US Open, verso Djokovic-Berrettini: verità ereditate dalle sfide di Roland Garros e Wimbledon

Flash

US Open, verso Djokovic-Berrettini: verità ereditate dalle sfide di Roland Garros e Wimbledon

Cosa ci dicono i numeri delle due precedenti sconfitte di Berrettini contro il numero uno Djokovic? La chiave è sempre la seconda. Occhio a dritto inside-out e servizio al corpo. Sì al back di rovescio

Pubblicato

il

Matteo Berrettini - US Open 2021 (photo Andrew Ong/USTA)

Ridurre tutto ai numeri rischia di essere un errore, soprattutto quando la cifra emotiva dell’incontro è parecchio significativa come in questo caso, ma è comunque l’opzione migliore che abbiamo per presentare il quarto di finale dello US Open 2021 tra Novak Djokovic e Matteo Berrettini, terzo confronto diretto di questa stagione – tutti giocati in tornei dello Slam, peraltro consecutivi. Il serbo ha battuto l’italiano ai quarti di finale di Parigi, perdendo il terzo set set, e poi lo ha battuto ancora in finale a Wimbledon, perdendo soltanto il primo set.

Berrettini proverà ad emulare con un turno d’anticipo l’impresa di Roberta Vinci, che nel 2015 fermò la numero uno del mondo Serena Williams in semifinale, a due passi dal Grande Slam. Sembrava impossibile allora, alla vigilia del match, e sembra impossibile anche oggi. Ma cosa ci raccontano i numeri delle due recenti sfide tra Djokovic e Berrettini, raccolti nel charting completo di Tennisabstract (trovate qui la sfida del Roland Garros e qui quella di Wimbledon)? Soprattutto, danno una qualche concretezza alle chance di vittoria di Matteo?

QF ROLAND GARROS – [1] Djokovic b. [7] Berrettini 6-3 6-2 6-7(5) 7-5
F WIMBLEDON – [1] Djokovic b. [6] Berrettini 6-7(4) 6-4 6-4 6-3

Prima di tutto un dato statistico piuttosto curioso. Nelle due partite è stato giocato lo stesso numero di punti, 276 a Parigi e altrettanti a Londra, con la differenza che nella prima sfida Djokovic ne ha vinti ben 30 in più (153 a 123) mentre nella seconda ‘soltanto’ 14 (145 a 131). Berrettini ha vinto entrambi i set al tie-break e nel complesso ha portato a casa quasi gli stessi game (17 a Parigi, 18 a Londra), ma i due incontri si sono articolati molto diversamente.

 

Al Roland Garros c’è stata poca partita nel primo set, pochissima nel secondo ma ce n’è stata molta nel terzo e nel quarto, sebbene Berrettini non sia mai riuscito a breakkare Djokovic fallendo nel primo set le uniche tre palle break; la pausa per l’uscita del pubblico dallo stadio dopo cinque game del quarto set – si era ancora in tempi di coprifuoco a Parigi – ha forse tolto un po’ di energie a Berrettini, che anche grazie al pubblico era riuscito a vincere il tie-break di un terzo set nel quale aveva avuto pochissime occasioni in risposta.

A Wimbledon è stata ancora la solidità mentale a consentire a Berrettini di vincere il primo set, un parziale nel quale Djokovic era partito con un vantaggio molto confortante ed era sembrato in completo controllo delle operazioni fino al 5-2, game nel quale aveva addirittura fallito un set point. Poi, però, sebbene non si possa dire che Berrettini abbia giocato male i tre set successivi, non possiamo neanche dire che sia mai andato realmente vicino a mettere in discussione l’esito della partita.

Elemento comune dei due set vinti? La capacità di Berrettini di sfruttare le incertezze del numero uno del mondo. Con un grammo di garra in meno, Matteo avrebbe potuto tranquillamente perdere entrambe le partite in tre set. Questo è sia un buon segnale – Djokovic sa che non può concedersi troppe sbavature, e questo potrebbe mettergli pressione – sia un cattivo segnale, perché vuol dire che Berrettini forse non sarebbe riuscito a vincere neanche un set senza un concreto aiuto del suo avversario.

Smaltita questa premessa generica, solo per metà affidata ai numeri, svisceriamo brevemente similitudini e differenze tra le due partite attraverso quattro piani d’analisi: servizio, risposta, direzione dei colpi e lunghezza degli scambi.

SERVIZIO

ROLAND GARROS – Berrettini non è riuscito a far valere granché la sua superiorità al servizio: sommando le tre categorie di punto diretto col servizio, ossia ace, unreturned serve e servizi che producono l’errore forzato del ribattitore, Djokovic ha totalizzato 35 punti (il 27% dei suoi servizi totali) e Berrettini 41 (il 28%). La partita è stata vinta dal serbo soprattutto con la seconda: mostruosa la sua difesa del servizio più debole (65%) nonostante ne abbia tirate più del suo avversario. Difficile, se non impossibile, battere Djokovic quando vince il 73% dei punti con il servizio.

WIMBLEDON – Berrettini aveva approcciato la finale londinese forte di un servizio d’acciaio che era stato sopraffatto dal ribattitore soltanto cinque volte nelle precedenti sei partite del torneo. Djokovic ha spazzato via le sue certezze, breakkandolo sei volte (su 15 palle break). C’è un dato che testimonia in modo particolare la difficoltà di Berrettini, che ha messo in campo il 59% di prime e ha dovuto giocare in totale ben 32 punti in più del suo avversario al servizio; colpisce soprattutto il fatto che Berrettini abbia giocato tante seconde (ben 63), quasi quante le prime di Djokovic (75). In sintesi, vincere il primo set col 56% (!) di prime in campo è stato un miracolo statistico, che infatti non si è ripetuto.

Un paio di chicche: in entrambe le partite, Djokovic ha preferito la soluzione esterna con il servizio (50% dei servizi a Parigi, il 42% a Londra) mentre Berrettini ha utilizzato un profilo più equilibrato, utilizzando molto più del suo avversario il servizio al corpo, soprattutto con la seconda (addirittura 37 volte su 63 seconde giocate nella finale di Wimbledon).

RISPOSTA

Inutile girarci attorno, è qui che la forbice tra i due giocatori si allarga. In entrambe le partite Djokovic ha vinto più della metà dei punti in risposta alla seconda di Berrettini, il 55% a Parigi e addirittura il 60% a Londra, riuscendo a portare la lunghezza media degli scambi oltre la soglie dei cinque colpi. Ricordate l’abuso dei servizi al corpo di Berrettini? Beh, non ha pagato troppo se è vero che il serbo ha trasformato in punto il 58% dei servizi (ricevuti) al corpo a Parigi e il 53% a Londra.

Considerando la percentuale di punti in vinti in risposta contro la prima e la seconda di Djokovic nei due match, Berrettini ha superato la soglia del 40% soltanto contro le seconde tirate da Djokovic a Wimbledon, e comunque di poco (42%). Il serbo gli ha cercato parecchio il rovescio, soprattutto nella seconda sfida, e grazie all’utilizzo dello slice l’italiano si è difeso sorprendentemente bene vincendo più punti quando ha avviato lo scambio con una risposta di rovescio.

Novak Djokovic – WImbledon 2021 – Credit: AELTC/Ian Walton

DIREZIONE DEI COLPI

Passando da Parigi a Londra, la differenza principale nel profilo dei colpi di Berrettini (il campione di dati si basa soprattutto sui colpi successivi al terzo dello scambio) ha riguardato il rapporto tra dritti incrociati e dritti anomali inside-out; a Parigi erano stati più i primi, mentre a Wimbledon Matteo ha colpito il 37% dei dritti in traiettoria inside-out. Se vi state chiedendo se la scelta ha pagato, la risposta è un secco no – poiché nella prima sfida i vincenti a uscire sono stati 12 (su 46 colpi tracciati) mentre nella seconda soltanto 5 (su 57 colpi tracciati). Pur essendo un colpo notevole nell’arsenale di Berrettini, il problema è che va a scontrarsi con la difesa di rovescio di Djokovic. Una scelta tattica che invece ha pagato è stato il maggiore utilizzo del rovescio in slice; a Wimbledon, Matteo ha diviso equamente i rovesci tra top e traiettoria tagliata.

LUNGHEZZA DELLO SCAMBIO

Ultima considerazione sulla lunghezza degli scambi. Dividendoli in quattro categorie (1-3 colpi, 4-6, 7-9 e 10+) non è possibile rintracciarne neanche una in cui, in una delle due partite, Berrettini abbia prevalso. L’italiano è riuscito a pareggiare il suo avversario soltanto per quanto riguarda gli scambi brevi giocati a Wimbledon (77 punti a testa), mentre la categoria che lo ha visto maggiormente in ambasce è decisamente quella degli scambi compresi tra i 4 e i 6 colpi: al Roland Garros se ne sono giocati 58 (su 276 punti totali) e Djokovic ne ha vinti 34 (il 59%), mentre a Wimbledon sono stati addirittura 80, il 29% del totale, e Djokovic ne ha vinti 45 (il 56%).

La verità dei numeri è questa. E conferma che, comunque vada, Berrettini è chiamato a compiere una vera impresa anche solo per fare davvero partita pari.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Coppa Davis 2022: confermate le 12 sedi per le Qualificazioni di marzo, l’Italia a Bratislava

Si scaldano i motori delle squadre nazionali per le Qualificazioni di inizio marzo. L’Italia al chiuso di Bratislava, Slovacchia

Pubblicato

il

Mentre la stagione tennistica 2022 sta entrando nel vivo con il primo Slam australiano, si guarda già più in là e all’orizzonte brilla l’ambizioso trofeo della Coppa Davis. L’ITF ha annunciato l’elenco completo delle sedi per le Qualificazioni della Rakuten Coppa Davis 2022 del 4-5 marzo. L’Italia giocherà fuori casa sui campi indoor della capitale Bratislava in Slovacchia. Il tie si disputerà nel weekend che precede Indian Wells, vale a dire fra il 4 e il 5 marzo 2022 con due singolari, un doppio e altri due singolari sempre al meglio dei tre set. Gli azzurri giocheranno sul veloce della NTC Arena; l’ultima sfida giocata lì è stata vinta lo scorso anno dai padroni di casa 3-1 contro il Cile, e sono stati usate palline Dunlop ATP.

L’Australia ha confermato che ospiterà l’Ungheria a Sydney, mentre gli USA affronteranno la Colombia a Reno, in Nevada. L’elenco delle sedi comprende tre stadi per eventi olimpici di tennis, a Seoul, Sydney e Rio de Janeiro. Le 12 qualificazioni alla Coppa Davis abbracciano 19 fusi orari – da Sydney a est a Reno a ovest – e vedono l’azione svolgersi in cinque continenti. Una vera coppa del mondo!

Francia v EcuadorPalais des Sports, Pau, FranceIndoors, hard
Spagna v RomaniaPuente Romano Club de Tenis, Marbella, SpainOutdoors, clay
Finlandia v BelgioEspoo Metro Areena, Espoo, FinlandIndoors, hard
USA v ColombiaReno Events Center, Reno, NV, USAIndoors, hard
Paesi Bassi v CanadaSportcampus Zuiderpark, The Hague, NetherlandsIndoors, clay
Brasile v GermaniaParque Olimpico Arena Tenis, Rio de Janerio, BrazilOutdoors, clay
Slovacchia v ItaliaNational Tennis Centre Arena, Bratislava, SlovakiaIndoors, hard
Australia v UngheriaKen Rosewall Arena, Sydney, AustraliaOutdoors, hard
Norvegia v KazakhstanOslo Tennis Arena, Oslo, NorwayIndoors, hard
Svezia v GiapponeHelsingborg Arena, Helsingborg, SwedenIndoors, hard
Argentina v Repubblica CecaBuenos Aires Lawn Tennis Club, Buenos Aires, ArgentinaOutdoors, clay
Corea del Sud. v AustriaOlympic Park Tennis Court, Seoul, Korea Rep.Indoors, hard

Continua a leggere

Flash

Australian Open 2022, Cilic: “Berrettini può arrivare fino alla finale di un torneo del Grande Slam o vincerlo. Su Sinner: “Penso che il suo gioco sia ancora in fase di sviluppo”

Intervistato dal direttore Scanagatta e dagli altri giornalisti presenti in sala stampa, Marin Cilic ha detto la sua sul prossimo avversario Auger Aliassime e sugli italiani

Pubblicato

il

Marin Cilic - Australian Open 2022 (foto Twitter @AustralianOpen)

Dopo essere ritornato nuovamente agli ottavi di finale di uno Slam, l’ultima volta sempre in Australia due anni fa, grazie alla rullante prestazione con conseguente vittoria ai danni della tds. n.5 del seeding Andrey Rublev, con il punteggio di 5-7 6-7(3) 6-3 3-6, Marin Cilic che nel prossimo match affronterà Auger Aliassime (3 a 0 i precedenti per il tennista di Medjugorje); si è presentato davanti ai giornalisti per svolgere il Q&A:

D: Nel prossimo match affronterai Felix Auger Aliassime. Siete entrambi grandi giocatori. Quali sono le tue impressioni riguardo alla prossima partita e cosa ti aspetti da essa?

R: “ Mi aspetto assolutamente un altro match complicato. Felix ha iniziato la stagione molto bene. Ha vinto l’ATP Cup e qui oggi l’ho visto giocare incredibilmente bene contro Evans. Ci conosciamo bene. Abbiamo giocato poche volte, e lui è, come hai detto tu, è un grande battitore, ha un grande servizio, un grande dritto. Abbiamo caratteristiche tecniche simili e siamo entrambi in un buon momento. Quindi dipenderà da chi sarà più bravo nei punti critici e da chi avrà qualcosa in più nei punti importanti. Cercherò solo di concentrarmi domani, rilassarmi un po’, mantenendo la testa con un focus positivo anche quando ci saranno delle difficoltà e proseguendo il mio match senza farmi distogliere da esse”.

 

Q. So che c’è ancora molta strada da fare, ma per alcuni aspetti, questo torneo ti ricorda quello di qualche anno fa, quando sei arrivato, anche in quel caso, nella seconda settimana degli Australian Open?

 R: “Beh, sai, come ho appena detto, quando il mio gioco c’è, mi sento davvero sicuro. Quando sento che il mio gioco è effettivamente lì, presente, mi accorgo che riesco a giocare davvero bene. Hai visto, oggi è stata una partita incredibile con Andrey. Ho una grande esperienza a livello Slam qui in Australia. Ho giocato benissimo nel 2018. Nel 2019, invece, sono stato un po’ sfortunato. Mi sentivo ancora più in forma rispetto al 2018, ma poi mi sono infortunato al ginocchio. Non ho potuto esprimermi al meglio delle mie possibilità. La prestazione di oggi è stata eccezionale, ho giocato un tennis di altissima qualità e sono riuscito a superare il mio avversario. Poi sento che sto giocando bene, posso sfidare questi ragazzi. Pero sai, devo prendere partita dopo partita, vedere chi affronterò di turno in turno, approcciarmi in modo tranquillo e rilassato. Inoltre, ripeto, devo rimanere concentrato su quello che devo fare e continuare a giocare come ho fatto in queste tre partite”.

D: Quanta soddisfazione c’è, quando un vecchietto da una lezione ad un ragazzo?

R: La soddisfazione si raggiunge con un percorso diverso. La soddisfazione c’è perché, sai, che hai giocato una partita incredibile. Questo mi dà grande eccitazione. Al momento mi sento davvero in feeling positivo con me stesso. Ovviamente ho lavorato molto, perché venivo da un periodo con tanti alti e bassi. Ho avuto un paio di stagioni difficili. E giocare bene, in questo tipo di tornei, è sicuramente una grande soddisfazione per me.

Ubaldo Scanagatta, Ubitennis: Grandi prestazioni, non è fantastico che dopo due stagioni tu sia tornato a questo livello. Posso chiederti, visto che sei stato in Italia per molto tempo con Bob Brett, che noi tutti abbiamo amato, anche qualcosa sui due italiani che ora sono negli ultimi 16. Tu li ha affrontati entrambi, Berrettini e Sinner. Se tu dovessi dire quale dei due andrà più lontano, non solo in questo torneo, ma nelle classifiche, magari fra un anno, dammi la tua previsione. Non cercare di essere troppo diplomatico.

R: “Wow, è così difficile, perché entrambi sono giocatori incredibili. Entrambi hanno avuto una stagione incredibile, e soprattutto Jannik, la sua seconda parte dell’anno è stata fantastica. Sai, entrami hanno giocato alle ATP Finals. Matteo che gioca la finale di Wimbledon. È difficile scegliere. E hanno un gioco diverso. Il gioco di Matteo è da giocatore moderno del tennis contemporaneo. Se è in grande forma può arrivare fino alla finale di un torneo del Grande Slam o vincerlo. Penso, invece, che Jannik stia migliorando ancora. Penso che il suo gioco sia ancora in fase di sviluppo e che abbia ancora ampi margini di miglioramento. Matteo, ormai, penso che abbia raggiunto un livello impressionante, il suo gioco è davvero solido e riesce a mantenere quello standard per tutta la stagione. Sento che Jannik migliorerà ulteriormente. Chi sarà migliore? Chiedi loro. Non ne ho idea”.

Articolo a cura di Cipriano Colonna

Continua a leggere

Flash

[VIDEO] L’opinione di Ubaldo Scanagatta: “Difficilmente Piatti sceglierà McEnroe per allenare Sinner”

Chi sarà il nuovo super-coach di Sinner? Scoprite i candidati in questo video di Ubaldo Scanagatta

Pubblicato

il

Jannik Sinner - ATP Cup 2022 Sydney (foto Facebook ATP Cup)

Il direttore Scanagatta ha fatto il punto della situazione all’Australian Open per il canale Instagram del sito (vi consigliamo di iniziare a seguirci, la pillola di Ubaldo viene pubblicata ogni giorno nel pomeriggio!). Da quando Sinner ha fatto intendere che il suo team potrebbe arricchirsi di un nome importante, il toto-coach impazza in tutti gli ambienti tennistici italiani. John McEnroe ha proposto subito il suo nome, ma chi sono i veri papabili?

 
 
 
 
 
View this post on Instagram
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 
 

A post shared by Ubitennis (@ubitennis)

 

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement