Pagelle Roma: Imperatore Rafa, gladiatore Sonego

Flash

Pagelle Roma: Imperatore Rafa, gladiatore Sonego

Rafa Nadal centra la decima agli Internazionali d’Italia battendo Djokovic. Swiatek padrona, Sonego show e la Fit che fa sempre centro

Pubblicato

il

Non è colpa loro eh, sia chiaro. Ci hanno pure provato a perdere e in più di un’occasione ma alla fine, per l’ennesima volta sono arrivati in fondo ancora loro. Ce l’aveva quasi fatta Shapovalov (7) a fermare il primo, ma niente. Ce l’aveva quasi fatta Tsitsipas (7,5) a fermare il secondo, ma niente.

“La NextGen siamo noi” ha detto Nole e si capisce, lo ha detto mentre guardava Pietrangeli in tribuna. Ma forse aveva proprio ragione Fabio Fognini (4,5 nel torneo, 10 alla dichiarazione dell’epoca) quando disse che “La NextGen è una cazzata”.
È così la finale di Roma è stata ancora una volta una storia tra loro due, gli eterni rivali nella città eterna. Fenomeni, mostruosi, inarrivabili, incommensurabili per abnegazione e voglia di vincere e non arrendersi mai.

Rafa Nadal (10) l’ha spuntata, come da pronostico e come da tradizione e può puntare verso Parigi con serenità ritrovata. Saranno felici dalle parte di Porte d’Auteuil che “Roma è davvero il posto più importante della mia carriera” ma vabbè, sono anche abituati ai discorsi di Rafa. E comunque, provateci voi ad essere originali se vi tocca fare sempre gli stessi discorsi negli stessi posti.
Insomma Djokovic (9) battuto ma non abbattuto, era chiaro che alla lunga avrebbe pagato l’accumulo di stanchezza ma tanto è tra qualche settimana che si parrà la sua nobilitade.

 

È stato un torneo entusiasmante, soprattutto per coloro i quali avevano comprato i biglietti nei mesi scorsi per poi ricevere una comunicazione che i loro tagliandi non rientravano nel 25% dei posti disponibili e vedere la Fit (10 e lode per la fantasia), mettere in vendita quegli stessi biglietti a prezzi raddoppiati. O per chi aveva acquistato un biglietto per la sessione serale e se l’è trovata dimezzata, salvo ricevere un voucher (di soldi neanche a parlarne). O per chi aveva acquistato un biglietto che comprendeva cinque partite, ne ha viste quattro e ha ricevuto in omaggio una bottiglietta di amuchina. Ma delle avventure degli spettatori ne abbiamo già parlato in settimana e non vi tedieremo oltre.

Per fortuna ci hanno pensato i nostri a farci dimenticare tutto. Lorenzo Sonego (9,5) ha insegnato a Belotti e compagni cosa significhi il cuore-Toro, ma soprattutto dopo questo torneo ora ha il dovere di credere in una carriera da top, poiché ha tutto per restare a lungo in vetta. E il sogno di giocare la Finals in casa si trasforma sempre più in un obiettivo.

Matteo Berrettini (7,5) ha dato una lezione agli italopitechi, spiegando con un elegante sorriso che se hai perso 6-2 il secondo set non puoi prendertela con un errore arbitrale, Jannik Sinner (7) ha perso con Nadal e si è arrabbiato, il che non può che essere una buona notizia.

Marco Cecchinato (5) non ha preso bene la mancata wildcard andata a Mager (6,5) lamentandosi di bambini e caramelle, mentre Camila Giorgi (4) è riuscita a perdere una partita che poteva perdere solo lei. Poi vabbè, l’arbitro ha un po’ esagerato nell’invocare assistenza contro Sergio Giorgi, che sarà pure scatenato ma non per questo è giusto trattarlo come un serial-killer.

Sono successe anche cose imprevedibili in questo torneo, tipo la pioggia che costringe ad una programmazione improvvisata o tipo Nishikori (7) che vince una partita per ritiro dell’avversario, al punto che eravamo sicuri si trattasse di un errore della grafica.

Lorenzo Musetti (6) ha dovuto sorbirsi gli strali dei tifosi da bar per la sconfitta con Opelka (8,5) salvo poi scoprire che Opelka è un signor giocatore. Certo l’idea degli organizzatori di programmare la partita  sul campo 1 dove gli out sono piccoli  non è un colpo di genio. Nadal ha avuto “la fortuna” di sfidare il gigante americano sul centrale e infatti si è piazzato a rispondere sul Pietrangeli…

Iga Swiantek (10) ha demolito tutte le sue avversarie, lanciandosi nel migliore dei modi verso la riconferma a Parigi, e il primo pensiero dopo la vittoria è stato poter finalmente mangiare il tiramisù. Se aggiungiamo che ha chiamato il suo gatto Grappa, capite perché la polacca è già un nostro idolo.

In tutto ciò ha pure rifilato un doppio indigesto bagel alla malcapitata Pliskova (7), che solo in gioventù aveva beccato una sconfitta simile, in un torneo Itf a Latina: fossimo in lei, eviteremmo di andare a giocare nel nascente torneo di Frosinone.

Ah, come abbiamo detto sopra Nadal e Djokovic continuano a dominare. A Roma abbiamo scorto Andy Murray giocare il doppio. E domani torna in campo a Ginevra un certo svizzero. Venus e Serena (auguri alla nostra Pigato che l’ha beccata alla prima partita della vita) ripartono da Parma. Magari non è proprio come dice Fognini, ma sul pianeta terra (rossa) i dinosauri non hanno nessuna intenzione di estinguersi.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Murray: “GOAT? Quello che ha fatto Djokovic è incredibile e lo mette al primo posto”

Intervistato prima del suo esordio al Queen’s Club di Londra, Murray dice la sua sulla questione: “Nole ha vinto due volte tutti i 1000 e tutti gli Slam, è stupefacente”

Pubblicato

il

Andy Murray - ATP Queen's 2021 (via Twitter, @QueensTennis)

È l’argomento tennistico più dibattuto da domenica sera, da quando cioè Novak Djokovic, battendo Stepanos Tsitsipas in cinque set nella finale del Roland Garros, ha conquistato il suo 19° titolo Slam. Chi è il GOAT, ossia il più grande di tutti i tempi?

Le tesi sono trite e ritrite, affrontate in tutti i modi possibili, secondo le varie e possibili sfaccettature di questo tema, complesso e arzigogolato. Eppure piace e solletica i palati degli eserciti di tifosi (molto agguerriti) dei Big Three del tennis mondiale. Quando (e non se…) il serbo raggiungerà Federer e Nadal, che guidano questa speciale classifica a quota 20?

Ha detto la sua anche Andy Murray, il giocatore che forse più di tutti ha subito la presenza di questi tre mostri sacri, per intenderci uno di quelli che, nato in un altro periodo storico, avrebbe probabilmente ottenuto maggiori vittorie di quelle che ha effettivamente raggiunto.

 

Intervistato durante la conferenza stampa precedente alla sua partita d’esordio al Queen’s con Paire – oggi attorno alle 16 – nella quale ha parlato a lungo anche delle sue condizioni fisiche (ne daremo conto in un altro articolo), è stato abbastanza netto sul tema: “È vero, le tre carriere non si possono dire concluse, ma quello che ha fatto Djokovic, vincendo tutti i Masters 1000 due volte, e tutte le prove dello Slam, anche queste, per due volte, credo che lo metta già al primo posto di questa classifica; è stupefacente“.

Parole di grande rispetto sono comunque state riservate a Nadal e Federer: “Non possiamo nemmeno dimenticare Rafael Nadal, che ha vinto il Roland Garros tredici volte. Poi ovviamente c’è Roger. È ancora un tennista unico nonostante abbia affrontato diverse generazioni e continua a giocare ai massimi livelli. Detiene molti record e i risultati che ha raggiunto sull’erba sono irraggiungibili. Quindi tutti hanno ragioni sufficienti per essere il GOAT. L’unica cosa chiara è che stiamo vivendo l’epoca migliore della storia del tennis”.

So che la gente ha detto la stessa cosa di quando Sampras ha vinto 14 Slam. Era come Dio. Tutti pensavano che nessuno avrebbe mai battuto quel record; poi però sono arrivati tre ragazzi che probabilmente vinceranno più di 20 major e che rispetto a Pete rappresentavano la Next Generation”.

Non ha rimpianti Andy; anzi, alla soglia del crepuscolo tennistico si lascia andare a dichiarazioni di sincera ammirazione: “È incredibile quello che hanno fatto. È stato fantastico giocare in questo periodo, sicuramente anche molto impegnativo, ma, sì, penso che come fan del tennis sia stato un grande, grande momento nella storia di questo sport e ho avuto la possibilità di viverlo (e vincere n.d.c.) anche come giocatore”.

Continua a leggere

Flash

Rogers Cup: c’è l’ok per Montreal, si attende per Toronto. Il Masters 1000 si dovrebbe giocare

Le autorità sanitarie di Quebec e Ontario collaborano con gli organizzatori del torneo. Scartata l’ipotesi di trasferimento negli USA, la disputa del torneo sembra probabile

Pubblicato

il

Se in condizioni normali organizzare un torneo di tennis è un compito difficile, diventa ancora più complesso farlo in regime di pandemia. In Canada ce la stanno mettendo tutta per evitare di saltare un’altra edizione della Rogers Cup come accaduto lo scorso anno, e al momento le possibilità di successo sembrano abbastanza alte.

Stando all’alternanza delle sedi che caratterizza l’evento, il circuito ATP dal 9 agosto farà tappa a Toronto mentre quello WTA a Montreal. In un comunicato rilasciato ieri dagli organizzatori viene fatto sapere che per quanto riguarda il torneo femminile le autorità sanitarie hanno approvato il protocollo, mentre è solo questione di giorni prima che ciò accada anche a Toronto.

“Tennis Canada ha confermato lunedì che il torneo National Bank Open di Montreal ha ricevuto una lettera di approvazione dalle autorità sanitarie provinciali del Quebec affinché l’evento si svolga secondo i protocolli presentati. Secondo i requisiti sanitari federali, questi protocolli sono ora in fase di revisione da parte della Agenzia della Sanità Pubblica del Canada. […] Per quanto riguarda il National Bank Open di Toronto, Tennis Canada continua a tenere discussioni produttive con tutti i livelli di governo riguardo alle loro linee guida sulla salute. Speriamo di ricevere presto la stessa approvazione dal governo dell’Ontario sui nostri protocolli a Toronto

 

Al momento queste approvazioni si riferiscono solamente allo svolgimento del torneo a porte chiuse, ma la Federazione Canadese auspica che con l’incremento del numero dei vaccinati e il calo dei contagi si possa consentire l’ingresso alle persone. Inoltre l’opzione di trasferire in torneo negli Stati Uniti è stata definitivamente abbandonata, e dunque a Cincinnati dovranno accontentarsi – si fa per dire – del solo Masters 1000 in programma dal 16 agosto.

Ricapitolando, ecco il calendario dei tornei maschili che si disputeranno a luglio e agosto, dopo Wimbledon (al via il 28 giugno).

  • dal 12 luglio
    ATP 500 Amburgo (terra)
    ATP 250 Newport (erba)
    ATP 250 Bastad (terra)
  • dal 19 luglio
    ATP 250 Umago (terra)
    ATP 250 Los Cabos (cemento)
    ATP 250 Gstaad (terra)
  • dal 24 luglio
    Olimpiadi Tokyo (cemento)
    ATP 250 Atlanta (cemento)
    ATP 250 Kitzbuhel (terra)
  • dal 2 agosto
    ATP 500 Washington (cemento)
  • dal 9 agosto
    ATP 1000 Toronto (cemento)
  • dal 15 agosto
    ATP 1000 Cincinnati (cemento)
  • dal 22 agosto
    ATP 250 Wiston-Salem (cemento)
  • dal 30 agosto
    US Open (cemento)

Continua a leggere

Flash

Holger Rune è stato multato per aver pronunciato frasi omofobe durante il challenger di Biella

Il 18enne danese ha apostrofato in modo inappropriato il suo avversario (Etcheverry) nella semifinale del Biella Open, torneo che ha poi vinto

Pubblicato

il

Holger Rune - ITF 'Città di Santa Croce' 2019

Già qualche mese fa il talento danese si era fatto notare per le sue dichiarazioni ambiziose e forse un po’ esuberanti, ma questa volta l’impressione è che Holger Rune abbia esagerato. L’ATP lo ha infatti multato per aver infranto il codice di condotta nel corso della semifinale del Challenger di Biella VII.

“Il mio obiettivo è quello di entrare in top 100 entro la fine della stagione per poi raggiungere i primi 20-30 del mondo entro la fine del 2022” aveva dichiarato Rune a marzo, e per centrare questo traguardo si sta dedicando principalmente al circuito Challenger. Il risultato di maggior prestigio è arrivato la settimana scorsa, quando ha trionfato nel torneo di Biella VII conquistando il primo titolo di categoria. Il 18enne ha mostrato una grande tenuta fisica vincendo ben tre partite al set decisivo (compresa la finale contro Trungelliti durata oltre tre ore), ma ha dato anche qualche segno di insofferenza a livello mentale.

Il fatto in questione è accaduto durante la semifinale contro l’argentino Tomas Martin Etcheverry, quando nel primo set il punteggio era sul 5-4 on serve. Stando a quanto riportato dal sito danese TV 2, il n. 231 del mondo ha pronunciato commenti omofobi nei confronti del suo avversario. “Sei una fighetta”, “Stai giocando come un frocio” sono le frasi incriminate, dette in danese dal giocatore e riprese dai microfoni presenti in campo. A seguito di un’indagine condotta dall’ATP, a Rune è stato riconosciuta l’infrazione del codice di condotta ed è quindi stato multato di 1500 euro, che equivale al 24% del montepremi totale guadagnato per aver vinto il Biella Open (6.190 euro).

 

“Sono giovane e ho bisogno di imparare. Non che questo mi autorizzi di dire stupidaggini del genere. Mi è stata insegnata una lezione e penso sia giusto che le persone mi critichino. Mi dispiace davvero e spero che le persone accetteranno le mie scuse” sono state le dichiarazioni in risposta all’accaduto di Rune. La pena da parte dell’ATP non è stata troppo severa, perché è stato tenuto conto delle immediate scuse da parte del giocatore e del fatto che quest’ultimo non ha precedenti di cattiva condotta nel circuito.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement