Come il qualificato Aslan Karatsev ha dominato la prima settimana di Australian Open

Australian Open

Come il qualificato Aslan Karatsev ha dominato la prima settimana di Australian Open

Il russo ha fatto registrare statistiche straordinarie in risposta e nei colpi vincenti messi a segno. Non ha ancora perso un set e ha eliminato dal torneo Diego Schwartzman (testa di serie numero 8)

Pubblicato

il

Aslan Karatsev - Australian Open 2021 (foto via Twitter @Australia Open)

Aslan Karatsev giocherà negli ottavi di finale dell’Australian Open 2021, sicuramente la sorpresa più grossa di questi primi cinque giorni di torneo. Non stupisce solo perché ci è arrivato da qualificato (attualmente occupa la 114esima posizione in classifica ATP) e da debuttante a livello Slam, a 27 anni. Sorprende per il modo in cui ha dominato gli avversari nei primi tre turni. Da Gianluca Mager al suo debutto (6-3 6-3 6-4), passando per Gerasimov (battuto 6-0 6-1 6-0), fino al numero 8 del tabellone Diego Schwartzman, sinora la testa di serie più alta ad essere eliminata nel maschile. Il russo non ha mai sofferto contro ‘Dieguito’, semifinalista al Roland Garros: si è imposto con un triplo 6-3 in un’ora e 52 minuti giocati ad altissimo livello. Ha scagliato 50 colpi vincenti contro i 5 di Schwartzman e soprattutto ha vinto un numero altissimo di punti in ribattuta, il 44%.

Per Karatsev negli ottavi ci sarà un giovane canadese, Felix Auger-Aliassime. Di sicuro sarà il 29esimo tennista a giocare nella seconda settimana di uno Slam alla sua prima partecipazione. È anche il più “vecchio” in assoluto a riuscirci, il primo all’Australian Open da Dominik Hrbaty nel 1997. Karatsev è anche uno dei quattro russi approdati al terzo round nel main draw maschile: gli altri tre giocheranno nella giornata di sabato (Rublev, Medvedev e Khachanov). Non arrivavano tanti giocatori russi al terzo turno di un Major dal torneo di Wimbledon nel 2007.

Ma puntiamo ancora la lente d’ingrandimento su Karatsev. Partiamo dal servizio, il colpo che meno dà nell’occhio per quanto riguarda il russo, ma estremamente efficace sin dal primo turno. Contro Mager ha concesso solo 5 punti con la prima di servizio in campo, 11 contro Gerasimov. Più bassi i numeri contro un ottimo ribattitore qual è Diego Schwartzman. La chiave è la percentuale di prime di servizio in campo, superiore al 70%, che gli permette di giocare lo scambio in totale spinta.

I numeri in cui Karatsev primeggia riguardano la risposta al servizio: nessuno ha vinto (in percentuale) più game di lui in risposta. Ha brekkato 19 volte su 37 turni di servizio fronteggiati. In sostanza fa un break ogni due turni di battuta avversari. Questa statistica risulta “gonfiata” dal match contro Gerasimov, vinto con un solo game concesso. Si potrebbero aggiungere diversi dati per descrivere il dominio del russo: innanzitutto le 16 risposte vincenti colpite, più di chiunque altro nel torneo. Ne sa qualcosa Schwartzman, che ne ha viste sfilare ben 8 nel corso della partita! Ma non finisce qui. Se la percentuale di punti vinti contro la seconda di servizio avversaria è vicina ai top, ma “nella norma” (61%, fanno meglio di lui solo De Minaur e Medvedev), spicca il 46% di punti vinti contro la prima di servizio avversaria: è primo con un margine di tre punti percentuali di vantaggio sul secondo della classifica (Thiem).

Finora ha scagliato 122 colpi vincenti a fronte di 93 errori non forzati: un modo di colpire e dominare il gioco che ricorda molto il connazionale Andrey Rublev, uno dei giocatori più in forma degli ultimi mesi. Primeggia anche nelle statistiche sui colpi vincenti: condivide con Raonic il primato per la percentuale di colpi vincenti su punti giocati (28%, 122/443) e primo in assoluto per rapporto dritti vincenti su colpi giocati (13%, 58/443). Tutto questo si traduce in uno straordinario 60% di punti vinti da fondocampo: ne ha portati a casa 140 su 235 giocati. Un dominio assoluto del qualificato russo, che, se riuscirà a gestire la pressione sin dal prossimo turno, rischia di sconvolgere la parte alta del tabellone maschile.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Ubaldo Scanagatta
evidenza2 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Nadal subito Zverev. Se fosse meglio così? Il teorico cammino di Sinner” [VIDEO]

Jannik Sinner - Madrid 2024 (foto Florin Baltatoiu)
Flash3 giorni fa

Roland Garros, Scanagatta: “Sinner gioca e punta al n. 1 del mondo. E magari pure al Grande Slam. Si deve sognare in grande. Dove capiterà Nadal? Il campione di 14 Roland Garros é’ una mina vagante o no? Riparte l’UbiContest” [VIDEO]

Senza categoria5 giorni fa

Scanagatta a Radio Sportiva: “La bravura di Sara Errani e le prospettive di Zverev per Parigi”[AUDIO]

Alexander Zverev - Roma 2024 (X @inteBNLditalia)
evidenza1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Zverev può aver salvato il torneo” [VIDEO]

Flash1 settimana fa

Roma, Scanagatta: “Meglio le donne che gli uomini. In gara tre delle prime quattro del ranking, fra gli uomini solo due dei primi otto”

Flash2 settimane fa

Roma, Scanagatta: “Con Paolini bye bye Roma per le italiane. 5 azzurri superstiti. Tre giocano oggi ma il clou è Nadal-Hurkacz. Per lo spagnolo addio Roma più che arrivederci?” [VIDEO]

Matteo Berrettini - Roma 2024 (foto Francesca Micheli Ubitennis)
Flash2 settimane fa

ATP Roma, Scanagatta: “Piove sul bagnato. Dopo il KO di Sinner quello di Berrettini, e sul torneo diluvia. Menomale vincono Darderi e Cobolli” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Massey: “Il tetto è in programma e dal prossimo anno le chiamate elettroniche” [VIDEO]

evidenza1 mese fa

Scanagatta: “Un errore arbitrale clamoroso fa perdere a Sinner con Tsitsipas un match quasi vinto” [VIDEO]

ATP1 mese fa

ATP Montecarlo, Scanagatta: “Jannik Sinner batte l’avversario più duro di sempre sul rosso e conserva il secondo posto mondiale” [VIDEO]

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement