Un altro tennis: viaggio alla scoperta del wheelchair tennis (prima parte)

Flash

Un altro tennis: viaggio alla scoperta del wheelchair tennis (prima parte)

Intervista al fiduciario lombardo della FIT per il tennis in carrozzina che ci spiega il passato, il presente e il futuro della disciplina

Pubblicato

il

Stephane Houdet, atleta francese

Dal 24 agosto al 5 settembre a Tokyo si sono disputati i 16esimi Giochi Paralimpici estivi. L’Italia si è comportata molto bene e ha chiuso la manifestazione al nono posto nella classifica per nazioni con un totale di 69 medaglie. Nessuna di queste però è arrivata dalla specialità del tennis in carrozzina (in inglese wheelchair tennis), né in campo maschile, né femminile.

Come mai? Siamo partiti da questa domanda per fare un viaggio in due puntate alla scoperta di questo sport che – come avremo modo di vedere – merita molta più attenzione di quanta sino ad oggi gliene sia stata concessa.

Ospite della prima puntata è Gianni Gioia, da tre anni fiduciario lombardo della FIT per il tennis in carrozzina e direttore di Gioiatennis, società sportiva lombarda che si occupa principalmente di tennis.

 

Gianni, quali sono le origini del tennis per disabili nel mondo e in Italia?
Il tennis in carrozzina nasce negli Stati Uniti nel 1976 su iniziativa di Brad Parks, un diciottenne californiano rimasto vittima di un incidente sugli sci che iniziò a praticarlo per scopi riabilitativi. In Italia arrivò nel 1987 grazie all’iniziativa di quattro ragazzi toscani inizialmente dediti al ping-pong che si innamorano di questa disciplina in seguito all’incontro con un atleta italo-svizzero.

Attualmente quanti sono gli atleti italiani che lo praticano  a livello agonistico?
Prima della pandemia il nostro movimento poteva contare su 170 atleti; 150 di questi nella categoria open e 20 in quella quad. Non tutti però hanno ancora ripreso a gareggiare.

La componente femminile quanto pesa numericamente?
Sono 15, tutte nella categoria Open.

Quali sono le principali differenze tra categoria Quad e Open?
Nella categoria Open gareggiano persone che non sono in grado di giocare a tennis in posizione verticale a causa di una invalidità a uno o entrambi gli arti inferiori, mente nella categoria Quad chi soffre d’invalidità anche agli arti superiori. Nella categoria Open, inoltre, il circuito femminile è separato da quello maschile. Non è così in quella Quad: il tabellone dei vari tornei è unico e gli uomini e le donne si sfidano sul campo da gioco.

Come è possibile impugnare la racchetta se si hanno importanti invalidità agli arti superiori?
Di norma gli atleti che praticano quad fissano la racchetta alla mano con bendaggi e di conseguenza effettuano tutti i colpi con la medesima impugnatura. È una disciplina sportiva difficile, tecnicamente, da praticare e per questo il numero di atleti che vi si dedicano è sensibilmente inferiore rispetto a quello di chi si cimenta nell’Open. Invito però tutti a guardare le immagini del più forte giocatore al mondo oggi in attività nel quad, Nick Taylor, per capire quali vette può raggiungere un essere umano grazie alla forza di volontà.

Chi è il giocatore italiano più forte in questa specialità?
Alberto Saja, nr 30 del mondo.

Quanti tornei vengono organizzati in Italia ogni anno e su quali superfici?
11 nazionali più un Master a fine anno. I tornei durano dai 4 ai 5 giorni e vi prendono parte dai 20 ai 30 atleti. I due più prestigiosi sono quelli che si disputano al Foro Italico e ad Alghero; quest’ultimo è  dotato del montepremi più importante – nel 2021 è stato di 32.000 euro – e attrae quindi giocatori di alto livello non solo italiani. Il wheelchair tennis si può praticare su qualunque superficie: terra rossa, cemento ed erba sintetica. A causa dell’attrito, di norma la superficie meno gradita ai giocatori è l’erba sintetica, mentre la più gradita è quella veloce ma anche su terra rossa in condizioni di campo normali si può giocare senza alcun problema.

Da cosa è dipeso il fatto che nessun italiano abbia preso parte alle paralimpiadi giapponesi?
Alla manifestazione potevano partecipare soltanto 54 atleti; i primi 42 giocatori del ranking più 12 wild card. Nessun italiano purtroppo aveva una classifica sufficientemente alta per accedere; la FIT aveva richiesto una wild-card che purtroppo non è stata concessa.

Il Wheelchair rientra sotto l’egida della FIT: cosa fa concretamente la nostra federazione per incoraggiarne la diffusione?
Dividiamo gli aspetti organizzativi da quelli economici partendo dai primi. Da tre anni la FIT ha introdotto a livello regionale la figura del fiduciario che ha lo scopo di promuovere questo sport sul territorio. Personalmente sono anche istruttore di tennis e di tennis in carrozzina e svolgo quindi un duplice ruolo: organizzativo e tecnico. Con l’Associazione sportiva dilettantistica tennis senza barriere di Rho stiamo svolgendo un intenso programma in Lombardia allo scopo di coinvolgere ragazzi affetti da disabilità. Ci tengo a citare tra questi Sergio Cortese, mio primo allievo e persona alla quale sono legato da antica amicizia. I fiduciari delle diverse regioni hanno altresì il compito di cooperare attivamente all’ organizzazione di tornei a squadre e individuali. Il Comitato Italiano Paralimpico a sua volta segnala agli organi regionali preposti situazioni di potenziale interesse.

Oltre a quello organizzativo, la FIT dà indirettamente anche un importante contributo economico ai neofiti. Poiché le carrozzine sportive sono molto costose (nella seconda parte dell’intervista scopriremo quanto, nda) la Federazione ha stipulato una convenzione con una ditta produttrice – Lab 3.11 –  che garantisce ad un neo-praticante la possibilità di utilizzare gratuitamente la carrozzina per alcuni mesi.

In conclusione Gianni, qual è la via maestra da seguire per chi desidera saperne di più?

Contattare i comitati regionali della FIT per farsi dare tutti i riferimenti del fiduciario regionale di riferimento. Chi abita in Lombardia può scrivere al sottoscritto al seguente indirizzo mail: info@sbtennis.it.

Permettimi però di aggiungere una cosa, forse la più importante tra quelle che ho detto sino ad ora. Per me vale la pena conoscere questo sport, non solo perché è divertente, ma anche perché offre emozioni uniche sotto il profilo umano. Lo spirito di adattamento e la positività con la quale chi pratica il wheelchair tennis affronta le difficoltà che la vita gli mette innanzi non solo sul campo da gioco, non finisce mai di sorprendermi. Credo che tutti possano imparare qualche cosa da queste persone.

Continua a leggere
Commenti

Flash

Murray, l’alleato che non tifa per Sinner: “Nulla contro Jannik, ma alle Finals vorrei vedere Norrie”

Lo scozzese, agli ottavi dell’ATP di Vienna, segue da spettatore interessato la corsa verso Torino. “Jannik è molto giovane ma già completo su tutte le superfici, forse solo sull’erba ha bisogno ancora di un po’ di tempo”

Pubblicato

il

Andy Murray - ATP Antwerp 2021 (via Twitter, @EuroTennisOpen)

Una bella spinta, forte e prestigiosa. Magari non troppo volontaria, perché Andy Murray – approdato agli ottavi di Vienna superando Hubert Hurkacz, primo top 20 battuto nella sua stagione di rinascita – ha sì dato una mano a Jannik Sinner nella corsa verso le Finals, ma tifa legittimamente per i tennisti di casa sua. “L’Italia esprime tanta passione per il nostro sport in questo momento storico – ha raccontato in conferenza stampa Sir Andy al direttore Scanagatta – è una grande occasione quella di avere due giocatori a Torino. Capirete però come non abbia nulla contro Jannik, che è un ragazzo e giocatore super, se vi dico che preferirei vedere alle Finals il nostro Cameron Norrie“.

Preferenza più che legittima, ci mancherebbe. In questo momento il numero uno britannico (e 14 ATP), che nel tabellone viennese deve esordire contro Marton Fucsovics, è undicesimo nella Race. Una posizione più indietro rispetto all’azzurro, atteso in Austria dall’incrocio con Reilly Opelka. Sinner deve ringraziare l’impresa di Murray perché fa la corsa proprio su Hurkacz (nono e ultimo qualificato virtuale, con Nadal out), ma deve allo stesso tempo guardarsi le spalle da Norrie.

Murray, che ha già onorato al meglio la wild card offertagli dall’organizzazione austriaca e non intende fermarsi, adesso può concentrarsi sulla seconda puntata dello scontro generazionale con Carlos Alcaraz, il talento spagnolo già superato qualche settimana fa a Indian Wells. Nel frattempo, però, non si tira indietro dall’esprimere un giudizio lucido e argomentato su Sinner: “Ho visto come abbia vinto alla grande il torneo di Anversaha spiegato -, è molto giovane ma sta vivendo la sua migliore stagione. È un fantastico colpitore, molto pulito da fondo campo. Ha grandi capacità di movimento e le condizioni indoor lo esaltano, anche se a lui comunque piace giocare su tutte le superfici. Penso che il suo gioco si adatti molto bene alle condizioni indoor, anche se riesce ad esprimersi bene un po’ ovunque. Forse solo sull’erba non si trova del tutto a suo agio, potrebbe servirgli un po’ più di tempo per abituarsi“.

 

Continua a leggere

Flash

Kiki Bertens aspetta un bambino

La tennista olandese ha annunciato sui social la lieta notizia

Pubblicato

il

Kiki Bertens - San Pietroburgo 2019

Kiki Bertens ha annunciato di aspettare un bambino. L’ex tennista olandese aveva dichiarato l’intenzione di ritirarsi a giugno e ufficialmente il suo ultimo match è stato il primo turno alle Olimpiadi di Tokyo perso al terzo set contro Vondrousova. Quest’anno in effetti c’era stato un netto calo di risultati da parte dell’ex numero 4 del mondo, la quale ha vinto due partite consecutive in un torneo per l’ultima volta al Roland Garros 2020 (quello dell’epica sfida con Errani). Da lì in poi solo due vittorie e la sua carriera agonistica si è conclusa con una serie di cinque sconfitte consecutive. Tutto questo però ora è alle spalle e la 29enne olandese è pronta a intraprendere la vita familiare al fianco del marito, nonché ex fisio e sparring partner, Remco de Rijko sposato nel 2019. Il primo figlio della coppia è atteso per aprile 2022.

Continua a leggere

Coppa Davis

Coppa Davis, tutti i convocati. Ci sono Djokovic e Medvedev, assente Zverev: “Voglio vincere la vera Davis!”

La Russia sempre più temibile ma la Spagna ha un buon gruppo. Tante nazioni privi di top player offrono chances a tutti i partecipanti

Pubblicato

il

Trofeo Coppa Davis (photo by Manuel Queimadelos / Kosmos Tennis)

Dopo un anno di sospensione a causa della pandemia, le fasi finali della Coppa Davis sono pronte a tornare in scena e a concludere l’anno tennistico. Il formato è simile a quello del 2019 quando ci fu una radicale modifica a seguito dell’accordo Kosmos-Coppa Davis: adesso infatti non sono più solamente due nazioni a contendersi il trofeo bensì saranno 18 paesi divisi in sei gruppi da tre nazione ciascuno. Da quest’anno i match si disputeranno in tre sedi differenti: Madrid, Torino e Innsbruck e l’evento avrà inizio il 25 novembre. Nella giornata di ieri sono state rilasciate le convocazioni dei capitani e, dopo avervi riportato quelle della nazionale italiana (e dei suoi avversari del girone), qui di seguito elenchiamo tutti gli altri tennisti scelti. Sia il n. 1 del mondo Djokovic che il n. 2 Medvedev saranno presenti e insieme a loro gli altri due top 10 presenti sono il n. 6 Rublev e il n. 7 Berrettini.

Ovviamente la Spagna sarà priva di Nadal – che da tempo ormai ha concluso la stagione – ma nonostante questa pesante assenza la nazione detentrice del trofeo è riuscita a trovare un buon mix con giocatori di sostanza come Carreno e Bautista, affiancati dal giovane Alcaraz e dal veterano Lopez. Altrettanto temibile è il Canada, finalista dell’ultima edizione che si presenta con il roster al completo. L‘assente di lusso invece sarà Alexander Zverev, attualmente impegnato nell’ATP 500 di Vienna. Il n. 4 del mondo già varie volte in passato ha affermato di non apprezzare questo nuovo formato della Coppa Davis e ha ribadito il concetto in questi giorni alla stampa tedesca. Il format va cambiato, sono uno che mantiene la mia parola ha detto riferendosi alla sua intenzione di non prenderne parte. “Non gioco in Davis da più di due anni e anche per questa stagione non sarà presente. Voglio vincere in futuro la Coppa Davis, ma voglio vincere la vera Coppa Davis e non una competizione ideata da una persona fuori dal tennis”.

Group A – Madrid, Spain

 

Spain:
Pablo Carreno Busta
Roberto Bautista Agut
Carlos Alcaraz
Feliciano Lopez
Marcel Granollers
Capitano: Sergi Bruguera

RTF:
Daniil Medvedev
Andrey Rublev
Aslan Karatsev
Karen Khachanov
Evgeny Donskoy
Capitano: Shamil Tarpischev

Ecuador:
Emilio Gomez
Roberto Quiroz
Diego Hidalgo
Gonzalo Escobar
Cayetano March
Capitano: Raul Viver

Group B – Madrid, Spain

Canada:
Felix Auger-Aliassime
Denis Shapovalov
Vasek Pospisil
Brayden Schnur
Peter Polansky
Capitano: Frank Dancevic

Kazakistan:
Alexander Bublik
Mikhail Kukushkin
Dmitry Popko
Aleksandr Nedovyesov
Andrey Golubev
Capitano: Yuriy Schukin

Svezia:
Mikael Ymer
Elias Ymer
Jonathan Mridha
Andre Goransson
Capitano: Robin Soderling

Group C – Innsbruck, Austria

Francia:
Ugo Humbert
Arthur Rinderknech
Richard Gasquet
Pierre-Hugues Herbert
Nicolas Mahut
Capitano: Sebastien Grosjean

Gran Bretagna:
Cameron Norrie
Daniel Evans
Joe Salisbury
Neal Skupski
Capitano: Leon Smith

Repubblica Ceca:
Jiri Vesely
Thomas Machac
Zdenek Kolar
Jiri Lehecka
Lukas Rosol
Capitano: Jaroslav Navratil

Group D – Turin, Italy

Croazia:
Marin Cilic
Borna Coric
Borna Gojo
Nikola Mektic
Mate Pavic
Captain: Vedran Martic

Australia:
Alex de Minaur
John Millman
Jordan Thompson
Alexei Popyrin
John Peers
Capitano: Lleyton Hewitt

Ungheria:
Marton Fucsovics
Attila Balazs
Zsombor Piros
Fabian Marozsan
Mate Valkusz
Capitano: Gabor Koves

Group F – Innsbruck, Austria

Serbia:
Novak Djokovic
Filip Krajinovic
Dusan Lajovic
Laslo Djere
Miomir Kecmanovic
Capitano: Viktor Troicki

Germania:
Jan Lennard Struff
Dominik Koepfer
Peter Gojowczyk
Kevin Krawietz
Tim Puetz
Capitano: Michael Kohlmann

Austria:
Dennis Novak
Jurij Rodionov
Gerald Melzer
Oliver Marach
Philipp Oswald
Capitano: Stefan Koubek

Continua a leggere
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement
Advertisement