Wimbledon: finale Djokovic-Berrettini in chiaro su TV8

Flash

Wimbledon: finale Djokovic-Berrettini in chiaro su TV8

Decisione dell’ultimo minuto di Sky. I precedenti e la normativa dell’AGCOM sugli eventi di particolare rilevanza sociale

Pubblicato

il

Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

Non era ancora caduta l’ultima palla della semifinale tra Berrettini e Hurkacz che già si iniziava a parlare della possibilità di avere la finale di Wimbledon trasmessa in chiaro domenica pomeriggio, magari sulla RAI. Eh sì, d’altronde il novembre scorso, quando Jannik Sinner stava per aggiudicarsi il suo primo torneo ATP a Sofia, la TV di Stato decise all’ultimo minuto di acquistare i diritti della partita e mostrarla nientemeno che su Rai 2, all’interno del sabato pomeriggio sportivo.

Ma in quel caso i diritti del torneo bulgaro erano di proprietà di SuperTennis, la televisione della FIT, alla quale certamente non può che far piacere la possibilità di un palcoscenico così importante per il tennis, quindi la soluzione a un problema per certi versi inesistente è stata molto semplice.

Qui a Wimbledon invece i diritti sono di proprietà di Sky, e la questione è molto diversa. Si è già visto l’aprile scorso, quando Sinner era arrivato in finale al Miami Open, un torneo Masters 1000 appena sotto a quelli dello Slam per importanza. Anche lì dopo la vittoria in semifinale dell’altoatesino contro Bautista Agut si levò la richiesta popolare per la trasmissione del match in chiaro, ma ciononostante furono solamente gli abbonati Sky a poter assistere in diretta alla sfortunata prova di Sinner contro Hurkacz.

 

Sky è un’azienda privata, che deve pensare ai propri azionisti e a salvaguardare i propri investimenti. I diritti di Wimbledon non costano proprio due soldi: si tratta di un impegno finanziario notevole, cui si aggiunge lo sforzo produttivo che quest’anno ha visto Stefano Meloccaro e Paolo Lorenzi presenti sul posto a Londra e decine di persone impegnate negli studi di Milano a fornire fino a 9 canali contemporaneamente per seguire gli incontri dei Championships.

In Italia però esiste una delibera dell’Autorità Garante per le Telecomunicazioni (AGCOM) che sancisce come gli “eventi di particolare rilevanza per la società” debbano essere trasmessi da emittenti italiane “in grado da assicurare ad almeno l’80% della popolazione italiana la possibilità di seguirli su un palinsesto gratuito senza costi supplementari”. In altre parole, devono essere trasmessi sul digitale terrestre.

In questa delibera, la n. 131/12, all’Allegato B, Articolo 2 si può trovare una lista di questi eventi, di cui gli unici tennistici sono “la finale e le semifinali della Coppa Davis e della Fed Cup alle quali partecipi la squadra nazionale italiana e degli Internazionali d’Italia di tennis alle quali partecipino atleti italiani”. Tuttavia, all’Articolo 1 vengono definiti i criteri che deve soddisfare un evento per essere definito come “di particolare rilevanza per la società”. Perché ciò accada, è necessario che l’evento soddisfi almeno due dei seguenti criteri:

a) l’evento e i suoi esiti godono di risonanza speciale e generalizzata in Italia ed interessano altre persone oltre a quelle che normalmente seguono il tipo di evento in questione;

b) l’evento gode da parte della popolazione di un riconoscimento generalizzato, riveste una particolare importanza culturale ed è un catalizzatore dell’identità culturale italiana;

c) l’evento coinvolge la squadra nazionale di una determinata disciplina sportiva in un torneo internazionale di grande rilievo;

d) l’evento è stato tradizionalmente trasmesso sulla televisione non a pagamento e ha raccolto un ampio pubblico di telespettatori in Italia.

Se consideriamo la finale di Wimbledon di domenica prossima tra Berrettini e Djokovic, credo si possa essere d’accordo che il criterio a) è perfettamente rispettato e quello c) non lo è. Poi è certamente più no che sì per il criterio d), dal momento che Wimbledon non viene trasmesso in chiaro in Italia dal lontano 1991, quando c’era ancora la gloriosa Tele Capodistria con Rino Tommasi, Gianni Clerici, Ubaldo Scanagatta e Roberto Lombardi. L’unico punto su cui si potrebbe discutere è il criterio b): Wimbledon gode sicuramente di un riconoscimento generalizzato, è certamente un fenomeno non solamente sportivo ma anche di costume, ma occorre uno slancio di generosità per dire che la presenza di Berrettini in finale a Church Road sia un “catalizzatore dell’identità culturale italiana”.

Quindi non sembra esistere alcuna normativa che imponga a Sky di trasmettere la partita in diretta in chiaro. Peraltro l’emittente del gruppo Comcast potrebbe farlo senza dover cedere i diritti alla RAI, dal momento che possiede due canali sul digitale terrestre: TV8 (sulla posizione n. 8) e Cielo (sulla posizione n. 26). Però anche quando nel 2015 allo US Open arrivarono alla finale femminile Flavia Pennetta e Roberta Vinci, Discovery (proprietaria di Eurosport) che allora era titolare dei diritti per l’Italia decise di trasmettere la partita in chiaro su Deejay TV, alla posizione n.9 del digitale terrestre. Il match andò in onda il sabato sera in prima serata, e la decisione fu presa senza alcun obbligo legale.

Sky ha infine deciso di seguire la stessa strada e quindi trasmetterà la finale maschile di Wimbledon in diretta su TV8, il suo canale principale in chiaro, per la gioia di tutti gli appassionati, abbonati e non. TV8, oltre ad essere visibile sulla posizione 8 del digitale terrestre, è anche ricevibile, in alta definizione (HD), sulla piattaforma satellitare gratuita TivùSat.

Chi invece preferisse vedere la partita su Sky Sport, potrà comunque abbonarsi anche fino a pochi minuti prima dell’inizio del match attraverso NOW, la soluzione OTT (streaming) di Sky, al prezzo di €14,99 per un mese di visione, senza alcun impegno di sottoscrizioni per tempi più lunghi.

Di conseguenza, come ha detto Berrettini nella sua conferenza stampa, non rimane altro di prendere un bel televisore grande, nel caso non lo si possegga già, perché sarà un’indimenticabile giornata di sport per gli appassionati italiani.

Continua a leggere
Commenti

Australian Open

[VIDEO] Australian Open, i colpi più belli del Day 4: chi se non Kyrgios?

Nick saluta il suo pubblico con un’esultanza a perdifiato. Davidovich Fokina accelera, Rybakina traccia il lob perfetto

Pubblicato

il

Daniil Medvedev e Nick Kyrgios all'Australian Open 2022 (Credit: @AustralianOpen on Twitter)

Guardando i colpi migliori del Day 4, non si può non pensare che giovedì 20 gennaio sia stato il giorno del lob: ben tre dei cinque punti spalanca-mandibola della giornata sono infatti traiettorie che si sono mischiate con la luce accecante di Melbourne per poi ricadere dolcemente sul Green Set di turno. E ce n’è per tutti i gusti: dal lift aggressivo di O’Connell, che in patria non può che riportare alla mente Hewitt (va anche detto che Chris ha scavalcato Schwartzman, non proprio un’impresa), alla difesa agonica di Cornet, passando per la quadratura del cerchio trovata da Elena Rybakina, che prima di ritirarsi ha trasformato un recupero spalle alla rete in un vincente sulla riga.

Il primo posto, però, poteva solo andare al ragazzo che infiamma i cuori degli appassionati di casa, quel Nick Kyrgios che ogni anno regala un match epico ai suoi connazionali e che stavolta ha interpretato Kurt Russell in “Grosso guaio a Chinatown”. Di seguito la questione di riflessi:

Continua a leggere

Australian Open

[VIDEO] Il punto del direttore Scanagatta: “Sinner ha già un piede nei quarti”

Ubaldo commenta il Day 4 dell’Australian Open. Spettacolo Medvedev-Kyrgios. Stanotte Berrettini-Alcaraz

Pubblicato

il

Jannik Sinner all'Australian Open 2022 (Credit: @atptour on Twitter)

Il direttore Scanagatta ha fatto il punto della situazione all’Australian Open per il canale Instagram del sito (vi consigliamo di iniziare a seguirci, la pillola di Ubaldo viene pubblicata ogni giorno nel pomeriggio!). Oggi il tema principale è la netta vittoria di Jannik Sinner su Steve Johnson che ha seguito l’intrattenimento a cinque stelle di Medvedev-Kyrgios. Stanotte grande attesa per Berrettini-Alcaraz, un incontro che potrebbe rivelarsi decisivo per le sorti del torneo.

Di seguito il video:

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Ubitennis (@ubitennis)

 

TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere

Australian Open

Australian Open, Sinner: “Non sottovaluterò Daniel. Se ha battuto Murray vuol dire che sta giocando bene!” [VIDEO]

Commenti sul prossimo rivale: “Io contro Andy ho perso, e vincere qui dipende da tanti fattori”. Daniel ha già battuto quattro italiani nel 2022, ma Jannik non ha ancora perso un set in cinque partite

Pubblicato

il

Jannik Sinner - Sydney 2021 (foto via ATP Tour)

Difficile capire se sia stata più rapida la vittoria di Jannik Sinner ai danni di Steve Johnson o la conferenza stampa che ne è seguita: le sole domande per Jannik sono arrivate dal direttore di Ubitennis Ubaldo Scanagatta. L’unico commento dell’altoatesino sul match odierno è quindi arrivato su invito del moderatore del Q&A: “Ovviamente non è facile giocare contro [Johnson], l’avevo già affrontato due volte. Ho provato a ribattere i suoi servizi in qualche modo, soprattutto le sue prime che sono precise e difficili da leggere. Quello era il mio primo obiettivo, poi ho cercato di variare un po’ il mio gioco per muoverlo il più possibile. Penso di essere stato solido; sono contento perché ho sfruttato bene le chance che ho avuto per breakkare“.

Il direttore si è invece concentrato sul prossimo avversario del numero due italiano, vale a dire il qualificato giapponese Taro Daniel (giustiziere di Sir Andy Murray e vincitore di 8 partite su 9 giocate in stagione) e più in generale su un tabellone che rispetto al passato sembra aprire prospettive decisamente ambiziose. Di seguito le sue domande.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Meglio di così forse non potevi fare, grande solidità e una sola palla break concessa, complimenti! Forse sarai contento di affrontare Taro Daniel, anche se ha battuto tre italiani nelle qualificazioni [Arnaboldi, Moroni e Caruso, più Musetti all’Adelaide International 1 nella prima settimana dell’anno, ndr]. Cosa sai di lui e cosa pensi del prossimo match?

 

Sinner: “Se è al terzo turno è perché sta giocando bene. Non sapevo che avesse battuto tre italiani, dovrò stare attento perché i nostri giocatori sono tutti incredibili, quindi non è semplice batterli. Le partite sono sempre difficili, ad ogni livello; io sono favorito sulla carta ma vincere qui è sempre tosto, dipende tanto dalle condizioni e dal vento. Murray lo devi battere, io per esempio ci ho perso! Domani ho una giornata libera e cercherò di migliorare il mio gioco, poi mercoledì mi adatterò alle condizioni“.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Terzo turno con Daniel e potenziale ottavo con il vincente di De Minaur-Andujar. Direi che dopo tanta sfortuna nei sorteggi potrai finalmente sorridere scorrendo il tuo tabellone – che ne dici?

Sinner: “Vediamo come va”.

Laconico anziché no il classe 2001, più focalizzato che mai sul primo Slam della stagione: nel 2022 non ha infatti ancora perso un set in cinque incontri disputati, un 12 su 12 che, al netto di avversari ancora non di primissima fascia, racconta bene la forma di Sinner.


TABELLONE MASCHILE

TABELLONE FEMMINILE


Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement