in pieno Rinascimento. Dopo che tre italiani erano giunti in finale la scorsa settimana, fra Gstaad, Amburgo e Palermo, ora tre italiani sono contemporaneamente in semifinale al torneo di Umago, come non era più successo da 35 anni.

Io c’ero a St.Vincent quell’anno, 1987 – ed era con me anche colei che due anni dopo sarebbe diventata mia moglie – quando Cane’, Cancellotti e Pistolesi fecero la fine, con il cileno Rebolledo, dei Curiazi con l’unico Orazio molti anni prima di Cristo.  

Il tabellone completo dell’ATP 250 di Umago

 

Il rischio che quella storia si ripeta a Umago, con Carlitos Alcaraz grande favorito del torneo, c’è tutto, sebbene lo spagnolo di Murcia e dintorni abbia nel frattempo maturato una sorta di complesso nei confronti dei tennisti italiani, avendo lui perso a Melbourne da Berrettini, a Wimbledon da Sinner e ad Amburgo da Musetti, pur essendo sempre partito con il favore dei pronostici. Ma se va in finale contro Sinner forse sarà un pochino meno favorito di altre volte, sebbene la terra rossa per lui sia forse superficie più congeniale rispetto all’erba.

In questo momento, con Rafa Nadal ancora in piena corsa, il tennis spagnolo sta meglio di quello italiano, visto che ha due tennisti compresi fra i top 10, mentre noi abbiamo al momento il solo Sinner top 10e all’ultimo dei dieci posti.

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Jannik Sinner al microscopio

Però in prospettiva io credo si possa dire che il tennis italiano sta meglio di quello spagnolo. Se guardiamo la race, a partire dalla settimana prossima, abbiamo tre tennisti  fra i primi 20 e la loro età non può non farci ben sperare sul loro avvenire. Rafa Nadal è un fenomeno pazzesco, ma insomma il suo certificato anagrafico dice che fra un paio d’anni – anche se continuasse a vincere il Roland Garros – dovrà sventolare bandiera bianca. E anche Djokovic non è eterno. Idem Carreño Busta, Bautista Agut etcetera.

I nostri invece non potranno che migliorare. Tutti e tre. Berrettini, Sinner e Musetti. Tre giocatori così diversi che è un piacere che… lo siano. E che lascino curiosi i nostri appassionati su chi diventerà più forte fra loro.

Io non faccio che incontrare gente che mi chiede chi lo sia, ci abbia maggiori prospettive. Io rispondo che intanto siamo super fortunati ad avere questi dubbi. E poi anche che rispetto al passato, anche a quello glorioso degli anni Settanta, siamo fortunati a poter contare su questi ragazzi che sono di una serietà professionale, con il sostegno dei loro team, senza paragoni.

Sono tutti e tre veramente dedicati al tennis, impegnati a migliorarsi giorno per giorno, consapevoli che soltanto con un lavoro continuo per superare ì proprio limiti – che ancora ci sono ed è inevitabile che ci siano in conseguenza della loro giovane età – potranno fare quella carriera che sognano, aspirare legittimamente a diventare top 5, magari n.1. 

Chiaro che quei traguardi non dipendono solo da loro. Ci sono anche gli altri. Ed alcuni sono giovanissimi come Alcaraz, ma anche ancora giovani come Zverev, Tsitsipas, Rublev, o appena un po’ meno giovani come Medvedev, che non sono meno determinati e professionali dei nostri in rapporto ai medesimi obiettivi. Però, nessuna nazione ad oggi ha 3 giovani contemporaneamente in grado di sognare con qualche ragione quei traguardi.

Per questo ritengo che l’Italia stia meglio di tutti gli altri Paesi. E francamente non era mai successo. Infatti negli anni Settanta il tennis americano era ancora di un’altra categoria, e anche quello australiano. 

Riguardo alla risposta su chi sia in prospettiva il più forte dei nostri tre… oggi come oggi mi pare si possa dire che fra i primi due, Berrettini e Sinner (citati in ordine alfabetico) e il terzo c’è ancora una certa differenza, un mini-gap. E questo perché mentre i primi due sembrano in grado di essere oggettivamente competitivi su più superfici, per ora Lorenzo, che e’ peraltro il più giovane sia pur di poco, ha dimostrato di sapersi esprimere ai migliori livelli soprattutto sulla terra rossa (come spiegano anche i ‘Numeri’ di Ferruccio Roberti).

SPUNTI TECNICI: Il nostro coach analizza colpo per colpo, foto per foto, Lorenzo Musetti al microscopio

Sono certo imparerà ad accorciare i movimenti di preparazione dei colpi anche per i campi duri. Sono cose che si imparano se non si commette l’errore commesso a suo tempo da alcuni nostri giocatori, Cancellotti e Volandri in primis, che quasi rifiutarono di credere in loro stessi su superfici diverse dalla tera battuta.

È anche vero, peraltro, che a quei tempi, sulla terra rossa si giocavano molti più tornei e si poteva quindi difendere la classifica meglio di oggi. Oggi infatti senza punti conquistati anche su altre superfici è praticamente impossibile conquistare le prime posizioni del ranking ATP.

Credo che tutti i nostri tre tennisti di punta, ma anche Sonego che è arrivato a ridosso dei primi 20 del mondo, e non c’è certo arrivato per caso, ma soltanto grazie a una notevole continuità di risultati – ultimamente venuta a mancare con alcune partite perse in modo quasi incredibile, come l’ultima da 4-0 nel terzo – meritino la nostra fiducia riguardo ai loro progressi. Ora poi sembra essersi aggiunti anche Zeppieri che ricordo tre anni fa in Australia avermi assai ben impressionato.

Io non ho paura a sbilanciarmi. Credo che fra un anno saranno tutti più in alto di dove si trovano oggi. Dico tutti, infortuni permettendo. Ma anche riguardo agli infortuni, sono certo che le loro esperienze, a volte dolorose, li aiuteranno a curarsi sempre meglio, a prevenire, a non ripetere certe possibili ingenuità. 

In conclusione, dopo che per anni hanno abbiamo guardato con una qual certa invidia, se non gelosia, al tennis francese prima, a quello spagnolo poi, oggi credo che siano gli altri a dover essere invidiosi, gelosi, del tennis italiano.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

UniCredit Firenze Open, chi in campo? Dagli azzurri al sogno Djokovic, le ipotesi

Firenze avrà solo la concorrenza della città iberica di Gijon e metterà in palio punti preziosi per la qualificazione alle ATP Finals di Torino

Pubblicato

il

Jannik Sinner – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @atptour)

Il grande tennis torna a Firenze. C’era stato, ma al C.T.Firenze 1898– lì nel 1910 era stata fondata la Federazione Italiana Tennis con Piero Antinori primo presidente – negli anni Cinquanta fino all’avvio del tennis Open del 1968 (open ai professionisti).

Lo svedese Sven Davidson vinse due edizioni ma i campioni visti sui campi delle Cascine furono tanti: Drobny, tre volte campione a Roma, i più grandi australiani, Newcombe che avrebbe vinto 3 volte Wimbledon, Cooper (3 Slam), Roche, Rose, gli americani Patty e Larsen, il cileno Ayala, il messicano Osuna, l’argentino Morea, e fra le donne Althea Gibson, Maureen Connolly, Esther Bueno una decina di Slam in tre e fra le più grandi tenniste di tutti i tempi, oltre ai nostri Pietrangeli, Gardini, Merlo, Sirola.

Per un club non era facile far fronte ai bilanci dei tornei professionistici, ma nel ’73 – e per 21 anni fino al ‘94 – ecco ricomparire il grande tennis internazionale a Firenze. C’erano più di 5.000 spettatori e centinaia fuori dai cancelli a tribune esaurite nel ’73 per 4 ore di tennis straordinario culminato con il successo 6-4 al quinto di Ilie Nastase, n.1 del mondo, su Adriano Panatta.

 

Negli anni in cui chi scrive fu direttore del Torneo di Firenze, trionfarono i nomi più belli e noti: da Panatta (1974) a Bertolucci (tre vittorie consecutive 1975-1977), Clerc, Ramirez, Gerulaitis, e poi anche Gomez, Larsson e tre volte un altro n.1 del mondo, Thomas Muster (’91,’92,’93) prima dell’ultima edizione del ’94 vinta dall’uruguagio Filippini.

Che livello avrà l’Unicredit Open Firenze, un ATP 250 del 10-17 ottobre 2022, 625.000 euro di montepremi, quasi due milioni di budget gestionale (che si accolla la FIT)?

Molti top-players saranno a caccia di punti per qualificarsi alla seconda edizione delle finali ATP di Torino a novembre. Zero punti a Wimbledon, zero nei cancellati tornei cinesi che ne distribuivano tanti (Shanghai era un Masters 1000, Pechino un 500).

Spesso nelle settimane degli ATP 250 ci sono tre tornei in concorrenza. Ma Firenze, per il torneo ospite del moderno PalaWanny di San Bartolo a Cintoia – si gioca al coperto e su cemento – avrà solo la concorrenza della città iberica di Gijon. Però la settimana dopo Firenze Napoli ospiterà un altro ATP 250. Se non foste spagnoli dove scegliereste di giocare? In questi giorni Ruud, n.6 ATP, sta giocando un ATP 250. Perché no a Firenze?

Se già partecipassero i migliori italiani, magari con entrambi i nostri leader Sinner e Berrettini, cui si aggiungessero Musetti, Sonego, Fognini, sarebbe già un bel vedere. Fra i 32 in tabellone ci saranno certamente anche tanti tennisti di ottimo ranking. L’entry list verrà definita solo dopo l’US Open. Ma anche se il nuovo ed esordiente direttore del torneo Paolo Lorenzi non ha voluto sbilanciarsi, io scommetterei invece che qualcuno fra Rublev, Ruud, Tsitsipas, Shapovalov, Cilic, Hurkacz, Schwartzman, Dimitrov, Bautista Agut, Rune, Khachanov, lo vedremo a Firenze. E Djokovic? E’ un sogno. Ha detto che non andrà a caccia di punti, ma da qualche parte dovrà pur giocare, almeno per allenarsi. Firenze tira. E sognare non costa niente.

Continua a leggere

Editoriali del Direttore

ATP Firenze: quando ero il direttore del torneo… Aneddoti di fine anni Settanta con Clerc, Lendl, Ramirez, Panatta

Il direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta ha anche diretto il Torneo delle Cascine negli Anni Settanta. Qui riprendiamo solo un paio di aneddoti vissuti (in parte già pubblicati), mentre ne ricerchiamo altri con Arthur Ashe, Jean Francois Cajolle, Jan Kodes, Guillermo Vilas, Adriano Panatta, Paolo Bertolucci

Pubblicato

il

Nessuno conosceva Josè Luis Clerc… quando nella seconda settimana di maggio 1978 venne a giocare le qualificazioni del torneo internazionale di Firenze, che dopo tre anni di sponsor Vat 69 era diventato Lotto-Spalding per un paio di anni prima di diventare AlitaliaFirenze.


Per la verità nella terza settimana di aprile Josè Luis aveva battuto a Nizza Tonino Zugarelli prima di perdere – al terzo set peraltro – da Higueras, n.25 ATP, dopo aver vinto il primo al tiebreak. Il suo manager era Pato Rodriguez, un ex tennista cileno (classe 1938) che aveva giocato a lungo in Coppa Davis negli anni’60 e ‘70. Pato mi chiese – ero direttore del torneo ATP di Firenze, 50.000 dollari di montepremi – se potevo programmare Clerc come primo match del giorno (ore 13) “perché Josè Luis (un ragazzone pieno di tic…) è molto nervoso e nelle attese, come quando si deve aspettare che finisca il match sul campo dove è stato designato a giocare, si logora. Se puoi dargli una mano…”.

Bene: io gliela detti e, incuriosito da quel tipo, andai a vederlo. Tirava, sia di dritto sia di rovescio, bordate impressionanti. Senza tregua. Un ritmo da far paura. Tutte pallate senza paura e gli stavano quasi tutte dentro. Lo feci giocare per tre turni di qualificazione sempre alle 13. E scrissi subito sul quotidiano locale, La Nazione, dopo il primo match di “quali”, che credevo di avere intravisto un fenomeno. Ovviamente volevo anche promuovere il torneo. Ma ci credevo. Josè Luis vinse il torneo, primo “qualificato” della storia ATP capace di tanto. Fu il suo primo torneo vinto di 25. Batté al primo turno Peter Carter, l’australiano che sarebbe diventato il primo coach internazionale di Roger Federer (morì in un incidente automobilistico in Sud Africa), poi il colombiano Molina, l’ecuadoriano Ycaza, l’australiano John Alexander (n.8 del mondo nel ’75), il francese Patrice Dominguez in finale, tre set su cinque dominandolo per tre set a zero.

Nel corso dell’anno Clerc vinse altri due tornei, Buenos Aires e Santiago, dopo aver raggiunto finali a Gstaad, South Orange (perdendole entrambe con Vilas, ma battendo tennisti come Okker e McEnroe… dopo che a Parigi aveva lasciato sei game a un Ivan Lendl diciottenne, 6-3 6-0 6-3) e anche a Toronto e Aix en Provence: in quel torneo in Francia sapete chi batté? Noah, Smid e Lendl prima di perdere sul traguardo finale dal solito Vilas. Clerc sarebbe diventato n.4 del mondo nell’agosto dell’81, dopo aver vinto anche Firenze (finale su Ramirez), Roma (Panatta, Lendl e Pecci dai quarti in poi) e quattro tornei di fila negli USA: Boston, Washington, North Conway e Indianapolis. Due volte in finale batté finalmente Vilas… inimicandoselo per sempre! Qualcuno si potrebbe chiedere perché Jose Luis, con quel ranking avesse giocato (e vinto) anche il piccolissimo torneo di Firenze. La risposta è: me lo aveva promesso che sarebbe tornato quando aveva vinto nel ’78. Ma di solito quelle sono promesse che i tennisti che diventano forti non mantengono. Lui invece è stato coerente, serio e non lo dimenticherò. Ogni volta che ci vediamo ci abbracciamo!

Quando aspettammo Ivan Lendl oltre…il regolamento. E Roberto Lombardi non me lo perdonò

 

Ricordo in particolare un curioso episodio, avvenuto circa quarant’anni fa a Firenze. Io ero giovanissimo direttore del torneo ATP di Firenze. Roberto Lombardi giocava le qualificazioni di quel torneo. Lo zio di Peter Korda, mi pare si chiamasse Pavel, mi aveva chiesto di iscrivere alle qualificazioni un ragazzino che a suo dire era promettentissimo: si chiamava Ivan Lendl. Il problema fu che questo diciassettenne si era perso un treno, aveva viaggiato tutta la notte, non sarebbe arrivato in tempo per il check-in. Decidemmo di sorteggiarlo ugualmente, in considerazioni di quelle vicissitudini e dell’età del ragazzino. Era toccato in sorte a Roberto Lombardi. Pregai quindi Roberto, dieci anni più anziano (lui del ’50 e Ivan del ’60) di aspettarlo. Per convincerlo gli dissi: “Dai, non perderai mica da un ragazzino di 17 anni che è stato tutta la notte in un treno e arriverà suonato?”.

Lui accettò sportivamente di aspettarlo. Beh, potete immaginare come andò a finire. Vinse il ragazzino ceco. Facile facile. Per anni Roberto me l’ha scherzosamente rimproverato: “M’hai fregato, m’hai fregato… lo sapevi che era fortissimo!”. Ecco, io voglio ricordarmi sempre quel Roberto lì, quello che scherzava sempre, quello che al ristorante chiedeva sempre quello che non c’era (“Lombardi? Il peggior cliente di ristorante del mondo” era l’affettuosa definizione che di lui dava Maestro Rino), quello che amava sempre recarsi nei posti “più trend”. Non sono sicuro che Ivan Lendl si ricordi di quell’episodio. Non ho avuto occasione di ricordarglielo. Abbiamo riso insieme invece ricordando quella vota in cui lui aveva vinto il suo ennesimo Roland Garros (credo fosse il terzo…) e in sala stampa gli chiesi che cosa avesse pensato che avrebbe fatto a fine carriera… “Magari il giornalista? “ gli suggerii. E lui: “Di certo non sogno di diventare come certi giornalisti senza capelli!” rispose guardandomi fisso con il suo tipico humour freddo, lui che alcuni avevano ribattezzato Buster Keaton, perché la sua comicità non era quasi mai accompagnata da un sorriso, e altri doctor Frankestein per la sua maschera molto particolare. Di aneddoti vissuti in quegli anni ne ricordo tanti altri, con Arthur Ashe, con Jean Francois Caujolle, John Alexander, Adriano Panatta, Paolo Bertolucci e andrò a ripescarli meglio però nella mia memoria per pubblicarli prossimamente sperando che vi piacciano.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement