ATP Belgrado: Berrettini trova Cecchinato all'esordio, sconfitta che brucia per Travaglia

ATP

ATP Belgrado: Berrettini trova Cecchinato all’esordio, sconfitta che brucia per Travaglia

Marco Cecchinato sconfigge Viktor Troicki e trova Matteo Berrettini al secondo turno. Continua la serie negativa di Stefano Travaglia, sconfitto da Filip Krajinovic

Pubblicato

il

Filip Krajinovic - Belgrado 2021 (foto Twitter @SerbiaOpen2021)
 
 

Giornata iniziale a Belgrado per il Serbia Open, il torneo voluto e organizzato dall’entourage di Novak Djokovic e che vede proprio il n. 1 del mondo ai nastri di partenza come favorito d’obbligo. Come testa di serie n. 2, invece, c’è il n. 1 d’Italia Matteo Berrettini, che resiste nella Top 10 ma che ha bisogno di ritrovare il feeling con la vittoria dopo l’infortunio agli addominali patito lo scorso febbraio in Australia e il difficile rientro a Montecarlo con la sconfitta contro Davidovich Fokina.

“Sto bene ora – ha dichiarato Berrettini durante l’incontro pre-torneo con la stampa – mi sono allenato duramente per partecipare a questo torneo. Sono andato a Miami, ma non ero pronto quindi ho deciso di non giocare. È stato un infortunio pesante, non ne avevo mai avuto uno di quel tipo prima, ed ha avuto un effetto molto serio sul mio servizio. Sento di essere pronto adesso, e mi servono partite per rientrare in forma”.

Durante la sua assenza dal circuito, Berrettini ha visto alcuni suoi giovani colleghi conquistare importanti traguardi. “Questo mi aiuta a migliorare – ha commentato Matteo – in modo da poter essere al loro stesso livello. Hanno dimostrato di poter competere ad alto livello, hanno accumulato parecchia esperienza. Penso che la situazione si evolverà anche a livello dei tornei dello Slam, e questo è un fatto positivo per me e per il tennis in generale”.

 

Cecchinato perfeziona il derby con Berrettini

Avanzato di un turno in quanto testa di serie n.2, Berrettini giocherà al secondo turno contro Marco Cecchinato, che nel suo incontro d’esordio ha avuto la meglio di Viktor Troicki per 6-1, 6-4.

Cecchinato padrone degli scambi fin da subito, ingestibile al servizio (tre punti concessi nel parziale), ottimo anche come reattività sulle buone risposte, invero poche. Ottimo uso del topspin per aprire gli angoli e spingere indietro Troicki, che ha perso campo soprattutto dalla parte del suo dritto un po’ storto e subisce le precise smorzate azzurre. Colui che vanta un best ranking al n. 12, però dieci anni fa, non è stato aiutato neppure dal rovescio poco continuo; non è nemmeno la sua superficie preferita e Ceck ha chiuso il primo set 6-1 in 25 minuti. Poco è cambiato all’inizio della seconda partita, con il drop shot di Marco che ha suggellato il break in un terzo gioco compromesso dagli errori bimani.

Il primo e unico momento di difficoltà è venuto sul 3-2, quando tra il ritrovato rovescio serbo e un Cecchinato apparentemente teso è spuntata ai vantaggi la sola palla break del match. Ceck l’ha però giocata con grande attenzione, non si è fatto sorprendere dal tentativo di contropiede, ed ha così annullato la possibilità del pericoloso aggancio. I due successivi turni di battuta tenuti a zero hanno perfezionato l’appuntamento con Matteo Berrettini, Un solo precedente fra i due, nel 2017 al Challenger di Francavilla, con vittoria del palermitano dopo oltre tre ore.

Stefano Travaglia – Belgrado 2021 (foto Twitter @SerbiaOpen2021)

Continua il periodo no di Travaglia

Oltre a Cecchinato c’era un altro italiano impegnato nella prima giornata del Serbia Open. Purtroppo Stefano Travaglia (n. 67 ATP) non è riuscito a spezzare l’incantesimo che lo vede sempre sconfitto nei match del tabellone principale dalla finale persa con Sinner al Great Ocean Road di Melbourne lo scorso febbraio. Una partita davvero da montagne russe (7-5, 5-7, 6-3), quella giocata da Travaglia contro la testa di serie n. 5 Filip Krajinovic, nella quale il marchigiano ha ceduto un primo set equilibratissimo pagando una bassa percentuale di conversione sulla seconda di servizio e un paio di colpi scappati oltre la linea di fondo mentre serviva sul 5-6.

Sembrava che il match poi avesse preso la strada del giocatore serbo, che con un break conquistato al sesto game si era portato 5-2 ed aveva avuto la chance di servire per il set sul 5-3. Da quel momento ci sono stati cinque giochi consecutivi per Travaglia, che annullando con molto coraggio un match point sul 4-5 e mantenendo la pressione alta da fondo campo è riuscito a ribaltare il parziale e ad aggiudicarselo per 7-5.

La furia di Krajinovic in quel momento si è scatenata sulle sue racchette: prima ha obliterato l’attrezzo che aveva in mano picchiandolo ripetutamente a terra e poi, non pago, una volta arrivato alla sua panchina ha afferrato un’altra racchetta ed ha disintegrato pure quella.

Travaglia sembrava riuscito a prendere il comando del match quando al terzo game si era portato sul 2-1 con un prezioso break di vantaggio, ma due giochi più tardi la partita era destinata a cambiare di nuovo. Con la chance del 4-1 pesante sulla racchetta, Travaglia ha attaccato Krajinovic sul rovescio, ma si è visto infilare da un passante lungolinea molto difficile. Da quel momento il match si è di nuovo capovolto ed è stato il serbo a infilare una serie di cinque giochi consecutivi (e di 22 punti a 9) per chiudere il match al secondo match point, non prima di aver cancellato una chance del 5-5 con un bel diritto anomalo.

Il tabellone completo di Belgrado

Continua a leggere
Commenti

ATP

Wimbledon: Djokovic leggiadro e straripante, non può nulla Kecmanovic

Prestazione grandiosa da parte del n. 1 del tabellone Novak Djokovic: ora la marcia verso il quarto titolo di fila a Church Road si scontrerà con Van Rijthoven, nel suo 55° ottavo nei Major

Pubblicato

il

Novak Djokovic – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @rolandgarros)
Novak Djokovic – Wimbledon 2022 (foto via Twitter @rolandgarros)

[1] N. Djokovic b. [25] M. Kecmanovic 6-0 6-3 6-4

Il terzo atto del derby balcanico, dopo i due tra il 2021 e la stagione in corsa nei quarti del Belgrado Open, tra Novak Djokovic e Miomir Kecmanovic va come i precedenti al serbo più titolato. Il n. 3 del mondo, infatti, s’impone con lo score di 6-0 6-3 6-4 in 2h19 centrando così la vittoria consecutiva numero 24 su questa superficie dal 2018 ad oggi, – ultima sconfitta ai Championships nel 2016 contro Sam Querrey, escludendo quella nei quarti dell’anno dopo con Berdych avvenuta per ritiro – tutte ottenute sui sacri prati di Wimbledon, nella sua 350esima partita negli Slam. Curiosamente ottiene questo traguardo proprio nella ventiquattresima partita stagionale. Per il 35enne di Belgrado una prestazione sontuosa, che fornisce un ulteriore argomentazione alla tesi che lo erige a grande favorito per il successo finale.

Niente da fare dunque per l’ex n. 1 juniores, che alla sua terza partecipazione nel main-draw di Wimbledon deve abbandonare senza colpo ferire lo Slam londinese al terzo turno come gli era già accaduto a Parigi il mese scorso – eliminato da Medvedev. Mentre era riuscito a qualificarsi agli ottavi in Australia, battendo il nostro Lorenzo Sonego. Il 20 volte campione nelle prove del Major ha concesso in tutto l’incontro solamente quattro break point, tra l’altro tre di queste concentrate nel suo secondo turno del match, creandosi invece opportunità per breakkare in 9 dei 12 game alla battuta del 22enne serbo. Al quarto turno ad aspettare Djokovic nel suo 55° ottavo a livello Slam, il 14° a Wimbledon ci sarà Tim Van Rijthoven.

 

IL MATCH – Si affrontano due giocatori dalle caratteristiche tecniche praticamente speculari, che fanno della pressione da fondo il loro marchio di fabbrica. Ed è proprio questo il grande problema da dover dirimere per Kecmanovic, perché certamente si può mettere in difficolta l’uomo di gomma se si è in possesso di uno stile di gioco vario e che non dia ritmo, ma se invece il proprio tennis rispecchia il terreno di caccia preferito dell’ex n. 1 del mondo allora la questione si fa veramente ardua. L’avvio dell’incontro, in questo senso, conferma perfettamente le sensazioni della vigilia, Miomir prova a spingere a più non posso, specie sulla diagonale destra. Ma alla lunga, quando lo scambio si prolunga, dall’altra parte il muro del 20 volte campione Slam rimanda qualsiasi cosa dall’altro lato e perciò il n. 30 ATP va a finire che prima o poi s’inceppa andando fuori giri.

Il break è così servito in apertura, ma l’allievo di Nalbandian quest’anno può godere di grande fiducia visto la stagione che sta disputando, e riesce a procurarsi due palle break nel terzo gioco anche aiutato dal cambio ritmo dello slice. Novak è una leggenda, e decide di darne un’ulteriore dimostrazione mostrando come i grandi campioni nei momenti di difficoltà sappiano tirare fuori dal cilindro delle soluzioni al loro non convenzionali: il n. 1 del tabellone si aggrappa ad uno scintillante servizio e a suon di prime vincenti o di serve&volley da antonomasia, si risolleva e si porta sul 3-0. Djokovic gioca leggero, sicuro dei propri mezzi, è perfettamente consapevole che l’avversario di oggi non può mai e poi mai impensierirlo – parziale di addirittura 8 punti consecutivi vinti in risposta che lo proiettano sul 4-0. Attacchi supersonici con il back, fluidità e pulizia nei colpi che fanno raccapricciare tutti coloro che lo devono affrontare. Il sette volte campione di questo torneo è semplicemente straripante, il timing sulla palla è pazzesco e il povero Kec può solo prendere atto del bagel subito in soli 19 minuti.

La musica non cambia nel secondo set, Robo Nole continua a far faville tra passanti bimani impossibili ed una copertura magistrale della rete. Il giovane concittadino del padre spirituale del tennis serbo, è in una condizione di frustrazione perenne e agonizzante, costretto a forzare quando non mette la prima e ad incorrere nel doppio fallo. Possiamo far poco per consolare Kecmanovic, poiché gli occhi della tigre da parte del cannibale sono quelli delle giornate migliori. Non ha intenzione di lasciare per strada neanche un quindici, ma bisogna riconoscere uno spirito assolutamente ammirevole di Miomir, che riesce finalmente a sbloccarsi cancellando anche una palla break del possibile 2-0 in apertura di seconda partita. Si capisce che il 5 volte maestro del Masters di fine anno, finora ammirato, è quello delle grandi occasioni anche da come scuote la testa quando commette un dei pochissimi errori della sua partita – se proprio si vuole trovare il pelo nell’uovo nella performance del 35enne mostro sacro di questo sport, i 3 doppi falli. Nole è invalicabile al servizio, è pressocché inattaccabile. E’ questione solo di minuti prima che arrivi anche l’allungo in questo set, però l’ex n. 1 junior non molla di un centimetro e annullando due palle break in un game infinito da 13 punti si tiene a galla (3-3). Lo sfavorito è però certamente salito di livello, dopo un inizio un po’ contratto vincendo anche alcuni bei scambi nei pressi della rete. Purtroppo, per sua sfortuna, i turni in battuta del connazionale di 13 anni più anzianotto vanno via in un amen, a differenza dei suoi sempre molto laboriosi e lunghi. La pressione difensiva di Djokovic paga i dividenti nell’ottavo gioco e permette al fuoriclasse balcanico di volare sul 2-0 (6-0, 6-3).

La tds n. 25 sta dando tutto, ma è scoraggiante anche solo provarci quando hai di fronte un tennista di stato di grazia – che poi è quello abituale del nove volte campione dell’Open d’Australia – e che parte in questo terzo parziale illuminando gli occhi degli spettatori del Centre Court con tutto il suo campionario: pallonetto al volo, con conseguente attacco in controtempo e chiusura con la demi-volée di rovescio; schema da far tremare i polsi. Questa volta il n. 30 rimane indenne, annulla la nova palla break offerta e sfrutta il vantaggio di servire – non gli era mai capitato – per primo per mettere il naso avanti. Ormai però il match è segnato, quinto break realizzato dal recordman di settimane in cima alla classifica mondiale, il quale viene suggellato da un punto emblematico che testimonia la superiorità incontrastata dell’ex n. 1: irreale recupero in spaccata dal lato destro, che solo lui probabilmente nella storia del tennis può eseguire, accompagnato da una delicata smorzata. Nel settimo game giunge chirurgico il doppio break per il rullo compressore di gomma, che però proprio nel momento di chiudere torna ad offrire chance in battuta e cede il servizio nel primo passaggino a vuoto della sua partita. Poco male, perché pur con qualche minuto di ritardo al secondo tentativo Novak non perdona.

LE PAROLE A CALDO DI DJOKOVIC –Nulla viene dato per scontato, quindi ancora una volta ringrazio il pubblico per aver sostenuto i giocatori in campo. Ho cominciato benissimo, molto forte con tanta intensità e concentrazione. Conosco molto bene Miomir, [Kecmanovic, ndr] ci alleniamo spesso insieme. Lui e un altro paio di giocatori stanno facendo bene, auguro loro il meglio e spero che potremo giocare molte altre volte sul Campo Centrale. Vuol dire che sono parecchi anni che gioco (sui 350 match nei Major), sono molto grato e contento di poter competere ad alti livelli per poter cercare molte più vittore negli Slam. Sono i tornei che contano di più nel nostro Sport, sono molto orgoglioso per la continuità a questi livelli. Sto migliorando di partita in partita, e tu speri sempre che il match successivo ti faccia alzare il livello ed è quello che sta accadendo. Mi aspetto sempre il massimo da me e fin qui tutto bene“.

Continua a leggere

ATP

Wimbledon: Vavassori piace e diverte, ma Tiafoe è troppo solido

LONDRA – Andrea attacca e gioca bene, Frances tira, corre e alla fine vince senza rischiare. Tanti applausi per l’italiano

Pubblicato

il

[23] F.Tiafoe b. [Q] A.Vavassori 6-4 6-4 6-4 (da Londra, il nostro inviato)

Inizio piuttosto teso sul court 17 di Wimbledon, con Frances Tiafoe che si presenta in campo quasi 9 minuti in ritardo, e Andrea Vavassori che dà il via al match perdendo subito il servizio. L’italiano è comprensibilmente contratto, lo si capisce dai lanci di palla sbagliati e da qualche accelerazione non abbastanza convinta, ma insomma, siamo davanti a un ragazzo che sta giocando una partita sognata chissà quante volte.

Frances da parte sua non sembra proprio in forma scintillante, nel secondo game concede un paio di occasioni a Vavassori per rientrare subito, e poi subisce la reazione di Andrea che dallo 0-2 recupera e sorpassa fino al 3-2. Poco dopo, sul 3 pari, inizia a piovere, ed è un peccato, perchè l’inerzia si era spostata, da bordocampo sento Tiafoe smoccolare parecchio per le difficoltà a stare in equilibrio, e questo ben prima dello scroscio. D’altronde, con quegli appoggi potenti e pesanti, l’erba intonsa delle prime giornate diventa traditrice, l’americano qui non è mai andato oltre il terzo turno.

 

Come era purtroppo prevedibile, la pausa (di un’oretta circa) permette a Frances di riordinare le idee, il che si traduce, a furia di botte da fondo, servizi e buoni passanti, in un break che viene capitalizzato per il 6-4. A inizio secondo set un doppio fallo, una bella risposta dell’americano, e un errore sottorete costano ancora un game di servizio a Vavassori. Da quel momento Tiafoe non rischia più (mentre Andrea si salva da uno 0-40) e siamo 2 set a zero, 6-4 6-4. Non è male la partita, anzi, Vavassori fa vedere cose belle in attacco e prende tanti applausi, ma il gap di cilindrata in favore di Frances si fa sentire, ogni volta che colpisce comodo l’americano fa male soprattutto al rovescio di Andrea, che ha un ottimo slice ma non basta.

“Che bello essere qui, peccato il primo set. Mi sento bene, ora testa al doppio di mercoledì!”

Ormai nei game di servizio di Vavassori c’è lotta, con palle break assortite, in quelli di Tiafoe non si gioca o quasi, e l’inevitabile break decisivo arriva nel nono game del terzo set. Il 6-4 6-4 6-4 conclusivo è giusto per quanto visto in campo, la speranza è di poter rivedere ancora Vavassori a questo livello. Nel frattempo, solo complimenti per Andrea.

Continua a leggere

ATP

ATP Eastbourne: Fritz piega Cressy in una finale da erba d’altri tempi

Dopo un primo set dominato dal N.14 del mondo, zero palle break concesse da entrambi nei due successivi. La spunta Taylor al tie-break decisivo

Pubblicato

il

Clicca qui per ascoltare il video intero!

[3] T. Fritz b. M. Cressy 6-2 6-7(4) 7-6(4)

 

Se avete nostalgia dell’erba dei tempi che furono e passate le giornate su Youtube per ritrovare il prato spelacchiato nei pressi della rete probabilmente la finale di Wimbledon che si giocherà tra due settimane non vi renderà felici. Potete però ripiegare sulla finale del torneo di Eastbourne che hanno disputato Taylor Fritz e Maxime Cressy in un derby americano inatteso quanto old-fashioned.

Il campione di Indian Wells aveva già vinto questo torneo tre anni fa da giovanissimo ed evidentemente ha un rapporto speciale con questi campi. Cressy è senza alcun dubbio il miglior giocatore di serve&volley sistematico al mondo in questo momento, almeno in singolare. Non solo è il migliore ma è probabilmente anche l’unico sotto i 2 metri di altezza.

Alla fine ne è venuto fuori un match da 1992 più che da 2022: Fritz ha dominato il primo set con due break nel primo e nel settimo gioco sfruttando 2 palle break su 3. Da lì in avanti nessuno dei due giocatori ne vedrà più una fino alla fine.

In questo modo Fritz ha chiuso l’incontro, vinto al tie-break decisivo, non concedendo nemmeno una palla break in tutto l’incontro cedendo appena 10 punti complessivi alla battuta su 83 (12%). Paradossalmente 2 di questi 10 punti li ha persi nel tie-break del secondo set e gli sono costati dunque l’allungamento del match al terzo.

Nel tie-break decisivo invece i ruoli si sono invertiti: è stato Fritz a portare a casa due mini-break che gli sono valsi il terzo titolo della carriera, il secondo della stagione dopo il Masters 1000 in California e anche il secondo sui prati di Eastbourne.

Una cosa è sicura però: non prendete impegni per martedì perché Auger-Aliassime contro Cressy rischia di essere di gran lunga il primo turno più spettacolare di Wimbledon 2022.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement