ATP Winston-Salem: Murray tiene solo un set, poi passa Tiafoe. Fuori Mager

ATP

ATP Winston-Salem: Murray tiene solo un set, poi passa Tiafoe. Fuori Mager

Andy Murray cede dopo un primo set combattuto contro Frances Tiafoe. Sconfitto anche l’ultimo italiano: Mager eliminato da Struff

Pubblicato

il

Andy Murray (sinistra) e Frances Tiafoe ( destra) a Winston Salem 2021 (foto Twitter @WSOpen)
 
 

Giornata piena quella di martedì al Winston Salem Open: il programma di gioco aveva in programma tutti i rimanenti incontri di secondo turno per far scendere in campo anche tutte le teste di serie che avevano usufruito del bye al primo turno e quindi allineare il torneo al terzo turno per la giornata di mercoledì, condizione necessaria per far concludere l’evento sabato e lasciare un giorno di pausa tra la fine di questo 250 e l’inizio dell’ultimo Slam stagionale a Flushing Meadows.

Chi purtroppo non è potuto scendere in campo è stata la testa di serie n. 2 David Goffin, che durante il pomeriggio ha fatto sapere di non essere in grado di giocare a causa del suo “solito” infortunio al ginocchio sinistro che lo sta perseguitando da qualche tempo. Al posto suo è entrato in tabellone il lucky loser Emiliano Nava, n. 382 ATP, che probabilmente gli appassionati italiani ricorderanno essere stato l’avversario sconfitto da Lorenzo Musetti nella finale dell’Australian Open junior 2019. Nava è stato sconfitto in due set dal brasiliano Thiago Monteiro nell’ultimo match della giornata sul centrale.

All’inizio del pomeriggio era uscito dal torneo l’ultimo giocatore italiano rimasto in gara, ovvero Gianluca Mager, che in meno di un’ora è stato sconfitto da Jan-Lennard Struff con il punteggio di 6-2 6-2. Troppo solido Struff per Mager che è ancora alle prese con la transizione dalla terra al cemento, sul quale non giocava dalla trasferta australiana di febbraio.

 

Sul centrale il programma è stato aperto dalla testa di serie n. 1 Pablo Carreno Busta, unico Top 25 impegnato in torneo questa settimana grazie al suo particolare feeling con l’evento del Nord Carolina, nel quale è arrivato due volte nei quarti di finale, una volta in semifinale e nel quale ha conseguito una vittoria nel 2016. Lo spagnolo, neo medaglia di bronzo a Tokyo 2020, ha superato in tre set il coreano Soon Woo Kwon.

Ci sono volute oltre due ore a Daniel Evans, n. 3 del seeding, ad avere ragione di Lucas Pouille, ex semifinalista all’Australian Open solamente tre anni fa, oltre che giustiziere di Nadal a Flushing Meadows, ma ancora alle prese con una lunga crisi di risultati. Il francese tuttavia qui a Winston-Salem ha superato le qualificazioni ed ha vinto il primo set contro il giocatore britannico, prima però di calare alla distanza e di cedere per 6-1 al terzo set.

Ma il match della giornata, giocato in sessione serale davanti a spalti gremiti nonostante (o forse grazie) al ritardo causato dal prolungarsi del match di Evans e Pouille, è stato quello che ha visto impegnato l’ex n. 1 del mondo Andy Murray contro lo statunitense Frances Tiafoe, testa di serie n. 13. Molto bello il primo set, durato quasi un’ora e un quarto, nel quale non ci sono stati break, ma che ha visto entrambi i protagonisti avere chance per staccarsi nel punteggio. Prima, sul 3-3, Tiafoe si è trovato 0-40 sul servizio Murray, ma non è riuscito a concretizzare; poi, sul 4-5 l’americano ha dovuto affrontare ben tre set point, riuscendo comunque ad agganciare il 5-5 dopo 14 punti giocati.

Ho avuto parecchie occasioni nel primo set, e dopo averle mancate mi sono lasciato sopraffare dal disappunto” ha spiegato Murray dopo la partita. Infatti il tie break successivo ha visto Tiafoe sempre in vantaggio e, una volta aggiudicatosi il primo set, il giocatore del Maryland è andato via tranquillo nel secondo parziale, issandosi velocemente sul 5-1 e chiudendo poi 6-3 dopo aver servito inutilmente una prima volta per il match.

Per quanto riguarda il gioco espresso, credo di essermi mosso bene. Tuttavia non ho ancora la regolarità che serve per poter fare la differenza a questo livello – ha continuato lo scozzese – a volte incappo in due-tre errori che davvero non ci vorrebbero e mi complicano la vita. Al momento credo di poter valere una posizione in classifica tra il 50° e il 60° posto. Andrò a New York senza troppe aspettative, a meno di non riuscire a fare grandi progressi negli ultimi 4-5 giorni”.

Da segnalare anche la sconfitta di Marin Cilic (n. 6 del tabellone) per mano del bielorusso Ivashka, che all’esordio aveva eliminato Andreas Seppi, e quella di Alexander Bublik (n. 5) da parte del finlandese Ruusuvuori. Nella parte bassa del tabellone, oltre al forfait di Goffin ci sono stati anche quelli di Nikoloz Basilashvili (n. 7) e John Millman (n. 8), sostituiti rispettivamente da Pierre Hugues Herbert e Max Purcell. I due lucky loser hanno vinto entrambi i loro match e sono avanzati al terzo turno dopo aver ricevuto un inaspettato bye al primo.

Con il punteggio di 6-4 4-6 6-4, arriva la quinta sconfitta consecutiva all’esordio per Lorenzo Musetti che, sotto di un set e un break, riesce ad allungare al terzo senza tuttavia approfittare di un Federico Coria con le gambe rigide per i crampi, eppure spesso ugualmente in grado di comandare gli scambi. Un match che ha reso subito manifesto il periodo di scarsa fiducia di Lorenzo, con gli errori pesanti arrivati da quelli che dovrebbero suoi punti di forza – tecnica e sensibilità – in un primo set costellato da pessime esecuzioni di volée e smorzate. Troppo spesso ha subito l’iniziativa di un Coria certo non dotato di colpi letali e solo raramente, per non dire quasi mai, lo abbiamo visto imporsi variando sulla diagonale del rovescio per poi sorprendere sul lato destro. Quello che sembra un periodo di poca convinzione nei propri mezzi ha reso impossibile prevalere su un avversario che ha giocato il parziale decisivo fisicamente oltre la riserva, contribuendo ad aumentare il senso di impotenza a mano a mano che il punteggio scivolava via.

Non bisogna però dimenticare che per Lorenzo, classe 2002, questo è stato il match ATP n. 37, la maggior parte disputati in questa stagione, e la parte che conta è che occupi già il 58° posto del ranking mondiale, a maggior ragione se consideriamo il tipo di gioco e il ricco arsenale che richiedono più tempo per essere messi insieme efficacemente rispetto a chi entra in campo con il semplice piano di colpire forte e tenere costantemente alto il ritmo.

Per quanto riguarda il vincitore, arrivato in top 100 meno di un anno fa, ama costruirsi il punto spostandosi sul dritto, colpo che, come detto, difficilmente lascia fermo l’avversario al primo tentativo. La terra battuta è senz’altro la sua superficie preferita, un’affermazione forse riduttiva considerando che sul duro il finalista di Bastad ha addirittura meno esperienza del teenager di Carrara.

IL MATCH – Musetti sceglie di partire al servizio e per due turni di risposta confeziona chance di allungare senza però riuscire ad approfittarne, con buona dose di responsabilità per qualche tocco mal riuscito. La volée affossata dopo il doppio fallo che manda avanti Coria certifica che la “mano” azzurra non è al meglio in questo primo scorcio di match. La reazione di Lorenzo che lo rimette subito in parità si esaurisce presto e, senza fare alcunché di eclatante, il ventinovenne di Rosario torna avanti. Un po’ sconsolato di fronte all’avversario che fa punto al volo e con la smorzata, riesce a salvare un set point servendo sul 3-5 con uno dei rarissimi scambi impostati sulla diagonale sinistra, poi deciso dal rovescio lungolinea. Epilogo solo rimandato, perché Coria fa suo il parziale tenendo la battuta, per la prima volta senza offrire alcuna palla break.

Un paio di brutte scelte e un doppio fallo inguaiano l’azzurro che cede il terzo gioco con l’errore di dritto in palleggio, ma il servizio è raramente determinante, i punti vanno spesso in lotta e i due sembrano volersi scambiare break come figurine. L’ordine viene ripristinato a partire dal settimo gioco, Coria manda chiari segnali di affaticamento e al decimo game, lasciato fermo da un rovescione azzurro giocato da parecchio lontano che vale il set point, capitola con un tentativo di smorzata che è una disperata richiesta di pausa.

Toilet break, poi due pessimi dritti costano il turno di battuta a Lorenzo, ma l’argentino, toccandosi collo e petto, richiede l’intervento del medico che gli misura i battiti alla vecchia maniera prima di tirare fuori lo stetoscopio sotto gli occhi preoccupati dell’arbitra Raluca Andrei. Federico ci prova e, confermato il break giocando quasi solo di braccio, ringrazia per qualche altro unforced da parte del nostro che significa 3-0 pesante. Coria ottiene qualcosa dalla prima battuta, forza praticamente fermo sulle gambe appena ne ha l’occasione e continua a mettere game a referto, tanto che viene da domandarsi perché non giochi sempre così: forse non gli piace vincere facile.

Lorenzo muove il punteggio al quinto gioco con l’altro che, con le gambe in preda ai crampi, evita di sedersi al cambio campo per non mandare al proprio corpo il messaggio che può arrendersi. Doppi falli e palle sparate a caso consentono a Musetti di recuperare fino al 3-4, ma l’errore su una palla comoda tiene vive le speranze dell’altro che riesce a comandare dopo il servizio e perfino dopo la risposta, tanto che al nono gioco arrivano due match point da sinistra, però ben annullati da un Lorenzo che finalmente dà l’impressione – seppur vaga – di non volerla perdere. Piedi argentini in campo, piedi italici lontani e Coria conferma senza rischi l’ultima battuta per il 6-4 dopo un’ora e tre quarti.

Davvero giù di morale Musetti dopo il match che ha segnato la sua sesta sconfitta consecutiva: non vince una partita dal successo al quinto set al Roland Garros contro Cecchinato. “È un brutto periodo, anche in generale nella mia vita. Non riesco a trovare certezze, non riesco a trovare fiducia, e questo si vede sia in partita sia in allenamento. Spero che questo periodo possa finire presto e che possa tornare a splendere il sole. Ho bisogno di giocare match e di riprendere la sicurezza e la voglia di vincere match, speriamo già dalla settimana prossima a New York“.

MAGER SÌ, SEPPI NO – Un set e mezzo di grande intensità per Gianluca Mager che supera per 7-6 6-3 il qualificato Tung-Lin Wu. Recuperato immediatamente il servizio perso a metà del primo parziale, Gianluca fa suo il tie-break grazie a un solido passante al corpo. Il taiwanese, alto 188 cm come l’azzurro, ha nella battuta l’arma principale e rimane in partita fino al 3 pari, quando il nostro passa alla quinta opportunità. Al prossimo turno, per Mager c’è Jan-Lennard Struff, battuto nell’unico precedente al Challenger di Napoli nel 2016. “Oggi ho giocato una bella partita. Era il primo match fuori dalla terra dopo l’Australia, a parte la parentesi di Wimbledon, per cui le sensazioni non sono ancora quelle ottimali, ma visto che il programma è quello di giocare sul veloce fino a fine anno e poi anche in Australia sono convinto che più partite gioco, più le cose andranno meglio“.

Niente da fare invece per Andreas Seppi opposto a Ilya Ivashka, ventisettenne di Minsk n. 63 del ranking che sta avendo la sua stagione migliore. Al bielorusso, pressoché intoccabile sulla prima di servizio (27 su 30), è stato sufficiente mettere a segno un break per set per imporsi con un doppio 6-4 in un’ora e mezza.

Il tabellone aggiornato di Winston-Salem

Continua a leggere
Commenti

ATP

Wimbledon: Vavassori piace e diverte, ma Tiafoe è troppo solido

LONDRA – Andrea attacca e gioca bene, Frances tira, corre e alla fine vince senza rischiare. Tanti applausi per l’italiano

Pubblicato

il

[23] F.Tiafoe b. [Q] A.Vavassori 6-4 6-4 6-4 (da Londra, il nostro inviato)

Inizio piuttosto teso sul court 17 di Wimbledon, con Frances Tiafoe che si presenta in campo quasi 9 minuti in ritardo, e Andrea Vavassori che dà il via al match perdendo subito il servizio. L’italiano è comprensibilmente contratto, lo si capisce dai lanci di palla sbagliati e da qualche accelerazione non abbastanza convinta, ma insomma, siamo davanti a un ragazzo che sta giocando una partita sognata chissà quante volte.

Frances da parte sua non sembra proprio in forma scintillante, nel secondo game concede un paio di occasioni a Vavassori per rientrare subito, e poi subisce la reazione di Andrea che dallo 0-2 recupera e sorpassa fino al 3-2. Poco dopo, sul 3 pari, inizia a piovere, ed è un peccato, perchè l’inerzia si era spostata, da bordocampo sento Tiafoe smoccolare parecchio per le difficoltà a stare in equilibrio, e questo ben prima dello scroscio. D’altronde, con quegli appoggi potenti e pesanti, l’erba intonsa delle prime giornate diventa traditrice, l’americano qui non è mai andato oltre il terzo turno.

 

Come era purtroppo prevedibile, la pausa (di un’oretta circa) permette a Frances di riordinare le idee, il che si traduce, a furia di botte da fondo, servizi e buoni passanti, in un break che viene capitalizzato per il 6-4. A inizio secondo set un doppio fallo, una bella risposta dell’americano, e un errore sottorete costano ancora un game di servizio a Vavassori. Da quel momento Tiafoe non rischia più (mentre Andrea si salva da uno 0-40) e siamo 2 set a zero, 6-4 6-4. Non è male la partita, anzi, Vavassori fa vedere cose belle in attacco e prende tanti applausi, ma il gap di cilindrata in favore di Frances si fa sentire, ogni volta che colpisce comodo l’americano fa male soprattutto al rovescio di Andrea, che ha un ottimo slice ma non basta.

“Che bello essere qui, peccato il primo set. Mi sento bene, ora testa al doppio di mercoledì!”

Ormai nei game di servizio di Vavassori c’è lotta, con palle break assortite, in quelli di Tiafoe non si gioca o quasi, e l’inevitabile break decisivo arriva nel nono game del terzo set. Il 6-4 6-4 6-4 conclusivo è giusto per quanto visto in campo, la speranza è di poter rivedere ancora Vavassori a questo livello. Nel frattempo, solo complimenti per Andrea.

Continua a leggere

ATP

ATP Eastbourne: Fritz piega Cressy in una finale da erba d’altri tempi

Dopo un primo set dominato dal N.14 del mondo, zero palle break concesse da entrambi nei due successivi. La spunta Taylor al tie-break decisivo

Pubblicato

il

Clicca qui per ascoltare il video intero!

[3] T. Fritz b. M. Cressy 6-2 6-7(4) 7-6(4)

 

Se avete nostalgia dell’erba dei tempi che furono e passate le giornate su Youtube per ritrovare il prato spelacchiato nei pressi della rete probabilmente la finale di Wimbledon che si giocherà tra due settimane non vi renderà felici. Potete però ripiegare sulla finale del torneo di Eastbourne che hanno disputato Taylor Fritz e Maxime Cressy in un derby americano inatteso quanto old-fashioned.

Il campione di Indian Wells aveva già vinto questo torneo tre anni fa da giovanissimo ed evidentemente ha un rapporto speciale con questi campi. Cressy è senza alcun dubbio il miglior giocatore di serve&volley sistematico al mondo in questo momento, almeno in singolare. Non solo è il migliore ma è probabilmente anche l’unico sotto i 2 metri di altezza.

Alla fine ne è venuto fuori un match da 1992 più che da 2022: Fritz ha dominato il primo set con due break nel primo e nel settimo gioco sfruttando 2 palle break su 3. Da lì in avanti nessuno dei due giocatori ne vedrà più una fino alla fine.

In questo modo Fritz ha chiuso l’incontro, vinto al tie-break decisivo, non concedendo nemmeno una palla break in tutto l’incontro cedendo appena 10 punti complessivi alla battuta su 83 (12%). Paradossalmente 2 di questi 10 punti li ha persi nel tie-break del secondo set e gli sono costati dunque l’allungamento del match al terzo.

Nel tie-break decisivo invece i ruoli si sono invertiti: è stato Fritz a portare a casa due mini-break che gli sono valsi il terzo titolo della carriera, il secondo della stagione dopo il Masters 1000 in California e anche il secondo sui prati di Eastbourne.

Una cosa è sicura però: non prendete impegni per martedì perché Auger-Aliassime contro Cressy rischia di essere di gran lunga il primo turno più spettacolare di Wimbledon 2022.

Continua a leggere

ATP

ATP Maiorca: Tsitsipas rischia più volte ma si impone al fotofinish contro Bautista Agut, 1° titolo su erba

Stefanos Tsitsipas spreca un vantaggio di un set e un break, serve per il match, non chiude ma vince comunque. Nono titolo in carriera, il primo sui prati

Pubblicato

il

Stefanos Tsitsipas - ATP 250 Maiorca 2022 (foto Twitter)

Clicca qui per ascoltare il video intero!

[2/WC] S. Tsitsipas b. [5] R. Bautista Agut 6-4 3-6 7-6(2)

 

I grandi complimenti di Toni Nadal, in veste di direttore dell’ATP 250 di Maiorca, sono emblematici della finale che Stefanos Tsitsipas e Roberto Bautista Agut hanno interpretato. Un ultimo atto pieno di colpi di scena, in cui il greco è sempre stato avanti nel punteggio ma ha subito per ben due volte il ritorno dello spagnolo. Il tiebreak del terzo set, tuttavia, è stato un assolo del numero 6 del mondo, che lo ha dominato dal primo all’ultimo punto.

IL MATCHBautista Agut parte in maniera fallosa sia con le volée che col dritto, concedendo subito tre palle break consecutive al greco. Tsitsipas ha dalla sua anche la fortuna e un nastro beffardo gli smorza la palla quel tanto che basta per mandarla dall’altra parte, ritrovandosi 1-0 e servizio. Vantaggio mantenuto grazie ad un grande controllo degli scambi da fondo; Bautista Agut prova a fare restare a galla con palle arrotate e profonde, ma la potenza del dritto del 23enne di Atene continua a fare seri danni e in 11 minuti è 3-0 pesante. Poco dopo i punti vinti dal numero 20 del mondo eguagliano i game di Tsitsipas e si va 4-0. Per la prima volta Bautista riesce a vincere due quindici consecutivi e a sbloccarsi e, inaspettatamente, anche a recuperare uno dei due break di svantaggio. Aiutandosi con il servizio l’iberico risale fino al 3-4, accompagnando il tentativo di rimonta con diversi “Vamos!”. Bautista Agut è definitivamente entrato in partita e Tsitsipas rischia un po’ troppo, finendo subito sotto 0-30 anche per via di un doppio fallo. Da quel momento, però, il greco chiama in causa il suo gran servizio, conquistando quattro punti di fila e mantenendo il vantaggio. La testa di serie numero 5 prova a rimanere in scia, ma nel decimo game l’ellenico trova due ace e due prime vincenti e archivia 6-4 la prima frazione in cui, come spesso accade, ottiene molto dalla battuta (79% di punti vinti con la prima).

Il tabellone completo dell’ATP250 di Maiorca

Il secondo parziale parte in modo più equilibrato rispetto al primo, ma quando sembra che possa esserci una partita vera Bautista Agut spegne nuovamente la luce. Nel terzo game, infatti, l’iberico commette tre gratuiti di rovescio e concede altrettante palle break (seppur non consecutive): sulle prime due è bravo a cancellarle, ma sulla terza sbaglia una comoda volée di rovescio sopra la rete. In men che non si dica Tsitsipas si porta in vantaggio 3-1 e sembra totalmente in controllo del match, ma Bautista Agut non è certo un giocatore arrendevole. Prima un suo gran rovescio lungolinea, quindi due non forzati del numero 6 del mondo gli valgono due palle break per rientrare in partita. La seconda chance è quella giusta, con il 34enne di Castellon De La Plana che riesce ad agguantare il suo avversario sul 3-3. Qualcosa sembra essersi inceppato nel gioco del greco, che smarrisce la prima, va spesso fuori giri e regala altre due chance di break a Bautista Agut. Lo spagnolo se le procura al termine di uno scambio spettacolare, facendo giocare a Tsitsipas una complicata volée bassa e infilandolo successivamente con il dritto. Alla prima possibilità la testa di serie numero 5 opera l’allungo e, al momento di chiudere, tira fuori il meglio si sé con un pallonetto millimetrico, una smorzata vincente e un ace. Diventano cinque i giochi consecutivi vinti da Bautista Agut, che chiude 6-3 e rimanda tutto al terzo set.

Il match si fa decisamente più combattuto, con i due giocatori che sono ben consci di quanto sia importante partire bene. Tsitsipas non ha problemi nei suoi primi due giochi al servizio, tenuti entrambi a 15, mentre Bautista Agut difende il suo primo turno ai vantaggi. Nel quarto gioco l’iberico si porta comodamente sul 40-0, ma abbassa la concentrazione e subisce il rientro del suo rivale, che con cinque punti consecutivi ottiene il break. Abbastanza clamoroso il modo in cui Tsitsipas opera l’allungo, dato che – esattamente come nel primo set – è un nastro beffardo a mettere fuori giri Bautista Agut, che stava per mettere a segno una comoda volée di rovescio. La palla, tuttavia, bacia il net e ricade tra i piedi dello spagnolo, bravo a salvarsi rapidamente ma impotente sul colpo successivo del numero due del seeding, che si scusa in tutti i modi. L’ellenico ne approfitta, sale velocemente 4-1 e poco dopo ha un’opportunità del doppio break, ma l’iberico è bravo a cancellarla a rete. Si procede on serve fino al 5-3, quando Tsitsipas è chiamato a chiudere. Il numero 6 del mondo avverte la tensione del momento, concede una chance di break e, questa volta, la fortuna sorride al suo avversario. Il numero 20 del mondo, infatti, risponde come può ad una corposa prima della testa di serie numero due, che manca completamente l’impatto con la palla per via di un rimbalzo irregolare e viene ancora raggiunto da Bautista Agut, che impatta sul 5-5. Tsitsipas si fa riprendere da 40-0 ma non concede break point, mentre lo spagnolo tiene a zero il suo ultimo turno di battuta: sarà il tiebreak a decretare il vincitore del torneo. Il primo minibreak è del greco, che trova un importante dritto sulla riga e proprio con questo colpo fa la differenza, portandosi sul 4-1. Con un altro punto spettacolare il numero 6 ATP allunga il suo vantaggio, si procura quattro match point consecutivi e chiude subito con una seconda vincente un tiebreak dominato dall’inizio alla fine. Termina 6-4 3-6 7-6 in 2h31 per Tsitsipas, che si è trovato prima avanti di un set e un break, poi ha servito per il torneo nel terzo set, ma in entrambe le occasioni era stato rimontato da un mai domo Bautista Agut. Questo successo è il 40esimo in stagione, che gli valgono anche il nono titolo in carriera, il primo in assoluto sull’erba. Grazie alla vittoria odierna, inoltre, l’ellenico scavalca Alcaraz e torna al secondo posto nella race, alle spalle soltanto di Rafael Nadal. Al termine di Wimbledon Tsitsipas salirà al numero 4 ATP, poiché usciranno a Novak Djokovic i 2000 punti ottenuti grazie alla vittoria dell’anno scorso. Il serbo scenderà dunque al numero 7 del ranking.

Il tabellone completo dell’ATP250 di Maiorca

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement