Wimbledon, scelti dalla redazione: Murray, Kvitova e altri match da non perdere del day 1

Flash

Wimbledon, scelti dalla redazione: Murray, Kvitova e altri match da non perdere del day 1

Troppi match in un giorno solo? Niente paura, vi diamo una mano noi. Ecco sei partite che non dovete perdervi nella prima giornata di Wimbledon

Pubblicato

il

[1] N. Djokovic vs [WC] J. Draper (Campo centrale, ore 14.30)

Perché l’esordio in uno Slam del numero uno al mondo porta con sé sempre una discreta dose di interesse, soprattutto se quel numero uno ha vinto sia l’Australian Open che il Roland Garros ed è dunque in odore di Grande Slam. Dall’altra parte della rete c’è Jack Draper, diciannovenne britannico che attualmente occupa la 250esima posizione del ranking ATP. “Tutto qui dunque? Sarà un massacro”. Forse sì, ma Draper un paio di settimane fa ha raggiunto i quarti di finale al Queen’s elimando in fila Jannik Sinner e Alexander Bublik prima di perdere dal connazionale Cameron Norrie, futuro finalista. Insomma il ragazzino sull’erba ci sa stare e se saprà scrollarsi di dosso la tensione del palcoscenico potrebbe anche regalare un po’ di pathos.

[10] P. Kvitova vs S. Stephens (Campo centrale, ore 16.30 circa)

 

Perché sì. Dopotutto è pur sempre un primo turno tra due campionesse Slam, non una cosa che si vede tutti i giorni. Petra ha vinto questo torneo due volte e vale sempre la pena dedicare un paio d’ore a vederla giocare, col brivido di scoprire se sarà in una delle sue giornate buone o no. La vera incognita è Stephens che per qualche partita al Roland Garros aveva fatto credere a molti di poter essere da corsa, salvo poi sciogliersi improvvisamente sul più bello. Un match tra due giocatrici piuttosto umorali che però può rivelarsi la vera chicca della giornata.

[WC] A. Murray vs [24] N. Basilashvili (Campo centrale, ore 18 circa)

Perché Andy è Andy. Non è nel suo momento migliore, non è nella forma migliore e non sappiamo come il suo fisico potrebbe reagire al meglio dei cinque set, ma Murray a Wimbledon vale sempre la pena di vederlo. La presenza di Basilashvili dovrebbe garantire inoltre anche una discreta dose di mazzuolate a tutto braccio (per gli amanti del genere) e il contrasto con il tennis più riflessivo e tattico di Murray potrebbe essere molto interessante. Possibile allerta quinto set.

[7] I. Swiatek vs S.-W. Hsieh(Campo 1, ore 18 circa)

Perché si vedranno cose inconsuete. Iga ha dimostrato di avere un repertorio di colpi piacevole e vario, ma deve ancora prendere un po’ le misure alla superficie; Hsieh invece gioca un tennis tutto suo, fatto di dritto a due mani, tagli esasperati e angoli impensabili. Non mancheranno scambi da spellarsi le mani e l’occasione è di quelle da non lasciarsi sfuggire. Fatevi un favore e date un’occhiata a questo incontro

[22] D. Evans vs F. Lopez (Campo 2, ore 16 circa)

Perché a Wimbledon è giusto anche vedere un po’ di vero tennis su erba. Una sfida all’ultima volée tra due paladini del serve&volley. Tra slice velenosi e attacchi in controtempo gli amanti del tennis amarcord avranno pane per i loro denti e balsamo per i propri occhi, sfiancati da scambi estenuanti e pallate da fondo. Il favorito è Evans ma Feliciano su questi campi non se lo vorrebbe trovare davanti nessuno. Anche in questo caso si potrebbe tranquillamente finire al quinto set e non ci sarebbe di che lamentarsi.

[10] D. Shapovalov vs [PR] P. Kohlschreiber (Campo 3, ore 17 circa)

Perché Shapo ha saltato il Roland Garros per preparare al meglio l’erba e avrà il coltello tra i denti. Kohlschreiber lo conosciamo bene ed è sempre un piacere per gli occhi, a maggior ragione sui prati che lo hanno visto raggiungere i quarti nel 2012. In pratica sarà un giusto compromesso tra gesti bianchi e tennis moderno con in più il classico scontro mancino-destrorso che un po’ di pepe al tutto lo aggiunge sempre.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Verso Musetti-Sinner, coach Tartarini: “Jannik è fortissimo, è una partita come un’altra”

Le parole dell’allenatore di Musetti dopo il successo di Lorenzo contro Mager: “Una vittoria che fa bene al morale, si sentiva in palla”. Oggi alle 18:30 il derby contro Sinner ad Anversa

Pubblicato

il

Musetti e Tartarini allo US Open 2021

Nel match di esordio ad Anversa, Lorenzo Musetti ha sconfitto con un doppio tiebreak Gianluca Mager regalandosi un altro derby agli ottavi di finale. Alle 18:30 di oggi (mercoledì 20 ottobre) affronterà infatti Jannik Sinner. Abbiamo raggiunto telefonicamente Simone Tartarini alla vigilia della sfida con Jannik, ecco le sue parole.

Oggi Lorenzo l’abbiamo visto davvero bene, in una partita molto combattuta.

Effettivamente oggi ha giocato molto bene, soprattutto rispetto alle ultime prestazioni (ride, ndr).

Mager era partito molto forte.

Sì, Gianluca ha giocato un ottimo primo set, ma Lorenzo è stato bravo a non lasciare la partita, infatti non si è mai lamentato ed è rimasto concentrato sul gioco. È riuscito così a colpire sempre in spinta e nel primo tie-break è stato quasi perfetto.

 

Una vittoria che fa bene al morale.

Sì, fa bene al morale e fa bene a lui che capisce che se si lavora con impegno i risultati arrivano. Infatti in settimana si era preparato molto bene e si sentiva in palla.

Qui ad Anversa i campi non ci sono sembrati velocissimi.

Sono un po’ più veloci rispetto a Sofia e Indian Wells ma niente di eccessivo, assomigliano ai campi francesi. Poi le palline sono ottime, l’usura è lenta e si gioca molto bene.

Domani il derby con Sinner che si sta giocando dei punti pensanti in ottica Finals. Con lui sta forse nascendo una nuova rivalità tipo Coppi-Bartali?

Ma no! (ride, ndr). Per me è una partita come un’altra. Lo stesso direi per Lorenzo. Poi certamente Jannik è fortissimo, ma dicendo questo non scopro nulla. Domani prima faremo un po’ di warm-up, poi alle 18:30 in campo e speriamo per il meglio.

Continua a leggere

Flash

Lo spagnolo Nicola Kuhn torna tedesco

Mamma russa, austriaco di nascita, spagnolo d’adozione, davisboy teutonico, “pro” iberico e non è finita

Pubblicato

il

Definire la nazionalità di alcuni tennisti è al contempo incredibilmente complesso e noiosamente facile. Nasci in un posto che non è quello di origine dei genitori, i quali tra l’altro hanno nazionalità diverse tra loro, cresci in un altro Paese, ne rappresenti tennisticamente un altro ancora, poi si scopre che tuo padre era in realtà un agente sotto copertura di una potenza straniera, ma alla fine era solo un sogno. Deriva fiction a parte, tutto ciò si semplifica agevolmente limitandosi a guardare la bandierina nella scheda ATP o WTA dell’atleta in questione. Così, Denis Shapovalov e Leylah Fernandez sono tennisti canadesi, Emma Raducanu e Cameron Norrie britannici, Nicola Kuhn…

Beh, prima di tutto, ricordiamo chi è Nicola Kuhn: ventunenne allenato da Javier Fernandez e n. 249 della classifica, è colui che non ha trasformato otto match point prima di crollare in preda ai crampi contro Mischa Zverev, tedesco ma anche russo, nato nella Mosca allora sovietica da Irina e Alexander senior che però non era ancora senior. Kuhn ha anche vinto due titoli Challenger, arrivando al n. 174 ATP verso la fine del 2019 e parla spagnolo, tedesco, russo, francese e inglese.

Babbo tedesco (Repubblica Federale o Democratica?) e mamma russa (di nuovo, ex sovietica), Nicola è venuto alla luce a Innsbruck, risiede in Spagna a Torrevieja da quando aveva tre mesi e dichiara il duro come superficie preferita. Anche nel caso di questo ex promettente teenager, per evitare di tirare in ballo albero genealogico, storia, geopolitica e chissà che altro, si ricorre alla solita semplificazione e viene definito un tennista spagnolo appunto perché nella pagina ATP di Kuhn c’è la bandiera della Spagna.

Giusto o sbagliato che sia. Sbagliato, in effetti, più che altro perché lunedì 18 ottobre è comparsa la bandiera tedesca sotto il suo nome. Lo sfondo è ancora quello della Rojigualda, ma non possiamo pretendere tutto e subito, specialmente nel giorno in cui il ranking aveva sottratto a Jannik Sinner i 250 punti di Sofia e tre posizioni, mentre la scheda activity di qualsiasi giocatore risultava completamente priva di… attività. Prima di lamentarci, tuttavia, pensiamo al sito user-hostile della WTA.

Nicola Kuhn: prima, dopo e viceversa

Per Kuhn – stavamo parlando di lui? – si tratta in realtà di un ritorno, dal momento che aveva già gareggiato per la Germania mettendosi in mostra alla Coppa Davis Junior del 2015. Nel dicembre dello stesso anno, come spiega Marca, Nicola era passato alla Spagna grazie all’impegno del Consiglio Superiore dello Sport, della Lega Calcio Professionistico e della IMG; curiosamente, lo stesso giorno “diventava spagnola” la nativa di New York Paula Badosa, colei che invece non ha più bisogno di presentazioni. La scorsa settimana ad Alicante, Kuhn ha giocato il suo ultimo derby iberico nello sfortunato sorteggio contro Verdasco ad Alicante, quindi in un torneo di casa. E dovrebbe tornare in campo, sempre da da giocatore di casa, la prossima settimana al Challenger di Ismaning in Baviera.

 

Continua a leggere

Flash

WTA Tenerife: Giorgi avanza nonostante due penalty game!

Al termine di un match incredibile Camila la spunta nonostante ripetute ammonizioni. Al secondo turno giocherà con Kovinic

Pubblicato

il

Camila Giorgi a Wimbledon 2021 (Credit: AELTC/Ian Walton)

Camila Giorgi ha conquistato il passaggio al secondo turno del Tenerife Ladies Open in una partita rocambolesca come poche nella quale ha ricevuto ammonizioni a ripetizione, arrivando persino a dover cedere un punto e ben due game per le intemperanze sue e del padre Sergio.

La tennista marchigiana ha sconfitto la spagnola Alione Bolsova per 7-6(4) 3-6 6-4 in un match durato ben oltre le tre ore durante il quale ci sono state parecchie proteste da parte di Camila per le chiamate dei giudici di linea. Il primo warning era arrivato per una discussione prolungata da parte di Sergio Giorgi con l’arbitro, proseguita anche dopo che l’ufficiale di gara aveva invitato a terminare la conversazione. Poi ne sono arrivate altre per abuso di palla e per aver lanciato la racchetta nella rete, peraltro nemmeno troppo lontana dal raccattapalle, rischiando quindi una squalifica diretta.

Dopo aver vinto il primo set in volata al tie-break, Giorgi si era portata in vantaggio per 3-0 “pesante” nel secondo set, ma è stato proprio in quel momento che il nervosismo di Giorgi è arrivato al culmine, rimediando “warning” a ripetizione fino al penalty game del 3-2. Bolsova ha sfruttato il nervosismo della giocatrice italiana mettendo a segno una serie di sei giochi consecutivi che le hanno consegnato il secondo set.

 

Nella terza partita Giorgi ha ripreso il controllo del match, salendo fino al 5-2, ma poi facendosi “strappare il servizio” per colpa di un altro penalty game proprio quando avrebbe dovuto servire per il match. Fortunatamente per lei, Camila è poi riuscita a conquistare il game finale su servizio di Bolsova chiudendo quindi questa incredibile partita.

Giorgi, testa di serie n. 4 del torneo, se la dovrà vedere al secondo turno con la macedone Danka Kovinic (n. 74 WTA), contro la quale non ha mai giocato in match ufficiali.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement