WTA Madrid: Mertens batte Halep al termine di una partita splendida. Ai quarti trova Sabalenka

Flash

WTA Madrid: Mertens batte Halep al termine di una partita splendida. Ai quarti trova Sabalenka

La due volte campionessa di Madrid spreca troppo. La belga cresce alla distanza, vince e contenderà un posto in semifinale alla bielorussa, storica compagna nel doppio

Pubblicato

il

Elise Mertens - Madrid 2021 (MMO21 foto di Ángel Martínez)
 

Un gran match, l’ottavo di finale vinto da Elise Mertens contro Simona Halep, e chi parla di partita “solo” intensa avrebbe bisogno di frequentare un corso di educazione al gioco. Non se ne vedono in effetti spesso, di esibizioni simili, né sulla terra rossa né altrove. Ha vinto la fiamminga, alla fine, perché ha avuto meno paura della collega nei momenti torridi, senza contare che, valicate le due ore e trenta di lotta belluina, contano più le gambe del pedigree. Una partita da copertina, il cui finale pirotecnico è valso a emendare ampiamente un primo set condito da qualche bruttura tecnica di troppo.

All’alba dell’incontro ad Halep è stato necessario trovarsi due volte in vantaggio di un break per passare in vantaggio, e alla fine c’è riuscita, perché il tennis di Mertens, in effetti sempre sconfitta nei tre precedenti sul mattone tritato, è sembrato ancora una volta a disagio sulla superficie rossa, dove appoggiarsi è più difficile, e tocca spingere. Inoltre, il rovescio lungo linea, grimaldello che alla lunga si rivelerà fatale alla romena, stentava a stare nel rettangolo, e quando entrava faceva il solletico. In ogni modo, Elise ha annusato l’aria, e ha capito che il vento avrebbe potuto iniziare a tirare dalla sua anche quando è finita sotto di un break nel secondo, dopo aver sprecato il vantaggio di tre a uno: i belgi di vento se ne intendono.

Halep, che ricordiamo già due volte campionessa da queste parti, oggi non era in vena di aver cura dei risparmi accumulati: di nuovo rimontata, la tennista da Costanza si è trovata a dover servire per rimanere nel set sul cinque a sei, ma quattro errori non forzati consecutivi l’hanno costretta al terzo. Lì lo spettacolo è iniziato davvero, molti errori si sono trasformati in vincenti da cinema, e tuttavia uno dei filoni del match, forse il più rilevante, è proseguito sul medesimo copione incurante del cambio di sceneggiatura: per due volte avanti di un break, il secondo clamoroso omaggio di una Mertens incapace di appoggiare un rovescio bimane a un metro dalla rete con l’avversaria immobile, Halep è rimasta ostaggio dei propri fantasmi, e il rovescio lungo la linea della belga, ora vincente con costanza, ha fatto il resto. Ancora sul cornicione del cinque a sei, la terza testa di serie ha deciso di portare a quarantotto totali l’esorbitante numero di errori non forzati, cedendo definitivamente il passo.

Ho bisogno di giocare qualche partita in più“, ha detto Simona in conferenza stampa, non troppo rabbuiata per la sconfitta. “A volte ho troppa fretta di vincere il punto” è la sua analisi; il modo migliore per risolvere il problema, a suo dire, è mettere più tennis nelle gambe.

Per la prima volta in carriera nei quarti di Madrid, Mertens affronterà un’altra debuttante tra le prime otto nella capitale spagnola, in un match colmo di significati anche personali: Aryna Sabalenka, la quale ha travolto in cinquantaquattro minuti la povera Jessica Pegula, è stata per una manciata d’anni la compagna di grandi successi in doppio, anche se il sodalizio è stato temporaneamente sciolto un paio di mesi fa.

Il tabellone completo

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement