Gli outfit di Wimbledon 2021

Flash

Gli outfit di Wimbledon 2021

Promossi e bocciati dell’unico Slam total white. Bene Federer e Serena (ma solo per pochi game), benissimo Andy Murray

Pubblicato

il

Ash Barty premiata da Kate Middleton - Wimbledon 2021 (credit to Credit_ AELTC_Ben Solomon)

La finale di Wimbledon tra Bjorn Borg e John McEnroe del 1980 è una delle partite più iconiche della storia del tennis. E, di conseguenza, altrettanto iconici sono i completi dei due tennisti durante quella partita. La polo Fila con il colletto blu scuro e le pinstripes di Borg è entrata talmente tanto nella cultura pop che nel celebre film di Wes Anderson “I Tenenbaum” è indossata dal personaggio con un passato da campione della racchetta. Ma anche la polo firmata Sergio Tacchini di McEnroe con le sue righe rosse e azzurre non era affatto da meno. Bene, oggi quelle polo sarebbero proibite ai Championships.

Negli ultimi vent’anni infatti si è passati dal predominantly white, che comunque lasciava spazio per creare variazioni interessanti sul tema, a un total white che soffoca ogni velleità creativa. Tanto che ormai i brand spesso non si impegnano più. Ad esempio, gli atleti uomini sponsorizzati Lacoste – a parte Djokovic – ormai da qualche anno si presentano con una semplicissima polo completamente bianca. Altri marchi si limitano a dare una spruzzata di bianco alla collezione più recente. Quest’anno è stato il caso di Nike che ha presentato gli stessi capi già visti al Roland Garros ma con una diversa colorazione.

In attesa che qualcuno all’All England Club ascolti il nostro appello per qualche concessione cromatica in più, noi ci riserviamo di commentare solo creazioni sufficientemente originali.

 

Novak Djokovic – Lacoste

Novak Djokovic – Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

Djokovic vince ancora, e ancora una volta Lacoste sceglie per lui il più classico dei completi. Certo a Wimbledon non si può giocare sui colori, ma il marchio del coccodrillo decide di non cambiare nemmeno lo stile e così il numero uno del mondo si presente a Londra con una semplice polo candida, impreziosita da un piccolo inserto dello stesso colore dell’erba sacra di Church Road. Lacoste dunque si ripete e allora noi facciamo lo stesso, come già scritto al termine del Roland Garros, infatti, pensiamo sia arrivato il momento di rischiare un tocco di originalità nella collaborazione tra Nole e Lacoste, senza perdere certo l’eleganza. (Chiara Gheza)

Roger Federer – Uniqlo

Roger Federer – Wimbledon 2021 (credit AELTC/Simon Bruty)

Anche il brand giapponese Uniqlo – che veste Roger Federer ormai dal 2018 (collaborazione inaugurata proprio sui campi di Church Road) – si attiene ovviamente al total white ma, per quanto riguarda il Maestro svizzero, lo sappiamo, c’è sempre un tocco di originalità e classe in più. Prova ne sia l’inserto sul bordo del colletto della polo, di colore verde smeraldo come i prati dell’All England Club. Della stessa tinta è anche il celebre logo “RF”, di nuovo immancabile sugli outfit di Roger. Ma non solo. Il tocco di originalità sta soprattutto nel quadrettato accennato sulla parte anteriore della polo, che ricorda inevitabilmente la rete del campo da tennis. Un’idea carina che, ancora una volta, conferma i gusti raffinati del campione elvetico. (Laura Guidobaldi)

Matteo Berrettini – Lotto

Matteo Berrettini – Wimbledon 2021 (credit to AELTC_David Gray)

Questo completo di Berrettini supera a malapena la soglia di fantasia fissata nell’introduzione. Ma si può non parlare di un outfit che entrerà nella storia del nostro tennis? Non si può appunto. Ed è già bello che a realizzarlo sia un marchio Made in Italy come Lotto, a cui va dato il merito negli anni di aver mantenuto una presenza costante nel grande tennis negli anni, riuscendosi a non facendoci schiacciare dai giganti dell’abbigliamento sportivo come Nike e Adidas. Un risultato raggiunto grazie all’attenzione per la qualità dei propri prodotti e alla scelta di testimonial che con dedizione sono riusciti a superare le aspettative di tutti. Come Matteo ma anche David Ferrer e Kevin Anderson nel passato recente.

Insomma, materiale tecnico di sostanza per giocatori di sostanza. La t-shirt che ha portato in finale Berrettini a Wimbledon è un manifesto di questa solidità estetica: taglio aderente ma non troppo, perfetto per far risaltare i muscoli del nostro atleta, fantasia fiammata, e logo in verde. Tutto molto pulito. Un po’ troppo come al solito. Ma rientra nella filosofia del brand e anche in quella del nostro n.1. (Valerio Vignoli)

Ashleigh Barty – Fila

Ashleigh Barty a Wimbledon 2021 (Credit: AELTC/Ben Solomon)

Con il trionfo a Church Road, Ashleigh Barty ha scritto un’altra pagina di storia del tennis austrialiano, sollevando il trofeo cinquant’anni dopo la prima vittoria a Londra della connazionale Evonne Goolagong. Infatti, la n. 1 del mondo ha voluto rendere omaggio alla Goolagong presentandosi con un completo che ricordava quello indossato dall’ex campionessa quando ha vinto a Wimbledon, in particolare per quanto riguarda i leggeri ricami in sangallo sulla parte laterale del gonnellino e sulla parte posteriore della canotta. Un outfit Fila estremamente semplice quello di ‘Ash’, ma ricco di significati. In quei delicati ricami viene rievocata una parte di storia del tennis ‘Aussie’ ma soprattutto il grande esempio di Evonne, diventata una maestra di sport e di vita per la Barty e un’icona per tutti i giovani indigeni australiani. (Laura Guidobaldi)

Serena Williams – Nike

Serena Williams – Wimbledon 2021 (via Twitter, @usta)

Serena Williams vive una sfortunata edizione di Wimbledon, compromessa da un infortunio al primo turno che la costringe al ritiro dopo soli sei game, ma la sua apparizione, seppur breve, resterà ben impressa nella memoria proprio grazie all’outfit con il quale decide di fare il suo ingresso in campo. Serena si presenta con un completo monospalla che è ormai un suo marchio di fabbrica, ma a far parlare in questo 2021 è la gonna asimmetrica che sfoggia sopra il vestitino. La campionessa statunitense varca la soglia di Wimbledon con i lunghi capelli raccolti in una coda di cavallo, la felpa bianca e questo strascico candido che accarezza l’erba dietro di lei. Eccessivo forse, ma assolutamente nello stile di Serena. Rispetto ad altre occasione nelle quali dall’eccesso al trash il passo sembrava davvero breve, questa volta, seppur particolare e sopra le righe, l’outfit è elegante. Il completino indossato poi per giocare, appunto con monospalla e gonnellina svolazzante, è promosso a pieni voti. Peccato che una volta che Serena azzecca lo stile, la si sia potuta ammirare solamente per pochi minuti. (Chiara Gheza)

Andy Murray – Castore

Andy Murray – Wimbledon 2021 (via Twitter, @wimbledon)

Della collaborazione tra Andy Murray e Castore, forse il brand emergente più interessante nel mondo dell’abbigliamento sportivo, avevamo già parlato in toni entusiastici già l’anno scorso. Una joint venture tutta all’insegna della ricerca nei materiali e dello stile British. Il completo indossato da Sir Murray in questi Championships incarna la perfetta combinazione di queste due linee guida. Polo e pantaloncini, così come il resto dell’abbigliamento di questa nuova Andy Murray Collection, sono fatti con un tecnologico tessuto in lana merino elaborato in collaborazione con Woolmark, che trasmette freschezza solo a vederlo. Il tocco classy è dato da quell’ effetto knitted tipico della lana, il colletto a polo senza bottoni e l’utilizzo di un bianco non troppo bianco, quasi panna, accostato a delle finiture in un arancione scuro.

Il complesso è un outfit letteralmente memorabile. Candidato di certo ad essere uno dei migliori dell’intera stagione in campo maschile. Un completo che in tanti probabilmente vorrebbero sfoggiare nel proprio club. Qualcuno però potrebbe rimanere scoraggiato di fronte al costo proibitivo di questa polo: ben 100 euro, acquistabile sul sito di Castore. D’altronde, si sa, la qualità ha un prezzo. (Valerio Vignoli)

Collezione Adidas

Félix Auger-Aliassime a Wimbledon 2021 (Credit: AELTC/Simon Bruty)
Angelique Kerber – Wimbledon 2021 (via Twitter, @Wimbledon)

United by sport” è il motto della collezione Adidas per questo Wimbledon 2021. Lo si può ritrovare anche in un insolito secondo logo circolare sui vari completi, accanto a quello del brand delle tre strisce. Due loghi si vedono di solito nelle magliette da calcio: quello della squadra e quello dello sponsor tecnico. E in effetti la collezione del gigante tedesco è ispirata proprio al football, come lo chiamano al di là della manica. Una scelta azzeccata considerando che gli Europei si sono giocati in contemporanea ai Championships.

Il richiamo al calcio è soprattutto nelle strisce verticali piuttosto ampie presenti in molti capi. Il tono su tono bianco le rende tuttavia poco evidenti. L’effetto risulta migliore in altre colorazioni degli stessi capi (rosse e blu), già viste ad esempio nei tornei di preparazioni sull’erba e che probabilmente rivedremo nei tornei americani. Ma comunque l’idea è abbastanza originale e per l’appunto molto appropriata considerata l’atmosfera “pallonara” che si respirava a Londra nelle ultime settimane. L’uso di un rosso molto vivo per le finiture, come quello di Liverpool e Manchester United, e di colletti a V stretti nelle maglietta di Auger Aliassime e nella canotta di Kerber amplifica l’effetto divisa. Peccato che nessuno degli atleti del team Adidas sia riuscito a sollevare il trofeo alla fine. (Valerio Vignoli)

Camila Giorgi – Giomila

Camila Giorgi a Wimbledon 2021 (Credit: AELTC/Ian Walton)

Le scelte di Camila Giorgi in fatto di moda in campo sono sempre vincenti. Ai Championships il suo completino ‘Giomila’ (la linea di completi da tennis e sportswear creata da Camila stessa e dalla mamma) è certamente uno dei più eleganti e vezzosi. Quest’anno la tennista azzurra ha scelto di indossare un outfit arricchito da pizzi delicati presenti sulla parte laterale della canotta – aderente e grintosa ma resa più “vaporosa” grazie al tessuto in stile macramé – e sulla parte inferiore del gonnellino, con un leggero e delicato volant. (Laura Guidobaldi)

Coco Gauff – New Balance

Coco Gauff – Wimbledon 2021 (via Twitter, @wimbledon)

New Balance si sposa perfettamente con la freschezza e la grinta della giovane Coco Gauff. Anche a Wimbledon infatti l’outfit pensato per la giovane atleta è perfetto: canotta super aderente in contrasto con una gonna leggera, quasi impalpabile. Una scelta originale e adatta all’atleta che la indossa. Il binomio Gauff/New Balance supera lo slam inglese a pieni voti e lascia ben sperare per un futuro di originalità e classe, laddove i colori potranno aiutare a osare diversamente. (Chiara Gheza)

Bonus Off-Court: Kate Middleton

Ash Barty premiata da Kate Middleton – Wimbledon 2021 (credit to Credit_ AELTC_Ben Solomon)

Tanti gli outfit riusciti durante questo Wimbledon, ma la regina di stile a Londra da qualche anno a questa parte è una e una soltanto: Kate Middleton. La moglie dell’erede al trono infatti non delude nemmeno nella due giorni di finali. Kate indossa, in occasione del match femminile, un abito verde brillante della stilista inglese Emilia Wickstead lungo fino alla metà del polpaccio, impreziosito da una classica scarpa Jimmy Choo. La duchessa di Cambridge raggiunge, però, l’apice dell’eleganza il giorno successivo in occasione della finale tra Matteo Berrettini e Novak Djokovic. Kate infatti è splendida in un abito leggero color rosa pastello stretto in vita da una cintura ton sur ton, disegnato anch’esso da un marchio d’Oltremanica: Beulah London, La scarpa ha un laccetto alla caviglia che taglierebbe la gambe a chiunque di noi comuni mortali, mentre su di lei sembra perfetta.

Domenica peraltro impegnativa per la duchessa che, dopo aver assistito al trionfo di Djokovic, deve precipitarsi a Wembley per la finale dell’Europeo tra Italia e Inghilterra. Nel mezzo non poteva mancare un cambio d’abito. Kate toglie l’elegante vestito adatto al tennis club più famoso del mondo, per indossare un pantalone casual con maglia e giacca bianche. Look azzeccato per uno stadio di calcio. Così come a Wimbledon anche a Wembley in fatto di stile è lei la vincitrice. (Chiara Gheza)

Continua a leggere
Commenti

Flash

Race to Torino: Hurkacz, che scatto!

SPONSORIZZATO – Hubert Hurkacz vince a Metz e guadagna una posizione in classifica: è sempre più vicino al traguardo. Sinner a Sofia per cullare il sogno torinese

Pubblicato

il

Mancano ancora i nomi di quattro giocatori per completare la lista dei tennisti che vedremo in campo a Torino alle Nitto ATP Finals dal 14 al 21 novembre. Djokovic, Medvedev, Tsitsipas e Zverev hanno infatti già raggiunto la certezza matematica della qualificazione al torneo che incoronerà il migliore tra i migliori tennisti del 2021, e le due posizioni successive sembrano promesse a Matteo Berrettini e Andrey Rublev, ormai prossimi al traguardo.

Per le ultime due posizioni la battaglia è ancora molto accesa, e in piena lotta c’è anche un altro tennista italiano.

Clicca qui per continuare a leggere l’articolo

 

Continua a leggere

Flash

WTA Chicago, Clijsters sconfitta in tre set da Hsieh

Prestazione positiva per l’ex numero 1 del mondo al primo match stagionale. Quarta vittoria nel 2021 per Yastremska. Oggi in campo le due italiane

Pubblicato

il

Kim Clijsters - US Open 2020 (photo by Rhea Nall/USTA)

I buoni risultati che sta ottenendo Andy Murray negli ultimi tempi avranno certamente spinto Kim Clijsters a proseguire il suo percorso di rientro nel tennis agonistico. Dopo il suo ritiro nel 2012, Clijsters, sprovvista di classifica, è ancora alla ricerca della sua prima vittoria da quando è tornata in campo la scorsa stagione, dopo aver ottenuto tre sconfitte nei tornei nel 2020. Dopo l’intervento chirurgico al ginocchio alla fine dello scorso anno e la positività al COVID-19 quest’anno, la belga ha fatto il suo debutto stagionale ieri nel WTA 500 di Chicago ma non ha avuto successo contro Su-Wei Hsieh.

Nel primo incontro tra le due veterane, Hsieh ha superato la quattro volte campionessa Slam Clijsters per 6-3 5-7 6-3. Il match è andato a folate, a tratti favorendo l’una e a tratti l’altra. Inizialmente era stata la belga a passare in vantaggio 3-0 nel primo set ma con un filotto di otto game consecutivi la sua avversaria ha ribaltato tutto portandosi 6-3 2-0. Clijsters tuttavia ha ricominciato a macinare cercando un gioco più aggressivo grazie al quale si è rifatta sotto vincendo il secondo set per 7-5. Anche nel parziale decisivo Kim è riuscita a recuperare un break di svantaggio, ma alla fine le maggiori abilità di Hsieh l’hanno spinta troppo spesso all’errore e la tennista di Taipei ha portato a casa il match dopo 2 ore e 18 minuti.

“Ovviamente, è stato emozionante tornare in campo dopo un lungo periodo di recupero”, ha detto Clijsters alla stampa. “Sono super entusiasta di essere qui per la mia partita. Ci sono state alcune cose buone e altre cose cattive, un po’ di inconsistenza. Dal punto di vista fisico riuscire ad affrontare queste partite senza grandi preoccupazioni era l’obiettivo principale. Oggi sono andata vicino alla vittoria, ma ho ancora un buon feeling. Ho fatto progressi e penso che sia la cosa più importante. Quello che vedo è che sto migliorando in generale, e questa è la cosa positiva”. Per Hsieh invece si tratta di un buonissimo risultato anche considerando che dopo i quarti di finale raggiunti in Australia ad inizio anno, non è più riuscita a vincere due match consecutivi in singolare; ci proverà ora a Chicago contro Ons Jabeur, match dall’elevatissimo contenuto tecnico.

 

ALTRI MATCH – L’evento WTA 500 è la terza e ultima puntata del Chicago Tennis Festival, un trittico di tornei iniziato con eventi di categoria 125 e 250 ad agosto. Nella prima giornata del torneo dell’Illinois si sono registrate anche le vittorie di Danielle Collins, testa di serie numero 10, contro un’altra belga, l’ex top 20 Kirsten Flipkens, per 6-4 6-2 in un’ora e 21 minuti. L’ex numero 7 Madison Keys invece ha dovuto ritirarsi al primo turno a causa di un infortunio alla spalla destra contro Aliaksandra Sasnovich quando il punteggio era di 6-4 2-0 in favore della bielorussa. Sasnovich avanza al secondo turno dove trova la testa di serie n. 5 Elena Rybakina.

Anche la medaglia d’argento olimpica Marketa Vondrousova ha conquistato una vittoria al primo turno eliminando l’australiana Ajla Tomljanovic 6-2 6-1. Solo tre posti in classifica separano la numero 41 del mondo Vondrousova e la 44° classificata Tomljanovic, ma Vondrousova ha dominato il match in poco più di un’ora pareggiando i testa a testa sul 2-2. Interessante anche la vittoria di Dayana Yastremska su Alizé Cornet per 7-5 6-1. L’ucraina tornata alle competizioni pochi mesi fa dopo la sospensione per doping, si era ritirata nel suo ultimo match (contro Paolini) per un infortunio alla parte bassa della schiena ma oggi ha recuperato da un break si svantaggio nel primo set conquistando alla fine la quarta vittoria stagionale. Quest’oggi infine scenderanno in campo le due azzurre presenti nel tabellone principale: Jasmine Paolini alle 16 italiane aprirà il programma contro la wild card statunitense Hailey Baptiste (19 anni, n. 174), mentre Camila Giorgi se la vedrà con la romena Gabriela Ruse (23 anni, n. 98) alle 17:30 circa.

Il tabellone aggiornato di Chicago

Continua a leggere

Flash

Fognini e Caruso salutano subito San Diego

Gli americani eliminano i due tennisti italiani: Fabio si arrende a Nakashima, Salvatore a Fritz. Martedì tocca a Sonego e Gaio

Pubblicato

il

Il cemento nord-americano si sta rivelando un po’ indigesto quest’anno per Fabio Fognini, il quale nella notte è incappato nella terza sconfitta consecutiva su questa superficie. Nell’ATP 250 di San Diego, uno degli eventi presenti solamente in questa stagione, il tennista ligure ha pescato al primo turno Brandon Nakashima, giovane statunitense in grandissima ascesa. Brandon ha avuto anche il vantaggio di giocare davanti al pubblico della propria città natale e li ha ripagati col punteggio di 6-7(5) 6-1 7-5. L’attuale n. 83 del mondo ha avuto una prestazione impeccabile al servizio e grazie all’80% di punti vinti con la prima e il 63% con la seconda ha portato a casa una vittoria di grande prestigio; mentre proprio questo colpo è stato dolente per Fabio che ha commesso 11 doppi falli.

“Non penso di aver giocato così male nel primo set. Lui ha solo giocato un po’ meglio i punti alla fine e questo è tutto ciò che basta contro un giocatore del genere”, ha detto Nakashima ai microfoni dell’ATP. “Ma fortunatamente sono stato in grado di riorganizzarmi rapidamente, ottenere un break nel primo game del secondo set e ho cercato di cavalcare l’onda partendo da lì. È stato decisamente molto emozionante là fuori, entrare in campo all’inizio, avere il pubblico di casa con me. Ero un po’ nervoso all’inizio, ma ho cercato di rimanere concentrato in campo, ho cercato di trovare il mio gioco”. Un po’ di rammarico resta per Fognini dato che nel terzo set era partito avanti 2-0 ma Nakashima – che sta consolidando sempre di più il suo posto nella Race to Milan per le NextGen Finals – non ha mai mollato la presa e alla fine un break nel dodicesimo game ha messo fine all’incontro dopo 2 ore e 18 minuti.

Un altro americano che a suon di bordate con la battuta si è portato a casa l’incontro è Taylor Fritz, opposto al qualificato Salvatore Caruso. Il 23enne a stelle e strisce ha avuto la meglio per 6-4 7-6(2) senza mai concedere palle break ma si è trovato davanti un coriaceo Caruso. I due sono andati a braccetto con game tirati in entrambi i parziali, e se nel primo un break nell’ultimo game ha deciso il definitivo 6-4, nel secondo set si è dovuti ricorrere al tie-break con entrambi molto solidi alla battuta. Purtroppo il n. 128 del mondo è partito a rilento e dopo essersi trovato sotto 0-5 non è più risalito concedendo la vittoria a Fritz, il quale adesso se la vedrà con la testa di serie n. 4 Shapovalov.

 

In apertura di programma era arrivata la vittoria di Aslan Karatsev su Federico Delbonis per 6-1 7-5, mentre nella seconda giornata di gioco il programma prevede il match di altri due italiani: la testa di serie n. 9 Lorenzo Sonego sarà impegnato alle 20:30 italiane circa contro il georgiano Nikoloz Basilashvili, attuale n. 34, mentre il qualificato Federico Gaio se la vedrà con la testa di serie n.6 Schwartzman in chiusura di giornata.

Il tabellone aggiornato

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement