Perché è stato Hurkacz a vincere la finale di Miami, non Sinner a perderla

Focus

Perché è stato Hurkacz a vincere la finale di Miami, non Sinner a perderla

Quali sono stati i fattori decisivi per la prima vittoria di Hubert Hurkacz in un Masters 1000?

Pubblicato

il

Jannik Sinner e Hubert Hurkacz (Photo Credit_ Peter Staples_ATP Tour)

Quando mancano poche ore all’inizio del secondo Masters 1000 stagionale, quello di Montecarlo, riavvolgiamo brevemente il nastro per analizzare più nel dettaglio la finale di Miami, vinta (un po’ a sorpresa) da Hurkacz su Sinner. Un momento: davvero a sorpresa? Non proprio…


La favola di Jannik Sinner a Miami, in un Masters 1000 ancora condizionato dalla pandemia, con diversi big assenti e qualche sorpresa nei primi turni, non ha trovato il suo lieto fine. Nell’albo d’oro compare sì un nome nuovo, si tratta però quello di Hubert Hurkacz. Il ventiquattrenne polacco si è imposto nella finalissima, sconfiggendo la giovane promessa del tennis italiano e mondiale in due set, con il punteggio di 7-6 (4), 6-4. In molti, specialmente tra i meno appassionati, nutrivano grandi speranze per il risultato della finale, considerato il blasone non eccezionale di Hurkacz.

Tale ottimismo però, come il campo si è incaricato di mostrare, era ingiustificato: cercheremo di capire meglio perché, con l’aiuto dei dati. Prima di entrare nello specifico però, ricordiamo come il polacco avesse già mostrato di trovarsi in uno stato di forma davvero eccezionale, sconfiggendo nel corso del torneo, sempre contro pronostico, due Top 10 (Tsitsipas e Rublev) e altri due Top 20 (Shapovalov e Raonic).    

 

IL PARZIALE DECISIVO

Figura 1. Punti vinti, nelle tre fasi della partita: da 0-0 a 5-6, da 5-6 a 7-6 4-0, da 7-6 4-0 a 7-6 6-4

Anche in questa finale, tutto si è deciso in poche mani, o meglio, in pochi game. Per la precisione, quelli che vanno dal 5-6 nel primo set, situazione di equilibrio (sia pur contraddistinta da due diversi parziali, il primo a favore di Hurkacz, il secondo di Sinner, che si trovava a servire per il primo set), al 7-6 4-0 Hurkacz, con set e doppio break di vantaggio per il polacco.

Nei primi undici game, Sinner si è aggiudicato due punti più di Hurkacz: trentotto a trentasei. E, va detto a testimonianza del grande orgoglio e della forza mentale di Jannik, anche per gli ultimi game dell’incontro, che portano dal 4-0 al 6-4 del secondo set, Sinner ha conquistato più punti dell’avversario (ventidue contro quindici), complice probabilmente anche un piccolo calo di tensione da parte di Hurkacz, dato l’ampio vantaggio. La differenza la fa quel perentorio parziale di ventisette a nove piazzato dal polacco a cavallo tra primo e secondo, che gli ha consentito di aggiudicarsi l’incontro. Per una volta, quel diciannovenne che tanto aveva stupito (anche) per la sua capacità di elevare il proprio livello di gioco nei momenti decisivi (basti pensare alla semifinale con Bautista Agut) ha ceduto sotto i colpi del proprio avversario nel momento cruciale.

Approfondendo l’analisi però, potremo forse capire meglio come quel parziale possa essere figlio di una dinamica che è esistita, sia pur sottotraccia, lungo tutta la partita, e che ha a che fare con il rendimento dei due giocatori al servizio. Inoltre, un’analisi puntuale ci permetterà di confermare quella che è anche l’impressione “visiva”, a proposito di questa grande partita: non si può parlare tanto di demeriti di Sinner, quanto sottolineare i grandi meriti di Hurkacz. 

RENDIMENTO AL SERVIZIO

Figura 2. Percentuale di prime palle in campo, al progredire dei punti giocati al servizio
Figura 3. Percentuale di punti vinti sulla prima, al progredire dei punti giocati al servizio

Per quanto riguarda il servizio, era nota già alla vigilia la superiorità del polacco, che si mostrava in gran forma a Miami, anche se non soprattutto da questo punto di vista. Basti pensare che, pur avendo affrontato quattro giocatori tra i primi venti a livello mondiale nei turni precedenti, Hurkacz si è presentato alla finale forte di una statistica davvero impressionante: il ribattitore non era infatti riuscito a rispondere in campo al suo servizio nel 45% dei casi.

In altre parole, fino a quel momento, Hurkacz è stato capace di procurarsi un punto “gratis”, ovvero senza entrare nello scambio, quasi una volta su due. E il polacco non si è smentito neanche in finale. Come possiamo osservare, sia concentrandoci sulla percentuale di prime in campo (Figura 3) che sulla percentuale di punti una volta messa in campo la prima (Figura 4), la differenza è chiara. A fine partita, Hurkacz ha avuto il 71% di prime in campo, e il 76% dei punti con la prima; Sinner riuscirà a mettere in campo soltanto il 60% di prime, raccogliendo, con la prima in campo, il 62% dei punti.

Monitorare l’evoluzione di queste statistiche nel corso del match, a mano a mano che i giocatori accumulano punti giocati al servizio, ci permette di osservare come il gap di rendimento sulla prima di servizio (sia in termini di frequenza che di efficacia) sia una sorta di leitmotiv dell’intero match. In estrema sintesi, spesso e volentieri Hurkacz ha raccolto punti direttamente con il colpo di apertura, mentre Sinner si è dovuto sudare quasi ogni punto, guadagnandoselo nello scambio. L’italiano è sicuramente stato superiore nel gioco da fondo, e ha avuto maggiore facilità nel produrre colpi vincenti, sia di dritto che di rovescio. Tuttavia, si è trovato a giocare sempre in salita, costretto a dare fondo a tutte le sue capacità, fin dall’inizio, per tenere il match in equilibrio fino al 5-5. A questo punto, con un grande game, è arrivato il break e la conseguente opportunità di servire per il set.

Ma il lavorio, per così dire, “ai fianchi” indotto dal persistente disequilibrio nell’efficacia del servizio, a quel punto, si è fatto sentire. A enfatizzare tale elemento, il fatto che Hurkacz abbia deciso di piazzare la prima esterna, a buttare Sinner fuori dal campo, addirittura nel 68% dei casi. Evidente il tentativo di destabilizzare l’avversario, portandolo fuori posizione fin dall’inizio dello scambio. Questo genere di persistente fatica, sia fisica che mentale, ha finito per costare molto cara all’italiano.

GLI ERRORI NON FORZATI DI SINNER

Figura 4. Cumulativa degli errori non forzati, dal 5-6 al 7-6 4-0

Lungo tutto l’arco del match, il numero di errori non forzati di Sinner è stato decisamente superiore rispetto a quello di Hurkacz. Questo un po’ a causa di una partenza a handicap da questo punto di vista, con addirittura sei rovesci sbagliati nei primi tre game, statistica questa decisamente inusuale per Sinner, solidissimo in particolare da quel lato, e probabilmente da attribuire all’emozione dell’esordio a questi livelli. Si può però forse intravedere anche una motivazione più profonda alla partita inusualmente fallosa di Sinner. Come discusso nel paragrafo precedente, infatti, Jannik si è trovato sempre sotto una forte pressione: ha raccolto poco direttamente col servizio ed è stato costretto, punto dopo punto, a cercare una breccia nella difesa di Hurkacz. Il polacco però, specialmente considerata la sua stazza, si muove molto bene, e ha regalato poco, obbligando di fatto Sinner a rischiare, forse più di quanto non avrebbe voluto.

E così, nel dodicesimo game, nel tie-break e nei primi quattro game del secondo set, nel momento decisivo della partita, la tensione e la stanchezza (fisica e mentale) hanno presentato il conto: Sinner ha sbagliato undici volte, sette delle quali (compreso un doppio fallo) tra il dodicesimo game che avrebbe potuto dargli la vittoria nel set e il tie-break. Nei game che vanno dal 5-6 al 7-6 4-0, Hurkacz ha commesso invece soltanto sette errori non forzati, di cui appena due fra il dodicesimo game e il tie-break. Quattro punti di differenza nell’intera fase centrale, addirittura cinque in chiusura di primo parziale: un gap che assume un notevole peso specifico. A completare il quadro della partita, e in particolare di quella decisiva fase centrale, va ricordata la grande qualità del gioco di Hurkacz, come mostra la dinamica dei suoi colpi vincenti.

I VINCENTI DI HURKACZ

Figura 5. Cumulativa dei vincenti, dal 5-6 al 7-6 4-0

Fino al 6-5 in proprio favore, Sinner ha messo a referto sei colpi vincenti in più di Hurkacz: è sembrata evidente la scelta strategica del polacco di non rischiare nello scambio. Hurkacz è stato molto disciplinato da fondo e ha deciso di tenere per larga parte della partita: si è rifiutato, per così dire, di giocare la partita sul terreno di Sinner. Nei primi undici game, ha messo a referto soltanto quattro vincenti. Con l’arrivo della fase decisiva del match però, Hurkacz ha messo sul tavolo le proprie fiches e si è fatto propositivo, cogliendo di sorpresa l’italiano e inanellando, dal 6-5 Sinner nel primo set al 7-6 4-0 in suo favore, sei colpi vincenti. Un notevole colpo di reni, che testimonia una volta di più come, in ultima analisi, sia Hurkacz ad aver vinto la finale, e non Sinner ad averla persa.

Alla fine della fase centrale e decisiva della partita, il saldo dei colpi vincenti arrideva ancora a Sinner: la differenza in suo favore però è calata da sei a due colpi. Altri quattro punti di differenza che, combinati con la pressione originata dalla prima di servizio e con gli errori di cui si parlava nello scorso paragrafo, sono valsi la partita e il titolo per Hurkacz, che è salito così al N.16 nel ranking ATP (mentre Sinner, sconfitto in finale, arresta la sua corsa, per ora, al ventitreesimo posto).

Mike McDermott, il giocatore di poker interpretato da Matt Damon in “Rounders” (pellicola del 1998), ricordava: “Tutto si decide in poche mani. Il resto è attesa”. Stavolta, è stato Hurkacz ad avere la mano buona, quella del primo Masters 1000 della carriera. Ma, ne siamo certi, Sinner siederà ancora a quel tavolo: con un’esperienza in più e, se possibile, con ancora maggior determinazione.

A cura di Damiano Verda

Continua a leggere
Commenti

ATP

ATP Roma: Travaglia batte Paire e va al secondo turno, out Fognini

Il marchigiano elimina Paire, mentre il ligure è stato battuto da Nishikori. Travaglia potrebbe trovare Shapovalov al secondo turno

Pubblicato

il

Si sono giocati sul Grandstand i primi due match dei giocatori italiani presenti a Roma, Stefano Travaglia e Fabio Fognini, con il primo che è riuscito a passare il turno. Di seguito il resoconto delle partite.

BENE TRAVAGLIA – Il tennista marchigiano ha battuto Benoit Paire per 6-4 6-3 in 78 minuti, e attende il vincente di Shapovalov-Majchrzak al secondo turno. Nel primo confronto fra i due, l’azzurro ha spinto convintamente dall’inizio, attaccando il fragile dritto del francese (anche perché sull’altra diagonale Paire ha iniziato benissimo, infilando sette vincenti a fronte di due soli non forzati nel primo set), e nel terzo game si è procurato una palla break su un controbalzo dell’avversario finito largo di poco. Paire si è salvato in quella circostanza con una smorzata seguita da un passante di rovescio, ma nel settimo gioco ha commesso un altro errore con il colpo meno sicuro e concesso un’altra opportunità; stavolta la sua scelta tattica è stata decisamente meno assennata, optando per il serve-and-volley, e Travaglia ne ha approfittato con un buon passante su cui Paire non è riuscito a tenere la volée in campo.

Il francese si è guadagnato una palla del contro-break con un passante in allungo di rovescio, ma Travaglia è stato lucido, usando servizio esterno e dritto in contropiede per annullarla e salire 5-3, chiudendo poi il set in 42 minuti. E proprio la lucidità è stata la chiave per il marchigiano, che ha fatto tutto ciò che serve per prevalere su un avversario che non dà ritmo, vincendo 29-21 gli scambi brevi, conquistando 14 punti su 16 con la prima e commettendo un solo non forzato.

 

Nel secondo, a dire il vero, Travaglia ha commesso qualche imprecisione di troppo, concedendo due palle break con un approccio di rovescio sbagliato nel secondo game. Ha salvato la prima con un buon servizio al corpo e la seconda con un ace al centro, ma Paire ha retto il successivo scambio sul dritto, sorprendendolo con un cambio lungolinea ed inducendolo a un altro errore di rovescio, e ha breakkato con una robusta risposta di rovescio che l’azzurro non è riuscito a gestire. Per sua fortuna, l’avversario ha commesso due doppi falli da sinistra nel game successivo, concedendo poi il contro-break con un rovescio lungo – Travaglia è riuscito a pareggiare gestendo un buon momento dell’avversario con altri servizi ben piazzati e l’occasionale slice.

A quel punto Paire sembrava solo alla ricerca di una scusa per mollare la partita, e dopo essersi lamentato di una prima esterna finita larga (ha anche scattato una foto al segno a fine partita) ha commesso tre doppi falli di fila che hanno dato il 3-2 a Stetone. Questo il fotogramma del servizio di Paire:

Per la prima volta Travaglia è sembrato distrarsi, mettendo lungo un rovescio per il 3-3, ma Paire gli ha subito concesso un’altra palla break cercando di colpire al volo da fondo. Pur salvandola con la prima esterna, il francese ha poi sbagliato due serve-and-volley che hanno dato il break decisivo a Travaglia, che ha vinto gli ultimi dieci punti dell’incontro per accedere al secondo turno.

FOGNINI – Nel secondo match sul Grandstand, Kei Nishikori ha eliminato Fabio Fognini per 6-3 6-4 in 79 minuti, prenotando un secondo turno potenzialmente molto equilibrato con Pablo Carreño Busta.

Avanti 2-1 nei confronti diretti prima di oggi, Nishikori ha sbagliato pochissimo all’inizio, esercitando grande pressione da fondo e dando sempre l’impressione di avere qualcosina di più in termini di spinta contro un Fognini che si è spesso lamentato degli appoggi. Il giapponese si è procurato una palla break nel secondo gioco quando l’italiano ha giocato un approccio poco convinto, finendo per sbagliare la seconda volée sul passante ravvicinato del nipponico che l’aveva costretto a rifugiarsi nella stop volley. Nishikori ha però fatto una scelta strana sulla palla break, girando attorno alla pallina per rispondere di dritto; quel tipo di risposta dev’essere un vincente per avere senso, cosa che in questo caso non è successa (ben lungi), consentendo a Fognini di chiudere a campo aperto. Nishikori si è però procurato un’altra opportunità con il rovescio lungolinea, e ha breakkato su un errore bimane del ligure.

Il primo set è vissuto di parziali: il giapponese ha infatti vinto i primi otto punti giocati sul suo servizio, e si è procurato tre palle non consecutive del 4-0. Fognini però ha trovato una prima al centro e una esterna intervallate da uno sventaglio in rete dell’avversario, e una volta accorciate le distanze e si è procurato uno 0-40 con un intelligente passantino slice su cui Nishikori ha fallito la demi-volée, trovando il contro-break con una risposta di rovescio e pareggiando con una striscia di 12 punti consecutivi. Smaltita la delusione, il giapponese ha però ripreso il controllo degli scambi da fondo, e ha ricominciato a trovare punti con la prima (12 su 13 nel set) e sul 4-3 in suo favore si è procurato un’altra palla break con un rovescio lungolinea, andando a servire su un errore di dritto dell’italiano, che ha conseguentemente sfasciato la racchetta. Fognini è riuscito a portarsi sul 30-30 con una buona profondità, ma ha concesso il set tirando un rovescio lungolinea in rete.

Nel secondo set Fognini ha provato ad essere un po’ più aggressivo, ma non è bastato: nel terzo game la profondità delle risposte di Kei ha continuato a sottrargli il controllo dello scambio, e uno sventaglio molto carico ha dato adito al 15-40. Fognini si è salvato nella prima circostanza con un servizio esterno, ma nulla ha potuto sul rovescio lungolinea successivo di un avversario in grande spolvero ed estremamente efficiente (cinque errori non forzati per set). La partita si è di fatto chiusa lì, perché nel game successivo Fognini è riuscito al massimo a portarsi al deuce, senza mai riuscire a tirarsi fuori dalla diagonale di sinistra e trovandosi spesso costretto a staccare la mano sinistra per colpi difensivi su cui Nishikori è sempre stato implacabile; negli ultimi due turni di servizio il nipponico ha concesso un solo punto, chiudendo con un ace all’incrocio delle righe.

Il tabellone maschile di Roma con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere

ATP

Internazionali d’Italia: un solidissimo Mager supera de Minaur

Dominante negli scambi da fondocampo, l’azzurro onora la wild card con la sua prima vittoria nel main draw del Foro

Pubblicato

il

Al terzo tentativo, Gianluca Mager mette a segno la prima vittoria nel tabellone principale degli Internazionali: 6-4 6-3 in un’ora e diciotto minuti ai danni di Alex de Minaur. Dritto pesante e prima battuta spesso scagliata piatta ben sopra i 200 km/h, Gianluca ama sentire il mattone tritato sotto i piedi a dispetto di un gioco tutt’altro che inadatto a superfici più compatte e veloci. Non è invece il terreno di battaglia preferito per Demon, che tuttavia quest’anno si presenta a Roma con tre incontri vinti sul rosso, più di tutti quelli ottenuti negli anni precedenti della sua peraltro ancor giovane carriera.

IL MATCH – Mager gira attorno alla palla per comandare lo scambio ma senza esasperare la ricerca del dritto, anche perché il caldo pomeriggio romano è spettatore di un rovescio che regala davvero pochissimo, tanto che alla fine gli errori dal lato sinistro si conteranno sulle dita di una mano – e non servono neppure tutte. In vena di spoiler, evidenziamo subito anche quel dominante 24-7 nei punti tra i cinque e i nove colpi, a sua volta rivelatore di quello che accade quando si comincia a scambiare. Forse sorpreso del vantaggio quasi immediato, Gianluca restituisce subito il break ottenuto al terzo gioco, ma si rifà sotto sul 4 pari. De Minaur inizia ad annullare palle break con l’aiuto della prima battuta, in un caso ben seguita a rete e finalizzata con una non scontata volée; fa male (a noi che guardiamo) la risposta sbagliata sulla seconda, ma fa ancora più male (a de Minaur) la drop volley di Mager, che finalmente passa in vantaggio grazie all’errore del rovescio australiano – l’unico possibile visto che con il dritto non sbaglia proprio mai. Il rovescione lungolinea in uscita dal servizio che apre il decimo game è foriero di un turno di battuta in discesa e, infatti, il 6-4 è messo al sicuro nel giro di un paio di minuti.

Nonostante lo svantaggio nel computo degli ace, il ventiseienne n. 90 del ranking ottiene molto di più dell’avversario quando mette la prima che, se non gli dà il punto diretto, gli permette di colpire con i piedi ben dentro il campo il 70% delle volte che l’australiano la ribatte. Con un atteggiamento estremamente positivo e risoluto, Mager approfitta del poco arrotato dritto australiano finalmente impreciso per l’allungo nel quinto game prontamente consolidato. Il ventiduenne di Syney è ancora in sofferenza sul servizio e sembra quasi leggere la sovrimpressione che con poca sorpresa rivela un perentorio 34-20 a favore dell’azzurro negli scambi da fondo perché si presenta a rete per raccogliere un preziosissimo “15” che lo mantiene in corsa. Imperterrito, Gianluca continua solidissimo, variando velocità e altezza con dritto; i colpi avversari proprio non gradiscono e si assicura di poter servire per chiudere, ma non ce ne sarà bisogno. Il n. 23 ATP annulla un primo match point comandando bene lo scambio, ma il nostro se ne procura un secondo con una strepitosa risposta vincente in allungo. Pochi secondo dopo, il tentativo di spingere con lo sventaglio da parte di de Minaur diventa l’errore non forzato numero 23 e vale il secondo turno a Mager, che può ora godersi il meritato riposo in attesa dell’incontro di martedì, dal quale uscirà il suo prossimo sfidante, tra Lorenzo Sonego e Gael Monfils, fermo dall’Australian Open.

 

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere

ATP

ATP Roma: Sinner facile su Humbert, sfiderà Nadal

Jannik ha solo un momento di difficoltà all’inizio del secondo set, poi si libera del francese ma lo spettro di Rafa già incombe: “Non vedo l’ora di entrare in campo”

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Roma 2021 (via Twitter, @InteBNLdItalia)

J. Sinner b. U. Humbert 6-4 6-2

A dispetto di un numero piuttosto alto nella casella degli unforced, è un Jannik Sinner da corsa quello che supera in un’ora e mezza il n. 32 ATP Ugo Humbert, prendendosi la rivincita dell’unico precedente tra i due, la sfida nel girone delle Next Gen Finals 2019 vinte proprio dal diciannovenne di Sesto, e allo stesso tempo staccando il biglietto per quell’appuntamento con Rafa Nadal che aveva mancato la settimana scorsa a Madrid a causa delle passo falso contro Alexei Popyrin. “Tornerò più forte” aveva promesso l’azzurro e la sua versione del soleggiato lunedì romano ha mantenuto l’impegno.

IL MATCH – Jannik rende subito chiaro a Humbert che dovrà sudarsi i propri turni di servizio rispondendo spesso profondo e carico. Ugo non mette molte prime e, se salva il game di apertura risalendo da 15-40, non può impedire l’allungo azzurro che varia la posizione in ribattuta, sia sulla prima, cercando di tagliare l’angolo mancino a sinistra, sua sulla seconda, più spesso arretrato ma anche con i piedi sulla linea. Quando tocca a lui a iniziare il gioco, Sinner non concede opportunità, forte sì delle tre prime su quattro in campo, ma mantenendo il pallino del gioco anche in quella “quarta circostanza”. Non c’è quasi gara negli scambi da fondo campo e, dopo il 4-1 pesante, Jannik può amministrare fino al 6-2.

 

Humbert chiede l’intervento del fisioterapista per un massaggio al collo e, come nel primo parziale, esce in qualche modo indenne dal gioco di apertura, nonostante Sinner si guadagni gli applausi con chiudendo a rete dopo la smorzata. Si fa però più aggressivo, Ugo, meritandosi la sua prima e anche unica palla break, trasformata dal doppio fallo azzurro. Per nulla impressionato, il nostro ricomincia a menare forte e, con la complicità del dritto e di una prima battuta francesi spesso assente (e che in ogni caso porta poco più della metà dei punti), infila ancora quattro giochi consecutivi, mentre a Humbert non resta che lamentarsi dell’avvertimento per coaching inflittogli da Raluca Andrei e accontentarsi di un leggero vantaggio negli scambi più brevi che non compensa il considerevole divario a favore di Sinner quando si superano i quattro colpi. Nessuna sofferenza al momento di chiudere e scontro con Nadal fissato. Anche con il campione maiorchino sarà (tentativo di) rivincita, dopo il duello di Parigi dello scorso ottobre.

LE PAROLE DI SINNER – “Sicuramente a uno come Nadal non piace perdere contro un ragazzino di 18 o 19 anni, ma forse dovresti chiederlo a lui” risponde Jannik a chi gli domanda se Rafa metta in campo qualcosa in più quando affronta i più giovani. Poiché nella prima parte della stagione rossa abbiamo visto il mancino di Manacor non sfoderare al meglio tutte le armi che possiede, non sembra banale chiedere all’azzurro cosa gli toglierebbe prima del match. “Purtroppo è una domanda inutile” taglia però corto il rossocrinito, “perché non posso togliergli nulla! So che quando scenderà in campo contro di me avrà a disposizione tutti i colpi: dritto, rovescio e volée. Forse la sua qualità principale è che riesce sempre a cambiare gioco quando ne ha bisogno. Questi giocatori, Djokovic o Nadal, ti portano molto più spesso a giocare in certe situazioni. Non è che gli altri non lo facciano, ma loro lo fanno più spesso perché hanno più esperienza”.
Infine, a proposito del loro incontro al Roland Garros, “la mentalità era quella giusta. Dovrò fare la stessa cosa, anche perché so di avere più armi perché credo di essere migliorato. Ma sono cose che devi provare a mettere in campo ed è la cosa più difficile, anche perché credo che adesso lui mi conosca un po’ meglio. Non vedo l’ora di entrare in campo”.

Il tabellone aggiornato con tutti i risultati

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement