A Madrid si respira aria di normalità

Flash

A Madrid si respira aria di normalità

MADRID – Il primo 1000 europeo con pubblico da quando il mondo è cambiato. In una città dove si sfida il virus con coraggio. Forse troppo

Pubblicato

il

Caja Magica, pubblico - Madrid 2021 (ph. Mateo Villalba)
 

dal nostro inviato a Madrid

Il tennis ce la sta mettendo tutta per tentare di riacquistare una parvenza di normalità, e l’evento di Madrid sembra essere una tappa importante lungo questa strada. Dopo aver assistito all’Australian Open con pubblico e al combined di Miami con qualche tifoso sugli spalti (non erano molti, ma nel complesso dell‘Hard Rock Stadium qualcuno è potuto entrare), il Mutua Madrid Open ha aperto i cancelli (teoricamente) al 40% della capienza dell’impianto, primo Masters 1000 ad accogliere un numero tanto ampio di tifosi da quando il Tour è ripreso.

Nei primi giorni dell’evento, in cui si sono disputati i primi turni femminili e le qualificazioni maschili, la risposta è stata un po’ timida ma anche in condizioni pre-Covid l’affluenza difficilmente sarebbe stata maggiore. Negli ultimi giorni invece, complici anche le giornate di festa – il 1° maggio, festa dei lavoratori, e il 2 maggio, la festa della mamma qui in Spagna – si sono viste molte più persone.

I dati in nostro possesso smentiscono parzialmente il limite del 40%, considerando che l’organizzazione del torneo ha comunicato un tetto di ingressi giornalieri attorno ai 4800-5000 spettatori. Siamo più vicini a una capienza del 20-25%: riportando le proporzioni tra le varie aree aperte ai tifosi, da una nostra stima risulta che il Manolo Santana (capienza totale circa 10.000 spettatori, secondo il sito del torneo) è aperto a sole 2000 persone e l’Arantxa Sanchez a circa 700, cifre a cui vanno aggiunti i biglietti venduti per i campi secondari (ground).

Di biglietti per il centrale ne sono rimasti pochissimi e ci si aspetta il tutto esaurito per i prossimi giorni. Il sito del torneo, infatti, riporta che i biglietti sono ‘venduti al 99%’ con l’eccezione di due soli slot, che però sembrano essersi riempiti proprio nelle ultime ore: fino a poco fa era ancora possibile acquistare posti per le sessioni diurne di venerdì (giornata di quarti di finale maschile) e sabato (una semifinale maschile) al prezzo di circa 100 euro, mentre durante la settimana i prezzi per il Manolo Santana Stadium hanno oscillato tra 30 e 60 euro a seconda del giorno e della sessione. Per l’Arantxa Sanchez Stadium invece, il secondo per capienza, il prezzo si aggira attorno ai 50 euro, ma già a partire da venerdì 7 il campo verrà utilizzato solamente per il torneo di doppio e in quel caso il prezzo si dimezzerà.

Come vi abbiamo già raccontato, il campo 3 (anch’esso provvisto di tetto) resterà chiuso al pubblico per tutta la durata del torneo. La motivazione sembra essere l’impossibilità economica di garantire la sicurezza e l’igienizzazione anche di un terzo stadio.

Caja Magica – Madrid 2021 (photo MMO21)

All’interno dell’impianto, a differenza delle passate edizioni, sono completamente assenti i gazebo delle varie marche sportive e l’unico luogo in cui è possibile fare acquisti è un piccolo bancone con prodotti brandizzati del torneo (cappellini, magliette, grosse palle da tennis per gli autografi). In compenso ci sono molti stand dei principali sponsor del torneo: una compagnia telefonica, un’assicurazione, il quotidiano Marca, Mercedes per citarne alcuni.

L’unica attività concessa al pubblico oltre alla possibilità di guardare tennis è… mangiare, e in questo caso la scelta è un po’ più varia.

A circa 10 euro ci sono dei panini, con calamari o con prosciutto spagnolo, mentre con una quindicina d’euro si può pranzare con un burger o una pizza, bibita inclusa. L’offerta nel complesso non è molto varia, ma se si considera che dodici mesi fa questo torneo neanche si è potuto disputare, dopo vari tira e molla, può essere considerata una ripartenza più che dignitosa. Una ripartenza decisamente in linea con l’atmosfera che si respira nella città di Madrid, dove i tutti i locali sono aperti – anche all’interno – rigorosamente fino alle 23. In giro per le vie tutte le persone indossano la mascherina, ma dentro i locali la cosa cambia e diventa discrezionale: i camerieri la portano, ma la maggior parte dei clienti no.

Per quanto riguarda lo spostamento in metro, purtroppo risulta impossibile mantenere il distanziamento e non ci sono posti sui quali non è possibile sedersi (come succede ad esempio sui treni), il che contribuisce a creare dei veri e propri assembramenti. Il discorso diventa vero soprattutto dalle 22:30 in poi, quando tutti (con una certa calma) rientrano a casa per rispettare il coprifuoco. Di forze dell’ordine se ne vedono tante in giro, anche per via delle elezioni locali per eleggere il Presidente della Comunità di Madrid che si sono svolte martedì. I toni della campagna elettorale negli ultimi giorni hanno raggiunto picchi preoccupanti e le numerose manifestazioni nelle piazze principali della città necessitavano dunque di supervisione.

L’impressione abbastanza ovvia è che queste riaperture così estese – in contrasto con il resto del paese – siano state una scelta politica da parte delle forze di centro destra uscenti per accumulare consensi, e i sondaggi sembrano dargli ragione.

Tornando alla Caja Mágica, invece l’atmosfera che si respira è molto distesa tanto che ieri il pubblico, invitato più volte a lasciare il campo al termine de tie-break tra Muchova e Sakkari per motivi di coprifuoco, ha sì sovrastato il messaggio della speaker con i fischi, ma giunta l’ora di andarsene proprio nel momento clou, ha lasciato il Manolo Santana Stadium ordinatamente e senza polemiche. Inoltre forse c’è quest’aria di distensione perché dei Big Three è presente il solo Nadal (non era mai successo da quando il torneo si gioca su terra, ovvero dal 2009) e dunque qualsiasi dibattito su chi sia il migliore è rimandato ad altra sede e altri tornei.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
Editoriali del Direttore4 settimane fa

Australian Open: Sabalenka regina quasi scontata. Bolelli Vavassori in vista Slam. E diritti tv: Sky, Supertennis, FITP: la negoziazione langue

ATP4 settimane fa

La storia del tennis italiano chiama a sé Sinner, da De Stefani a Berrettini passando per le vittorie di Pietrangeli, Panatta, Schiavone e Pennetta

Australian Open4 settimane fa

Australian Open – Jannik Sinner è molto più calmo di tutti quelli che oggi lo osannano. Un anno fa era il tennista dei… senza

Novak Djokovic - Australian Open 2024 (X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Djokovic: “Sono scioccato, uno dei miei peggiori match di sempre”

Editoriali del Direttore3 settimane fa

Jannik Sinner non è un patriota per cui tifare perché non paga le tasse in Italia? Non sono d’accordo con Aldo Cazzullo e Massimo Gramellini

ATP3 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Australian Open, Scanagatta: “Ora per tutti Sinner è diventato il favorito. Per lui meglio Medvedev piuttosto che Zverev. E’ stato 7 ore in campo meno del russo battuto a Pechino, Vienna e Torino” [VIDEO]

Jannik Sinner - Australian Open 2024 (foto X @AustralianOpen)
Australian Open4 settimane fa

Australian Open: estasi Sinner! Djokovic si arrende in quattro set, è la prima finale Slam [VIDEO]

Australian Open4 settimane fa

Australian Open: Cahill e Vagnozzi, i “tagliatori” del diamante Sinner

Australian Open4 settimane fa

Australian Open, Vagnozzi prima della semifinale: “Le vittorie degli ultimi sei mesi hanno reso Jannik più forte e consapevole”

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement