Sinner e la sfida delle Finals: "Difficile non pensarci, ma cerco di concentrarmi su ogni partita e sul divertirmi in campo"

ATP

Sinner e la sfida delle Finals: “Difficile non pensarci, ma cerco di concentrarmi su ogni partita e sul divertirmi in campo”

Jannik Sinner parla del quarto di finale con Casper Ruud: “Lui è migliorato molto, e anche io. Speriamo che sia una bella partita”

Pubblicato

il

Jannik Sinner (ITA) - Vienna 2021 (© e-motion/Bildagentur Zolles KG/Martin Steiger)
 

Dopo la sesta vittoria consecutiva e alla viglia dello scontro diretto con Casper Ruud, uno dei suoi principali rivali nella corsa alle Nitto ATP Finals di Torino, Sinner rimane con i piedi per terra e la testa sulle spalle continuando a ripetere che i suoi obiettivi sono sempre quelli di lungo periodo, e che questa occasione di entrare a poco più di 20 anni nel gruppo dei primi otto è soltano un bonus in più: “L’obiettivo è importante a 20 anni come a 25. Sono felice di far parte del gruppo di giocatori che devono ancora qualificarsi. Io e il mio team guardiamo soprattutto alla crescita, e se ci sono da cambiare delle cose le cambiamo subito. Alla fine delle partite guardiamo come si è giocato e ci cerca di capire cosa si può fare meglio. Ovvio, facciamo attenzione alla Race, ma io voglio solo migliorarmi e fare progressi sulla strada che stiamo percorrendo. Sono contento dell’occasione che ho di potermi qualificare per Torino: è una posizione che comporta una certa pressione, e quindi devo essere bravo a gestirla. Ciò non vuol dire che se non riesco a qualificarmi non son bravo, ma per il momento credo di star gestendo bene la pressione. La stagione è ancora lunga, e voglio fare in modo di arrivare alla fine della carriera senza rimpianti di quello che ho fatto quando avevo 20 anni.

Il suo secondo turno contro l’austriaco Dennis Novak non è stato certamente una delle sue migliori prestazioni: “Ogni partita è difficile per me, come oggi che mi sono sentito un po’ lento in campo. Ma d’altra parte non ci si può sentire sempre bene, ho trovato la maniera di vincere i punti importanti ed è questo ciò che conta.

Oggi le condizioni erano diverse, c’erano più persone, gli scambi erano più corti, le palline più veloci, c’erano meno scambi, non mi muovevo così bene, ma sono contento di come è andata, sono contento della posizione in cui sono e di poter giocare.

L’attesa per il match di venerdì sera contro il norvegese Ruud è palpabile: si tratta di uno scontro tra due dei giocatori più migliorati dell’anno, con 9 titoli in due:

Tutto è cambiato dalla nostra ultima partita a Vienna lo scorso anno. Lui è migliorato molto, soprattutto sui campi in duro. Lui ha vinto 5 titoli, io ne ho vinti 4, abbiamo tutti giocato tante partite. Sarà una partita molto dura, perchè è in fiducia e se voglio batterlo devo giocare bene. Sbaglia pochissimo da fondo, il suo servizio è molto migliorato, ma sono contento di essere qui, di avere l’occasione di giocare a tennis davanti a così tanta gente, speriamo che sia una bella partita, divertente da guardare per il pubblico.”

“Nella Race lui è in una posizione migliore di me. Ora è difficile non pensare alla Race, anche se cerco sempre di non pensarci. Faccio del mio meglio ogni partita, ma anche se non arrivo [alle ATP Finals] quest’anno magari ci posso arrivare il prossimo anno. E sicuramente non sarà l’ultimo match della mia vita, quindi cercherò soprattutto di divertirmi in campo.”

Lui dice che il favorito sono io? Non so se sia vero. Lui ha vinto 51 partite quest’anno, cinque titoli, ha battuto Sonego che è uno che spinge tanto la palla e ha fatto finale qui lo scorso anno battendo Novak, e lo ha fatto anche in un campo più piccolo come il n.1. Sarà un test molto duro per entrambi, speriamo che non sia l’ultima volta che abbiamo l’occasione di giocare l’uno contro l’altro.”

Questo quarto di finale, oltre alla sfida con Ruud, propone anche una chance per sopravanzare Hurkacz nella race e per entrare per la prima volta nella Top 10 della classifica ATP: “Adesso non ho voglia di parlare della posizione attuale, o live, o quello che succede. Ogni partita è difficile per me, come oggi che mi sono sentito un po’ lento in campo. Ma d’altra parte non ci si può sentire sempre bene, ho trovato la maniera di vincere i punti importanti ed è questo ciò che conta. Poi il ranking è solo un numero, la settimana non è ancora finita, la stagione non è ancora finita, possono succedere tante altre cose, c’è anche Felix che è molto vicino a me in classifica. Ora per me è importante la Race, vediamo come va a finire lì, ma io sono qui a giocare a tennis, mi diverto a giocare a tennis e vediamo cosa succede alla fine.

Continua a leggere
Commenti
Advertisement
ATP4 settimane fa

Trattative Sky-FITP-Supertennis. A che punto è la negoziazione dei diritti-tv

Flash4 settimane fa

Diritti TV SKY e FITP: ecco lo scenario di questa aspra negoziazione infinita [VIDEO]

evidenza3 settimane fa

In Svizzera è polemica sulle On di Roger Federer. La risposta: “In Vietnam paghiamo oltre il minimo salariale”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam: Sinner: “Fra uno Slam e una medaglia olimpica scelgo la seconda. Non vedo l’ora di conoscere i migliori atleti del mondo” [AUDIO]

evidenza3 settimane fa

Richard Krajicek: “Piatti mi disse di Sinner ‘diventerà un campione’”. Jannik al servizio è come Djokovic: la battuta è un extra, ma quando gli serve la mette dentro” [VIDEO INTERVISTA]

Flash3 settimane fa

Ubaldo da Rotterdam: “Sinner sulle orme di Camporese? Siamo qui apposta”

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, il viaggio di Sinner continua: “Bisogna anche divertirsi. Io ho trovato le persone giuste al momento giusto” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

ATP Rotterdam, Sinner: “Contento del numero 3 ma le cose più importanti sono altre” [AUDIO]

ATP2 settimane fa

Griekspoor, prima “vittima” delle 12 di fila di Jannik: “Per me Sinner è il più forte tennista del mondo” [AUDIO ESCLUSIVO]

Flash4 settimane fa

Mattarella: “Azzurri, in Coppa Davis ho visto un vero spirito di squadra” (Cocchi, Primavera) Campioni d’Italia (Guerrini) Sinner porta il tennis al Quirinale (Piccardi) Italdavis in festa, Sinner incoronato da Mattarella (Mei, Schito)

⚠️ Warning, la newsletter di Ubitennis

Iscriviti a WARNING ⚠️

La nostra newsletter, divertente, arriva ogni venerdì ed è scritta con tanta competenza ed ironia. Privacy Policy.

 

Advertisement
Advertisement
Advertisement