US Open, Nole interruptus: Medvedev spezza il sogno Grande Slam di Djokovic

Flash

US Open, Nole interruptus: Medvedev spezza il sogno Grande Slam di Djokovic

Prestazione perfetta di Daniil Medvedev che sconfigge in tre set Novak Djokovic. È il primo titolo Major in carriera per il russo

Pubblicato

il

Daniil Medvedev con il trofeo - US Open 2021 (Garrett Ellwood/USTA)

[2] D. Medvedev b. [1] N. Djokovic 6-4 6-4 6-4

Ancora una volta, come sei anni fa nel torneo femminile, la “maledizione da Slam” ha colpito a Flushing Meadows. A un passo dal più grande traguardo nel tennis professionistico, Novak Djokovic è stato fermato da un Daniil Medvedev spietatamente efficace al servizio, ma anche da una grande tensione che non gli ha permesso di esprimersi al meglio delle sue possibilità.

Incredibile la prestazione al servizio del russo, che ha reso inoffensiva una delle migliori ribattute della storia del tennis, quella di Djokovic, incapace di leggere le direzioni di battuta di Medvedev, e forse impreparato a essere sommerso di servizi vincenti in un match come questo. Il russo ha ottenuto quattro punti su cinque quando ha messo la prima di servizio (il 58% delle volte), e ha fatto registrare un 41% di servizio non risposti, contro il 25% del suo avversario.

 

Inoltre, anche da fondocampo Djokovic non è quasi mai riuscito a trovare il ritmo dei giorni migliori, scontrandosi con la regolarità di Medvedev che lo ha battuto nettamente nella battaglia sugli scambi lunghi: 18-7 per Daniil la statistica finale negli scambi con più di 9 colpi.

LA PARTITA – Com’era solo umano che accadesse, l’inizio del match per Djokovic è decisamente nervoso: incerto al servizio, incapace di trovare ritmo nei compi da fondocampo, il n. 1 del mondo cede il servizio nel game d’apertura con un doppio fallo e tre errori gratuiti. Medvedev, dal canto suo, appare anche lui molto cauto nei game d’abbrivio, ma al servizio è assolutamente intrattabile, e al ritmo di due aces a game costruisce il suo vantaggio.

Djokovic trova la battuta quando maggiormente gli serve, ovvero quando sta per andare sotto di due break, risalendo da 15-40 sullo 0-2, ma i suoi problemi in risposta rimangono molto complicati da risolvere. Medvedev continua con la strategia adottata durante tutto il torneo e si posiziona a rispondere dal parcheggio del Citi Field, l’attiguo stadio del baseball dove questo fine settimana si gioca il derby tra le due squadre di New York (Mets e Yankees), e Djokovic inizia a sfruttare la situazione con servizi slice a rientrare da sinistra e con battute angolate seguite a rete, ma il suo problema rimane il break di svantaggio.

Medvedev senza la minima esitazione chiude il set tenendo i suoi cinque turni di battuta, perdendo appena tre quindici, (incluso un doppio fallo) e va in vantaggio di un set in appena 37 minuti.

Il pubblico è nettamente dalla parte del Grande Slam e incoraggia Djokovic a ogni occasione, fino agli spettatori appollaiati in piedi nell’ultima fila della piccionaia. L’occasione arriva subito con Medvedev che sullo 0-1 si inguaia fino a 0-40 con due gratuiti e un doppio fallo. Il russo, tuttavia, senza dare il minimo cenno di tensione e correndo tra un punto e l’altro da fare invidia a Kyrgios e Federer, infila cinque punti consecutivi e con la solita “quota sociale” di due ace tiene il servizio.

Gli scambi si allungano, i game sono combattuti: prima salva una palla break Djokovic sull’1-1 con un bel servizio vincente, poi nel game seguente è Medvedev che esce dalla buca facendo andare su tutte le furie il serbo, che perde la…. “head” e sfascia la racchetta prendendosi il meritato warning.

La svolta del set arriva subito dopo: un doppio fallo e tre gratuiti condannano il serbo a perdere il servizio, mettendolo ancora di più nei guai, perché il servizio di Medvedev è più illeggibile di un testo antico in sanscrito, e da quel momento in poi il russo mette a segno 11 punti consecutivi al servizio prima di lasciarsi andare a un doppio fallo e poi andare avanti due set a zero dopo 90 minuti di gioco, facendo il pugnetto al suo angolo tristemente vuoto (solo quattro posti su 12 occupati, a confronto della full house nel box di Djokovic).

Contrariamente a quanto previsto dai commentatori dalla ESPN (e non solo da loro), Djokovic non va in bagno come aveva fatto nella finale del Roland Garros, ma rimane in campo. La mossa però non sembra essere quella azzeccata, perché il serbo inizia a commettere errori che di solito non commette, a rete e a fondocampo. Medvedev è implacabile, va avanti 4-0, poi 5-1, poi il pubblico diventa un fattore, sostenendo come non aveva mai fatto il n.1 del mondo. L’Arthur Ashe vuole vedere una partita più lunga, vuole in Grande Slam, e per la prima volta nel match Medvedev sente la pressione.

Quando serve sul 5-2 il russo arriva a match point, ma commette doppio fallo servendo la seconda come la prima; poi ne commette un altro e cede il servizio. Flushing Meadows sembra Belgrado, sul 5-4 il giudice di sedia Dumusois quasi prova a tenere una parvenza di “silenzio”, ma è impossibile. Nel frattempo Djokovic è commosso per il grande sostegno del pubblico e al cambio campo si lascia andare a qualche lacrima, coperto dall’asciugamano, a testimonianza del momento di grande emotività che sta vivendo. Medvedev però non si lascia distrarre e torna in campo per finire quanto ha brillantemente iniziato: nei palleggi da fondo è ampiamente il migliore quest’oggi e va subito avanti 30-0, poi arrivano due match point sul 40-15. Sul primo commette un altro doppio fallo, ma sul secondo il servizio vincente chiude la contesa dopo 2 ore e 16 minuti infliggendo a Novak Djokovic la più grande delusione della sua carriera.

Abbraccio tra Djokovic e Medvedev – US Open 2021 (via Twitter, @usopen)
Il tabellone maschile dello US Open con tutti i risultati aggiornati

Continua a leggere
Commenti

Flash

WTA Cluj-Napoca 2: Halep avanti in scioltezza

Simona domina 6-1 6-2 il derby con Ruse e sfiderà Gracheva. Esordio agevole anche per Kontaveit contro Krunic

Pubblicato

il

Simona Halep - Cluj Napoca 2021 (foto Twitter @Transylvaniaopn)

Tutti incontri abbastanza a senso unico in questo mercoledì al Transylvania Open. Spicca la vittoria all’esordio di Simona Halep che si è aggiudicata il derby contro Elena Gabriela Ruse con un inequivocabile 6-1 6-2. Troppa la differenza nello scambio tra le due giocatrici con la più blasonata delle due che ha fatto suo il match in un’ora e 15 di gioco. Al secondo turno sfiderà Varvara Gracheva. Avanti senza problemi anche Anett Kontaveit, fresca vincitrice della Kremlin Cup di Mosca. L’estone ha superato Aleksandra Krunic 6-3 7-5, accusando un singolo passaggio a vuoto a metà del secondo set quando si è lasciata riprendere sul 4-4 con un controbreak a zero. Anett ha comunque prontamente ripreso in mano le operazioni e chiuso la partita senza ulteriori patemi. La sua prossima avversaria sarà Alison Van Uytvanck.

Si sono invece già qualificate per i quarti di finale Anhelina Kalinina e Lesia Tsurenko. La prima ha rifilato un doppio 6-2 a Ana-Lena Friedsam, mentre l’ucraina ha domato in due set le resistenze di Anastasia Gasanova (6-2 7-5).

Continua a leggere

Flash

ATP Vienna, il programma di giovedì 28 ottobre: Sonego e Sinner in campo nel pomeriggio

Jannik Sinner secondo match sul centrale (ore 16 circa) contro Dennis Novak. Lorenzo Sonego cercherà di fermare Casper Ruud (ore 15 circa) sul #glaubendich

Pubblicato

il

Gael Monfils (FRA) - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Christian Hofer).

Si completano gli ottavi di finale all’Erste Bank Open di Vienna, con tre dei pretendenti agli ultimi posti per le Nitto ATP Finals di Torino ancora in corsa. Inizierà Cameron Norrie alle 13 sul campo #glaubendich contro il canadese Felix Auger Aliassime, poi a seguire ci sarà Casper Ruud che se la vedrà con il nostro Lorenzo Sonego.

Sonego potrebbe “fare gioco di squadra” vincendo il suo match perchè in quel modo aiuterebbe Jannik Sinner a raggiungere il norvegese in graduatoria. Sinner sarà sul campo centrale contro la wild card austriaca Dennis Novak, vincitrice al primo turno del nostro Gianluca Mager.

Le prime due teste di serie, Stefanos Tsitsipas e Alexander Zverev, saranno impegnate nella sessione serale non prima delle 17.30.

 

Questo il programma completo (cliccare l’icona in alto a destra per ingrandire l’immagine)

Continua a leggere

Flash

WTA Courmayeur: Gatto-Monticone eliminata da Tauson

L’azzurra se la gioca per un set, ma cede 6-4 6-1 alla danese. Sesta vittoria di fila per Ann Li

Pubblicato

il

Si conclude agli ottavi l’avventura di Giulia Gatto-Monticone nel Courmayeur Ladies Open. Contro Clara Tauson l’azzurra ha tenuto botta nel primo set anche grazie alla bassa percentuale di prime dell’avversaria, ma nel secondo si è dovuta arrendere alla crescita al servizio di Tauson e alle sue prepotenti accelerazioni.

Il match si apre con quattro break consecutivi che fissano il punteggio sul 2-2. Nonostante la parità risulta comunque evidente che Tauson abbia un lieve predominio sul gioco: Gatto-Monticone infatti ha perso il servizio nonostante il 77% di prime in campo, mentre la danese a stento arriva al 45% e da fondo ha spesso in mano lo scambio, incappando però altrettanto spesso in errori al momento di chiudere. L’italiana è bravissima a cercare di esacerbare questa tendenza al gratuito con frequenti cambi di ritmo e riesce a rimanere in scia fino al 4-4, annullando anche due palle break nell’ottavo game. A questo punto però Tauson trova un paio di accelerazioni delle sue e si prende di forza il set col punteggio di 6-4. Nel secondo parziale la danese riprende a viaggiare su ritmi che Gatto-Monticone non è in grado di gestire. I colpi le filano che è un piacere, con il lungolinea fa danni enormi da entrambi i lati e anche il servizio gira molto meglio (chiuderà il set con il 55% di prime e zero punti persi con la prima). In appena 28 minuti si concretizza il 6-1 che pone fine al match.

ALTRI INCONTRI – Sesta vittoria di fila per Ann Li, forte del primo titolo in carriera conquistato la scorsa settimana a Tenerife. La statunitense ha rimontato un set a Kamilla Rakhimova, portando a casa il match in poco più di due ore con il punteggio di 4-6 6-3 6-4. Sono serviti tre set anche a Dayana Yastremska per avere la meglio su Kateryna Kozlova: la kazaka si è imposta per 6-1 3-6 7-5 prima che scoccassero le due ore di gioco.

 

Il tabellone completo

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement