Ubi Radio Olimpiadi – Nona giornata di Tokyo 2020: 20 minuti per la leggenda

Olimpiadi Tokyo 2020

Ubi Radio Olimpiadi – Nona giornata di Tokyo 2020: 20 minuti per la leggenda

Tra le 14:30 e le 15:00 italiane viene scritta una pagina leggendario dello sport del nostro Paese: l’uomo più veloce e quello che salta più in alto al mondo sono italiani

Pubblicato

il

Serata di quelle che si ricordano per lo sport italiano: due medaglie d’oro nell’atletica, e tra le più prestigiose. Marcell Jacobs stupisce il mondo e vince i 100 metri piani in 9,80, mentre Gianmarco Tamberi si prende la rivincita sulla sorte e porta a casa la vittoria nel salto in alto con 2,37 metri a parimerito con il qatariota Barshim. Arriva anche un bel bronzo dalla 4 x 100 mista di nuoto.
Si conclude il torneo di tennis con la vittoria di Sasha Zverev nel singolare maschile. Titolo nel doppio femminile alle favorite Krejcikova e Siniakova, che impediscono a Bencic di portare a casa una doppietta, mentre nel doppio misto la finale tutta russa è andata a Pavlyuchenkova e Rublev, che si sono imposti di misura, salvando anche un match point, su Karatsev e Vesnina.
La Federazione Internazionale ha annunciato che cercherà di allungare il torneo olimpico a 11 giorni a partire da Parigi 2024.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Ubi Radio Olimpiadi – Nel bilancio di Tokyo 2020 anche la 41° medaglia di Sinner?

Dall’America, Sinner si unisce alla festa per le 40 medaglie italiane di Tokyo con il suo primo titolo ATP 500. Atletica migliore sport, maglia nera alla pallavolo femminile. Si può essere soddisfatti dei risultati del nuoto?

Pubblicato

il

Cerimonia di Chiusura - Olimpiadi di Tokyo 2020 (foto Twitter @Olympics)

Poche ore dopo la cerimonia di chiusura delle Olimpiadi di Tokyo, nelle quali l’Italia ha conquistato il numero record di 40 medaglie, è arrivata un’altra soddisfazione per i colori azzurri: Jannik Sinner si è aggiudicato il CitiOpen di Washington. È il suo primo successo in un ATP 500. La vittoria giustifica il suo “gran rifiuto” all’Olimpiade?

Mentre ci si prepara a lasciare Tokyo, è già tempo di bilanci: la Gazzetta dello Sport ha dato solamente un 6,5 al nuoto, nonostante le sette medaglie. Per noi si tratta di uno sport ingeneroso. Maglia nera alla pallavolo femminile: saprà questa nazionale riscattare una delusione così cocente?

 

La puntata precedente – Day 16 a Tokyo 2020

Sintonizzatevi sulla pagina Spreaker di Ubitennis, oppure sulle principali piattaforme di podcast come Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

Continua a leggere

Flash

Tokyo 2020: lo strano linguaggio delle Olimpiadi

Viaggio tra gli acronimi olimpici, misteriose sigle da decodificare per sopravvivere all’esperienza delle Olimpiadi. Sono tante, quasi come le medaglie olimpiche italiane

Pubblicato

il

Cartelli di controllo all'accesso - Olimpiadi di Tokyo 2020

La partecipazione olimpica, per qualunque appassionato di sport, rappresenta sempre una pietra miliare che rimane in un modo o nell’altro impressa nei ricordi di chiunque abbia la fortuna di poterla vivere, indipendentemente dal ruolo che si svolge nel “più grande spettacolo sulla Terra”.

Ci sono gli atleti, ovviamente, ma anche ufficiali di gara, personale di servizio, volontari, rappresentanti dei media (eccoci qui), membri della “Famiglia Olimpica” (ovvero federazioni nazionali e internazionali, enti governativi nazionali e i membri del CIO), giudici di gara, personale di sicurezza e, almeno in tutte le altre Olimpiadi prima di questa, gli spettatori.

Una cosa che hanno in comune tutte queste persone è che per svolgere il loro ruolo in maniera adeguata devono rassegnarsi a imparare, in un modo o nell’altro, la “lingua olimpica”, una lingua ha come componente preponderante e fondamentale una lista infinita di sigle.

 

Eh sì, alle Olimpiadi tutto ha una sigla: di solito si tratta di tre lettere, che spesso sono acronimi di espressioni più lunghe (rigorosamente in inglese), ma che sovente vengono anche inventate per comodità mettendo insieme alcune lettere del concetto che si vuole esprimere.

Innanzitutto, ogni luogo di gara ha un codice a tre lettere, proprio come capita per gli aeroporti. Quindi l’Ariake Tennis Park dove si è disputato il torneo di tennis viene abbreviato con ART, lo Stadio Olimpico sede dell’atletica e delle cerimonie di apertura e chiusura viene indicato come OLS (Olympic Stadium), la Saitama Super Arena dove si esibiscono le stelle del basket è abbreviata con SSA, e la Ariake Arena dove si tiene il torneo di pallavolo è ARA.

Per noi media l’avventura olimpica inizia prima di partire da casa, quando si riceve via corriere la PVC, ovvero la Pre-Valid Card, una tessera con foto, nomi, numeri e codici a barre che vuol dire che sì, si può andare alle Olimpiadi perché ci faranno entrare. Sempre prima di partire è necessario indicare il proprio itinerario di viaggio nell’ADS (Arrival and Departure System), un portale che consente all’organizzazione di gestire i flussi in arrivo e in partenza, e magari di assicurarsi di avere un posto in cui stare nell’AMS (Accommodation Management System) che serve per comunicare con il reparto che si occupa delle sistemazioni di tutti gli accreditati.

Una volta arrivati all’aeroporto la PVC viene validata, laminata e dotata di un RFID (le etichette a radiofrequenza simile ai dispositivi antitaccheggio nei grandi magazzini) e convertita nel collare olimpico che determina a cosa si ha accesso e a cosa no. Dopodiché scatta la ricerca al TM, ovvero il “Transport Media System”, uno dei vari sistemi di trasporto messi in piedi dalla imponente macchina organizzativa olimpica. Oltre al TM cè anche il TA per gli atleti, il TF per i volontari e il personale di servizio, e T1, T2, T3 o T4 che invece di pullman con un orario prevedono l’utilizzo di auto private a chiamata o addirittura dedicate, a seconda del rango cui il partecipante olimpico appartiene. E in caso di eventi particolari, come finali o per le cerimonie, vengono istituiti dei DDS (Direct and Dedicated Services – servizi dedicati e diretti) per destinazioni normalmente non servite.

Il bus del TM normalmente conduce da o per il MTM, ovvero “Media Transport Mall”, che è un gigantesco parcheggio a cielo aperto con una cinquantina di fermate per gli autobus che collegano il cuore pulsante delle Olimpiadi a tutte le sedi di gara e a tutti gli alberghi. Il MTM si trova di solito vicino al MPC, ovvero “Main Press Center”, il centro stampa principale dove sono locati tutti i servizi per la stampa. A fianco del MPC sta di solito l’IBC, cioè l’International Broadcasting Center, un enorme edificio grande di solito cinque volte il MPC dove sono ospitati tutti gli studi e i centri produzione delle televisioni che trasmettono le Olimpiadi.

Ah, e se per caso il pullman non fa al caso vostro, oppure si vuole andare da un posto all’altro senza necessariamente passare per il MTM, non rimane altro che rivolgersi ai TCT (Transport By Chartered Taxi – trasporto con taxi noleggiati), che sono gli unici autorizzati a trasportare gli “untori”, ovvero gli stranieri che sono arrivati per le Olimpiadi e non hanno ancora passato i 14 giorni di quarantena.

Confusi? Non siete i soli. Spesso si vede gente totalmente spaesata che vaga alla ricerca dell’acronimo giusto e si aggrappa al volontario di turno nella speranza di un’indicazione salvifica.

Purtroppo però questo non è che soltanto l’inizio: in ogni sede di gara c’è un centro stampa locale, chiamato VMC (Venue Media Center), dove i giornalisti possono trovare sedie, tavoli, prese per la corrente e il sempre più necessario WiFi. Da quest’anno, inoltre, viene consentito di collegare i computer alla reta anche attraverso il cavo Ethernet: fino alle scorse olimpiadi questo servizio era considerato “premium” e doveva essere sottoscritto a prezzo nemmeno troppo popolare.

In ogni modo, nel VMC si possono consultare PC collegati a OIS (Olympic Information System), il network curato dall’organizzazione olimpica (ah, pardon, l’OCOG, Olympic Games Organizing Committee) che fornisce risultati e aggiornamenti in tempo reale, e ottenere servizi supplementari e di ristoro come cibo, bevande oppure armadietti per lasciare gli oggetti di valore. Sorprendentemente questi servizi non hanno acronimi, così come i posti stampa all’interno dello stadio. Si è probabilmente trattato di una distrazione.

Per parlare con gli atleti alla fine delle gare è necessario recarsi della MZ, la Mixed Zone, area nella quale possono accedere sia membri dei media sia gli atleti; ma soprattutto negli eventi molto popolari i posti in MZ sono limitati, per cui è necessario dotarsi di un SACD (Supplementary Access Control Device), in parole povere un adesivo o un cartoncino da apporre al pass che consente di passare attraverso il severo controllo degli addetti a guardia della MZ.

Quindi, in definitiva, per seguire il torneo di tennis noi non abbiamo dovuto fare altro che prendere la TM dal nostro albergo fino al MTM nei pressi dell’MPC, poi trasbordare su un altro TM per ART e prima di andare sui campi a vedere i match ricordarsi di passare per il VMC a prendere il SACD per la MZ. Facilissimo, no?

Continua a leggere

Flash

Ubi Radio Olimpiadi – Sedicesima giornata di Tokyo 2020: l’Italia fa 40

L’Italia raggiunge le 40 medaglie. Almeno un podio in ogni giornata. Sinner in finale nel suo primo ATP 500. Musetti squalificato dalle quali del Masters 1000 di Toronto

Pubblicato

il

Cerimonia di chiusura Olimpiadi Tokyo 2020 (Foto Twitter @ItaliaTeam_it)

La squadra azzurra di Tokyo 2020 raggiunge due record incredibili: con il bronzo conquistato dalla squadra “delle farfalle” di ginnastica ritmica nel concorso a squadre vengono raggiunte le 40 medaglie nel corso dell’Olimpiade e si perfeziona il percorso netto, ovvero almeno una medaglia in tutte e 16 le giornate di gare.

Decimo posto nel medagliere, ma settimo se si considera solo il numero totale di medaglie conquistato. Il CONI dovrà sborsare più di 7 milioni di euro in premi, ma sicuramente lo farà con piacere.

La cerimonia di chiusura ha passato il testimone a Parigi, che organizzerà le Olimpiadi del 2024: alla fine l’avventura giapponese ha regalato tante soddisfazioni, nonostante tutte le preoccupazioni della vigilia.

 

Nel tennis Jannik Sinner ha raggiunto la finale a Washington e potrebbe entrare nei Top-15 se dovesse battere Mackenzie McDonald. La disavventura di Musetti a Toronto, dove è stato squalificato per aver violato il protocollo COVID, sembra una leggerezza davvero imperdonabile per chi ormai è abituato a queste restrizioni da tempo.

La puntata precedente – Day 15 a Tokyo 2020

Sintonizzatevi sulla pagina Spreaker di Ubitennis, oppure sulle principali piattaforme di podcast come Spotify, Apple Podcast e Google Podcast.

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement