ATP Challenger: Arnaboldi batte Hoang a Lille

Challenger

ATP Challenger: Arnaboldi batte Hoang a Lille

Mager e Arnaboldi tengono alto il tricolore. Per loro quarti di finale rispettivamente a Zadar e Lille

Pubblicato

il

 
 

Partita fantastica di Andrea Arnaboldi che accede ai quarti di finale del Challenger 90 di Lille (cemento indoor) battendo (6-2  5-7  6-3) il padrone di casa Antoine Hoang (n.131 ATP e testa di serie n.4), al termine di un incontro dove prima ha dominato, poi si è complicato la vita e infine ha concluso con autorità. 

L’azzurro parte in quarta e ottiene subito il break, dominando con il servizio mancino e con i suoi colpi slice che schizzano via sul velocissimo tappeto del ‘Complexe Marcel Bernard’. Hoang, sottoposto a una pressione insostenibile, non riesce a organizzare il proprio gioco e in un attimo si trova a dover affidare tutte le proprie chance al secondo parziale. In cui effettivamente alza il proprio livello, riuscendo nel secondo gioco a brekkare Arnaboldi che, raggiunto telefonicamente dopo la partita, ha commentato ‘dopo un’ottima partenza mi sono un po’ distratto, anche per colpa dell’arbitro che all’inizio del secondo set mi ha inflitto un ‘warning’ francamente incomprensibile’. Così il tennista milanese è costretto alla rincorsa, che sembra completata nel nono gioco quando ottiene il contro-break. Peccato che sul 5-5 Andrea perda di nuovo il servizio, e di conseguenza anche il set.

Nel parziale decisivo Arnaboldi sale di nuovo in cattedra e riprende il comando delle operazioni: non sfrutta due palle break nel terzo gioco, lo fa invece nel settimo e fila veloce verso il traguardo, senza lasciarsi innervosire, questa volta, da un macroscopico errore dell’arbitro sul secondo match point. Sul terzo un nastro beffardo rimanda ancora la conclusione, di poco però perché il successivo è quello buono.

 

Nei quarti gli toccherà il belga Zizou Bergs (n.329 ATP), 21enne in forte crescita e vincitore non più tardi venti giorni fa del Challenger di San Pietroburgo. Tra di loro un solo precedente in Bundesliga, quando l’azzurro vinse al super tiebreak. ‘Il belga è in gran forma e l’unico precedente non fa particolarmente testo perché si giocò su terra outdoor’. Sarà comunque molto dura’ conclude Andrea.

Giulio Zeppieri, l’altro italiano ancora in corsa, deve invece cedere (6-3  6-4) a Jonas Forejtek (n. 326 ATP) in un match dove al ventenne ceco sono bastati un break per set per conquistare l’accesso ai quarti. Peccato perché la vittoria al primo turno contro il tedesco Oscar Otte (testa di serie n.5) aveva fatto ben sperare.

CHALLENGER 80 ZADAR

Nel Challenger 80 di Zadar (terra outdoor) Gianluca Mager, accreditato della prima testa di serie, fatica oltre due ore a liberarsi (1-6  6-4  6-1) dello spagnolo Nikolas Sanchez Izquierdo (n.353 ATP) che non sarà un fenomeno ma è uno che se ti azzanna al polpaccio poi non ti molla facilmente. Il primo set scivola via velocissimo e pure il secondo sembra mettersi male. Il ligure, sotto 0-2, balla per un po’ sull’orlo dell’abisso, poi, facendo appello a tutto il suo orgoglio, riesce a ottenere il contro-break nel quinto gioco. Questo si rivelerà il turning point dell’incontro che da questo momento l’azzurro comanderà senza ulteriori affanni. Nei quarti lo aspetta lo slovacco Lukas Klein (n.276 ATP) in un incontro in cui i favori del pronostico sono tutti per Mager. Raggiunto a fine partita ci ha detto ‘Sanchez è partito molto bene e io, non conoscendolo, sono stato colto un po’ di sorpresa. Soprattutto ero un po’ macchinoso e non riuscivo a spingere. Quando finalmente ce l’ho fatta, la partita è girata a mio favore. Contro Lukas Klein non ho mai giocato ma sono convinto che non sarà un incontro facile’.

Eliminato al secondo turno Alessandro Giannessi che non riesce a sfruttare un match-point nel tie-break decisivo e dopo oltre tre ore di gioco è costretto alla resa contro il bosniaco (ma ora con base a Ravenna) Nerman Fatic (n.381 ATP).

Fuori al primo turno tutti gli altri italiani: Marco Bortolotti (bravissimo comunque a superare le qualificazioni), Gian Marco Moroni, Andrea Pellegrino e Riccardo Bonadio.

 CHALLENGER 80 LUGANO

Al challenger 80 di Lugano (cemento indoor) i nostri giocatori hanno fatto purtroppo ben poca strada: Roberto Marcora e Francesco Forti non hanno infatti superato il primo turno, fermati rispettivamente dall’ostico francese Hugo Grenier (n.262 ATP) e dall’esperto ucraino Sergiy Stakhovsky (n.193 ATP). Fuori nelle qualificazioni Andrea Vavassori, cui è stato fatale il derby con Forti.

Continua a leggere
Commenti

Challenger

Challenger Milano: sono tre gli azzurri che approdano ai quarti di finale

I giovani azzurri continuano a essere protagonisti nel circuito cadetto. Gigante, Passaro e Darderi, 61 anni in tre, non ne vogliono sapere di fermarsi

Pubblicato

il

I tanti italiani in gara nel Challenger 80 di Milano, in corso di svolgimento sui campi del TC Aspria Harbour Club, hanno iniziato facendo la voce grossa, tanto che il solo Federico Arnaboldi (oltre a Maestrelli che però era impegnato in un derby con Gigante) si è fermato all’esordio, eliminato dal canadese Alexis Galarneau (n.294 ATP). Ma per il 22enne cugino di Andrea la stagione è appena iniziata, dopo un inverno tormentato dagli infortuni, quindi non gli manca certo il tempo per confermare i brillanti risultati dello scorso anno. Ne è assolutamente convinto il suo coach Diego Nargiso che crede molto nel ragazzo. Nel secondo turno è poi arrivata inevitabile la scrematura che ha visto approdare ai quarti Matteo Gigante, Luciano Darderi e Francesco Passaro.

Matteo Gigante ha superato in un combattutissimo derby Marco Cecchinato che in realtà è partito forte, come spesso gli accade anche in questo suo disgraziatissimo 2022, strappando subito il servizio al giovane avversario. Quando però è andato a servire per il set sul 5-3 si è bloccato, replicando un copione fin troppo consueto in questa stagione in cui il suo bilancio recita otto vittorie e diciassette sconfitte. Per contro il 20enne tennista romano non ha dimostrato alcun timore reverenziale, riportandosi in parità per poi aggiudicarsi il tie-break. A questo punto Matteo non ha più trovato ostacoli e ha fatto suo l’incontro 7-6(3) 6-1. Nei quarti troverà il magiaro Fabian Marozsan (n.297 ATP) in un match che si preannuncia molto equilibrato.

Accede ai quarti anche Luciano Darderi che è stato bravo ad approfittare di un buon tabellone perché, dopo aver liquidato il modesto Inigo Cervantes, si è trovato davanti il 33enne Ernests Gulbis che è l’ombra del bel giocatore che fu (n.10 nel 2014) e il risultato a favore dell’italo-argentino (6-3 4-2 rit.) non è stato per niente sofferto. Sicuramente sarà più dura nel prossimo turno contro Federico Coria (n.70 ATP e prima testa di serie) che appare molto tonico e in due match ha lasciato per strada appena quattro game. Completa il quadro Francesco Passaro che, cavalcando l’onda di un grande entusiasmo, ha frantumato il canadese Alexis Galarneau (n.294 ATP) con un secco 6-1 6-3. L’incrocio con il norvegese Viktor Durasovic non dovrebbe essere impossibile.

 

Fuori invece al secondo turno Gianmarco Ferrari che si fa sorprendere dal giapponese Shintaro Mochizuki, così come Giovanni Fonio che non partiva favorito col russo Alexander Shevchenko, giocatore on fire se ce n’è uno. Niente da fare per Raul Brancaccio che si fa rimontare dal non irresistibile norvegese Viktor Durasovic (n.315 ATP).

Non c’erano italiani invece al Challenger 80 di Oeiras (Portogallo) che ha sofferto, più di Milano, la concomitanza con le qualificazioni di Wimbledon. Un solo top 100 (la testa di serie n.1 Carballes Baena) e una entry list piuttosto modesta.

Si giocava anche a Buenos Aires, un Challenger 50 che, oltre a cadere nella settimana sbagliata, conferma come il Sudamerica sia, salvo un paio di eccezioni, estrema periferia del tennis che conta. Juan Pablo Ficovich che gioca da prima testa di serie è n.168 ATP e questo ci racconta molto di un torneo che con 17 argentini su 32 partecipanti assomiglia molto a un campionato nazionale albiceleste, privato però dei suoi migliori rappresentanti se è vero che Ficovich è appena il n.14 del proprio paese.

@massimogaiba

ASPRIA TENNIS CUP – TROFEO BCS (45.730€, terra battuta)

Secondo Turno Singolare

Fabian Marozsan (UNG) b. Alexei Vatutin (RUS) 6-2 6-3

Viktor Durasovic (NOR) b. Raul Brancaccio (ITA) 4-6 6-1 6-3

Matteo Gigante (ITA) b. Marco Cecchinato (ITA) 7-6(3) 6-1

Francesco Passaro (ITA) b. Alexis Galarneau (CAN) 6-1 6-2

Quarti di Finale Doppio

Hidalgo / Rodriguez (ECU-COL) 6-4 b. Huey / Skugor (FIL-CRO) 4-6 6-3 10-7

Arneodo / Eysseric (MON-FRA) b. Arnaboldi / Ferrari (ITA-ITA) 4-6 6-3 10-5

Darderi / Romboli (ITA-BRA) b. Matuszewski / Paulson (POL-CZE) 4-6 6-2 10-8

Lomakin / Manafov (KAZ-UCR) b. Vatutin / Weissborn (RUS-AUT) 7-6(4) 7-6(2)

Clicca qui per leggere la classifica ATP aggiornata al 20 giugno 2022!

Continua a leggere

Challenger

Al Challenger di Parma Borna Coric ritrova il gusto della vittoria

Successi anche di Zizou Bergs a Ilkley e Alexandre Muller a Blois

Pubblicato

il

Borna Coric – ATP Challenger Parma, Emilia-Romagna Tennis Cup (foto: Ufficio Stampa torneo)

Al Challenger 125 di Parma, giocato sui bellissimi campi del TC President, la vittoria finale è del croato Borna Coric che ha lottato e sofferto per tutta la settimana, ha battuto tutti gli italiani che ha incontrato (Agamenone, Cobolli e Zeppieri) e finalmente ha ritrovato la gioia di alzare al cielo un trofeo, dopo il lungo stop impostogli dall’operazione alla spalla che l’aveva fatto precipitare in classifica dalla 12esima posizione fino al n.278. Oggi contro lo svedese Elias Ymer (n.148 ATP), il meno giovane e anche il meno bravo dei due fratelli, ha dovuto impegnarsi allo spasimo in un primo set che non voleva saperne di venire dalla sua parte. Ben 10 palle break non gli sono state sufficienti perché Ymer si è aggrappato alla partita con tutte le sue forze, riuscendo ad arrivare indenne al tie-break. Dove però ha perso subito le ruote, abbandonando praticamente la partita. Come ha confermato in un secondo parziale in cui aveva evidentemente finito la benzina. Il risultato finale di 7-6(4) 6-0 in poco più di due ore consegna al 25enne di Zagabria il terzo Challenger in carriera dopo i lontanissimi precedenti di Smirne e Barranquilla e soprattutto uno sguardo più sereno verso il futuro anche se è evidente che il croato non è ancora quel giocatore che aveva sfiorato la top 10 sotto la guida di Riccardo Piatti.

Nel frattempo, sui prati di Ilkley si giocava un altro Challenger 125. Eliminato nei quarti il nostro Andreas Seppi da quello che sembrava essere la sorpresa del torneo e che invece ne sarebbe stato il vincitore. Parliamo del belga Zizou Bergs che, partito dalle qualificazioni, si è trovato durante il torneo più volte sull’orlo dell’abisso ma ha sempre saputo uscire con freddezza dalle situazioni più critiche. Come in finale dove è riuscito a prevalere sullo statunitense Jack Sock (n.129 ATP) col punteggio di 7-6(7) 2-6 7-6(6) dopo quasi tre ore di battaglia, annullando anche un match-point con una spettacolare volée. Per il belga è la quarta vittoria Challenger (la prima su erba) che gli regala anche il nuovo best ranking alla posizione n.146 ATP.

Al Challenger 80 di Blois la vittoria arride al padrone di casa Alexandre Muller che in finale ha avuto la meglio su Nikola Milojevic (n.184 ATP) col punteggio di 7-6(3) 6-1. Per lui è la prima vittoria Challenger in carriera che gli consente, tra l’altro, di migliorare il proprio best al n.164 ATP. Un giorno forse ricorderemo la sua vittoria in semifinale sul 18enne Luca Van Assche, francese di madre italiana, un ragazzo di cui sicuramente sentiremo ancora parlare. Intanto con questo risultato il teenager di stanza a Bordeaux sale al n.319 ATP e si guarda attorno.

 

@massimogaiba

Continua a leggere

Challenger

Il Challenger di Parma parla italiano

Sono tre gli italiani che approdano ai quarti: Zeppieri, Arnaboldi e un ritrovato Cecchinato. Bene anche Seppi sull’erba inglese di Ilkley

Pubblicato

il

Marco Cecchinato – ATP Challenger Parma (foto: Ufficio Stampa torneo)

Sui bellissimi campi del CT President a Montechiarugolo, nelle immediate vicinanze di Parma, il torneo si è ormai allineato ai quarti di finale che vedranno ben tre italiani in campo. Ha cominciato l’inossidabile Andrea Arnaboldi che ha messo in archivio due vittorie mica da ridere, prima col sempre ostico Norbert Gombos e poi con il forte colombiano Daniel Elahi Galan (n.113 ATP), al termine di un match drammatico come il punteggio 7-6(6) 0-6 7-6(2) e le oltre due ore gioco testimoniano. Ogni volta che il milanese si avvicina alle fasi finali di un torneo noi speriamo sempre che riesca a liberarsi dalla maledizione che gli impedisce di vincere il suo primo Challenger. Nei quarti troverà lo svedese Elias Ymer (n.148 ATP), il più grande e il meno forte dei due fratelli.

C’è poi uno splendido Giulio Zeppieri che, dopo aver eliminato Gianluca Mager, è passato sul brasiliano Thiago Monteiro (n.96 ATP) in modalità rullo compressore (6-3 6-4), confermando il suo ottimo momento di forma. Incontrerà il croato Borna Coric che nel match contro il nostro Flavio Cobolli ha esibito il proprio superiore magistero (non per niente nel 2018 è stato n.12 del mondo) prevalendo 7-5 6-4. Per il tennista romano, che comunque ha lottato vigorosamente per quasi due ore, sono sconfitte che ci stanno e che rappresentano un passaggio inevitabile nel suo percorso di crescita.

Ci fa poi piacere chiudere con Marco Cecchinato che batte contro pronostico Carlos Taberner (n.88 ATP e quinta testa di serie) con un secco 6-2 6-2, alternando con bravura soluzioni di potenza e tante palle corte. Intendiamoci il Ceck è sicuramente più forte dello spagnolo ma il suo periodo buio durava da così tanto tempo che sembrava non dovesse finire più. Un 2022 disastroso (4/15 la sua statistica prima di Parma) lo aveva fatto precipitare in classifica (ora è n.206), togliendogli inevitabilmente fiducia. Non sappiamo se quella imboccata sia la via d’uscita ma le due vittorie ottenute (all’esordio contro Luca Nardi) sono molto incoraggianti. A fine match il tennista siciliano ha commentato: ‘E’ stata una partita molto più tosta di quanto non dica il punteggio, anche per il caldo veramente opprimente che rendeva tutto molto più difficile’.

 

Si giocava anche sull’erba inglese di Ilkley (Challenger 125) dove il nostro Andreas Seppi ha brillantemente raggiunto i quarti, superando in un difficile secondo turno il portoghese Nuno Borges (n.128 ATP), facendo valere la sua maggiore attitudine alla superficie rispetto alla maggiore freschezza dell’avversario.

Al Challenger 80 di Blois (terra battuta) poca fortuna per i due italiani in tabellone. Eliminato subito Lorenzo Giustino che perde lottando contro il ceco Vit Kopriva (n.139 ATP) con il punteggio di 2-6 6-4 7-6(5). Meglio è andato Matteo Arnaldi che supera all’esordio il padrone di casa Enzo Couacaud (n.209 ATP) per poi cedere al russo Evgeny Karlovskiy in un match molto combattuto che si è risolto solo dopo due ore e mezza di battaglia.

@massimogaiba

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement